ASTROLOGIA IN LINEA
ASTROMAGAZINE - RUBRICHE - Parliamo di amore

SINASTRIA. SATURNO, UNA LUNGA STORIA D'AMORE.

a cura di Elena Cartotto
 

Saturno il cattivo, o forse l’incompreso, dello Zodiaco, in realtà svolge un ruolo fondamentale nei rapporti di durata sia che vengano ufficializzati attraverso il matrimonio, rimangano convivenze o trovino una loro dimensione indipendente. Quando le storie d’amore durano a lungo c’è sempre il suo zampino. In parallelo si può dire che sono i conflitti da lui portati nella coppia nel caso ci siano aspetti difficili con i pianeti personali di uno dei due partner, a rendere, al contrario, le relazioni complicate e instabili, specialmente se interviene anche Urano.

Nella società liquida odierna teorizzata da Baumann, con scenari cangianti e sentimenti effimeri, Saturno pare davvero l’ultimo baluardo contro il nulla, perfino nelle faccende di cuore. Basti pensare ad una coppia inossidabile che ha fatto epoca come quella composta da Sofia Loren e Carlo Ponti. Saturnini erano certamente i due partner fortemente caratterizzati da questo pianeta, saturnina fu la tipologia del loro legame per differenza d’età, ambizioni condivise, potere raggiunto, perfino per le passioni collezionistiche rivolte all’arte spesso tipiche di Saturno. E Saturno svolse un ruolo chiave anche in sinastria.

Il Saturno della Loren, infatti, era sestile al Sole del marito e il Saturno di Carlo Ponti era in trigono al Sole della moglie dalla 5^ casa. I gufi dell’astrologia avrebbero potuto prevedere perfino una catastrofe con quel Saturno di Ponti piazzato proprio nella casa 5^ di Sofia Loren: privazione di passione, di piaceri, di amore genuino, di figli. Invece il bel trigono Sole-Saturno non tolse nulla alla 5^ casa, ma anzi, la rafforzò, regalandole sostanza, durata, responsabilità. Loren e Ponti crearono un legame indissolubile che trovò una base proprio nel lavoro artistico comune, per altro tipico della 5^ casa, quella delle professioni collegate al mondo dello spettacolo. Inoltre arrivarono due figli che diedero enormi soddisfazioni ai propri genitori.

La superficialità insita in tanti approcci mediatici ha ormai declassato Saturno a quel ruolo che, nelle favole, sarebbe quello dell’antagonista. Esattamente come si attribuisce a Giove la mera fortuna, o a Urano gli imprevisti, dimenticando che Giove espande quel che trova, talvolta anche le disgrazie, e Urano è molto pragmatico e quindi può portare anche soluzioni, non solo incidenti di percorso. Saturno, forse, è diventato semplicemente lo spauracchio perfetto in una società “light” che spesso lo snobba, in cui le responsabilità si temono e il tempo con i suoi normali processi di invecchiamento si vuole a tutti i costi fermare. Non è lui ad essere peggiorato nel suo ruolo censore, siamo noi che non ne apprezziamo più l’importante funzione nell’economia delle cose, perfino in quella sentimentale.

Il legame responsabile, solido, con le sue connotazioni tradizionali è tipicamente saturnino dato che Saturno non solo è esaltato in Bilancia, segno di Venere, ma è anche, per l’astrologia morpurghiana, in trasparenza nel Toro, altro segno venusiano. La casa 7^ del tema natale, co-significante della Bilancia, è quella deputata ai rapporti di coppia formali, riconosciuti, socialmente inquadrati.

Non è Saturno naturalmente che può far scattare la scintilla tra due persone, ma può essere lui a tenerla viva o a spegnerla anzitempo. I buoni rapporti Saturno-Sole tra i partner e, a seconda dei casi, la congiunzione, generano grande stima e possono essere molto qualificanti per i comuni progetti di vita, specialmente se di matrice professionale o comunque atti a favorire l’indipendenza della coppia. Rapporti conflittuali Sole-Saturno producono, invece, incomprensioni dovute soprattutto alla difficoltà nel trovare compromessi, alla sensazione che spesso prova chi dà il Sole di essere costantemente giudicato da chi dà Saturno.

Gli intrecci Saturno-Luna agiscono ad un livello ancora più profondo in quanto emozionale. Se i buoni aspetti aiutano la coppia a gestire le emozioni attraverso la logica, il dialogo, la capacità di entrambi i partner di prendere distanza rispetto ai conflitti per poterli risolvere insieme, la congiunzione e in senso ancor più pesante quadrature e opposizioni, possono essere deleterie in quanto mettono la fragilità lunare sotto l’accetta saturnina. Uno soffre e l’altro, invece di comprenderlo, o si distacca o addirittura lo calpesta perché non riesce a sintonizzarsi sulle frequenze emotive del compagno/a. Tipici esempi possono essere quelle coppie in cui si ha l’impressione che sia sempre uno dei due a subire e l’altro a rimproverare, attaccare, mettere alla berlina.

Venere come affettività è delicata quanto la Luna. I rapporti positivi Saturno-Venere possono moderare la passione, ma prolungarla nel tempo, ossia difficilmente si accompagnano ai colpi di fulmine, ma una volta scattata la scintilla non la fanno spegnere. È probabile che i membri della coppia tendano a dimostrarsi dedizione più attraverso i fatti che con le parole. La congiunzione è ambivalente: se ben sostenuta da altri aspetti modererà il sentimento, ma potrà portare altre conquiste importanti per la coppia, se nel mezzo di altre tensioni planetarie potrà ghiacciare il cuore o rendere i due soggetti estranei l’uno all’altro dopo un iniziale e forte coinvolgimento. I conflitti Saturno-Venere sono piuttosto duri e spesso è chi dà Venere a soffrire di più in quanto percepisce nel partner una freddezza che non sa spiegarsi specialmente alla luce del fatto che il rapporto era partito bene. Il partner può contribuire a livello pratico ed essere perfino un buon amante, ma poi è inspiegabilmente assente in tutto quell’apparato affettivo che resta comunque essenziale affinché la relazioni duri. Saturno contro Venere può essere crudele e generare abbandoni e rifiuti che lasciano il segno.

Anche i conflitti Saturno –Marte sono durissimi in quanto producono un cortocircuito, un’alternanza caldo-freddo che può avere qui, più che con Venere, anche una ricaduta pesante sul piano sessuale. Le liti inoltre possono scatenare rabbie fredde, rancori che durano nel tempo. Congiunzioni e aspetti positivi possono invece favorire strategie d’azione interne alla coppia che sa conquistare ciò che più le sta a cuore. 

Se Saturno ben aspettato nella casa 5^ del partner, come si è visto nel caso della coppia Loren – Ponti, può produrre ottimi risultati, più problematico risulta essere invece Saturno del partner nella propria 8^ o viceversa. L’amore rappresentato dalla casa 5^ può, infatti, beneficiare dell’influenza saturnina in termini di responsabilità, di impegno, di passione di lunga durata. La Casa 8^con le sue valenze sessuali e nomadiche, invece, può essere effettivamente frenata da un pianeta poco sperimentalista che ama stare dove si trova e che mal tollererebbe certe istanze trasgressive.

Saturno in 1^ può diventare molto giudicante e quindi non è ideale in una sinastria, mentre in 7^, se ben sostenuto, può portare anche all’altare.





Copyright (c) 2003 Astromagazine - la rivista di Astrologia in Linea - Tutti i diritti riservati