MERCURIO: come cooperare con un folletto
inserito il mercoledì 17 aprile 2013

Mercurio è sicuramente il pianeta più eclettico del nostro Zodiaco.. come nel mito, anche in astrologia ha moltissimi simboli perché è duttile e mobile e mantiene caratteristiche tipiche dei giovani, anzi degli adolescenti. Mercurio è legato alla parte che ha bisogno di curiosare, di muoversi, di percepire e di scambiare il più possibile con gli altri in modo da acquisire sempre più nozioni.

E’ un pianeta che indica il nostro adattamento; come è avvenuto, se è avvenuto oppure se abbiamo dovuto adeguarci e limitare per esempio, la nostra percezione. E’ legato al linguaggio, all’apprendimento e alla comunicazione.

Volete parlare del vostro Mercurio?

Un saluto Lidia

 
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
I VOSTRI COMMENTI A QUESTO BLOG ( 429 )

 

a cura di Ste
inserito martedì 3 settembre 2013
Interessante il tuo esempio Myrta. Spero che altri che hanno TN "parlanti" in questo senso possano aggiungere altre informazioni e ipotesi.

Per quel che concerne Alix, nessuno l'ha estromessa... mi sembra più che evidente.

Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di myrta
inserito lunedì 2 settembre 2013
Come Icaro anch'io ho un caso di nottambulismo con Urano in casa xii trigono a Marte in quarta e quadrato alla Luna in terza, in un tema dai volori scorpionici, e questo mi riporta a quanto scrive Ste sulla possibile motivazione. Sarebbe interessante a questo punto conoscere casi di sonnambulismo, il fenomeno più sconcertante del sonno.

Spero che Alix voglia continuare a partecipare, che non si senta estromessa, anche perchè nessun utente ha il potere di escluderne un altro.

ciao
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Rosy58
inserito venerdì 30 agosto 2013
Un saluto agli amici del blog: abbandono per un paio di settimane per vacanza. A presto e buona, anzi buonissima continuazione..e alle prox conversazioni astrologiche.

Salutoni
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Icaro
inserito giovedì 29 agosto 2013
Si' Rosy sono d'accordo con quello che dici; in effetti nel mio post collegando luna-urano con i ritmi veglia sonno al contrario, intendevo dire proprio che luna-urano rappresenterebbe forse proprio questa predisposizione a delle forme di sonno per una ragione o l'altra diverse da quelle abituali...
Non ho ancora proposto a mio fratello il test degli orari normali; posso provarci, ma penso sia poco probabile che voglia sottoporcisi... ;-)

Un saluto

Icaro
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste
inserito giovedì 29 agosto 2013
Avrei voluto rispondere prima, ma ho sempre troppo poco tempo!

Intanto voglio ringraziare sia Mari che Solerossella per aver arricchito di altri dati la mia ipotesi sui fratellastri! Mari, mi hai fatto venire addirittura i brividi ...

Per Icaro: carissimo, mi scuso molto per non avere la minima idea di cosa significa "insonnia" ;)... tuttavia con tre pianeti in Cancro e una Luna congiunta a Giove ... anche impegnandomi!!!
Mi capita solo (una volta all'anno, in corrispondenza del mio personalissimo "solstizio d'estate" che non sempre corrisponde a quello astronomico!) di svegliarmi all'alba per due o tre giorni di seguito, all'arrivo dell'estate.

La ghiandola pineale la attribuivo ad un Nettuno acquariano riferendomi esclusivamente alle sue funzioni regolatrici del sonno e per il suo rapporto con la luce/Sole/Leone. Nettuno/ghiandola pineale nella sua valenza "pescina" credo sia preposta ad altro.

Per questo non trovo strano che tuo fratello non soffra d'insonnia, perchè la sua Luna è doppiamente acquatica (Scorpione/12^), inoltre è congiunta sì ad Urano, ma anche questo Urano è doppiamente acquatico, ed entrambi sono in aspetto positivo con Marte(fa pensare che l'energia marziana fluisca bene nel sonno!) che però è un Marte in Pesci/IV doppiamente acquatico ancora una volta!
Insomma gli stimolanti Urano e Marte agiscono "pro" non "contro", sia per aspetto che per presenza in segni e case acquatiche e ... sonnolente!

L'inversione del ciclo sonno-veglia, quello sì attribuibile all'energia solare leonina/5^ casa, magari nel caso di tuo fratello (molto scorpionico) potrebbe essere il risultato del desiderio, NON di trasformare la notte in un eterno giorno (tipico del Leone), ma al contrario di trasformare anche il giorno in un'eterna e confortante notte ... molto scorpionico ... molto "da 12^ casa"!

Stefania





-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Rosy58
inserito giovedì 29 agosto 2013
X ICARO
Ciao Icaro, in effetti l’insonnia, quella vera, può essere presente con I simboli nel tema(così come per tutto il resto) ma non necessariamente essere poi esperita veramente, o comunque magari presentarsi in alcuni momenti della vita se attivata da transiti specifici.Io credo che nel tema ci sono delle possiblità che si manifestino gli effetti degli aspetti tra i pianeti ma questo non vuol dire che poi succederà: così come sono presenti gli eventuali blocchi verso cui siamo predisposti.
Il fatto che tuo fratello in ogni caso abbia dei “suoi ritmi” sonno/veglia lo porta a riposare comunque, indipendentemente dal fatto che si addormenti alle quattro del mattino … oppure proprio per quello… Scrivi che lui testimonia che se “va a letto presto non dorme comunque”…beh, siamo al limite della perdita del sonno, se non si variano le regole.
Una riflessione: Luna cong a Urano mi fa pensare anche ad una luna un po’ “aquariana” che risente della “diversità” e che non ama l’omologazione nemmeno negli orari canonici deputati al sonno…e in questo il “vivere” scambiando la notte per il giorno certo non è insonnia ma il sonno arriva solo se “il ritmo” si inverte.
Ricollegandomi anche al post di Deva: in entrambi i vostri esempi, secondo me, i soggetti hanno un particolare approccio al sonno o per necessità, come i turni di lavoro, che li portano a dormire di giorno e a restare svegli la notte, oppure per scelta personale. In ogni caso c’è un assestamento interno, una modulazione nel ritmo: sarebbe interessante vedere se i soggetti messi in condizione di seguire, diciamo così dei ritmi “canonici”, riuscirebbero a riposare lo stesso oppure se a quel punto “scatterebbe” l’insonnia.
Saluti,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito mercoledì 28 agosto 2013
Riguardo ai ritmi sonno/veglia diversi dall'ordinario, riallacciandomi al post di Lola, porto l'esperienza del marito di una mia conoscente che ha un lavoro che lo porta a fare anche i turni di notte.

Lui ha sole cancro e luna aquario quadrata ad urano.

Quando rientra dal turno notturno cinque minuti dopo che si è disteso nel letto si addormenta e non ha alcun problema nell'addormentarsi anche in luoghi inconsueti.

ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Icaro
inserito mercoledì 28 agosto 2013
Ciao Rosy,

Be' in effetti mi ritrovo anche con gli aspetti luna-Marte.
Nel mio tema son in quinconce a meno di un grado (luna toro, marte bilancia). É un aspetto che non ho mai considerato più di tanto; pero' a quanto dici con l'insonnia ci starebbe...

Pero' poi mi sorge una domanda. Nel tema di mio fratello per esempio, stando a quanto abbiamo detto finora ci sono comunque elementi che dovrebbero predisporre all'insonnia:

-opposizione luna (scorpione XII) mercurio (toro VI)

-Luna congiunta al grado ad Urano (!)

-luna-Urano a loro volta trigoni a Marte (pesci IV)

Eppure mio fratello problemi di insonnia non ne ha mai avuti; l'ho visto a volte dormire per 13-14 ore di seguito (cosa per me al limite del fantascientifico...); ha un sonno profondissimo: può dormire anche con la TV ad alto volume, telefoni, citofoni e chi più ne ha più ne metta...

L'unica cosa che posso dire é che é un nottambulo; ha sempre avuto una tendenza ad andare a letto non prima dell'alba, a vivere praticamente di notte dormendo invece di giorno. Lui dice che se va a letto presto non dorme comunque.
Quindi c' é una sorta di inversione dei ritmi giorno-notte che forse ha a che vedere con luna-urano, ma é altro dall'insonnia...

Saluti
Icaro
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Rosy58
inserito mercoledì 28 agosto 2013
Bello e interessante lo spunto di Solerossella per parlare di psicosomatica in relazione al simbolo astrologico.
Sarò in vacanza da fine settimana ma spero di poter seguire la discussione, sempre che la connessione regga.
Saluti,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Rosy58
inserito mercoledì 28 agosto 2013
Butto lì la mia esperienza sull’argomento insonnia legata al simbolismo astrologico: i pianeti natali coinvolti a mio avviso sono la luna, ovviamente (spesso lesa o molto lesa nel tema) nettuno e urano.
A volte ho visto anche un Marte in prima casa o in quinta in aspetto alla luna che con alcuni transiti “muove energie” che non si liberano e si trasferiscono nel sonno notturno, disturbandolo.
L’ansia emotiva è spesso presente in queste dinamiche: o tramite i transiti o nel tema natale con gli aspetti radix. Per fare un esempio: ho spesso riscontrato lune in ariete o in bilancia lese nel tema da urano oppure da marte o nettuno che possono portare all’insonnia…
Esempio pratico: ho una luna cancro in terza casa che ora riceve gli aspetti di quadratura di Urano dall’Ariete in dodicesima casa e di opposizione di Plutone dal Capricorno dalla nona, e la congiunzione di Giove,….. il mio sonno è “altamente” disturbato, frammentato, e i sogni sono a carattere di incubo. Ci sono contenuti potenti che si stanno muovendo e che per una luna cancro, che si nutre del sonno per rigenerarsi e che ha bisogno assoluto di riposare attraverso di esso è altamente disturbante. Non si può parlare di vera e propria insonnia, perché in fondo il sonno c’è, ma di certo non sufficiente per questa luna per stare bene.
C’è anche da dire che bisogna vedere che tipo di energia rimanda il tema: se per esempio io sono un uraniana d.o.c. e dormo quattro ore per notte perché mi sono sufficienti e non ho bisogno di più vuol dire che va bene così…per me….dipende molto dall’insieme dei fattori nella carta natale.
Certo che il pianeta coinvolto ovviamente è la luna e anche le case ottava e dodicesima in quanto collegate all’inconscio e ai sogni. Ho visto però difficilmente una “bella luna” risentire drammaticamente dei transiti fino ad arrivare all’insonnia: al limite c’è un leggero “a-sincronismo” nel ritmo sonno/veglia, ma niente di più! Anche un Nettuno predominante nel tema che faccia molti aspetti e non tutti armonici (proprio su luna/mercurio/urano) potrebbe incidere pesantemente sul ritmo sonno/veglia: del resto è il pianeta collegato ai sogni. Lo stesso folletto Hermes quando è in disaccordo con la luna e non tiene il ritmo potrebbe disturbare il sonno, con la sua parte mentale che non si ferma mai…ma secondo me non in modo pesantemente incisivo.
In ogni caso, l’insonnia l’ho spesso vista durante i transiti sulla luna di Urano/Nettuno ma anche Marte/Saturno e in alcuni casi Giove, come se il “benefico pianetone” volesse “espandere” la coscienza illuminando anche di notte alcuni contenuti andando a lavorare sull sonno profondo.
A dopo,
Rosy




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Solerossella
inserito martedì 27 agosto 2013
...volevo inoltre approfittare dell'occasione per suggerire un approfondimento alla tematica - molto interessante - proposta per la prossima discussione che ne pensate se la allargassimo alla relazione tra Astrologia e Psicosomatica?
includeremmo quindi la tematica del sonno parlando della Luna ma potremmo analizzare tutte le simbologie planetarie in chiave appunto Psicosomatica...

un saluto a tutti/e :D
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Solerossella
inserito martedì 27 agosto 2013
ciao Ste...
volevo solo confermarti che, anche allargando le valenze al Mercurio-Urano il risultato non cambia, nel senso che posso portarti il caso di mia suocera, la quale con una congiunzione Mercurio-Urano in Gemelli e in VIII ha intrapreso i rapporti con il fratellastro solo in tarda età...infatti così come vuole l'VIII questo gli è rimasto nascosto per buona parte della sua vita...anche nel suo caso la radice comune era quella paterna!!!!
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lola
inserito martedì 27 agosto 2013
Ciao a tutti

interessante l'argomento sonno/insonnia!

Generalmente chi ha valori acquario o in 11a casa ha un rapporto particolare con il sonno (dorme troppo o troppo poco, soffre d'insonnia oppure ha un ritmo sonno/veglia diverso dal normale).

Prendendo spunto da questo argomento, ho dato un'occhiata ai temi di tre persone (tra cui quello di mia madre) che so per certo hanno problemi relativi al sonno. Due hanno luna in acquario e il terzo uno stellium in undicesima.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Mari
inserito martedì 27 agosto 2013
Rigurdo l'Insonnia ....fin da piccola ho faticato sempre a prendere sonno ed di conseguenza ad alzarsi la mattina ricordo in modo particolare che quando Plutone transitava a cavallo tra la quarta e quinta casa opposto allo stellium in undicesima dormivo qualche ora a mala pena e malissimo ponevo questa resitenza perché avevo paura di non vegliarmi piú per fortuna questo periodo é solo un ricordo ...adesso mi addormento subito peró non dormo pienamente come dovrei e la mattina quando mi alzò mi sento a pezzi .... x ste ...riguardo l'argomento fratellastri ..premetto che ho mercurio in undicesima e che mio padre prima di sposare mia madre ha avuto una storia all'estero con una ragazza per alcuni anni fin da piccola sara strano ma ho sempre sperato di avere fratellastro fino al punto di chiderlo a mio padre che mi ha raccontato che si quella sua ex era rimasta incinta ma che senza dirgli niente ha abortito quel figlio che lui avrebbe voluto ciao a tutti da mari
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Icaro
inserito martedì 27 agosto 2013
Interessantissimo Ste quello che dici.

Innanzitutto ti manifesto il mio più profondo e sentito sdegno per il fatto non hai mai sofferto d'insonnia ;-)

Riguardo quello che dici sulla ghiandola pineale, in effetti avevo letto che é preposta tra l'altro all'equilibrio tra parte razionale ed emotiva; quindi io l'associavo piuttosto all'asse III/IX che rappresenta anche i due emisferi cerebrali.

Infatti neanche a dirlo la mia opposizione Luna Mercurio si gioca su questo asse.

Non sapevo invece che la pineale é collegata a Nettuno: guarda caso gli antichi (e in epoca moderna Cartesio) la consideravano la sede dell'anima...
Non capisco pero' perché per te sarebbe un Nettuno acquariano. Racchiudendo una simbologia spirituale cosi' elevata ed unitaria io tenderei ad associarla piuttosto al Nettuno Pesci...

Comunque sarebbe interessante approfondire le conoscenze sulla ghiandola pineale: é uno degli organi più sviliti e incompresi dalla cultura occidentale. Da sempre quasi totalmente trascurata anche dalla medicina ufficiale...


Per quanto riguarda gli aspetti di cui parli, non ho aspetti Sole Marte nel mio tema; pero' ho un Marte stimolato da Urano (in congiunzione) per di più entrambi in casa VIII (che tu citi come casa "notturna").
Infatto ho a volte pensato che nel mio caso l'insonnia potrebbe essere collegata anche a
Marte-Urano che tende sempre a creare un po' quello stato di "fibrillazione" che certo non é favorevole al sonno.

Last but not least: i transiti di Plutone sulla luna. Mi ritrovo in pieno negli incubi notturni, nella sensazione di fatica al mattino...
Soprattutto da quando é cominciato questo transito di Plutone ho la sensazione di dorimre "sugli spilli"; anche quando non ho veri e proprio incubi c'é sempre un' agitazione di fondo durante il sonno.
Ma se come diceva Rosy, questo riattiverà il "sentire" lunare più profondo, ben venga...

Un saluto
Icaro

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste - insonnia (2)
inserito martedì 27 agosto 2013
Un'ipotesi in merito al ciclo sonno/veglia.

Sappiamo che la ghiandola pineale (epifisi) è quella principalmente coinvolta nei processi che regolano i ritmi circadiani. Essa produce melatonina o seratonina in funzione della luce che raggiunge il nostro corpo, regolando anche il sonno.
In astrologia questa ghiandola si ritiene associata a Nettuno.
Io credo che si tratti di un Nettuno acquariano, per contrapposizione all'eterno giorno leonino.

Naturale a questo punto che i segni fissi e/o le corrispondenti case 2^/8^ - 5^/11^ siano citate sia da Deva che da Icaro tra gli aspetti legati all'insonnia.

Più in là non riesco ad andare... ;)

Ciao!
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste - insonnia
inserito martedì 27 agosto 2013
Da un articolo di Lidia traggo spunti che vi rilancio (non avendo mai sofferto d'insonnia e non avendo dati in questo senso nei TN del mio archivio):

- l'insonnia spesso indica uno "sbilanciamento" verso il lato maschile (Sole-Marte) della psiche

- per dormire è necessario "accettare" che Giove si sostituisca a Mercurio (che tende al controllo!), perchè Giove è in grado di elaborare e dare senso alle suggestioni nettuniane

- Urano ricopre spesso il ruolo di "sveglia"! Transiti di Urano sulla Luna spesso si accompagnano a periodi di insonnia

- Stesso discorso per i transiti di Plutone sulla Luna: Plutone porta a galla contenuti potenti che possono turbarci, così magari si dorme ma il sogno è funestato da incubi, ci si sveglia spesso o ci si sveglia stanchi.

Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Rosy58 X Mari
inserito martedì 27 agosto 2013
Grazie Mari un salutone anche a te!!:))
Mi fa piacere che trovi interessante gli scambi di questi giorni: è ciò che piace anche a me!

A presto,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste (Mercurio e i fratellastri)
inserito martedì 27 agosto 2013
Rosy, tutto vero ciò che dici.
A questo proposito aggiungo anche che, per il soggetto Vergine (una donna),i fratellastri hanno pochi anni più dei suoi figli!
Da poco tempo sta prendendo in considerazione di conoscerli.

Nel caso del Capricorno (un uomo) l'avvicinamento c'è già stato e ha portato un beneficio emotivo importante.
In entrambi i casi i soggetti sono "figli unici", cioè non hanno altri fratelli dalla stessa madre, mentre hanno più di un fratellastro dall'"altra moglie" del padre.

Entrambi hanno vissuto l'anticonformismo e la "diversità" insita in questa posizione di Mercurio ... io riflettevo sul fatto che, come una Luna acquariana predispone spesso una donna a vivere la maternità attraverso l'adozione, così Mercurio con valenze acquariane (trovandosi in 11^) aumenta la possibilità di avere fratelli non necessariamente "di sangue".

Stefania


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Mari
inserito martedì 27 agosto 2013
Bello questo scambio astrologico vi seguo con piacere ciao a tutti e un saluto speciale a Rosy 58
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito lunedì 26 agosto 2013
ciao Rosy

si guarda il transito di plutone in II (considera che ho asc.scorpione) è stato preziosissimo.

Io ho venere luna e sole sagittario (NON congiunti tra di loro) e mercurio capricorno tutti in II e credo che LA tematica fondamentale, o comunque tra le più importanti, della mia vita riguardi riconoscere e valorizzare le mie risorse.

Prima di questo transito NON SAPEVO di avere comunque dentro di me una "ricchezza" (adesso riesco a riconoscere che è così) che plutone ha portato in superficie.

Posso dire che è stata veramente una PROFONDA trasformazione, per questo non ho dubbi che lo sarà altrettanto nel percorso in III...toccando inevitabilmente altre tematiche.

Grazie mille

ciao

lara



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Rosy58 x Icaro
inserito lunedì 26 agosto 2013
Ciao Icaro, credo anch’io che sarà Saturno transitante la nona casa, che andrà ad attivare l’opposizione del tema tra terza-nona, tra mercurio e la luna, che “ristrutturerà”, come scrivi giustamente tu, lo schema di pensiero e del mentale collegato alla sensibilità lunare.
Tra l’altro “struttura” è una delle parole-chiave di Saturno…un mercurio natale comunque plutoniano perché in scorpione, in nona ha una sua profondità ed elaborazione del pensiero (sintesi) non indifferente: crea ponti importanti con il sentire tutto terreno della tua nutriente luna, ma in opposizione non sempre è facile mettere insieme pensiero e sentimento, ragione e sentimento, testa e cuore. Bella dinamica di fondo. Il fatto che Plutone (signore del tuo mercurio) transiti la tua dodicesima(casa d’acqua profonda) e trigoni la tua luna in terza mi fa pensare che si ripropone per questa luna una sorta di “chiamata” alla profondità e al “sentire” profondo…una luna in toro trattiene tantissimo anche se in terza casa gemellina..e quindi la dinamica trattenimento-rilascio sarà interessante da valutare durante i transiti dei due pianeti…
Saluti

Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Rosy58 x Deva
inserito lunedì 26 agosto 2013
Che bello un blog di astrologia..non lo sapevo…interessante! Ci sta tutta la dinamica del percorso di Plutone nella tua seconda casa. Non so che stellium di pianeti siano rimasti coinvolti ma credo proprio che abbia dato una profondità di “vedute” e una “pulsione” forte a tutti i valori rappresentati dalla seconda casa.
Alle tue risorse personali anche…credo…Con un transito di Plutone in seconda, dirimpettaia dell’ottava, ci sarà anche stata una sorta di “scavo” tra il trattenimento e il lasciar andare…la trasformazione sarà passata da lì..
Alcuni “vecchi” valori che avevano fatto il loro tempo hanno lasciato il posto a nuove valenze più ricche e profonde, e anche più vere e vicine alla tua natura.
Quello che ti scrivevo circa la terza e il tuo circostante potrebbe essere sincronico con l’esperienza vissuta di riflesso della tua collega: i transiti sono fantastici nella loro applicazione e tempestività…tu hai sicuramente colto nell’assenza della tua collega “la perdita” che è una parola plutoniana, perché tu sei molto attenta a cogliere il valore del transito…e quindi in sincronia con gli avvenimenti della tua vita.
Abbracci,

Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito lunedì 26 agosto 2013
ciao Rosy
Grazie per il tuo intervento.

in particolare la trasformazione credo/spero riguardi la comunicazione visto che ho appena aperto un blog di astrologia...:)

Nel passaggio in II casa, dove ho 4 pianeti personali) si è "occupato " delle mie risorse ed è in questi 15 anni che ho scoperto amato e abbracciato con tutta me stessa l'astrologia.

Riguardo invece all'aneddoto che ho raccontato, forse non riesco a spiegarmi bene....perchè non è che ritengo che la "trasformazione" riguardi in particolare il rapporto con la mia collega....può essere....ma non era questo il punto che volevo sottolineare.

Mi aveva colpito la sincronicità degli eventi, dove i tempi coincidono alla perfezione tra la sua assenza per matrimonio (che ha comportato una "trasformazione " da nubile a sposata) in cui plutone è rimasto circa un mese in III casa, esattamente il periodo della sua assenza....e il suo futuro congedo per maternità che inizierà a fine dicembre, momento esatto del passaggio di plutone definitivamente in III.

L'ho ritenuto come un "introduzione" della tematica della trasformazione delle valenze della III casa.

ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Icaro
inserito lunedì 26 agosto 2013
Ciao Rosy,

In effetti si' hai ragione ho sempre avuto un sonno piuttosto leggero e la tendenza a risvegliarmi alla minima sollecitazione; come se dutrante il sonno ci fosse una sorta di antenna che resta sempre vigile.

Mi ritrovo in parte anche con quello che dici a Deva , perché Plutone in questo momento si trova nella mia XII casa; ma é trigono alla mia Luna (toro) che si trova appunto in III casa.
In effetti più che una "trasformazione" del mentale per il momento quello che avverto é un'esigenza di "spodestare" in qualche modo lo strapotere del mentale che tende sempre ad intervenire, interpretare, distorcere in alcuni casi tutto cio' che minaccia di creare instabilità ed insicurezza dal punto di vista emotivo.

Insomma una sorta di ristrutturazione che in qualche modo tenderebbe a rendere la parte emotiva (luna) meno dipendente e succube di quella razionale (Mercurio).
Ma tutto questo potrebbe essere anche legato maggiormente al fatto che Saturno in questo momento si oppone alla mia luna e tra breve sarà in congiunzione a mercurio. E cio' rende questa "ristrutturazione" per l'appunto tanto più urgente...

Un saluto
Icaro
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Rosy58 x Ste
inserito lunedì 26 agosto 2013
Cara Ste, scrivi nel tuo post che “il padre dei soggetti aveva due famiglie” in riferimento alla undicesima casa e a mercurio che lì si trova: in effetti nel primo caso che tu analizzi fa quadrato a Marte che si trova in Scorpione e in ottava, casa nascosta, signore della casa Plutone ma anche Marte … ci sta tutto….e l’altro caso cong. a venere (la relazione) e opp. a saturno (le responsabilità, i doveri) quinta casa (figli)…da manuale…
Quello che è interessante è che quell’undicesima parla di un mercurio (fra l’altro in entrambi i casi in segni d’aria) che “percepisce” la famiglia come “diversa” dal solito e non tradizionale, anticonformista…non rientra negli schemi …. Sono comunque aspetti non fluidi – quadratura e opposizioni – quindi aspetti vissuti con una certa difficoltà, se non elaborati appieno, oltretutto giocati appunto fra case “che interessano” la riproduzione e i figli.
In uno dei due casi mercurio cong.a venere, anch’essa in un segno d’aria simboleggia proprio la relazione non tradizionale e anticonformista, il non-voler dipendere in modo simbiotico ma il voler vivere “liberamente” e fuori dagli schemi la relazione. Un mercurio in undicesima può anche voler dire che si è tanto interessati alle “amicizie” come scambio vero e non alla relazione a due…o anche che i fratelli o sorelle sono stati percepiti come “amici” con cui confidarsi....si rischia con questa posizione di non scendere mai veramente “dentro” le relazioni ma di viverle ad un livello più superficiale, laddove superficiale non è inteso come poco “interessato” ma sinceramente propenso a “vivere più relazioni” liberamente. Ovviamente, e tu lo sai meglio di me, bisognerebbe avere tutto il tema per poter capire se poi questo viene confermato: diciamo che sono linee di massima.
A dopo,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Rosy58 x Deva
inserito lunedì 26 agosto 2013
Cara Deva, interessante il tuo post circa il transito di plutone sulla tua terza casa: lo spunto che mi viene da fare è che il transito di Plutone, che tu ti troverai a vivere lì, ti farà sentire anche la “mancanza” di questa tua collega, anche se temporanea… se passi diverse ore al giorno sul luogo di lavoro ci sta bene che tu avverta che c’è una trasformazione in quell’ambito, che per te è un vissuto importante in termini di vita quotidiana e di circostante. C’è anche una chiamata alla trasformazione del tuo “mentale” visto che è la casa di mercurio: con plutone si fa più profondo lo schema di percezione della realtà che ti circonda e della vita di chi ti vive intorno. Ma anche di “autenticità” da vivere in quell’area di esperienza della vita senza falsazioni.
A dopo,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Rosy58 x Icaro
inserito lunedì 26 agosto 2013
Ciao Icaro, legandomi al tuo post sul sonno/sogno credo che luna/mercurio che mi pare tu abbia scritto di avere nel tema simboleggiano più un sonno “leggero” che profondo, a meno che nel tema tu non abbia anche altri aspetti al tuo mercurio: per quanto riguarda I sogni invece legherei più luna/nettuno, che mi sembra la simbologia più legata “all’affioramento” dall’inconscio dei contenuti profondi.
Con i transiti di Nettuno a Mercurio solitamente i sogni si fanno “fantastici” e spesso si riesce a ricordarli..sono dei film a colori..
A dopo,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Icaro
inserito domenica 25 agosto 2013
A me con opposizione luna mercurio le cose vanno in maniera abbastanza simile a Deva.
Neanche a dirlo anch'io dormo con tappi e per un periodo con maschera (dormivo in una stanza con tende ma senza tapparelle).
Ovviamente se ho delle giornate piuttosto "mercuriali", diciamo piuttosto pesanti dal punto di vista mentale, ho chiaramente difficoltà ad addormentarmi, perché é un po' come se il flusso delle riflessioni lasciasse un'eco, anche se non c'é una specifica questione che mi "arrovella".
Anche i risvegli notturni, che possono durare ore non sono infrequenti in questi casi.

In effetti se "stacco la spina" un paio d'ore prima di andare a dormire, facendo qualcosa di rilassante e mettendo da parte qualsiasi occupazione intellettiva, il sonno é molto migliore. É un po' come se dessi alle energie "lunari" e "mercuriali" la possibilità di riequilibrarsi e questo favorisce un sonno più profondo e riposante.
Purtroppo é un lusso che posso permettermi di rado...

Per il momento mi fermo qui...Il mio Mercurio mi reclama altrove ;-)

Saluti
Icaro
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito domenica 25 agosto 2013
ciao Ste

non mi riferivo tanto al cambiamento CON lei con cui non sono particolarmente legata se non a livello professionale...ma le analogie di questa situazione, legate al passaggio di plutone in III mi preannunciano una profonda trasformazione della simbologia legata alla III casa. Chiaramente una trasformazione inevitabile con plutone, considerato anche che governa il mio ascendente...ma mi ha troppo colpito questa analogia "spicciola".

riguardo all'argomento in discussione...ne ho già parlato in passato delle mie difficoltà cicliche col sonno legate, a mio parere, alla luna in II congiunta a mercurio.

Per esempio in questi mesi ho dormito molto bene anche perchè mi sono ingegnata a diminuire le sollecitazioni ambientali (legati proprio alla casa II)con maschera scura sugli occhi e tappi, quando è necessario tipo quando piove, nelle orecchie.

POi però è sempre la "mente" mercuriale che può fare danni...eh...eh...nonostante tutti gli accorgimenti....continuando la sua attività anche prima di prendere sonno.

Sta notte infatti è andata così...ero alle prese con una questione astrologica da dipanare e non riuscivo a....mollare la presa :)

ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Deva
inserito domenica 25 agosto 2013
Molto curiosa questa situazione!

Il fatto che si tratti di un transito di Plutone fa pensare che il cambiamento sarà davvero importante e profondo! Siete molto legate tu e la tua collega?
Lavorate insieme da molto?

Un abbraccio
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Icaro
inserito domenica 25 agosto 2013
Giusto!
A qst punto io sarei per la tua prima proposta (sonno), poi vedrei in che direzione si sviluppa naturalmente il discorso.
... attendiamo speranzosi Lidia di ritorno da impegni e/o ferie!
;)
Stefi
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Icaro
inserito domenica 25 agosto 2013
Giusto!
A qst punto io sarei per la tua prima proposta (sonno), poi vedrei in che direzione si sviluppa naturalmente il discorso.
... attendiamo speranzosi Lidia di ritorno da impegni e/o ferie!
;)
Stefi
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Icaro
inserito domenica 25 agosto 2013
Deva sono d'accordo con te: potremmo cominciare la discussione qui, aspettando che Lidia crei un nuovo spazio ad hoc.
Dovremmo giusto delineare un po' più chiaramente l'argomento...
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito domenica 25 agosto 2013
ciao Ragazzi

volevo raccontare una cosa curiosa che mi preme condividere ma posso farlo solo con chi "mastica" astrologia.

Non centra niente con mercurio direttamente...ma con la terza casa.

In questi mesi ho plutone che sta per uscire dalla II casa ed entrare nella III.

Quindi, immagino che le tematiche riguarderanno la comunicazione soprattutto, il circostante, gli spostamenti, i fratelli, e i...colleghi.

La cosa curiosa è questa ...plutone a maggio è temporaneamente entrato nella mia III casa...in corrispondenza all'assenza per congedo matrimoniale della mia collega che, ovviamente è partita nubile ed è tornata sposata.

Ora è incinta e il congedo per maternità inizierà proprio a fine dicembre...momento esatto in cui plutone passerà definitivamente in III casa.

Quindi andrà via "senza figli" e tornerà al lavoro come ...madre.

Plutone come trasformazione, rigenerazione..."muore" un contenuto affinchè uno più autentico possa emergere.

Mi sembra un "annuncio" di interessanti trasformazioni che mi riguarderanno...eh..eh...

Riguardo all'argomento proposto da Icaro...potremmo iniziare a parlarne qui e portarlo avanti qui, se vi va in attesa di Lidia.

ciao

lara





-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste
inserito sabato 24 agosto 2013
Sì Myrta, è così.
Tu che argomento vorresti discutere prossimamente?

Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Icaro
inserito sabato 24 agosto 2013
Ok Ste a me starebbe benissimo una discussione sui diversi tipi di sonno.

Pero' il sogno non so...É una cosa molto più generale, più ampia e anche astrologicamente diversa dal sonno...Se poi aggiungiamo anche la vista (argomento anche di per sé interessantissimo) rischiamo di annegare in un mare di argomenti piuttosto vasti e diversi tra loro.
La mia proposta é di cominciare a sceglierne uno, tra sonno/ sogno /vista; poi magari si può spaziare sugli altri; pero' almeno cominciamo con un argomento specifico e non troppo generico.

E poi non dimentichiamo che ci sono anche gli assi...in bilico ;-)

Aspettiamo qualche altro input e se possibile un segno di assenso da Lidia...

Ciao :-)

Icaro



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di myrta
inserito sabato 24 agosto 2013
Anch'io sono insofferente per la piega che ha preso il blog, perchè vedere che una discussione sui contenuti si è trasformata in attacchi personali anche sarcastici e, per molto tempo, anche unidirezionali, è la sconfessione di tutti quei bei discorsi fatti sulla consapevolezza, la crescita interiore ecc. se i risultati sono questi. Se non piace interloquire con qualcuno si evita di continuare a ribattergli, no?
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste
inserito sabato 24 agosto 2013
... mi associo all'appello di Deva a Lidia di aprire prima possibile un argomento sul quale potremo tornare a scambiarci opinioni.

Carissima Rosy (grazie per le belle cose che hai scritto, ma non è davvero il caso ;)), anche se fra poco andrai in vacanza, a proposito di Mercurio-fratelli volevo segnalarti (sempre con i dovuti "distinguo" legati agli altri aspetti del TN) due recentissimi casi di persone che mi hanno rivelato di avere dei fratellastri, entrambi curiosamente con Mercurio in undicesima casa.

Il primo soggetto (un Capricorno asc Toro) con Mercurio/11^ in Acquario quadrato a Marte Scorpione in ottava.
Il secondo soggetto (una Vergine asc Scorpione)con Mercurio/11^ congiunto a Venere in Bilancia, opposto a Saturno in Ariete in quinta casa.
Interessante il fatto che gli aspetti si giochino proprio sugli assi della "riproduzione".
In entrambi i casi il padre dei soggetti aveva "due famiglie".

Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste: argomento "sonno"
inserito sabato 24 agosto 2013
Ciao Icaro!
Direi che potremmo trattare i diversi tipi di sonno/sogno legati agli aspetti lunari e alla presenza della Luna in segni/case, oppure sviscerare i vari disturbi legati alla luna, non solo quelli del sonno, ma magari quelli della percezione in generale (credo che possa influire, ad esempio, anche sulla vista ...)
Bello ritrovarti!

Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Rosy58
inserito sabato 24 agosto 2013
Cara Ste, sono contenta che tu abbia abbandonato l'idea di non intervenire più sul blog perchè sarebbe stata davvero una perdita, per questo spazio e soprattutto non sarebbe stato giusto nei tuoi confronti e anche nei confronti di tutti coloro che come me apprezzano i tuoi interventi. Quindi (vacanze a parte) direi che stiamo a vedere cosa "i bloggers", comprese noi, proporranno per il prossimo futuro in merito agli argomenti da trattare.
Forse Mercurio potrebbe ancora essere trattato quale simbolo legato ai fratelli e alle sorelle (terza casa)e ... non so, qualcuno di voi ha ancora qualcosa da poter dire in relazione al folletto magico?
Se poi Lidia volesse traghettarci verso altra
"conversazione astrologica" siamo pronti a partire.

Buona continuazione e un abbraccio,

Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Icaro
inserito sabato 24 agosto 2013
Si' hai perfettamente ragione Ste, detto cosi' "problemi legati al sonno" suona un po' troppo circoscritto...La fretta mi ha portato egocentricamente a proporre giusto l'aspetto "problematico" del sonno che é quello che vivo maggiormente ;-)

Pero' non saprei come generalizzare l'argomento. Il sonno é legato alla luna, pero' non vorrei che ricadessimo in una discussione generale sulla luna e i suoi aspetti di cui si é già tanto parlato in termini più o meno generali in altre discussioni...

suggerimenti?
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito sabato 24 agosto 2013
ciao ragazzi

anche a me fa MOLTO piacere che la situazione si sia sbloccata.......non se ne poteva più....

Speriamo di tornare al "clima" di un tempo.

E speriamo che LIDIA ci legga e possa considerare l'apertura di un nuovo argomento.

ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste
inserito sabato 24 agosto 2013
Avevo deciso di non scrivere più sul blog, visto che l'unica possibilità di conversazione rimasta era quella con Alix, su toni personali, che non volevo più proseguire.

Sono contenta che l'insofferenza abbia spinto altri a dire la propria.

Con Rosy (prima delle mie vacanze) c'erano stati alcuni spunti per concludere il discorso su Mercurio; bellissimo lo spunto sui disturbi del sonno di Icaro (anche se forse possiamo un po' allargarlo, perchè è molto specifico).

Un grazie speciale a Solerossella, per aver detto ESATTAMENTE quello che io ho rinunciato a scrivere l'altroieri, per interrompere una conversazione sterile che durava da troppo tempo ;)!!!

Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Rosy58
inserito venerdì 23 agosto 2013
Ciao a tutti, mi "accodo" agli ultimi post di Icaro e Solerossella (più un urlo che una constatazione) per dire questo: ho seguito per qualche tempo questo blog tanti anni fa ormai e sono allieva di Lidia perchè ho fatto la sua scuola di formazione qui a Milano, avendo tra l'altro il piacere e l'onore di conoscerla personalmente e credo che davvero lei incarni l'astrologia "umanistica" in Italia come nessuno: è, questa disciplina, una grande chiave di interpretazione di sè e degli eventi.
Ho seguito la dialettica tra Deva ed Alix e a tratti l'ho anche trovata interessante per ciò che riusciva a portar fuori come spunti di riflessione e, mi permetto di scrivere, che forse potrebbe essere utile applicarsi ad un uso "proprio" di questo spazio che sia interessante per tutti coloro che amano questa disciplina e che vi si applicano.
Questo ripeto non vuol dire che gli spunti di riflessione nella "diatriba" degli interventi non ci siano stati ma che ora siano un pò, come dire, "un già visto". Non voglio giudicare nessuno ma mi piacerebbe tornare a parlare di astrologia "vera", quella che riguarda tutti coloro che vogliono "capire ed interpretare" i simboli.
Mi sono permessa di scambiare qualche post in questi ultimi mesi soprattutto con chi, come Mari, per esempio voleva "sapere" qualcosa in più del mercurio suo e di sua figlia, applicando quelle che sono le mie conoscenze, quelle fatte sul campo con Lidia nella sua scuola. Da vergine questo è ciò che intendo per applicazione pratica. Ho una luna in cancro e mi "sento" di poter partecipare a questo blog anche perchè è uno spazio che "lascia il respiro ampio" per tutti coloro che "sentono" questa magia che è l'astrologia umanistica. Psicologia a parte.

Per Deva e Ste: credo anch'io che forse non entrare in certe polemiche sia utile e più proficuo che uno sterile scambio di idee, anche perchè voi siete "bravissime" nell'interpretazione ed è un peccato non potervi leggere in questo senso e per Alix: anch'io a tratti ho colto in te una sorta di contestazione per la contestazione e una sorta di polemica mirata più a "sconvolgere" che a creare attenzione, ma non "giudico".. tieni però presente che non sempre si è nella condizione di "voler" essere messi costantemente in discussione come traspare da tanti tuoi post.
In ogni caso mi piacerebbe tornare ripeto a "scambiar" argomenti: per cui se volete parlare degli assi per me va benissimo, basta che si torni a parlar di "simboli" ed interpretazione, per cortesia.

A dopo,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Icaro
inserito venerdì 23 agosto 2013
Ok Deva, per me (se non tutti gli altri partecipanti sono in vacanza ovviamente) possiamo anche cominciare una nuova discussione.
Gli assi per me vanno bene (anche se a ben ricordare c'é già stata una discussione passata su quest'argomento).

Cosi' su due piedi mi viene anche un altra proposta:
astrologia e sonno; intendo dire come si leggono in un tema natale i problemi legati al sonno. Soprattutto in passato ho avuto problemi di insonnia e il mio rapporto col sonno, anche se migliore che in passato continua a non essere facile; quindi l'argomento mi interesserebbe particolarmente.

Ma se c'é una preferenza per gli assi; mi sta bene parlare degli assi.
Qualcuno ha altre proposte di argomenti?

Intanto approfitto per rilanciare l'appello a Lidia cosi' da dare inizio al nuovo argomento.

Saluti
Icaro
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito venerdì 23 agosto 2013
ciao Icaro

vorrei chiarire che io non sto portando avanti nessuna discussione con Alix.

E' necessario però che ci sia un minimo di partecipazione altrimenti chi è qua solo per fare polemica si sente legittimato a farlo.

Iniziare un nuovo argomento gioverebbe alla situazione e magari ci farebbe girare pagina.

LIDIA....se ci leggi...urge il tuo intervento...abbiamo bisogno di un nuovo argomento di discussione.

Grazie

Lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Icaro
inserito giovedì 22 agosto 2013
Scusate,
Mi permetto anch’io di manifestare una certa insofferenza per la piega che sta prendendo il blog da troppi mesi oramai.

Questa discussione tra Alix e Deva, complici anche le oramai lunghe assenze di Lidia dal blog, sta praticamente « fagocitando » questo spazio.

Io non partecipo molto alle discussioni da un po’, soprattutto perché negli ultimi anni ho veramente avuto troppo poco tempo per l’astrologia ; ma é chiaro ci si sente poco incoraggiati a partecipare o anche ad essere propositivi quando si viene qui sul sito e si constata che gli ultimi dieci o a volte venti o più post non sono altro che un «botta e risposta » tra due partecipanti, in cui gli altri bloggers hanno poco o nulla da dire.

Oramai é chiaro che questa discussione tra voi, che ha dato a volte in passato anche spunti interessanti, ha creato una situazione di stallo; perdonatemi per l'eccessiva franchezza, ma state girando su voi stesse ripetendo da mesi le stesse argomentazioni, che non danno più alcuna direzione a questa discussione.

Anch’io ho avuto in passato discussioni dai toni a volte piuttosto forti su questo blog. Per mia esperienza so che in certi casi l’unica cosa che resta da fare é constatare l’incompatibilità della propria visione con quella dell’interlocutore ; e a quel punto non ha più senso «rincarare la dose», e neppure rispondere ad eventuali attacchi.

Se posso azzardare un suggerimento, Alix e Deva, provate ad ignorarvi reciprocamente per un po’...Un po’ di silenzio potrebbe forse darvi la possibilità di digerire quello che questo scambio, al di là di qualunque giudizio, ha dato a ciascuna di voi.

Un saluto
Icaro
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Solerossella
inserito giovedì 22 agosto 2013
per Alix

basta ti scongiuro...che BARBAAAAAAAAAAAAAAA
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito mercoledì 21 agosto 2013
Con i miei soliti post ' a rate' mi piacerebbe tanto fare una domanda a te Deva:

Dato l'interesse che hai per questa materia ti sei mai fatta fare un'analisi 'completa' del tuo tema da Lidia in privato per sapere cosa ne pensa lei che ha sicuramente una competenza maggiore di te e di me?
Inoltre ti sei mai confrontata, non quì, ma con terapisti esperti che ti guidassero nella conoscenza di te?
Hai qualche laurea in psicologia psicoterapia o psichiatria che possa fare di te un'autorità in materia???
Perchè sai, essere autodidatti è certamente un'ottima cosa, esistono tanti libri e da tempo l'informazione del web produce persone quantomeno molto più informate di un tempo e che conoscono incontestabilmente molte più cose, troppe persino, ma se parliamo tra persone tutte diciamo 'non professioniste' della materia sia astrologica che psicologica, ogni parere tecnicamente dovrebbe essere ben accetto, anche perchè diciamo che sarebbe un pò 'comodo' dal mio punto di vista autoanalizzarsi e trarne deduzioni autonome senza essere nemmeno essere mai state in terapia almeno per 'curiosità' se non per 'necessità'.
Senza insomma essersi mai confrontate privatamente con qualcuno riconosciutamente 'esperto' della o delle materie in gioco.

Detto ciò io sono una contestataria nata e mi era persino capitato di mettere in dubbio 20 anni fà l'attendibilità di un test psicologico ufficialmente riconosciuto che ho rifiutato di fare ( non il famoso Rorschac che invece ha avuto la mia ampia partecipazione).
Introvabili se vuoi saperlo le 'macchie' nel web, proibito assolutamente ai non adetti conoscerle tutte e soprattutto saperne i significati.
Quando le vedete mostrate nei film hollywoodiani non sono quelle delle tavole 'vere'.
Ma anche queste sono ormai 'stravecchie' secondo me per valutare una psiche del mondo in esponenziale evoluzione, pare che l'astrologia umanistica in genere continui a parlare di evoluzione basandosi su una materia che non è riuscita ad evolvere lei stessa.

chiudo, devo andare...
ciao
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito mercoledì 21 agosto 2013
per LIDIA

cara LIDIA

siamo ormai arrivati ad un empasse in questa discussione che evidentemente si è esaurita.

Possiamo introdurne un altra ?

A diversi di noi piacerebbe parlare della dialettica degli assi.

Se eventualmente ci sono altre proposte, fatevi avanti....

ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito mercoledì 21 agosto 2013
Mi dispiace ragazze Deva e Ste, ma queste sono tutte re-interpretazioni che date e soprattutto VI date da sole re-agendo ai mie post che evidentemente hanno qualcosa che vi 'disturba' alquanto e dovreste chiedervi onestamente perchè.
Tanto è che oramai intervenite unicamente per darmi 'contro'....
Infatti pare non seguiate l'evoluzione dinamica degli stessi post, rileggeteli ogni tanto 'da capo' e dall'inizio tutti per comprendere come procedono.

Chi guarda da fuori le discussioni senza 'coinvolgimenti' credo se ne accorga se ha un minimo di spirito di osservazione.

Ste, anche se sei Cancro, la presenza di tutti quei pianeti in vergine è rilevante ugualmente a indicarne caratteri relativi, non conosco i tuoi dati e quindi il tuo tema ma se poi mettessi il 'puro caso' che quel cancro cada in 6a cosignificante vergine inciderebbe di fondo in tal senso anche quello.
Ad ogni modo non conoscendo assolutamente il tuo tema il post prendeva caratteri generici, anche per altre che fossero si vergine volendo.

Ma scusate, ma perchè invece di parlare con me, non parlate tra voi due così potete continuare a rimanere all'interno dei ragionamenti che volete con tutti i parametri che ritenete opportuni:)

Deva, sei tu che percepisci questa sensazione che voglia illuminare, semplicemente 'commento' esattamente come lo fai tu e le altre.
Mi spiace dovertelo dire ma una mente razionale può essere benissimo perdersi nella nebbia nettuniana proprio perchè non sà gestire bene i suggerimenti di nettuno che non gli sono propri.

Non vuoi approfondire nel tuo tema il ruolo che ha avuto o non avuto Urano che obbiettivamente non ami trattare?
Non me ne può fregare di meno.
Ci siamo che questo blog è seguito oltrechè da voi due anche da altre persone???
Ci siamo che ciò che segnalo che non interessa a voi due e anche se i post sono eventualmente in risposta ai vostri, può interessare altre persone più o meno partecipanti visto che un blog è una 'casa di vetro', una vetrina aperta dove chiunque accede???

Guarda caso le uniche due che hanno sviluppato problemi con i miei post per quel che vedo siete soltanto tu Deva e Ste.......

Se fosse una problematica collettiva potrei anche capire ma così risulta abbastanza chiaro che il problema stà più in una vostra visione delle cose rispetto a vostre del tutto personali interpretazioni che ne traete, che nell'animo generale di come vengono recepiti invece da altri.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito martedì 20 agosto 2013
@ALIX

Alix ti prego veramente di andare oltre. Non ci capiamo e non riusciamo a comunicare. Punto, finiamola qua perchè di sentire continuamente e ossessivamente queste tue OSSESSIVE esaltazioni di urano non ne posso più.

Poi qualche post fa avevi detto che vivo nelle nebbie nettuniane mentre nell'ultimo che ho un intelligenza razionalizzante quindi tendo a rifiutare l'irrazionale. Quale delle due versioni devo prendere in considerazione ?? mah...

E soprattutto che credo, da Sagittario, di sapere tutto quando sono MESI che tu continui ad INSEGNARCI quanto urano sia l'unico il supremo il perfetto e l'unica Via di VERITA'. E ce lo insegni perchè ti ritieni uraniana e quindi ILLUMINATA....!!!

Poi sono io che so tutto Alix..??

Io so che di pianeti ce ne sono dieci e ognuno ha il suo valore, la sua funzione e la sua importanza.

Se possiamo andare oltre te ne sarei grata...così non ha più senso, non ti pare ??

Lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Alix
inserito martedì 20 agosto 2013
Dimenticavo una cosa importante!
Il fatto che tu non abbia la capacità di cogliere l'evidente ironia con la quale ti ho risposto la volta scorsa - attraverso il mio "stereotipo di vergine gregaria" - invitandomi (come al solito) ad allargare l'orizzonte e dando per scontato che quello lì fosse DAVVERO il mio orizzonte di conoscenza astrologica ... la dice lunga sull'attenzione e la finezza che usi nell'ascoltare/leggere/considerare gli altri.

D'altronde l'ironia è nettuniana e mercuriale.
Non tutto è uranianamentre "letterale".

Se vuoi una risposta semplice è questa: "sì, Alix, le cose che dici sulla Vergine le sapevo già e le condivido abbastanza. La mia era una battuta."

Ciao
Stefania


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Alix
inserito martedì 20 agosto 2013
Ho fatto esattamente quello che ti auguravi: ho risposto a modo mio ai tuoi imput.
Il problema è che questo non sembra soddisfarti.

Ovviamente non sono "fissata allo stereotipo vergineo" più di quanto tu non sia fissata a quello uraniano o altri alla propria dominante. La Morpurgo, come ben sai, diceva che i condizionamenti zodiacali sono impossibili da superare.
Sono un Cancro, cmq, non una Vergine: prendo dal mondo quello che mi ispira (in maniera assolutamente anarchica) e divento irremovibile se continuamente spinta da altri verso la direzione che loro hanno scelto "per il mio bene".

L'astrologia mi ha insegnato ad essere consapevole della mia natura, ad accettarla senza giudicarla troppo e a non permettere ad altri di giudicare la mia indole in base alla loro personale idea di "giusto".
In questo mondo c'è spazio per tutti e tutti hanno diritto a comportarsi come la loro natura li sollecita a fare, anche fosse ritirasi in un eremo.
Basta essere consapevoli e SINCERI con se stessi.

Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 20 agosto 2013
Deva potrei dirti esattamente la stessa cosa:

"tu interpreti sempre quello che dico nella maniera per te possibile"

significative o meno che ritieni le mie riflessioni, nel leggerle inevitabilmente le metabolizzi e le rielabori inserendole nei tuo contesti cognitivi così come succede a me e alle altre, solo che io mi 'accorgo' di questo fatto e tu continui invece a 'negarne' l'evidenza.

Incorri spesso nel comportamento che ho notato diffuso nei sagittari, quello di essere convinti di comprendere le cose in maniera 'superiore' agli altri, come se solo loro capissero, solo loro comprendessero e a loro soli fosse riservata la dote dell' l'intelligenza o del sapere.

Di 'intelligenze' intanto ne esistono di diversi tipi: razionali e intuitive.
Tu appartieni ad una intelligenza 'razionalizzante' che quindi per sua natura tende a rifiutare l'irrazionale.

Per me tutto torna, mi pare di ricordare che hai Urano e Plutone in 11a, quindi ne hai avuto i transiti in 12a in età veramente precoce, il chè potrebbe dirmi che hai avuto dei 'lampi' di intuizione in età veramente troppo piccola per poter elaborare e metabolizzare la forza dirompente di questi due pianeti in una casa oltretutto come la 12a con la conseguenza probabile e direi innegabile che ti sei totalmente 'chiusa' a certe sollecitazioni.
Non a caso mi torna pure il fatto che ti avevo detto che quando urano inizierà a transitare di nuovo case alte, 7a e 8a anche se non potrà più essere la 12a ti si riapriranno 'spiragli' di apertura.

Ti potrei dire che 'non basta' l'intelligenza per afferrare certe cose, ci vuole la frequenza ipercaptante di urano che si voglia o no che è basata su questioni del tutto 'irrazionali', l'intelligenza razionalizzante che tu manifesti consente di dare miglior 'struttura' casomai ma solo a quello che accetti di 'afferrare'.
Urano invece ,se è molto attivo, ha una frequenza captante esasperata come una superparabola solo piuttosto non riesce a dare struttura solida è sopratutto sempre comprensibile agli altri se non hanno le stesse 'antenne'.

E tanto per dirti il comportamento sagittario 'tipo' che ho notato anche in altri:

A cena da mio cognatone sagittario la 'prima volta' con mio marito e in compagnia anche di un suo amico che nel passato aveva fatto il D.J., lui superesuberante e mio marito per niente, lui che tiene banco e mio marito che non ama serate in società, che interviene appena, si attacca una discussione sul Rock e la musica nonchè gruppi anni 60/70, va a sapere motivato da perchè e percosa il mio cognatone sagittarione sbotta in un roboante : "cosa ne vuoi sapere tu" verso mio marito ( che vedeva per la prima volta in vita sua tra l'altro!).
Peccato non fosse ancora a conoscenza che mio marito suona ;) e forse qualcosetta , lo dico con molta ironia, conosceva bene e conosce.

Tanto per dire, come sono sempre convinti di saper tutto loro.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 20 agosto 2013
Ciao Rosy58, BUONE VACANZE allora :)

No Rosy, non credo che il blog abbia mai risentito di periodi festivi o vacanzieri, tantopiù che il numero di persone rimaste a casa o che hanno fatto pochi giorni di vacanze pare rilevante.
Quì dalle mie parti si è visto un pò di 'deserto' solo a cavallo dei 3 giorni di ferragosto.
A dire il vero è da quando sono quì che tento di capire le dinamiche delle 'affluenze' o meno nel blog, ma non ho per ora intravisto corrispondenze ne tra gli argomenti trattati, ne altro di chè.

L'unica cosa che potrei 'supporre' come attendibile e possibilmente rilevante è che possa incidere più di altro la 'presenza' o 'meno' di post della Lidia Fassio che a volte è ed è stata assente per lunghi e lunghi periodi.

E chiaramente la sua 'voce' è basilare nel blog per l'interesse delle utenti.


Se ti riesce proponi anche tu un argomento dai, per ora saremmo sugli 'assi' proposti da Lola e accettati anche da Deva, posto che riesca a seguire anche a me andrebbe bene tutto.
Anche se avevo già detto tempo fà che mi piacerebbe che prima o poi venga affrontato un argomento magari un pò 'forte' e di attualità.

ciao
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Rosy58
inserito lunedì 19 agosto 2013
Ciao a tutte/I, vedo con piacere di nuovo I vostri commenti: diciamo che siamo in estate e che alcuni dei bloggers erano in vacanza….presumo.
Per quanto mi riguarda le vacanze non sono ancora iniziate: spero di andarci alla fine del mese (adoro settembre) e quindi non mi sento di proporre argomenti che poi non riuscirò a seguire. Aderisco a quello che voi proporrete per i giorni che mi restano prima della pausa feriale.
Buon proseguimento,
Rosy

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito domenica 18 agosto 2013
Care ragazze tutte, va da se che in fondo non faccio che manifestare la mia spiccata parte uraniana e spingervi a sviluppare il vostro rapporto con questo pianeta ;)

Vi vorrei consigliare degli articoli, di Lidia da considerare:

Urano e le energie sottili ( nuovi significati del pianeta nel terzo millennio) 2004

La funzione di Urano nella psiche

anche di interesse molto attuale :
La lunga quadratura tra Plutone e Urano

X Deva: una rsposta di Lidia del 2007 potrebbe farti capire cosa intendo quando dico che per me vivi tra le nebbie nettuniane.
Tu sembri affidarti troppo all'espressione di questo pianeta trascurando la funzione 'essenziale' di 'urano' che ha un'importanza fondamentale nella conoscenza di se.

Ti cito da LIDIA da una sua risposta del 2007:

" Urano ha a che fare con la possibilità 'VERA' di ricontattare la parte 'transpersonale' risvegliando quelle parti di noi che sono state 'sacrificate' in quanto non corrispondevano a ciò che ci era stato richiesto quando eravamo piccoli.
Urano è 'sempre' colui che ci conduce a sapere 'chi siamo veramente' indipendentemente dalla struttura che abbiamo messo in piedi nell'infanzia.

Percià Deva ho il forte sospetto che tu debba 'sviluppare' la tua parte Uraniana che credo dormiente percio non 'captante', e infatti è questa la ragione per cui interagisci con me pur con tanto fastidio, non come ti piace credere nettunianamente e illusoriamente che sarei io attratta dalla tua parte nettuniana.
Probabilmente 'senti' con estrema paura di dover 'contattare' questo pianeta perchè è quello che ti consentirebbe di 'vedere' più chiaramente e più lontano 'senza più l'ausilio delle illusioni stesse' .

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito domenica 18 agosto 2013
X Deva: .......vuoi dire non 'criticare' come hai fatto a piè sospinto tu con me ?! :)

Certo è piuttosto semplificante la faccenda dell'ascendente Vergine Bilancia Scorpione, detta così, ma ha il suo perchè per via dei transiti Uraniani di questo secolo, ed è correlato alla contemporaneità, del vivere oggi, fatto è che ho ripetutamente 'notato' che quelli che hanno questi ascendenti sono stati...... 'in genere eh'..... molto ma molto restii a prendere coscienza dello stato in cui versavano le cose generali persino 'dopo' che era già diventato evidente ad una larghissima rappresentanza di altri e molti 'noto sempre' non ne vogliono ancora prendere atto con una reticenza paralizzata.
Questo perchè hanno o avranno il giro Uraniano tra le case 6a 7a 8a, quindi, come dire, paiono come 'essere ancora reticenti nel vedere', di cose di cui invece 'dovranno' prender atto.
Questa miglior chiarezza pare essere presente invece in chi ha l'Urano radix o nei transiti nel giro 12a 1a 2a ( come anche Lidia x esempio).
E chi non vede realtà palesi credo stenti anche a vedere le proprie realtà interiori.
E' insomma qualcosa di osservabile sul campo, chiaramente nell'ottica di una valutazione solo generalizzata.

Guarda che avevo capito bene che tu vivi la spiritualità come un 'sentirsi in armonia con le leggi della vita'.
Potrei fare la battuta di chiedermi se le 'leggi della Vita' si sentono in armonia con te.

Ma quali sono 'esattamente' le leggi della vita che citi? chi le ha stabilite? da cosa credi siano determinate? non è poca cosa, visto che ancora non conosciamo che un minimo di leggi universali.
Sarebbero quelle derivate dalle interpretazioni spirituali? dalle interpretazioni filosofiche? da quelle genetiche? dalla biologia? le tue personali? quali sarebbero nella sostanza???

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito domenica 18 agosto 2013
@alix


credimi che non sono in contraddizione quando dico che sono cresciuta anche nello scambio con te.

Ma tu intrepreti le mie parole nell'unico modo per te possibile. E sbagliato.

Lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito domenica 18 agosto 2013
Giusto per farti 'osservare' una cosa che evidentemente non hai 'osservato' Deva, io quì ho scambiato con tantissime ragazze e ragazzi che spesso hanno ritenuto interessanti per le loro considerazioni molte delle cose che dicevo.
Se tu non ritieni significativo ciò che dico oppure ho detto in questi anni non è che abbia un valore a nome di tutta la nazione mi sembra.

Sono fatti un pò tuoi come si dice, una faccenda tua.....

Peraltro entri in estrema contraddizione confermando che poi sei cresciuta anche attraverso lo scambio con me, quindi evidentemente in un modo o nell'altro le riflessioni fatte ( per quanto tu voglia strenuamente considerarle prive di una qualche validità ) hanno finito per essere 'significative' comunque a quanto pare.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito domenica 18 agosto 2013
@ALIX

Alix, io nel mio blog mi occupo di astrologia, saranno gli altri a dire se lo faccio con competenza o meno.

Mi sembra più costruttivo trovare uno spazio dove esprimersi piuttosto che criticare l'espressione altrui. A te non pare ??


Detto ciò, Alix..vedo che continuo imperterrita nel tuo atteggiamento di critica e giudizio. Usare l'astrologia, come fai tu per giudicare sommariamente gli altri traendo considerazioni superficiali e generalizzate ( tipo gli asc.bilancia scorpione e vergine sono quelli meno disposti a conoscersi...) è veramente spiacevole da sentire.

Comunque, Alix...se per te va bene così. Se è questo il modo in cui vuoi continuare a stare qua...e magari è l'unico modo che conosci...che ti devo dire....dico, che è meglio parlare di Astrologia, magari con un nuovo argomento.

Io sono sempre a favore della dialettica degli assi.



lara

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 17 agosto 2013
X STE:

Ste, non credo che le persone siano o debbano restare chiuse in ruoli predefiniti nella vita, si può benissimo sconfinare.

In ogni modo è come se tutte noi stessimo guardando un quadro:
C'è chi si sorffermerà prima sui colori, chi sulle forme, chi sul soggetto , chi su quant'altro, chi su un particolare, chi sul significato che vuol dare l'autore, chi sul significato che arriva a lui etc.
Più lo osservi è più vedrai cose.
Indipendentemente da cosa stia in quel momento osservando ognuno apporterà un'impressione e coglierà qualcosa.

Quindi il mio dirvi, avete notato quel colore o quel particolare o quel qualcosa di altro non è altro che un voler 'far notare' qualcosa che io stò osservando oppure ho osservato.
Senza altri fini che dire: lo hai visto???

Una può dirmi: "si, si lo avevo notato già anche io"....... un'altra che è in quel momento è concentrata su altro può non stare osservando la stessa cosa e dirmi "no non lo noto", o perchè osserva da un'altra parte o anche perchè percepisce altro con gli occhi puntati nello stesso punto.
Stà tutto quì.

In ogni modo Ste se ti allontanassi dallo 'stereotipo' virgineo avresti 'incontrato' anche altre interpretazioni del tuo segno in sensi 'cosmici' tipo la 'partenogenesi'.
I vergini molto spesso 'bastano a se stessi'.

Personalmente tutti i vergini maschi e qualche femmina che ho incontrato hanno avuto un ottimo successo economico nella vita ,per esempio, indipendentemente da partenze anche meno favorite, cosa che ha garantito loro miglior vivibilità, e non è certo poco.
Sarà come sarà, ma non ho trovato 'cenerentole' di zodiaco, li ho trovati tutti piuttosto indipendenti e non 'gregari', e sarà anche la compiacenza di quell'urano nel segno ma mi pareva manifestassero un certo 'opportunismo', in loro volto soprattutto in campo lavorativo.
Dove li ho visti 'zoppicare' è stato nelle relazioni sentimentali piuttosto e in quelle amichevoli o familiari.
Più che affettivi sono 'disaffettivi' o 'anaffettivi' per quel che ho constatato, molto per 'se' ed i propri interessi soltanto.
Chiaramente vi giro cose osservate generalmente viste più in loro che in altri.

Poi ogni caso 'come sempre' fà storia a se, secondo la presenza di tanti altri dati anche in contraddizione.

un saluto
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 17 agosto 2013
Prima di questo ho inviato altro post, nell'attesa che entri continuo......

Giusto per far capire il mio atteggiamento verso l'astrologia, per me è stata e rimane una forma di 'ricerca'.
3 anni dopo che avevo cominciato ad interessarmene con orientamento 'previsionale' avevo già avuto un'offerta di lavoro inerente che rifiutai: mi offrirono di redigere i testi per quei responsi telefonici registrati, ma dato che già dall'inizio non condividevo questo tipo minimalista approssimativo e non personalizzato di diffusione astrologica, me ne tenni a distanza.
Dopo altri 2 anni ebbi la proposta di un amico antiquario che presso il suo cortile di esposizione aveva dei locali liberi che poteva mettermi a disposizione.
Praticamente avrei avuto una clientela per di più 'prestigiosa' già pronta, ma dopo 5 anni di interesse astrologico 'autodidatta' francamente non me la sentivo di dedicarmi a questa professione con la necessaria autorevolezza, oltre ad avere altre renitenze per altri motivi più personali.
Rifiutai ancora, dopo di allora mi dedicai alla Karmica a confermare che il mio interesse è sempre stato volto prevalentemente ad approfondimenti di ricerca.
Un giorno ebbi l'occasione di incontrare un 'maestro buddhista' dopo una conferenza che aveva tenuto nel centro olistico di amici.
Volevo fargli tante domande dato che sono sempre stata molto curiosa, ma le fece lui a me, sembrava interessargli il mio rapporto con l'arte, di astrologia non si parlò.
Ricordo avesse due occhietti furbetti di quelli che 'luccicano', prima di congedermi mi disse una frase che all'epoca fece il suo bell' effetto.
Mi disse, senza che niente avesse a che vedere con il dialogo in corso, che per vedere il 'futuro' bisognava possedere la 'lunga veggenza' perchè bisognava essere in grado di 'vedere' tutto il corso dello svolgersi delle cose fino alla loro fine.
Rimasi, come si sul dire, un pò di 'stucco' sul momento, perchè proprio quella frase?
Sia come sia ne trassi che dato che da un'ostacolo potevano crearsi degli avvenimenti poi positivi a seguito, evitare l'ostacolo sarebbe stato come non andare più incontro a quegli stessi eventi.
Diciamo che a quel tempo, credendo nel karma, ragionai così e mi dedicai più che altro all'analisi dal punto di vista karmico.
Si dice infatti ,nella filosofia del karma, che chi fà previsioni si assume il Karma della eventuale previsione che possa 'deviare' il corso karmico degli eventi altrui.
Dato che al momento non credo più da tanto tempo nelle filosofie karmiche, se la lettura del transito degli astri mi fà pensare a qualcosa in evoluzione verso una direzione lo esprimo lo stesso se mi và.
Il mio tipo di lettura previsionale non è mai stato deterministico comunque.

In ogni modo non c'è veramente nulla di 'sibillino' nel sostenere che il transito dei transaturniani nelle case alte produce effetti di 'allargamento prospettico dell'analisi delle realtà esterne' con cui si viene in contatto.
Perciò un diverso modo di analizzare anche le proprie realtà interiori in rapporto, niente di strano mi pare.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 17 agosto 2013
Cara Deva, il post circa la suscettibilità era stato già inserito senza che fosse visibile il tuo in risposta del mio.

Fai tu.........

Senti, per me puoi continuare a pensarla e dire quello che vuoi, i 'FATTI' sono che sei tu quella che ha aperto un sito suo di astrologia pensando di avere chissà quale 'maturatissima' esperienza, e che io invece molto 'umilmente' continuo a ritenere che sia più che sufficiente frequentare quà :)

Poi se una vuole continuare a rigirarla su e ribaltarla a piacere......faccia pure :)
Accusando di proiezione le altre senza essere ancora giunta ad accorgersi 'minimamente' delle proprie, messe in atto di continuo.

Guarda confermi in pieno il fatto che abbia notato(e non solo quì) che chi ha ascendenti in vergine, bilancia, scorpione stò 'stentando' a vedere le realtà per quello che sono effettivamente e che tra loro ci siano la maggior parte di persone meno disposte a conoscersi davvero e meno disposte ad aprirsi al 'nuovo'.

Ammiro molto Lidia e mi piace il suo lavoro, tuttavia cara Deva non penso che sia stata 'innovativa' come lo fù la Morpurgo rispetto ai tempi suoi molto addietro e infatti Morpurgo ha 'cambiato' il modo di vedere l'astrologia non solo in italia ma ,si dice, nel mondo ( occidentale almeno), noi non sappiamo ancora se la visione di Lidia 'durerà' e cambierà nella sostanza i parametri della storia dell'astrologia futura.
Lei è molto brava e indubbiamente ipercompetente, fin troppo nel suo genere, ma non vedo ancora nessuno bravo e catturante come lei a trattare questo tipo di astrologia umanistica, a sensazione Lidia è tuttora 'senza eredi' a mio parere.

In un certo senso un pregio, perchè rimane 'unica' quindi 'eccezionale'.

Cara Deva, l'astrologia Morpurghiana ha resistito al 'tempo' nonostante sia stata una delle aastrologhe 'inspiegabilmente' più odiate, purtroppo per i detrattori, che sono tanti pare, perchè deve aver avuto 'ragione' su tante cose.
Insomma deve aver 'captato spiragli di verità', tra questi ci saranno però pure errori di analisi in ogni modo, dato che nessuno è infallibile.
Come non lo è Lidia, ne nessun altro.

Posto anche la mia 'fallibilità' quindi, che metto in conto sempre prima di chiunque altro, e ci mancherebbe, non vedo perchè non dovrei proporre visioni del tutto personali sulla base di 'osservazioni' fatte in 20 anni.
Senza nessuna 'velleità' di fondare nuove astrologie.

Non vi piacciono....... non consideratele......ignoratele!!!
Non afferro di base Deva i motivi della tua campagna 'anti'.











-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito giovedì 15 agosto 2013
@ALIX

Alix, ah, quindi adesso il "problema" è che siamo noi isteriche e suscettibili...ah..ah..ah...

Alix, sei unica...!!!!

Ok dai, uno sforzo da entrambe le parti, tu eviti per il futuro di dipingerci come delle seguaci acritiche e credulone di una disciplina arcaica e priva di fondamento scientifico e noi non "scatteremo" più.

Che dici, affare fatto ??

Alix, che ci creda o no, non siamo così sprovvedute e irrazionali...io non mi sento certo tale. Non ho mai avuto la necessità di aderire ad una FEDE acriticamente e la mia ricerca è stata alla luce del sole, sempre motivata dal voler capire, vedere, andare in profondità senza fermarmi a facili risposte consolatorie...le risposte consolatorie si sono sempre sgretolate dal pungolo del dubbio e del bisogno profondo di verità e di autenticità...e il mio percorso non è certo finito...non sarà mai finito.

Il fatto che tu continui ad attribuirmi/attribuirci distorte valenze nettuniane, che mi dispiace ribadirlo, evidentemente appartengono a te, non può favorire un costruttivo dialogo, Alix....

Io in questo blog sono cresciuta attraverso il confronto...anche attraverso il confronto con te perchè è questo il senso di questo spazio altrimenti se si continua a rimanere aggrappati alle proprie certezze superate si è perso tempo in inutili chiacchiere.

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito mercoledì 14 agosto 2013
Ci tengo a dire una cosa ragazze tutte.

Spero che sia comprensibile che il mio modo di esprimermi non vuole essere volontariamente attaccante certi modi di vedere le cose.
Non vorrei che certe frasi arrivassero con toni come in qualche maniera 'litigiosi'.
In realtà per me il blog è una forma di piacevole evasione che ci terrei rimanesse possibilmente piacevole sia per me che per tutte/i, anche durante scambi eventualmente un pò animati.

Ad ogni modo, sappiate che incontrando una mia cara amica ( che ora purtroppo da anni vedo pochissimo perchè lei si è trasferita lontano) abbiamo fatto questa riflessione ognuna per suo conto, tutte e due abbiamo notato quanto le persone 'tutte' ,compreso noi ovviamente, tendano ad essere più 'nervose' in un periodo storico in cui paiono non esserci più grandi certezze.
Ci si diverte e rilassa e si ride quindi molto di meno, si evade anche molto di meno perchè difficili realtà incalzano, ci sono molto fondate preoccupazioni circa il futuro, e quindi pare esserci nel sottofondo una generale tendenza a 'scattare' più facilmente anche per cose del tutto trascurabili.
Come una discussione di astrologia per esempio :)

Quindi non posso fare altro di esprimere rincrescimento quando eventualmente quello che dico colpisca ,senza volere, la suscettibilità altrui.

Detto ciò visto che forse la discussione mercuriale stà giungendo a termine come ha detto Rosy58, forse è venuto il momento di proporre qualche nuovo argomento.
A parte l'approfondimento sugli 'assi' proposto da Lola a nessuna interesserebbe fare una analisi astrologica di un argomento doloroso e sicuramente impegnativo come la 'violenza sulle donne' che pare così tanto in aumento.

O forse sarebbe molto meglio un argomento più rilassante o magari persino con risvolti divertenti giusto per allontanarsi dalle cose tristi e gravi.
Non sò..... il rapporto che si vive o si è vissuto con il 'divertimento' per esempio.
Sapete che ci sono perfino persone che non sanno 'divertirsi', che vedono solo la fatica e il lavoro, che non concepiscono nemmeno l'idea di assoluto relax o l'evasione delle più varie, o l'umorismo etc.?

Tu Rosy58 cosa proporresti??? cosa ti piacerebbe approfondire?
A me piacerebbe anche sentire le analisi sui rapporti uomo donna, incontro spesso ragazze giovani che mi dicono di non riuscire assolutamente a trovare un compagno decente.
Eppure con tutte le maniere di socializzazione ogggi esistenti dovrebbe essere più facilitati gli incontri e dunque le possibilità.
A volte ho l'impressione che siano aumentate a dismisura pretese ed esigenze nelle ragazze che sento, altre ho l'impressione che proprio perchè aumentati in maniera enorme i contatti e quindi le amicizie grazie ai social, rimangano come perennemente indecise al pari dell'indecisione su che modello o colore di vestito scegliersi.
Giusto, si potrebbe parlare di un argomento 'leggero', il proprio rapporto con lo 'shopping'.
Tra l'altro esiste anche il fenomeno patologico dello shopping compulsivo che potrebbe essere analizzato astrologicamente.

saluti
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito mercoledì 14 agosto 2013
Mercurio e il numero tre. Tre sono le età. 28 anni, 56 anni, 84 anni. Il ciclo di Urano è 7,14, 21, Gemelli. In 7 anni Saturno attraversa tre segni.Trenta, sessanta, novanta, siamo nella quadratura. Un due tre, stella. Tre, due uno via. Il numero tre a quanto pare è sentito dal genere umano a livello profondo.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Alix
inserito mercoledì 14 agosto 2013
Brava Alix!
E io ho una Luna in Vergine in settima, altri 3 pianeti in Vergine e tre in sesta: come vedi non mi sento all'altezza di confutare nulla per dei motivi precisi.
C'è chi è condottiero ed apripista e c'è chi è un gregario esecutore senza particolari risorse. Se lo Zodiaco prevede anche la mia esistenza di gregaria senza idee personali, un motivo ci sarà.

Buone vacanze a tutti!!!
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Deva
inserito mercoledì 14 agosto 2013
ho delle difficoltà nell'aprire i post...come mai ?

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito mercoledì 14 agosto 2013
@ALIX

Alix, visto che con le buone non lo comprendi, ti dirò con chiarezza che non ritengo le tue considerazioni astrologiche né significative né verosimili. Tra l'altro continui ad attribuirmi contenuti che non mi appartengono...il genere di "spiritualità" che tu mi attribuisci, Alix, è partorita dalla tua mente, ma non corrisponde a ciò che VIVO io come spiritualità...che di fatto è "vivere in accordo con le leggi della Vita", né più né meno.

Quindi, stai sicura che non rivaluterò ciò che mi hai detto perché ciò che mi hai detto non ha senso dal momento che non corrisponde a ME ma ad un immagine di me che ti sei fatta tu e che pretendi di attribuirmi o è semplicemente banalmente ovvio...come è OVVIO dire che quando urano passerà nelle case superiori avrò "spiragli di diversa comprensione", dal momento che ciò che sono oggi non è ciò che ero 10 o quindici anni fa e ciò che sarò fra 10 anni sarà ancora diverso da ciò che sono oggi, mia cara Sibilla.

Poi, Alix, sinceramente, ma che senso ha questa sorta di infinito conflitto che stai portando avanti come se tu qui dovessi ILLUMINARCI in qualche modo, o SALVARCI dalla natura illusoria dell'astrologia. Questo continuare a sottolineare che tu hai una testa pensante e quindi DEVI mettere in discussione cose che, te lo dico con franchezza, non hai la conoscenza per mettere in discussione e quindi rischi di passare solo per presuntuosa.

Visto che hai citato la Morpurgo che si auspicava di avere l'appoggio di seri ricercatori ti dico che LIDIA è una di queste dal momento che è andata oltre la Morpurgo, ma è potuta andare oltre perché aveva padroneggiato completamente il percorso della Morpurgo.

Non si può mettere in discussione ciò che non si conosce, Alix. Questo è il primo criterio di una mente pensante, e non è affatto, come ritieni tu, un atteggiamento passivo e sudditante, ma è indice di sana umiltà che è ingrediente indispensabile alla conoscenza, perché se tu ritieni di SAPERE già tutto al punto di farti regole tutte tue, come tante che hai citato e che che mi fanno sorridere, non potrai mai veramente CONOSCERE e quindi non potrai mai andare veramente oltre ciò che è stato teorizzato.

Se ritieni di poter fondare una nuova astrologia, fallo...!!! ma continuare qua a sottolineare quanto tu sia superiore a noi per approccio libero dalle convenzioni ha piuttosto stufato.

Anche perché, Alix, l'essenza fondamentale dell'astrologia che è CONOSCERE SE STESSI a te non interessa ma interessa a noi e credo che sia questo in particolare che a te disturbi. Perché l'astrologia così come la conosciamo qui va BENISSIMO per questo scopo, ma evidentemente per te guardarsi dentro è un attività troppo banale, illusoria e inutile.

Ma ribadisco come ho fatto tante altre volte....va benissimo, Alix...se per te l'astrologia così come'è è un inutile strumento che si fonda sull'illusione...va BENISSIMO.

Ma questo è giusto per te Alix, non per me e non per altri qui che la pensano diversamente, quindi, perché non sfruttare questo spazio in modo costruttivo ?

Guarda che se ritieni che il tuo ruolo qui sia quello di chi ci "apre gli occhi" e ci fa "riflettere"....mi dispiace ma ti sbagli alla grande...

lara

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 13 agosto 2013
X Rosy 58:

Come ha detto l'intuitivo MAX a volte risulto un pò provocatoria nel mio modo di esprimermi, è perchè la mia ricerca và sempre un pò oltre i luoghi comuni.
Posso continuare a dirti che l'asse 3a 9a con il solo saturno in 9a e casa 3a vuota si nota anche da fatto che , proprio come se il saturno fosse anche in 3a gemelli, cancello dal mio telefonino tutto quel che non mi serve: tutte le lingue, i giochi, le suonerie, le immagini.
Chi mai lo sottraesse si troverebbe con la brutta sorpresa di un telefono che ha solo la funzione che sarebbe la sua propria.
Una mutilazione ,se così vogliamo, dire che lo rende idoneo solo per le 'necessità' più importanti, telefonare e ricevere telefonate 'STOP'.

Giusto per ribadire che non solo i 'governatori' delle case vuote sono presumibilmente significativi.



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 13 agosto 2013
Va beh,stasera ho di nuovo un pò di tempo.....
speravate di esservi liberate di me eh :))))))

Mi fà tanto piaacere notare che nonostante la mia mamcanza l'inserimento di post è stato molto 'limitato' a confermare che non sono affatto io ad allontanmare le bloggers :) come sosteneva 'simpaticamente' Deva.

Mi spiace Deva, ma visto che sei impegnata nella conoscenza di te stessa, mi pareva utile dirti che quando Urano TRANSITERA' nelle tue case superiori dalla 7 alla 12a comincerai ad avere spiragli di diversa comprensione ' un apertura di porta' che ora ti sono preclusi.
E infatti è presumibile se non certo che rileggerai tutto ciò che ho detto in due anni in diversa ottica.
In 8a gemelli in particolare, come avevo detto è molto diverso avere i transaturniani in transito nelle case sotto o sopra.

Nelle case alte i transaturniani danno una visione delle cose molto differenziata rispetto alla loro presenza nelle casde basse ed è strano che tu non abbia mai considerato ne fatto questa riflessione.
Anzi per confermare un'intuizione morpurghiana ti dirò che il Nettuno in 12a ( che ho in transito)lungi da stimolare 'illusioni' da una visione ancor più chiara e presente della 'realtà' come vuole l'asse con la 6a.

X STE:
Hai detto che non avevo forse letto bene Morpurgo, pensa che sono gli unici libri che ho conservato quando ho dato via tutti gli altri, te la potrei citare parola per parola.
Però purtroppo, per quanto trovi interessante il lavoro di persone molto più esperte di me, ho semptre avuto il il brutto difetto di pensare con la mia testa e non con la loro.
Quindi se qualcosa non mi convince del tutto è evidente che tendo a metterlo in discussione.
Se tu o 'voi' preferite seguire 'pedissequamente' senza ampliarle le idee partorite da menti altrui è lecito e non contestabile.
Del resto Lisa Morpurgo aveva una luna plutone in 12a Cancro quindi una grande capacità di sviscerare ciò che era o sembrava misterioso e segreto.
Se leggi Morpurgo però vedrai che lei stessa auspicava che alla sua ricerca si unissero quante più ipotesi di lavoro e 'ulteriore ricerca' per il bene dell' evoluzione dell'astrologia stessa.

In caso potrebbe interessarti il 'riconoscente' articolo scritto dalla stessa di Lidia ( sua allieva):

LA SCUOLA MORPURGO ( di Lidia Fassio)



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX X Lidia
inserito martedì 13 agosto 2013
Mi intrometto dopo lunga assenza perchè devo fare una domanda particolare a Lidia, che mi auguro sia presente.

Non ho potuto leggere eventuali risposte ai miei ultimi post e non ho potuto ancora riprendere da lì lo svolgersi della discussione.
Mi spiace aver interrotto ma ho proprio chiuso ad un certo punto di netto per questioni improrogabili.


Cara Lidia
mi piacerebbe che tu mi trovassi delle spiegazioni psicologiche a questo fenomeno:

Facciamo che esista una pesantissima fonte di parecchi disturbi fastidiosi che coinvolgono un discreto numero di persone.
Queste per la maggior parte trovano il tutto come se fosse un qualcosa di inevitabile da sopportare con una sorta di inerte passività.
Uno, oppure due o tre max ( giusto per dire pochi) non ci stanno, protestano e riprotestano e di tanto in tanto esortano gli altri a fare lo stesso, perchè la forza di un gruppo avrebbe più potenzialità di ottenere un sostanziale miglioramento che poi andrebbe a netto favore di tutti.
Ma quì entra l'assurdo, tra quelli prevalentemente passivi c'è pure chi sviluppa un certo astio non già verso la fonte ipermolesta ma verso chi cerca di esortare qualche minima ribellione .

Quali dinamiche psicologiche umane secondo te provocano tali ,per me incomprensibili, atteggiamenti?

grazie Lidia
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Mari
inserito mercoledì 7 agosto 2013
Cara Rosy58 é bello e chiaro quello che scrivi ...
si penso che mia figlia negli ultimi anni sta lavorando a questo processo di individuazione con buoni risultati anche se ancora essendo giovanissima é all'inizio del suo percorso...mio marito da ventinove anni che lo conosco ha sempre esposto le sue idee e i suoi pensieri senza preoccuparti minimamente dei giudizi degli altri secondo me lui non ha faticato tanto per individuarsi ciao da mari


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Rosy58
inserito lunedì 5 agosto 2013
Cara Mari, mi fa piacere che tu e tua figlia abbiate trovato riscontro: il tema natale è fantastico nelle sue linee e per me sempre una grande scoperta..
Per quanto mi chiedi del matrimonio parentale ti dico questo: la quarta-decima è l’asse genitoriale, diciamo che è l’asse sulla cui linea noi percepiamo i nostri genitori e quindi anche ciò che abbiamo percepito della loro relazione. Quando ci sono pianeti nella decima (la madre) e nella quarta (il padre) questi ci raccontano “qualcosa” di quello che abbiamo percepito della loro unione, relazione o matrimonio. Nella quarta, oltretutto, noi andiamo a leggere anche valori profondi relativamente alle nostre radici: se lì c’è un pianeta molto importante come Plutone stiamo proprio analizzando “il luogo da dove proviene la nostra figura paterna, il nostro archetipo paterno” , ma anche poi gli avi da parte paterna e materna, quindi anche i nonni e via via…nell’albero genealogico la nostra fonte di origine della vita..
Un plutone in quarta, come mi dici tu tra l’altro presente anche nel tema di tuo marito e di tuo figlio, indica proprio una linea, una discendenza…Tieni conto che come ti scrivevo nell’altro post la quarta casa è la più inconscia di tutta la ruota zodiacale, quindi non sempre si riesce a catturarne il significato a livello razionale, e soprattutto non esattamente nella prima parte della vita…Ci vuole tempo per riuscire a “scoprire” cosa personalmente ci indicherà quel Plutone collocato lì.
Certo che è un pianeta che già nella sua simbologia ci dice molto: il potere personale da portare fuori, gli istinti, le ambiguità, le falsazioni da smascherare… E’ come se lì ci fosse un po’ del viaggio interiore verso il centro del potere non razionale ma istintuale che viene indicato da un percorso di discendenza familiare. Il disegno del proprio Sè deve emergere però autentico e individuato.
Il fatto che Mercurio stia in decima e Plutone in quarta mi fa pensare che tua figlia “debba” portare fuori il proprio pensiero libero da condizionamenti o invischiamenti che hanno fatto parte di “altri” della propria famiglia, a questo punto paterna, e che debba riconoscere e portare alla coscienza, integrandoli, processi mentali e schemi di pensiero del tutto propri. E’ come se, attraverso un lungo lavoro di individuazione personale, dovesse dire al mondo” questa sono io” con le mie idee e i miei concetti: solo miei e di nessun altro…riconoscendo le proprie radici ma diventando qualcos’altro da esse…
Un abbraccio,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Mari
inserito sabato 3 agosto 2013
Cara rosy58 ho fatto leggere il tuo post a mia figlia che si é ritrovata in molte cose che dici ...io lo vista sempre concreta e realista e mi ha sorpreso sapere che ama fantasticare così tanto (cosa che lei ha confermato).non ho capito cosa vuoi dire quando parli di matrimonio parenterale ...riguardo Plutone mercurio é un aspetto ereditato ,mio marito capricorno ha Plutone in quarta vergine trigono mercurio capricorno ottava mio figlio anche lui toro ha Plutone in quarta sagittario opposto mercurio gemelli decima....cosa ne pensi? Ciao e grazie da mari
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Rosy58
inserito venerdì 2 agosto 2013
Cara Mari,
il mercurio retrogrado di tua figlia è in Toro e in decima casa, dove si trovano anche il Sole e Marte…Fa aspetto di trigono con Luna,Urano e Nettuno in sesta, congiunzione al Sole (larga), opposizione con Plutone in quarta…ma questo lo sai già,ovviamente… Scusa per il preambolo ma ho bisogno di avere il quadro di insieme del tema per potere dare forma alle riflessioni. Tra l’altro scriverne non è come interagire e si fa più fatica a rendere gli spunti di riflessione: si rischia di cadere nella ripetizione dei concetti, ma ci provo..
Degli aspetti abbiamo già detto nei post precedenti: mi viene da pensare ad un mercurio retrogrado e nel segno del toro che “intrattenendo rapporti con tre pianeti lenti” e i due luminari sia predisposto a “trattare” le informazioni e le percezioni con un certo personale “ritmo”. Nel segno del toro è un mercurio concreto, realista ma anche riservato e lento nel formulare i propri schemi interiori, i propri processi mentali e pacato nel portarli all’esterno: tra l’altro il tema di tua figlia è orientato quasi completamente verso la parte “relazionale” dello zodiaco, a significare che è molto importante per lei entrare in relazione con gli altri e scambiare, seppur con i suoi tempi.
Gli aspetti che mercurio intrattiene con i luminari (fra l’altro entrambi in segni di terra) mi fanno pensare che tua figlia abbia proprio necessità di “scambiare” informazioni, di comunicare, di parlare, di informarsi: pur con una sorta di riservatezza e con la necessità che ha la terra di concretizzare, di fare, di mettersi al servizio di sé e degli altri, soprattutto a chi vuol bene (luna in sesta casa).Anche la necessità di rimanere fedele ad una certa routine e quotidianità rassicurante.
L’aspetto con Urano, che si trova in sesta casa, mi fa pensare ad un Mercurio che si presta a realizzare “cose concrete” con conosenza delle tecniche, anche di avanguardia visto che Urano si trova in Aquario..qui la retrogradazione potrebbe suggerire, ma è solo un ipotesi del tutto personale, che a volte “non tutte le ciambelle escono perfettamente tonde”.. nel senso che mercurio/urano di per sé porta una certa ansia di realizzare e anche in fretta, porta con sé una certa impazienza anche di pensiero, una sorta di perfezionismo nell’applicazione.
Ma poi la tecnica va raffinata e Mercurio in toro ha la costanza e la resistenza necessaria perché questo avvenga. Vi sono pensieri e schemi mentali che all’esterno non vengono capiti del tutto e a volte tua figlia si potrebbe sentire come un pesce fuor d’acqua, come tutte quelle persone che sono originali nei loro schemi e faticano a portare fuori ciò che hanno dentro davvero facendosi capire perfettamente. Riesce molto probabilmente a cogliere al volo ciò che la interessa: nel momento in cui però qualcosa non acchiappa la sua attenzione perde di concentrazione e si annoia…Ma mi viene anche da pensare che tua figlia riesca bene soprattutto nelle cose in cui crede veramente (Nettuno) e quindi anche e soprattutto a tutto ciò che le interessa veramente, a cui è più, diciamo così,“affezionata”.. E’ pur sempre “torella” e “sente” affetto e “piacere” per tutto ciò che intraprende che la fa star bene con sé stessa.
Un bel Mercurio/Nettuno predispone anche a “certi rapimenti della mente” per cui è sicuramente portata a fantasticare, a vivere mondi immaginari e fantastici…viene rapita da mondi tutti suoi..In retrogradazione potrebbe esporla a faticare a tornare con i piedi per terra,,,,ma è pur sempre un mercurio in toro (fra l’altro anche marte è in toro – quindi l’azione poi è concreta)…
L’opposizione con Plutone avviene sull’asse decima-quarta….la decima, la coscienza e la quarta l’inconscio….asse genitoriale…Nella decima c’è anche il mondo, la società, l’esposizione di ciò che porteremo nel mondo: lì c’è anche il Sole, e Marte l’energia e l’indirizzo che tua figlia dà alle sue azioni: qualcosa di importante che lei dovrà portare nel mondo. Nell’infanzia il mondo è la propria madre, perché è lei che presenta il mondo al proprio bambino ed è sempre attraverso lei che lui percepirà il mondo intorno a lui.
Percezioni però verso l’esterno che potrebbero giungere a volte falsate soprattutto verso il matrimonio parentale, anche se, con te, probabilmente ha un ottimo feeling (avete entrambe sole e mercurio in toro e in decima).
Quel plutone in quarta (il padre – gli avi- le proprie radici) riporta a profondità tutte da indagare, ad un potere personale da trovare, ad una propria indipendenza di pensiero da portare all’esterno, ad una propria autonomia mentale. Mercurio/Plutone in ogni caso ha sempre a che vedere con schemi di pensiero e ci parla “del potere della mente”…
Se non espresso al meglio (la quarta casa, dell’inconscio, è la più buia dello zodiaco) questo mercurio potrebbe portare ad una comunicazione non autentica, a dover trattenere nella mente i propri pensieri per esporli solo quando si è sicuri che siano accolti…C’è la sensazione a volte di percepire e captare cose che sarebbe stato meglio non sentire…non percepire..
Il mercurio in decima deve portare alla coscienza gli schemi mentali: è il punto più alto della coscienza e nel tema rappresenta ciò che si deve portare alla luce della coscienza per poter avere autonomia e indipendenza di pensiero. In pratica ragionare con la propria testa senza farsi influenzare da schemi non propri.
E’ un mercurio anche molto profondo, con pensieri profondi, a volte si fa fatica con questo aspetto a fidarsi delle apparenze e si va alla ricerca in profondità, della verità, quella con la V maiuscola..
La retrogradazione di Mercurio potrebbe portare, se non integrata, a qualche fuga dalla realtà, e visto che c’è anche l’aspetto con Nettuno in sesta questo potrebbe essere uno dei modi per sfuggire alla vita di tutti i giorni (la sesta casa) quando questa non piace..
Mi fermo qui per ora, fammi sapere cosa ne pensi….quali sono le tue riflessioni in merito….
Un abbraccio,

Rosy



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Rosy58
inserito giovedì 1 agosto 2013
Cara Mari, ho preso nota dei dati di tua figlia (avevo già anche I tuoi – due torelline siete!!) e appena riesco a formulare l’analisi ti posto il tutto…
A presto,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di mari
inserito giovedì 1 agosto 2013
x rosy58 ho pensato a quello che hai scritto sulla a-sincronicita e ci può stare infatti capita spesso che quando discutiamo tutti insieme di qualche argomento nel più bello del discorso lei si distrae e alla fine non ne capisce il nesso e dice "aspettate cosa mi sono persa"noi gli diciamo"dove sei stata"e rispieghiamo tutto ciao da mari
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di mari
inserito mercoledì 31 luglio 2013
x rosy58 grazie per la tua disponibilità questo argomento mi interessa tantissimo ti dò i suoi dati così approfondiamo meglio l'argomento è nata 8 5 1996 alle 11 45 a caltanissetta ciao a tutti mari
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Rosy58
inserito martedì 30 luglio 2013
X MARI

Cara Mari, rispondo al tuo post circa Mercurio retrograde: premetto che la mia esperienza di temi con questo tipo di “impronta” non è enorme, nel senso che non ne ho visti moltissimi ma ti dico come la vedo…Mercurio in retrogradazione non vuol dire come “alcune volte” ho sentito dire che sia un Mercurio lento, ottuso, o con problematiche legate all’apprendimento o alla concentrazione.
Ho visto invece sovente una sorta di a-sincronicità, come se a volte ci fosse difficoltà a “tenere il ritmo”… quasi come se la concentrazione, la comunicazione e la percezione sia in qualche modo fuori tempo..
Ovviamente bisogna poi fare “la quadra” con gli aspetti che intrattiene e vederlo nell’insieme del tema…per quanto riguarda il Mercurio retrogrado di tua figlia in decima penso che bisognerebbe vedere come scritto sopra che aspetti intrattiene se ne fa con altri pianeti e il “colore” del segno e dell’elemento…fammi sapere..se ti va….ovviamente…
La decima è anche la casa collegata alla propria madre, quindi in qualche modo quel Mercurio ti rappresenta un po’: parla anche di te…o per lo meno, della percezione che tua figlia ha di te…

Ci hai mai pensato?

A dopo,

Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di rosy58
inserito martedì 30 luglio 2013
X STE
Cara Ste, per me va benissimo e mi fa piacere continuare il discorso su Mercurio e Venere...io ci sarò fino alla fine di agosto e poi andrò "presumibilmente" in ferie, se tutto va come deve, quindi avremo modo di interagire ancora.

Salutoni
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste
inserito domenica 28 luglio 2013
Scusate! per questioni lavorative in questo momento non posso dedicare che pochi minuti alla settimana e me stessa e di conseguenza alle conversazioni astro :(
Volevo approfondire con rosy58 il discorso dei rapporti Venere-mercurio, ma non ce la farò in tempi brevi.
Per me è ok iniziare un discorso sugli assi ... ma forse è meglio far passare queste due settimane d'agosto... che ne dite?

Un saluto a tutti.
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di stellina blu
inserito domenica 28 luglio 2013
Anche a me piacerebbe tanto approfondire l'argomento "assi"...
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito sabato 27 luglio 2013
ciao ragazze/i

se l'argomento mercurio è esaurito a me non dispiacerebbe parlare degli assi :)

Per Alix

E' da tanto ormai che non faccio considerazioni sul tuo tema, e non ho più alcun interesse a farle, tra l'altro mi sono sempre limitata a considerare l'opposizione marte e nettuno perchè ritenevo avesse una manifestazione qui su questo blog, non sono certo entrata in sfere tue personali che non ho la presunzione di conoscere come al contrario hai fatto tu con me...addirittura facendomi previsioni lontane quasi un decennio e che allora le tue intuizioni mi saranno chiare...e mi vedrò finalmente con i TUOI occhi, cioè, ovviamente, nell'unico modo giusto e vero. Fantastica....

Alix, ti chiedo per il futuro, di evitare. Grazie.

lara


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di mari
inserito venerdì 26 luglio 2013
cara rosy58 mia figlia ha mercurio retrogrado in toro decima casa è molto brava a scuola però è più brava con i compiti scritti dove prende voti altissimi mentre con gli orali i voti scendono di uno o due punti possiamo chiamare in causa mercurio retrogrado o le ho sparate grosse ciao da mari
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di rosy58
inserito giovedì 25 luglio 2013
Ciao a tutti, vedo che nel blog non ci sono post...come mai? Spero non sia un problema tecnico...!!
O magari abbiamo esaurito "il tema" su Mercurio e possiamo chiedere a Lidia di inserire altro argomento...fatevi leggere!!
Salutoni a tutti voi!
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ROSY58
inserito lunedì 22 luglio 2013
Cara Ste,
sono ben lieta di approfondire tutti noi insieme ancora qualcosa su Mercurio e ti ringrazio di questo invito appassionante per me: abbiamo parlato o meglio scritto di lui come del portavoce, del comunicatore, di chi ci aiuta a trasmettere e a veicolare messaggi, delle nostre corazze o barriere difensive che potrebbero esserci qualora faccia aspetti con pianeti lenti come Plutone.
Possiamo parlare anche di Mercurio quando si trova in retrogradazione, ritenuto da taluni “un po’ lento” nell’apprendimento e nell’acquisizione di informazioni: io non ritengo che sia così, ma potremmo discuterne se qualcuno lo ha nel proprio tema o ha fatto esperienza di temi in cui Mercurio aveva questa posizione celeste. Sempre che non riteniate di avere già esaurito l’argomento.
Potremmo anche affrontare il tema di un Mercurio “isolato”, che non forma aspetti con nessun altro pianeta: sarebbe interessante vedere come opera.
Oppure, visto che un interpretazione simbolica è quella di Mercurio-psicopompo potremmo parlare delle nostre esperienze in merito: Hermes era l’unico come sapete che poteva andare a casina di Ade e recuperare informazioni da trasmettere a Zeus….. L’inconscio e la coscienza.
Sono ancora parecchi gli argomenti ma ovviamente prendete il tutto solo come proposte: se pensate che sia più interessante parlare (scrivere) d’altro sono lieta di aderire, visto che è comunque sempre molto interessante entrare tra le pieghe dei tema di ognuno di noi.
A dopo,
Rosy

P.S. X STE
Per ciò che scrivi di quelle tue amiche con Mercurio congiunto stretto a Venere (ce l’ho anch’io in Leone e in quinta) credo che valga la pena di vedere come è messa appunto la quinta casa, quella dei figli.
Di per sé la congiunzione fra i due, come giustamente annoti tu, è abbastanza frequente..quindi si potrebbe piegare a diverse interpretazioni.Mi sembra più una cosa da Mercurio/Venere in segni d’aria quella di dare molta importanza alla comunicazione, anche quella verso i figli, e meno verso il compagno in termini di vero e proprio legame affettivo, ma davvero è un azzardo buttarla lì così.Bisognerebbe vedere il tema nel suo complesso.
Abbracci,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di rosy58
inserito lunedì 22 luglio 2013
Cara Alix, grazie a te per I tuoi spunti sempre molto interessanti.
Sono d’accordo con te quando scrivi che è interessante valutare sempre molto attentamente i simboli rappresentati dai pianeti nelle case, soprattutto quando dall’altra parte c’è una casa vuota: generalmente si va poi a vedere il governatore della casa vuota per capire dove si trova e che aspetti forma eventualmente con altri pianeti o se è isolato.Ma questo tu lo sai già!
Nella mia pratica di temi natali ho riscontrato spesso questa dinamica: come tu hai scritto molto bene e dettagliatamente del tuo mercurio in sesta, contrapposto ad una dodicesima vuota e ovviamente in pesci: le valenze “pescine” e la 12 casa, che rappresenta una casa “chiusa”, la psiche, e molto materialmente istituti, ospedali e anche conventi (religiosità), ti hanno portata a dover vivere per “bocca di tua madre” una percezione/comunicazione (mercurio) di isolamento e chiusura. Anche se per via traversa, diciamo così!
O comunque una percezione che poteva suonarti anche come una minaccia, vista la modalità usata da tua madre per esprimerti la sua idea in merito.
Sono percezioni importanti soprattutto quando ti arrivano da un genitore e tu sei ancora piccolo per poterle elaborare e digerire.
L’aspetto della casa intercettata è altresì interessante! Nel mio caso ho una sesta che inizia in vergine, tiene tutta la Bilancia e venti gradi dello Scorpione. Una sesta importante che trova al suo interno Giove/Nettuno congiunti in Scorpione.
La dodicesima è vuota e cade in Pesci, ma ovviamente tiene al suo interno intercettato l’Ariete e i venti gradi del Toro/ascendente. Nota importante l’asse sesta/dodicesima ha al suo interno anche i nodi: nodo nord in Bilancia e nodo sud in Ariete.
E qui si potrebbe aprire un dibattito!
Come puoi capire avere due pianetoni in sesta come Giove e Nettuno che dovrebbero stare dall’altra parte non è propriamente fantastico: stanno un po’ strettini in una casa di “regole” come la sesta.
Anche se nel tempo hanno lavorato per portare nella vita di tutti i giorni un po’ del loro stupendo colore.
Si sono dovuti adattare a portare nel piccolo, nel quotidiano, il loro grande “peso”, tutto espansione e anticonformismo. Questo per dirti che hai ragione da vendere quando scrivi di dover arrivare ad “unire” qualcosa che nel tema, preso singolarmente, parlerebbe di frammentazione.

A presto,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Rosy58
inserito domenica 21 luglio 2013
Carissima, avresti voglia di "guidarci" un po' nella prosecuzione dell'analisi di Mercurio?
Io per ora non ho in mente nulla, ma dicevi che ce ne sarebbero ancora molte di cose da dire in proposito.
L'unico spunto che mi viene in mente ora è il caso di tre mie amiche con una congiunzione stretta Mercurio-Venere nel Tema Natale (che non è poi rara a ben vedere) accomunate dal fatto che hanno ... diciamo "usato" il proprio partner per avere l'agognato figlio, che poi è diventato il loro unico destinatario di amore e attenzione.
... che ne dici? L'ipotesi è plausibile?

Ciao
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Alix
inserito domenica 21 luglio 2013
Dimenticavo: l'astrologia è sì in evoluzione, ma non godrà del mio geniale contributo intellettuale, perchè non mi ritengo affatto all'altezza di confutare nulla, tantomeno il Convitato di pietra o l'astrologia psicologica... la sto ancora studiando e ancora ce ne vuole perchè la padroneggi abbastanza da sentirmi in grado di fondare nuove teorie o fare a pezzi le vecchie.
I dubbi restano e li lascio lì... faccio teorie tra me e me.
Se tu vuoi aprire nuovi orizzonti e fondare una nuova scuola astrologica, prego, vuol dire che ti ritieni in grado di farlo... ma potresti farlo senza di me, per favore? ;)
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Alix
inserito domenica 21 luglio 2013
Volevo solo chiarire che non avevo dato nessuna risposta a Deva, ma a te.
Per il resto, abbiamo già avuto modo di confrontarci: siamo su posizioni differenti e mi dispiace che continui ad ignorare la mia richiesta facendo finta di non capire. Vedo anche che prosegui a darmi del "voi".
Ognuno ha le proprie rigidità, evidentemente.

Ciao
Stefania

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito sabato 20 luglio 2013
Per Alix. Il fattore assi merita un'ampia discussione. In teoria a un certo punto le stalattiti e le stalagmiti si uniscono e diventano una unica colonna. E' vero però che fino a che non sono unite sono due cose distinte. La verità sta in quello che vediamo e riusciamo a riconoscere. Io non ho seguito bene la discussione sugli assi ma mi sentirei di dare ragione un pò a tutti. Bisognerebbe essere capaci di vedere l'unità e allo stesso tempo lo specifico. Il fatto è che la teoria è una cosa e le persone un'altra cosa. Probabilmente non tutti vivono sulla pelle coscientemente allo stesso modo la vita. Alcuni si fissano su un aspetto, altri hanno un altro bisogno. Comunque ci sarà tempo per sviscerare anche questa problematica.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 20 luglio 2013
X STELLINE:

Stelline, a proposito di insonnia ,dovresti capire se è endogena, cioè tua spontanea causata da questioni psicologiche o da disturbi organici o è diversamente 'un non riuscire a dormire causa frequente e insopportabile disturbo' proveniente dall'esterno, avendo magari un sonno strepitoso che fà si addormentare ma con frequenti risvegli dal primo sonno.
I disturbi da 'rumore' vengono definiti 'inquinamento acustico' ed è un problema talmente grave per la salute umana che esiste tutta una legislazione in proposito.
Secondo zone non si devono superare certi limiti di tollerabilità generale poi ognuno però può avere anche una particolare e più spiccata reattività ai rumori e sensibilità a particolari 'frequenze'.

Se è endogeno può anche essere una manifestazione di stati d'ansia per esempio, di preoccupazioni.
Si dice che anche gli anziani tendano a soffrirne.

Se è causato da 'rumore' fai parte forse di quelle persone invece che non riescono ad addormentarsi se hanno accesi stereo o tv figuriamoci se ci sono problemi di 'chiasso'.
Quindi è un'insonnia 'provocata', cosa che può rivelarsi piuttosto 'stressante' e quindi il non riuscire a dormire è dipendente dall'innervosimento relativo che impedisce il relax.

ciao
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 20 luglio 2013
X ROSY58:

Grazie per il tuo intervento, è proprio quello il punto, l'osservazione degli assi o la proiezione dei simboli planetari sull'asse ti fà osservare una globalità non 'immediatamente' rappresentata.
Inoltre ti fà individuare certe questioni che, come conferma Lola, altrimenti non troverebbero spiegazioni.

Accoglierei la proposta di LOLA di parlare di questo tipo di analisi in futuro :)

A me è sempre parsa una questione molto interessante da approfondire ma poco dibattuta in astrologia e personalmente ne ho trovato riscontri.
Molto interessante la presenza di un solo simbolo contro casa vuota ma ancora più interessante è la valutazione degli 'scambi' ,chiamiamoli così, di due punti planetari in asse d'opposizione, molto più complessa da valutare.

Guarda Rosy58 il mio Saturno è in Sagittario 9a e naturalmente da lì fà i suoi aspetti ed è lì che ha naturalmente il suo punto più importante.
La 3a in Gemelli è vuota ma è solo considerando come se il saturno traesse nella 3a certe sue simbologie che si spiegano certe questioni.
Ad esempio la mia quasi totale assenza di parentela orizzontale e l'idiosincrasia per l'uso del telefono per dirne qualcuna.
Il mio mercurio vergine 6a non spiegherebbe l'esperienza degli 'ossessivi' racconti che la mia genitrice mi faceva ripetitivamente quando ero adolescente e per tutta la sua vita circa la sua esperienza 'reale' di permanenza per molti anni in un collegio (di suore).
Ma se lo pensi come se 'proiettasse' in 12a certi simbolismi potresti rintracciarne gli estremi anche se non è stata un'esperienza 'personale' ma ' vissuta di riporto'.
Questi racconti ebbero comunque un'influenza molto difficile per me, se non altro perchè i comportamenti di mia madre risentirono parecchio di questa sua traumatica esperienza.
Peraltro ci fù un momento in cui mia madre valutò cmq l'idea di farmi entrare in un collegio per via della mia ingestibilità.
Ricordo lo andammo a visitare, poi per fortuna lasciò perdere.
Tu sai Rosy che questi simbolismi appartengono alla 12a che 'apparentemente' nel mio tema è poco parlante perchè vuota ( se non transitata ovvio, al momento dal nettuno).


X MAX:
E bravo, ci sei ancora......
Felice di averti dato un'ideuzza con la mia considerazione stalagmitica :)
Certo che tutto è discutibile, a volte contestabile, capisco, ognuno fà le sue considerazioni appunto secondo modi di vedere ed esperienza e presenta la proposta.
Avevo incrociato l'articolo e te l'ho girato in caso ci fossero spunti utili per ulteriori tue valutazioni in qualche punto della lunga dissertazione.

Il fattore assi come gioca nella tua teoria naturalistica?

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 20 luglio 2013
X STE:

Ste, guarda che mi riferivo al commento che avevi fatto sugli ASSI che mi rammentava che era un concetto proposto già da Morpurgo, il post in cui ti ho citata non aveva riferimenti al mercurio vergine.

La morpurgo l'ho letta e riletta ed è anche una delle astrologhe che mi è piaciuta di più.
Tuttavia personalmente non ho la tendenza a 'ritenere intoccabile' ciò che un'astrologa pur brava, come anche lo è Lidia, sostengono.
Parto sempre dal presupposto che alcune cose potrebbero essere 'rivedibili' degli impianti astrologici proposti, che probabilmente anche loro possono incorrere a volte in errori di analisi e sempre esiste la possibilità di ampliamenti dei concetti.
Tanto è che la Morpurgo stessa, mi pare nel Convitato, in certi punti mette degli 'opportuni' punti interrogativi perchè al tempo del suo lavoro ancora non era riuscita ad 'individuare' certe corrispondenze, giusto a farvi capire che c'è sempre qualcosa di nuovo da scoprire.
Il che testimonia che l'astrologia ,che vi piaccia o no, è sistematicamente in evoluzione.

X DEVA:
Deva, se non fosse che è troppo lungo da fare ti direi di andarti a rileggere dall'inizio tutti gli interscambi tra noi e magari ti 'accorgi sul campo' chi delle due ha analizzato molto di più e con più 'insistenza' il tema dell'altra.
Vedrai che io l'ho fatto minimamente con il tuo, quasi niente, ma il contrario, e questo non fà che confermare l'idea che tu 'non voglia vedere' il che spiegherebbe anche perchè 'ovviamente' non puoi riconoscerti nell'analisi.


Per il resto il post di Lola ti fà capire che al di là di cosa pensi tu Deva, come vedi ci sono altre persone 'oltre a me' che hanno 'notato' e magari tenuto conto nelle loro analisi di questo 'interscambio' assiale.
Forse si potrebbe dire che le parole che abbiamo usato ribaltamento o interscambio non sono adatte.

Morpurgo infatti usava la parola 'proiezione' dei simboli planetari sul lato opposto.

Condivisibile o meno che sia stata la teoria ( mi pare di ricordare che Lidia non la condividesse) a me personalmente ,e vedo quindi anche altre e magari non solo Lola, l'abbiamo 'constatata' come possibilmente di grande interesse per le valutazioni a tutto tondo.

Ciò che non interessa a te Deva come tipo di analisi non è detto che non debba interessare altre o che sia frutto di mie esclusive uraniane e bizzarre elaborazioni.

Come conferma anche Lola spesso solo questa operazione di considerazione assiale spiega certe manifestazioni che fanno intravedere il valore planetario di un simbolo come fosse 'tratto' dall'altra parte dove non è 'apparentemente' presente.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito venerdì 19 luglio 2013
Per Alix. Grazie per il consiglio di lettura. L'ho letto. Solo la prima parte però. Se continuano con questa storia della "Maestra " non arriveranno mai a capire. Il tipo si è impegnato però, e a un certo punto si è pure avvicinato. Quando per esempio parla e fa vedere la figura del vortice. Vabbè, fino a che non impareranno cosa è l'opposizione. Non solo i segni zodiacali hanno il loro corrispondente opposto ma anche lo zodiaco è diviso in due parti contrapposte. Un lato maschio e uno femmina. La Morpurgo compie l'errore di non considerare questa opposizione e da lì i suoi adepti continuano a sbattere la testa. Ps geniale la storia delle stalattiti e stalagmiti, perché non è venuta in mente a me?
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di rosy58 x stellina blu
inserito venerdì 19 luglio 2013
Cara Stellina blu mi fa piacere che il mio post ti possa aver dato spunti di riflessione: ritrovo in ciò che scrivi una buona analisi del tuo aspetto nel tema, soprattutto riguardo alla luna-nettuno. Che bello! Un cortometraggio,,,fantastico... Interessantissimo da un punto di vista di "comunicazione della realtà" portata su un piano di immaginifico.
Anche la fotografia era una tua passione?
Immagino che tutta questa tua creatività ti abbia aiutata molto a superare le piccole/grandi crisi della vita: è un canale fantastico per ritrovare sè stessi e per comunicare con gli altri. La musica è uno dei canali, secondo me, migliori per una luna/nettuno per poter "rilassarsi e meditare".
A presto, un abbraccio,

Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito venerdì 19 luglio 2013
@ALIX

Sai che non avevo dubbi che tu ritenga di "sbagliare difficilmente" :)

Alix.. perchè continui ad analizzare il mio tema ? Cosa avrò mai di così interessante ai tuoi occhi ?? dimmi, dimmi...


lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Alix
inserito venerdì 19 luglio 2013
Ti rispondo perchè mi citi parlando con Deva: credo che tu abbia equivocato, forse perchè non hai mai letto nulla di Lisa Morpurgo. In realtà sono perfettamente d'accordo con l'analisi di Deva in merito a Mercurio in Vergine.

Ciao
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Icaro
inserito venerdì 19 luglio 2013
Leggendo il post di Stelline blu su luna-mercurio debbo dire che ho l’impressione che mi abbiano rubato le parole, talmente tante sono le analogie :-) per esempio l'insofferenza nei confronti dei rumori durante il sonno (a volte mi hanno provocato delle vere e proprie crisi d’ansia per la paura di non riaddormertarmi); neanche a dirlo anch’io dormo con i tappi nelle orecchie...nel mio caso pero’ non parlerei di sollecitazioni ambientali, ma piuttosto di una sorta di ansia di difesa verso il pericolo di essere « disturbato » (forse ha a che vedere con la collocazione nello scorpione).
Anch’io ho cominciato a parlare molto presto e ho avuto sempre un piacere enorme nell’imparare lingue straniere (tempo permettendo...), come vuole probabilmente il mio mercurio in IX casa.

Mi riconosco enormemente anche nelle difficoltà a lasciarsi andare per addormentarsi. Complimenti a Deva che non poteva trovare immagine migliore che quella dell’energia mentale che ti resta «appiccicata» addosso, provocando un sonno leggero e poco riposante.

Saluti
Icaro
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di rosy58
inserito venerdì 19 luglio 2013
Mi inserisco solo "un attimo" nel discorso sugli assi: non sono molto addentro la questione nel senso che non ho mai approfondito veramente l'argomento, ma pensando agli assi per come li state descrivendo mi vengono in mente "le trasparenze" di cui scriveva anche Lidia.
Vale a dire che se sono Vergine dall'altra parte mi ritrovo i Pesci ed è quindi verso "quell'altro da me" che tenderò per trovare la riunificazione del tutto.
Vale a dire "anelare all'insieme delle parti".
Questo si evidenzia molto bene nella complementarietà degli elementi: in un tema balza subito all'occhio, per esempio, ciò che si trova sull'asse tra le case, soprattutto se sono presenti pianeti all'interno di queste ultime.
Come sempre non si può "parcellizzare" e "incasellare" ma bisognerebbe sempre cercare "un'unità" cosmica per decifrare e tradurre i simboli al meglio possibile.
In un tema diversi aspetti si ripropongono facendoci intuire che le dinamiche in quel tema sono rappresentate più di una volta: è la chiave di quel tema in particolare. Se inseriamo in questa chiave di lettura anche "gli assi" utilizziamo uno strumento importante per la decodificazione, qualcosa che ci confermerà o disconfermerà circa gli aspetti presenti nel tema.
A dopo,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di stellina blu per Rosy
inserito venerdì 19 luglio 2013
Cara Rosy,
benritrovata, anch'io ricordo con piacere i post scambiatici anni fa. Ti ringrazio tantissimo per il tempo che hai dedicato al mio post. Ci sono enormi spunti in ciò che hai detto e quindi rispondo gradualmente, altrimenti credo mi perderei..

allora, innanzitutto, sì i miei sogni così come i miei pensieri sono immagini molto potenti e quasi indelebili. la memoria é potente e profonda, tant'é vero che ricordo un dialogo fra mia nonna e mia mamma di quando avevo su per giù un anno. Ho rivisto la foto che mi stavano scattando mentre parlavano fra loro, e ho detto a mia mamma: in quel momento tu stavi decendo amia nonna questo questo e questo. lei, mi ha confermato che era vero ciò che ricordavo, anche se tutt'ora non riesce a credere che io lo ricordi. Della mia infanzia ho dei flash, ma sono potentissimi. Con mia madre probabilmente ho sviluppato una iper sensibilità. la sentivo sempre presa da altro e questo mi ha portato ad allontanarmi da lei.

Per uqnto riguarda la comunicazione, invece , che tu ci creda o no, non mi ha mai creato problemi. Mi spiego meglio. in ogni lavoro svolto sono sempre stata notata per la mia spiccata propensione alla comunicazione e anche per la facilità ad entrare in contatto con le altre persone e ad usare le lingue straniere. mi hanno spesso detto che sono determinata quando esponfgo una mia idea o tesi e che risulto essere molto convincente.
Diverso é il discorso per quanto riguarda il comunicare ciò che sento od ho dentro. questo mi é molto difficile e quando lo faccio, allora lo faccio scrivendo, lettere ad esempio alla mia amica più fidata, oppure scrivendo testi per il teatro o cortometraggi.Mi è difficile esprimere le mie emozioni più profonde. Il teatro é stato uno strumento potentissimo per me. Recitare mi ha aiutato tantissimo, alla fine di una rappresentazione mi sentivo quasi "liberata". per questo forse mi sono sempre interessata ad ambienti artistici e a persone un pò artistoidi. Quando mi ritrovo a dover lavorare incontesti che sento "sterili" in questo senso, allora ho quasi la sensazione di essere "castrata", di non potermi esprimere e di non avere il mio posto. Portare fuori la creatività interna di cui parli, a volte per me é stato molto difficile.

Aggiungo un'ultima cosa, la musica. La mia luna é congiunta a nettuno. Non solo ho sempre ascoltato tantissima musica, ma ascoltandola immasgino dei veri e propri piccoli film. Ascoltando e riascoltando un brano che mi aveva colpito un tempo, ho scritto il mio primo cortometraggio.
spero di poterti rileggere presto!

stellina blu
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di stellina blu per Deva
inserito venerdì 19 luglio 2013
Cara Deva,
é incredibile quanto spieghi riguardo alla tua difficoltà ad addormentarti. Tu dici che quando l'insonnia é prolungata, alla fine riesci poi a dormire. per me é un pò il contrario, nel senso, che più fatico a dormire , più mi innervosisco e più il mio problema si prolunga. mentre più dormo , più dormirei. Quando mi ero rivolta ad una dottoressa esperta di agopuntura, mi aveva detto che ero come i bambini piccoli, meno dormono, più sono nervosi e più faticano ad addormentarsi.

Per quanto riguarda i miei sogni per fortuna non sono tinti di nero, come nel caso della ragazza che citi, di solito, sono piacevoli. Se non lo sono é ad esempio perché sto attraversando un periodo di particolare stress al lavoro, ad esempio. Ricordo che una volta Lidia aveva interpretato un mio sogno in cui mi addentravo in una grande casa. Mi aveva spiegato che la casa rappresenta la propria personalità, se ci sono tante stanze che anncora non possiamo vedere, ad esempio, significa che ci sono delle parti di noi che dobbiamo ancora scoprire. Per quanto riguarda, invece, i sogni legati al parto o al pancione, Lidia mi diceva che riguardano u nuovo progetto, od una nuova parte di noi che nasce consciamente od inconsciamente.

Comunque é assolutamente vero che il mio mercurio risente molto dell'ambiente in cui vivo.Se mi sento bene ed in armonia con le persone che mi circondano,anche il mio sonno é molto più tranquillo ed agevolato ;)

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 18 luglio 2013
Dimenticato Deva....veloce veloce, se no poi dici che i miei post sono 'infiniti' :)

Giove e Saturno sono i due simboli considerati 'PONTE' tra pianeti personali e transaturniani, quindi in certo modo molto più vicini di quanto possa sembrare ad un primo esame.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 18 luglio 2013
Ascolta Deva, anche tu sei liberissima di continuare a pensarla come vuoi e analizzarti l'astrologia come credi seguendo le regole che vuoi e non riconoscerti se non ritieni di farlo, qualcuna può vederti lo stesso nella mia analisi se ti ha seguita molto, come altre magari per niente, secondo 'percezioni'.
Chiaro che finchè la tua vita non si può constatare dal vero nessuno potrebbe dire chi ha più ragione secondo me.
Tu dici di non riconoscerti, io ti potrei dire che difficilmente sbaglio quando ho delle sensazioni e comunque è quello che mi comunichi attraverso quello che esprimi.

Non voglio imporre regole personali, ma di provare a fare almeno ogni tanto anche altre valutazioni accessorie dato che interpreto non solo sulla base di una certa conoscenza dell'astrologia ,che tu sai bene seguo da 20 anni circa e le valutazioni che propongo si riferiscono ad esperienze viste 'sul campo', esperienze di attenta osservazione di 'soggetti' dei più vari.

Guarda anche i Gemelli o chi ha forti valori gemellari sono in genere dei 'grandi' consumatori di 'musica', cosa che ha a che fare, come linea di collegamento con il Giove Nettuniano presente in sagittario.
Oltrechè con le tecnologie mercuroplutoniane di radiofonia etc. presenti già nel segno stesso.

Se poi tu stà cosa allargata degli assi non la vedi proprio, non vederla, chi ti obbliga???

A volte non capisco le tue reazioni, sembra che tu faccia dell'astrologia una questione 'sacra' oltre a pensare un tantinello presuntuosamente di averne capito gli estremi profondi solo tu.
E' una 'materia' e come tale è passibile anche di ulteriori studi, proposte e ricerche.

Stiamo quì apposta a 'scambiare' pareri o no?

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lola
inserito giovedì 18 luglio 2013
Trovo molto interessante il discorso sugli assi.

Magari se ne potrebbe parlare piu' approfonditamente come prossimo argomento.

Ho riscontrato moltissime volte come le case opposte siano in un certo senso "interscambiabili", non soltanto quando ci sono due pianeti in opposizione, ma anche nel caso di stellium (soprattutto quando la casa opposta e' vuota).

Ci sono percorsi di vita che da un punto di vista astrologico ho potuto spiegare solo cosi'.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito giovedì 18 luglio 2013
@ALIX

Che dirti, Alix...mi sembra inutile insistere con te perchè vedo che non se ne esce.

Non sono d'accordo con ciò che dici, ritengo che fai tutto un calderone e ti fai regole del tutto personali.

Il fatto di dirmi che io "considero tutto un unità" non significa certo confondere (come fai tu) i significati appropriati dei pianeti, nei segni e nelle case...e tra l'altro questo la dice lunga su come tu interpreti il fatto che io "considero tutto un unità"....appunto...

Come ti dicevo in passato, Alix, l'astrologia è molto complessa ....non è per tutti e le regole servono proprio per non fare confusione....poi certo bisogna andare oltre le regole per cogliere l'insieme unico di un tema ma PRIMA bisogna aver assimilato molto, molto le regole, diciamo, la tecnica.

Il fatto che tu dici di vivere anche venere in X e la luna in IV dipende dal fatto che questi pianeti hanno funzioni che se non si conosce molto bene i simboli, si possono confondere...perchè venere e la luna sono due funzioni non lontanissime fra loro.

SAturno e giove invece sono lontanissimi tra loro e credimi che non si possono confondere gli ambiti.

Quindi...non mi riconosco proprio nella tua analisi, ma se a te pare così...pensa pure ciò che vuoi Alix...

lara


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 18 luglio 2013
X MAX:

se non sei in vacanza e
in caso seguissi senza intervenire:

ho incrociato un articolo che potrebbe interessarti circa lo schema dei pianeti e l'elica del DNA.
Si intitola:
Confutazione del convitato di pietra ( parte prima e parte seconda)
Non sono stata a leggerlo tutto, ma ho pensato possa contenere considerazioni che vedi mai possano interessare per il tuo schema, casomai mi dici poi.

ciao
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 18 luglio 2013
Sempre sul Mercurio in vergine Deva , dimenticavo........ ho avuto l'impressione che avevate tralasciato tutte una cosa importantissima, che Mercurio in Vergine stà in una delle sue sedi 'elettive' perciò è un mercurio che funziona benissimo e quindi non credo proprio possa conoscere limiti spaziali.
Le altre sedi sapete essere gemelli e scorpione e se vogliamo considerare la trasparenza morpurghiana ce lo ritroviamo anche nel Cancro.
Sappiamo che quando un pianeta stà nelle sue sedi preferenziali non è come se fosse in caduta o esilio.
Il mio marte a differenza, in una sede 'non congeniale' come il toro e per di più afflitto da urano sole e nettuno, funziana male e infatti una delle cose di cui ho sempre risentito di più è la mancanza di 'energia' organica.
Mi stanco facilmente , vado facilmente in 'riserva' e ciò mi obbliga a frequenti pause di recupero.


Sempre sugli assi:
prendiamo cancro capricorno, mai notato che dietro l'apparente durezza saturniano capricornica c'è un forte influsso lunare?
Mi vengono in mente li per lì 3 uomini capricorno che hanno tutti demandato alle mogli ,diciamo così il 'comando' e mostrano nei confronti delle stesse una certa 'debolezza succube'.
E del resto stalattiti e stalagmiti calcaree sono formate da 'gocce d'acqua' sempre come connessione assiale.
Il cancro per contro è molto meno debole di quello che sembra perchè retrostante stà la durezza di asse saturniana capricornica 'non apparente' e perciò molto ben mascherata dalla Luna.
Basta farci caso.
In me la congiunzione sole con urano enfatizza particolarmente i simbolismi uraniani, ma urano di sottofondo mi è parso presente cmq, per via dell'asse acquariano, in ogni rappresentante Leonino.
Leoni e Leonesse di solito sono personaggi in qualche modo sempre 'originali' (urano), li noti in genere per una sorta di 'diversità' ( sempre urano).
Cambiano forse le 'misure' delle manifestazioni secondo anche tutti i vari altri aspetti presenti in ognuno, ma le valenze degli assi come tutto il resto incidono.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 18 luglio 2013
Sempre x Deva:

Deva, conosco ben poco della tua vita per fare valutazioni di assi, individuare manifestazioni di giove in 6a e saturno in 12a come fossero ribaltati o fusi non mi sarebbe possibile senza conoscere il tuo tipo di vita e il tuo ambiente da vero.
Potrei azzardare che potresti essere 'ben pagata' ( giove dalla 12a tratto in 6a) rispetto alla media intendo, per un lavoro faticoso o noioso ( come direbbe il tuo saturno in 6a).
Ma non essendo questa l'unica espressione possibile saresti tu quella che dovrebbe notare queste cose.
Come ti ho detto sul mio tema e sul tema di persone di cui conosco le storie dal vero ho notato queste connessioni di pianeti opposti sugli assi.

Quella che ho personalmente (solo a percezione però) è che tu viva una 'consapevolezza gioviana' da 12a come da dietro e dentro ad uno 'steccato' creato in 12a da quel saturno 6a.
Un pò come un Truman Show, una serenità consapevole (giove) ma all'interno di uno spazio molto ristretto ( saturno).
Questo rappresenta sia il tuo spazio interiore da 12a che probabilmente allo stesso modo la tua vita materiale 6a all'interno di un clima gioviano/saturnino che formalmente trova difficoltà ad 'espandersi' e a superare il confine sia nel dentro 12a che nel fuori 6a.

Guarda che non è un caso forse sai che tu non abbia avuto esperienze di sogni lucidi che per loro natura travalicano certe dimensioni 'note'.
Secondo me per essere una sagittaria hai una spiccata 'paura' dell'avventura.
Avventura che può significare tantissimi livelli di manifestazioni sia nel materiale che nello spirituale, Giove in 12a inviterebbe ad espandersi anche interiormente ma il peso saturnino dell'asse con saturno 'trattiene' e ti zavorra come fosse in 12a come vedi.

Poi, come sempre, vedi tu se prendere in considerazione o cestinare, ho la sensazione che molto di quel che ti ho espresso in questi anni ti sarà in un certo senso più chiaro e un pò più condivisibile solo quando Urano transiterà sulla 7a toro e poi meglio ancora in gemelli nella tua 8a.
Urano ora in transito sul tuo saturno ti dà modo di 'aprire la porta' e uscire fuori dal mondo sicuro e protetto in senso simbolico o reale.

Purtroppo non conosco gli estremi della tua vita dato che di te poi racconti poco, fosse un'altra persona le direi che potrebbe dover attraversare in futuro l'esperienza interiore di una separazione vera e propria.
Spero non sia caso che ti riguarderà, come ho già detto a Rosy è sempre un pò un azzardo tradurre i simboli senza conoscere bene i rapporti e l'ambiente effettivo in cui gravita una persona.

Dimenticando ciò, sempre che tu voglia considerare la 'fusione' dei simboli gioviano/saturniani sull'asse 6a/12a sò che li tradurrai benissimo e meglio da sola.
Mi fà strano che il senso di unità che sostieni di sentire continui a considerare questi due 'campi' come nettamente separati oppure invariabilmente solo 'opposti' e facenti parte di due dimensioni separate.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 18 luglio 2013
X Stelline e Deva:

A proposito di 'insonnia' ricordo di aver letto una analisi 'psicosomatica' che se volete potete valutare.
Secondo questo articolo l'insonnia cronica è tipica di persone che 'non vivono veramente la loro vita'.
Perciò, dato che l'addormentarsi è ritenuto una 'piccola morte' è come se volessero 'tardare' l'abbandono della vita prima di 'aver vissuto'.
Come se volessero 'recuperarne' ogni minima parte possibile prima di lasciarla.
Quindi andrebbe valutato il coinvolgimento nel proprio 'stile di vita' che pare carente di qualche tipo di intensità ritenuta necessaria ma non presente in quei periodi.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 18 luglio 2013
Citty, che vuol dire che non riesci più a leggere i commenti? in quale senso?
Mi ha sorpreso questa uscita, forse mi sono persa qualcosa che hai detto in precedenza.....


X Deva:
ti ha risposto Ste, per me, ma proprio tu che consideri tutto una 'unità' finisci per differenziare estremamente e assolutamente 'divisivamente' e 'parcellizzatamente' certe particolarità globalizzanti dei temi che invece hanno forti 'nessi' e 'connessi'.
Chiaro che un Mercurio vergine 'tipo' non è un mercurio pesci 'tipo', ma l'asse di un mercurio vergine avvicina i significativi di mercurio y virginei a giove nettuno pescini.
Indipendentemente da chi lo possegga, nel mio caso essendo in 6a ovvio che è ancora più collegato alla 12a ma era solo per dire che ovvio che me ne sia 'accorta' più facilmente.
L'interesse per gli alieni che direi più appartenenti cosmicamente ad una 12a pesci ,come simbologia e letteratura inerente, è abbastanza tipico di chi hà il mercurio vergine, lo avevi notato mai?
Conosco un vergine con as. vergine con mercurio e nettuno in vergine 1a classe 1936, quindi non appartenente ad una generazione che ha 'sdoganatato' credenze in vite alternativo cosmiche che già ne era attratto ai tempi suoi.
Quindi come vedi il mercurio vergine 'spazia' più di quel che credi, magari non sempre in modo 'apparente' vista l'uranicità pratica del suo approccio.
Il soggetto in questione è un imprenditore assolutamente da sempre volto a questioni superutilitaristiche, eppure........

X Icaro:
grazie per le info, devo dire che sul momento, per questione 'VOLI' quello che ho notato è soprattutto la presenza in entrambi di case 9a e 12a evidenziate da transiti importanti, chiaramente LUNA rilevante.
Può essere di interesse.....
Cmq volare indica l'acquisizione di 'capacità' e particolarmente il superamento di 'paure'.
Paure che possono essere di varie tipologie inerenti processi interiori o per questioni morali o di vita, è sempre il superamento di qualche grosso ostacolo che si è trovato.
Quindi 'vai' e 'vola' che sei su qualche giusta evoluzione per te stesso :)

Da adolescente mi ricordo facevo spesso il sogno di 'non riuscire a camminare'.
Credo sia abbastanza emblematico da se, sensa analizzare troppo, sognavo di voler attraversare una strada e di non riuscirci perchè mi sentivo come 'impantanata' con le gambe pesantissime, di solito per lo sforzo mi svegliavo.
Chiaro che non fossi ancora 'pronta' ad affrontare certe difficoltà della vita, poi è passato e non ho mai più rifatto questo tipo di sogno.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ROSY58
inserito giovedì 18 luglio 2013
Ciao Citty, appena potrò ritornerò a scrivere nel blog: ma vedo che comunque langue un pò la discussione in merito a Mercurio.
Forse è già stato detto tanto?
Se qualcuno ha da aggiungere ben lieta di commentare: onestamente penso che si potrebbe ancora scrivere parecchio sul folletto celeste.
Magari prendendo spunto dal proprio Mercurio personale come fatto fin qui.
A presto,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di citty
inserito mercoledì 17 luglio 2013
Non riesco piu´a leggere i vostri commenti. Perche´?
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito lunedì 15 luglio 2013
ciao Stellina

da quanto mi racconti sui sogni è quindi probabile che la posizione della tua luna in VIII corrisponda ad un attività onirica molto intensa di cui rimane anche memoria.
Conosco una ragazza con luna scorpione in VIII opposta a giove in II che è tormentata da incubi, falsi risvegli ed episodi inquietanti, immagino proprio perchè, con la luna in questa posizione c'è una maggiore connessione con l'inconscio e nel suo caso con luna scorpione, i sogni sono tinti di "nero".

Riguardo ai sogni...anche io tempo fa, sognavo una casa in particolare che sarebbe dovuta diventare la mia casa (ma solo nel sogno) e io andavo a perlustrarla, e ogni volta scoprivo nuove stanze.....e questo credo che sia proprio in analogia con una luna sagittario che tende a spaziare ed espandersi....che forse non è molto diverso, per analogia al sogno del pancione :)

Ah, ora ricordo del tuo problema di insonnia. Allora mi sa che può effettivamente dipendere anche da mercurio in II in aspetto alla luna, che nel tuo caso governa l'asc.gemelli progresso, tra l'altro.
Credo che comunque un mercurio in II sia molto attento alle sollecitazioni ambientali e quindi corrisponde ad un sonno leggero perchè questo pianeta è sempre all'erta a captare qualsiasi elemento di disturbo e poi chiaramente ciò che più disturba il sonno è l'attività mentale legata appunto sempre a mercurio.

Riguardo a me ho dei periodi in cui questo problema è pesante, come la scorsa settimana...poi quando le notti insonni diventano troppe riesco finalmente a dormire.

So che dipende tanto dalla mia "mente"....se ci sono delle questioni che mi prendono molto di "testa" poi non riesco a staccare...e non è nemmeno il fatto che ci penso di notte, perchè non è così...è proprio che rimane addosso una sorta di "energia mentale" che ritarda o impedisce il sonno e credo che anche tu ne sappia qualcosa ;)

Bisognerebbe imporsi di staccare qualche ora prima di andare a letto, predisponendosi ad una dimensione più "lunare" e meno "mercuriale"...ma...facile a dirsi eh..eh..

ciao

lara



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di stellina blu per Deva
inserito domenica 14 luglio 2013
Cara Deva, grazie per aver risposto al mio post. ci sono molti spunti di riflessione all'interno della tua risposta.Innanzitutto, mi ritrovo su ciò che ipotizzi riguardo la mia opposizione mercurio gemelli e luna nettuno sagittario. Si giova sull'asse II-VIII quindi mette in gioco i miei valori personali con quelli degli altri. E' vero che sento ancora oggi che mia mamma non da valore a ciò che dico. Per lei contavano solo i miei risultati scolastici quando ero più piccola. Aggiungo a questo che lei non ha mai avuto una grande predisposizione ad ascoltare l'altro, se la cosa non le interessa, per quanto sia importante per te, ti fa capire che ha di meglio da fare. Per difendermi io mi sono chiusa molto quand'ero più giovane. Andare all'università ed uscire da questo contesto famigliare é stato liberatorio per me. Perché adoro lo scambio e gli altri, e da lì in poi non vi ho più rinunciato nella mia vita. ma é qualcosa che é sempre avvenuto al di fuori del contesto famigliare, che non ho mai percepito propizio in tal sento. Come se per chi ne facesse parte, non contasse nulla ciò che sentivo o provavo.
Aggiungo anche che mia madre ha sempre avuto all'interno del nucleo famigliare un carattere dominante ed io sono sempre stata l'unica a contrastarla, mentre gli altri piuttosto di non litigarci lasciavano scorrere...é un sole scorpione congiunto a marte...insomma, non proprio una mamma dolcissima...Puoi immaginare le dinamiche che si sono create fra noi, con me che ho un sole, marte e ascendente nel segno opposto del toro. Razionalizando tutto io cercavo di sfuggire a quelle che per me erano sue "mancanze d'attenzione" nei miei confronti e per le quali in realtà soffrivo molto.

Per quanto riguarda i sogni, io sogno tantissimo e spesso faccio dei sogni ricorrenti. non sogno spesso l'acqua onestamente, il sogno che ho citato é stato un caso. da qualche anno sogno spessissimo case. Sono sempre molto grandi e non sempre riesco a vedervi tutto. A volte ho dei periodi interi in cui non faccio che sognare me stessa con il pancione o mentre sto per partorire. Questi sono i sogni che mi accompagnano da circa 3-4 anni. Ricordo invece che al liceo continuavo a sognare di provare o comprare in un negozio scarpe rosse.I sogni sono immagini comunque molto forti che restano nella mia memoria a lungo.

Per quanto riguarda il sonno invece é molto leggero. In particolar modo ho difficoltà ad adormentarmi e a lasciarmi "andare". Soffro di insonnia infatti dall'età di 11 anni. Una volta ne avevamo già parlato discutendo del mio tema progresso. Tu avevi notato che il mio ascendente era passato infatti nel segno dei gemelli proprio quando io avevo più o meno quell'età e mi avevi chiesto cosa questo aveva comportato per me. L'insonnia, la difficoltà ad addormentarmi, soprattutto in momenti di stress.

Tu hai mai avuto questo problema o si tratta, nel tuo caso, solo di un sonno estremamente leggero?

grazie e a presto!



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Alix
inserito sabato 13 luglio 2013
In merito al discorso Mercurio in Vergine che agisce come un Mercurio in Pesci (e alla tua solita manfrina: considerate spunti "nuovi"!), vorrei ricordarti che l'astrologia di Lisa Morpurgo si chiamava "astrologia dialettica" proprio perchè considerava le coppie dei segni opposti tra loro come un unico asse da valutare nella sua interezza.
Io mi sono formata sui suoi libri. Ciò che mi proponi non solo non mi è nuovo, ma è la mia base di studio.

Bentornata.
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito giovedì 11 luglio 2013
@ALIX

Alix, non so bene di cosa stai parlando, e non mi va di rileggermi tutti interi i tuoi infiniti post, ma mi sembra che nei post precedenti parlavi di mercurio in vergine IN GENERALE e ora lo cali nel tuo tema dove è sestile a nettuno. Quindi ?

Lo so che ti è difficile non vivere te stessa come unità di misura universale ma rimane il fatto che l'astrologia ha delle regole e un mercurio vergine è mercurio vergine e non un mercurio pesci.
E poi ancora, un mercurio in vergine in VI è diverso da un mercurio vergine in XII.
E questo non significa assolutamente che uno è meglio dell'altro. Sono semplicemente DIVERSI. Ognuno con la sua modalità di espressione che ovviamente, essendo opposta, rappresenta i due lati della stessa medaglia, ma appunto i DUE LATI. Perchè se non fossero DIVERSI (e quindi complementari) vorrebbe dire che la medaglia non ha lati...ma di fatto ne ha due...o no ??!!

Alix, insistere su questa cosa veramente non ha senso perchè come si fa a negare la diversità delle manifestazioni dei pianeti nei segni ? significa negare l'essenza stessa dell'astrologia che proprio nella molteplicità che porta con se infinite sfumature esprime tutta la complessità della dimensione umana.

Riguardo alla mia opposizione...ma in che senso giove manifestarsi nella VI e saturno nella XII ?? non ti seguo...posso dire che saturno si è manifestato nella XII quando è transitato, l'altr'anno e in parte quest'anno in questa casa, altrimenti, no, ognuno ha il suo ambito di espressione.

lara


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Icaro
inserito giovedì 11 luglio 2013
Ciao Alix,

Grazie per il tuo messaggio.
Proprio qualche giorno fa, circa una settimana, neanche a farlo apposta ho rifatto questo sogno, rimettendomi coscientemente a volare; ma stavolta la sensazione é stata molto più vaga, tanto che svegliandomi non ne ricordavo più nemmeno la conclusione.

Non so se ho ben compreso la tua domanda; comunque, sperando di non averti frainteso, ti dico quali sono i miei transiti in questo momento rispetti a quelli che avevi tu all'epoca:

Saturno: in questo momento « lavora » sulla mia opposizione luna-mercurio natali; é in IX casa e si oppone alla luna toro in III e il prossimo anno, entrando in X, si congiungerà al mio Mercurio scorpione sulla cuspide della X

Urano: in II casa ha appena cominciato il transito di opposizione alla mia congiunzione Marte-Urano in Bilancia in VIII.

Plutone : é nella mia XII dove resterà ancora per una decina d’anni; ha appena cominciato il transito di trigono alla mia luna toro e sta per quadrare la congiunzione Marte-Urano in Bilancia...

Transiti non trascurabili... e come vedi la Luna é fortemente chiamata in causa...

Un saluto
Icaro

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 11 luglio 2013
Dato che vedo che argomento 'sogni' è stato trattato anche da Rosy58 aggiungo che con il transito plutoniano sulla mia luna sono cambiati rispetto a prima e almeno per questi ultimi tempi i sogni di 'volare' non mi si sono più presentati molto.

I sogni sono piuttosto 'elaborati' complessi, pieni di situazioni, interagisco tantissimo con personaggi di tutti i generi in situazioni caotiche e stranissime.
Quando sognavo di volare di solito ero prevalentemente sola nel sogno a parte 'presenze enigmatiche' che direi indefinibili che 'osservavano'.
Manco a farlo apposta ora invece sono sogni a tinte 'scure' come atmosfere leggermente dark dove spesso si 'intravedono' luccichii dorati.
Segno che è in atto quantomeno una 'potente elaborazione' suppongo di un qualcosa che sarà molto più chiaro solo dopo.

Non sono sogni 'rilassanti' ma non sono incubi, è come se mi muovessi in 'ambienti vari' sempre piuttosto 'affollati' in costante movimento.
Come quando 'rotola la lava giù da un vulcano'
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 11 luglio 2013
X Stelline:

Stelline,
Se l'opposizione la vedi in maniera 'divisiva' può essere che sia tu a notare più una funzionalità che l'altra.
Ma dato che tutti i simboli sono all'opera nessuno è veramente silente.
Se la vedi in maniera 'integrata' i simboli scambiano anche nel senso che fluiscono insieme in qualcosa di unico che 'rappresenta' inevitabilmente 'entrambi'.
Io credo che molto dipenda da come si osservano le cose, l'opposizione non è sempre un 'contrasto' per me.
E' la quadratura molto più 'separativa' a mio parere.
Anche se per analizzare si esaminano tutte le questioni inerenti una tematica, personalmente non sono le opposizioni i punti del mio tema che ritengo più ostici.
La quadratura doppia del mio marte con sole e urano più sole quadrato a nettuno è un punto nodale più rilevante.
Anzi direi che in tutto ciò, l'opposizione Marte Nettuno che si forma figura persino come il legante provvidenziale in atto.

Io non ho sentito 'conflitti interiori' circa l'opposizione Luna 10a Venere 4a.
Nel senso che non si creava il conflitto tra il desiderio di stare piacevolmente in casa con quello di aspirazioni di carriera per esempio, semplicemente orientavo le mie scelte in maniera da poter svolgere la professione in spazi privati ( integrazione 4a 10a luna venere).
Il conflitto si è creato si certo, ma solo quando 'incidenti imprevedibili' hanno impedito il proseguimento di questa ideale realizzazione, perchè è chiaro che vedevo una eventuale 'professione' fuori da spazi miei come un dramma assoluto.
Non potendo risolvere altrimenti ho preferito stare piacevolmente a casa, cosa che riunisce cmq luna con venere anche se può sembrare una 'prevalenza' di venere 4a su luna 10a.
Forse nel mio caso questa faccenda riunitiva è stata favorita dall'avere l'opposizione di luna su una 4a venere cancro ( che è comunque spiccatamente lunare).

Mi pare che il tuo mercurio gemelli che si oppone a luna sagittario esprima dopotutto anche l'integrazione tra il tuo piacere di parlare gemellare e le lingue sagittario, così hai potuto 'aumentare' la possibilità di comunicare conoscendo più idiomi.

Personalmente invece non sò spiegare da cosa dipenda la mia difficoltà a parlare lingue diverse, mercurio formalmente non ha afflizioni ne di opposizioni ne di quadrature.
Anche se le conosco un pochetto non riesco a pronunciarle bene e sopratutto non le intendo a 'orecchio'.
Nel senso che se mi scrivi una frase in inglese magari con quel pò che sò riesco a tradurla ma se la 'pronunci' non la capisco quasi mai.
Impensabile poi per me imparare una lingua a 'orecchio' come ho visto fare ad un sagittarione che parla benissimo in americano a cui sono bastati soli 3 mesi in russia per riuscire a masticarne già.
Insomma nessuna 'predisposizione' alle lingue:
casa 3a gemelli vuota casa 9a in sagittario saturno e in questo peserà quel mercurio vergine 6a che mi fà preferire la parola 'scritta' 'stampata' in un certo senso.
Come nota di stranezza accessoria comunicativo parlante ho un grande interesse per la lingua dei 'segni' quella dei non udenti definita L.I.S.

ciao

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 11 luglio 2013
Ah...scusate dimenticanza MOLTO IMPORTANTE per ICARO e per chi non conosce il mio tema, tutti questi transiti coinvolgevano molto da vicino la LUNA che è situata in capricorno 10a.
Praticamente è sistematicamente stata sollecitata da transaturniani in congiunzione e sestili.


Mi è venuta in mente un'altra cosa, ma considerate mai la diversità dei transiti transaturniani tra 'parte della mappa' tra 1a e 6a e 7a e 12a ???
Perchè secondo me vanno a lavorare diversamente, pur collegando per 'assialità' i simbolismi.

Voglio dire, se un transaturniano come nettuno passa in 12a , per forza di cose è 'collegato' alla 6a e viceversa.

Possibile che non abbiate mai notato sul vostro tema questi nessi?

Tu Deva ,che so che hai impegnato un asse con 2 pianeti, vuoi veramente sostenere che tu non hai 'MAI' visto funzioni del tuo GIOVE 12a manifestarsi nella 6a e del tuo SATURNO in 6a con manifestazioni da 12a ???

Sai che ho LUNA VENERE opposti tra 10a e 4a, personalmente ho notato spessissimo come se questi due simboli e case operassero come se la Venere fosse in 10a e la Luna in 4a.

Gli assi in opposizione 'interscambiano'.
E' la quadratura che forse non consente interscambio.
Tutto da valutare ma cmq forse la quadratura è più facile che non permetta un fluido scambio e infatti 'i 2 assi' che la coinvolgono coinvolgono simbolismi molto diversi.



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di stellina blu
inserito giovedì 11 luglio 2013
Care Deva e Rosy, ringrazio entrambe per gli spunti acuti ed interessantissimi che mi avete dato. Ora sto per uscire e non ho molto tempo per rispondervi, ma lo farò questa sera al mio ritorno, così posso elaborare meglio ciò che mi avete scritto e riflettere profondamente. I sogni che faccio sono in effetti immagini che restano allungo dentro di me, anche da sveglia, mentre il sonno di per sé non é molto profondo. Ma vorrei parlarne in modo approfondito. A più tardi allora! é un gran piacere poter comunicare ancora con voi!

stellina blu
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 11 luglio 2013
X Rosy58, Ste e Deva:

Per altri impegni non ho potuto assolutamente più seguire, e al momento non ho potuto rileggermi attentamente tutti gli altri post inseriti.

La mia risposta per voi si riferisce quindi ai vostri 3 post che hannno seguito i miei ultimi:

Il mio mercurio vergine tanto per evidenziare è sestile a nettuno che di suo è strettamente congiunto a Giove.
Quindi traete voi le deduzioni a seguire rispetto proprio ai vostri commenti, che guarda caso hanno sottolineato l'importanza di tali connessioni.
Se prendete il mercurio senza questi collegamenti chiaro che non lo vedrete mai in un certo modo.

Per questo dovreste anche valutare la teoria del fluire dell'interscambio sugli assi che ripropongono rapporti 'mercurio giove nettuno Y' tra vergine pesci.
Ho spesso notato la frequenza assoluta di rapporti di 'attrazione' tra persone toro e persone scorpione per esempio, come tra leone acquario e via dicendo.
In sostanza perchè nonostante l'apparente 'opposizione' sono 'simili' e si interessano e danno importanza alle stesse cose essendo parti dello stesso simbolismo assiale.
Se poi preferite continuare a pensare in altro modo ,senza prendere nemmeno in considerazione nuove proposte, a me pare che siate voi che non vogliate 'aprirvi' a diverse considerazioni e ottiche di pensiero 'anche astrologico' da valutare.
:)

X Stelline:
Ciao , bentornata :) guarda tocchi un tasto 'iperdolente' con la questione 'fastidio da rumore'.
Sono impegnata, per ora senza esiti, a cercare di far definitivamente risolvere proprio una questione relativa.
E' proprio uno di quei momenti in cui penso e ripenso che all'atto pratico effettivo 'accidentaccio' accio accio, l'astrologia non serva a 'niente' di 'niente'.
Riuscisse a dire quando è il momento migliore e l'orario migliore per cercare soluzione a certe situazioni 'esasperanti' verso le quali non si possono avere poteri diretti di soluzione diventerebbe di 'grande utilità'.

Avevo scoperto tempo fà che vorrebbe fregiarsi di tale capacità la tecnica di 'astrologia oraria', non sò se la conosci e conoscete, valuta solo i pianeti visibili con l'occhio , fino a saturno.
Tecnica che mi ha sempre lasciata francamente molto 'perplessa' proprio per la strana e secondo me inattendibile impostazione.
E' uno dei tanti sistemi astrologici eventualmente da conoscere a titolo giusto di
' nota'.


X Icaro:
Icaro, bentornato anche a te, ciao

Sognare di volare è sintomo di 'acquisizione di sicurezza in se stessi', coscienza di se ed è sintomo anche di 'grandi aspirazioni'.
Se cadi significa che tali sicurezze in te stesso, anche se magari cominciano a 'palesarsi' dato che il sogno hai iniziato a farlo, non sono ancora completamente 'collaudate'.
Puoi imparare a volare negli stessi sogni lucidi perchè entrando nel sogno ,quando ti capita, puoi pilotarlo.
A me è capitato da sempre di far sogni di alzarmi in volo, fino ai 30 anni circa però appena mi succedeva avevo questa tua stessa impressione di 'cadere' e mi svegliavo.
Dopo i 30 anni questo tipo di sogno ha cominciato a presentarsi con una frequenza notevole.
Credo di averlo già raccontato, cmq una volta improvvisamente mi sono resa conto 'nel sogno' che 'essendo un sogno' anche se cadevo non potevo farmi male.
Da lì son poi partita per 'scorribande notturne' a gogò.
Nei primi tempi non mi alzavo molto rispetto alla linea di terra, poi man mano, acquisendo familiarità con questo tipo di sogni, mi alzavo sempre di più.
Mi pareva di volare alto alto girando intorno alla stessa terra, avevo spesso l'impressione di trapassare muri tipo fantasma e a volte incontravo 'altri volatori'.
Trapassare i muri è un'altro 'ostacolo' dopo l'aver imparato a gestire il sogno di volo, perchè la mente del sogno te lo fà vedere come un muro 'reale' dove ti vai a schiantare se non ti fermi.
E' lo stesso 'superamento di paure' che si ripresenta dopo l'aver vinto la paura di cadere.
Il sogno permette di conoscere se stessi meglio di altre cose a mio vedere, perchè 'non racconta frottole'.
L'autoanalisi senza la valutazione concomitante dei 'tenore dei sogni' può nascondere certi aspetti che invece nei sogni sono molto evidenziati.
Chi sogna di volare stà superando delle 'fasi' molto impegnative, stà acquisendo delle capacità interiori che gli verranno utili in fasi seguenti di vita.
Perciò insomma è un buon segno per te se si ripresenta :)

Mi piacerebbe conoscere il tuo rapporti astro rispetto a questi dati:

questo tipo di sogni sono letteralmente 'esplosi' con i transiti nel mio tema messi così :

Plutone Scorpione 8a
Urano Saturno e Nettuno mi formavano la famosa megacongiunzione in capricorno 10a.
In seguito il fenomeno è perdurato vivissimo con il transito di Plutone in Sagittario 9a Nettuno Acquario 11a e Urano che ha transitato nei 14 anni ancora rispettivamente acquario 11a e pesci 12a.

Ricordo ora un post di Lidia quì che faceva riferimento al 'distacco' tra corpo e psiche determinati da 'opposizioni urano mercurio'.
Il chè mi farebbe pure pensare che Y coinvolto potrebbe rappresentare l'anima della persona.
Passando urano in 12a mi ha fatto inevitabilmente anche opposizione a mercurio e plutone.

Volare è ritenuto uno dei fenomeni OBE, alcuni differenziano sogno lucido e obe , altri la considerano parte della stessa manifestazione.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ROSY58
inserito giovedì 11 luglio 2013
Cara Stellina Blu, ben ritrovata! Ricordo I tuoi post di qualche anno fa con molto piacere..
Prendo spunto dal tuo post su Mercurio in opposizione natale a Nettuno e Luna…
Seconda casa materica legata simbolicamente al segno del toro e ottava casa d’acqua legata simbolicamente al segno dello scorpione….Tu hai seconda gemelli/energia d’aria e ottava sagittario/energia di fuoco..
Ciò che mi viene in mente è che le simbologie di fuoco espresse dall’accoppiata di luna+nettuno sagittario sono in una casa d’acqua: mentre mercurio in gemelli energia d’aria deve prendere “materia” in una casa di terra.
Questo per dire che, secondo me, le tue intuizioni sono da casa ottava ma espresse per immagini come vuole il fuoco, memoria ad immagini…Potrebbe essere che la concentrazione si mantenga per poco su un focus e cerchi di spaziare, volando, ad occhi aperti, in mare aperto…Quasi a rincorrere fantasie potenti per sfuggire ad un quotidiano restrittivo. Memoria comunque potentissima e profonda.
I sogni sono potenti e ad immagini, ma anche le fantasie…c’è molta creatività interiore con luna e nettuno in sagittario (giove)…anche fiducia in qualcosa che va al di là della mera realtà quotidiana…nonostante la routine quotidiana.
Sono valori simbolici inseriti in un contesto di ottava casa molto potenti, enormi sotto l’aspetto psichico ed onirico… Mercurio dalla seconda potrebbe perdere in razionalità ed acquisire in profondità introspettiva al punto che la comunicazione verso l’esterno non riesce a svolgersi in maniera lineare ma trasversale, come a dire che si riesce a comunicare per esempio molto bene su un piano immaginifico e meno su un piano di realtà concreta… L’opposizione indica che vi è la ricerca dell’integrazione dei due opposti..se mercurio nettuno invitano a mantenere poco la concentrazione su un singolo elemento o un dettaglio, con il rischio di non riuscire a comunicare in modo diretto ed efficace, l’energia sagittario e l’energia gemelli donano la capacità di abbracciare il mondo…le lingue, per esempio, gli stranieri, il diverso, la curiosità tutta gioviana di incontrare “altro da noi”..
Nettuno non ama i confini, ama gli spazi aperti e profondi, non incasella, non parcellizza: lo spazio infinito della mente, e di quella psichica profonda, in ottava si apre appunto all’infinito: i sogni sono un canale importante per una luna nettuno in ottava…danno proprio risposte a ciò che accade nell’anima.
Non sono brava ad interpretare i sogni, ma i tuoi saranno sicuramente sogni ispiratori e quindi dovrai ascoltarli bene perché ti suggeriranno davvero “le strade da seguire della tua anima”.
Le memorie legate al passato e all’infanzia potrebbero essere legate a forti emozioni vissute più che su un piano di realtà su un piano psichico di percezione quasi extra-sensoriale….se si è percepito “male” o falsato rimane il ricordo indelebile di esperienze che lasciano dei segni concreti nel corpo (seconda casa)…difficili poi da “vedere ed elaborare” – giove/sagittario, vista ed elaborazione, sta dall’altra parte in ottava.
La percezione della madre e del rapporto con lei sarebbero da valutare molto bene perché nelle case d’acqua come l’ottava è vero che “si sente” anche senza vedere con gli occhi tutto ciò che di “nascosto” ed occultato potrebbe esserci stato nel rapporto con lei ma è anche vero che si è iper-sensibili e quindi pronti ad erigere difese per non soffrire, soprattutto a livello psichico (ansia).
A dopo,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito mercoledì 10 luglio 2013
ciao Stellina

ho ancora in archivio i tuoi dati così ho potuto fare delle riflessioni più ampie.
Ciò che hai raccontato di tua madre che ti "zittiva" mi ha fatto pensare anche al tuo sole in I opposto a urano che propone l'eterno conflitto io-l'altro;
altro che inevitabilmente ti mette in discussione perchè ti propone valori, contenuti, principi, diversi dai tuoi.

Mercurio in II che oppone luna nettuno in VIII va ad approfondire, su un piano diverso, questa tematica perchè la II casa e cossignificante del tuo sole toro che oppone urano scorpione.

E' come se tua madre ti dicesse "ciò che dici non ha valore"...e inevitabilmente questo suo "messaggio" ti confondeva (nettuno) e ti spingeva ad essere ancora più "mentale" per gestire l'ambiente intorno a te.

Credo che l'integrazione di questa opposizione debba andare nella direzione del "comunicare ciò che profondamente SENTI (luna) e ha significato per te (sagittario)"

Riguardo al sogno, mi viene da pensare che l'acqua sia collegata alla luna congiunta a nettuno. Sogni spesso l'acqua ? Comunque mi sembra un sogno di pacificazione, come se ti trovassi in un momento di ritrovata serenità o al contrario, come se la desiderassi.

Volevo chiederti una cosa riguardo al sonno e ai sogni, visto che hai la luna sagittario in VIII, mentre io ho la luna sagittario in II.

Io ricordo poco i sogni e ho un sonno molto leggero, cosa imputabile sia alla mia cong.a mercurio ma credo anche che dipenda molto dalla II casa che corrisponde alla dimensione manifesta della realtà e quindi poco in sintonia con la dimensione onirica, direi molto legata alla casa VIII e alla XII.

A te come va da questo punto di vista ? grazie

ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di stellina blu
inserito mercoledì 10 luglio 2013
Vi prensento il mio mercurio ! :)
Si trova in gemelli in seconda casa ed é trigono al grado a plutone ed opposto alla mia luna-nettuno in sagittario (ottava casa).
Che posso dire a riguardo per iniziare uno scambio con voi? beh , innanzitutto ricordo che varie volte Alix ha sottolineato il fatto che rapporti mercurio -plutone dinao una iper sensibilità al rumore ed anche a pesnieri negativi. Concordo perfettamente sulla prima affermazione.La mia attuale stanza da letto ha la finestra rivolta verso un grande e rumoroso Boulevard. Sono diventata talmente intollerante rispettoa l rumore del traffico da dormire costantemente con i tappi nelle orecchie...e letteralmente questa mia insofferenza verso il rumore non fa che crescere...
Riguardo ai pensieri negativi, riflettendoci mi sono accorta che sì, ne ho avuti, ma sono stati limitati a determinati periodi della mia vita in cui le cose non andavano affatto bene... capisco a volte di intravedere negli altri "il loro lato oscuro", ma poi blocco queta mia percezione, dicendomi che é solo una sensazione e che per tale motivo può essere sbagliata.

per quanto riguarda l'opposizione con luna e nettuno, credo di averla vissuta in modo molto più complicato e difficile. Deva spesso ha detto che nelle opposizioni spesso finiamo per vivere un'archetipo oppure l'altro e il nostro scopo é quello di armonizzare il tutto e cercare di viverli entrambi. Bene, cara Deva, io credi di aver vissuto e sentito per la prima volta la mia congiunzione luna nettuno, quando plutone vi si è congiunto transitando attraverso il segno del sagittario. Fino ad allora credo di aver vissuto di più il mio mercurio. Non é un caso che un mio professore al liceo mi abbia definito intelligente ma estremamente cervellotica...ricordo che mi disse :"tu pensi anche di notte!". non aveva poi tutti i torti. Dovevo ritrovare la mia parte lunare...
se c'é una cosa che ricordo di quando ero piccola e che forse può essere legata a questa segnatura, é il fatto che io abbia appreso presto a parlare, così come presto si sia sviluppato il mio interesse per le lingue straniere. ma mia madre (luna) ha sempre evidenziato il suo disappunto per la mia "propensione a parlare tanto". io amavo parlare anche con gli adulti, mentre lei mi riprendeva in continuo perchè mi avrebbe preferito più riservata, più composta, Insomma quel genere di bambina educatissima che parla solo se viene interpellata...a forza di riprendermi c'era riuscita in un qualche modo. Ma se ci ripenso io vivevo questo suo "divieto di essere spontanea e parlare con chiunque " come una sorta di oppressione. lo faceva soprattutto in presenza dei miei parenti paterni ai quali forse voleva dimostrare di star crescendo una bambina, educata e discreta, come volevano le vecchie norme alle quali questa parte della mia famiglia era molto legata.

Il mio risveglio avveniva durante le vacanze e stive, grazie ad una zia trasferitasi in canada. Quando tornava per le vacanze mi insegnava l'inglese, diceva che dovevo imparae da piccola e mi incoraggiava a parlare anche a formulare piccole frasi. io ne ero entusiasta e volevo imparare sempre di più...peccato lei dovesse dopo un pò ripartire...

questi non gli spunti che mi vengono in mente in questo momento, spero di riuscire a coglierne altri al più presto o che voi stessi abbiate riflessioni da fare rispetto a quanto scritto.

a prestissimo ;)

stellina blu
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di stellina blu
inserito mercoledì 10 luglio 2013
Buongiorno a tutti! ben ritrovati è bello leggervi. Ora rifletto un'attimo sul mio mercurio alla luce anche dei vostri commenti e poi cerco di eporvelo.
Vorrei chiedervi se qualcuno tra voi é esperto o interessato all'interpretazione dei sogni. ne ho appena postato la descrizione di uno fatto prima del risveglio nella sezione dedicata a Nettuno. Spero qualcuno di voi possa aiutarmi ad interpretarlo.

a prestissimo!

stellina blu

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Mari
inserito mercoledì 10 luglio 2013
Xste condivido in pieno ciò che ci dici sul ballo io sono proprio una causa persa ho provato anche ad imparare ma non sono proprio portata mi irrigidisco e sembro un manico di scopa.... Xrosy58 mi piace moltissimo il tuo ultimo post ,Saturno mi ha aiutato seppur faticosamente ha costruire tutto quello che ho un rapporto di coppia solido e una famiglia meravigliosa ciao a tutti
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Mari
inserito martedì 9 luglio 2013
X rosy58 hai descritto molto bene mia madre io aggiungo che ha cercato di tenermi e in parte c'è riuscita psicologicamente attaccata ,sta sempre a lamentarsi dei suoi malanni fisici e io fin da quando ero bambina l'ho sempre vista sofferente e da accudire ,ha sempre scaricato le sue frustrazioni su di me cosa che mi dato sempre molto fastidio ...sono nata a Caltanissetta il 6 5 1970 alle 9 45 circa
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ROSY58
inserito martedì 9 luglio 2013
Ancora riflettendo su Mercurio/Saturno... altro spunto: Saturno rappresenta anche I nostri schemi interiori, la nostra struttura (le ossa come simbologia corporea), la nostra struttura interiore, i nostri limiti e gli eventuali blocchi. E’ un giudice severo quando ritiene che vi siano percorsi in qualche modo pericolosi per il nostro IO ma se viene integrato lavora con noi alla “costruzione” del nostro percorso di individuazione. A mercurio forse non piacerà troppo questo “vecchietto” che ogni tanto lo limita, lo ingabbia, lo trattiene: il messaggero alato mal sopporta che “qualcuno o qualcosa” possa limitarlo nella spasmodica ricerca dello scambio, nell’amore per la leggerezza, nel costruire ponti verso il mondo. Ma a pensarci bene Saturno non è colui che frena, che impedisce o che ingabbia Mercurio, ma piuttosto colui che darà struttura ai pensieri rapidi di Hermes, che gli regalerà discernimento e “tempo” per riflettere su ciò che è giusto fare o non fare, lo spessore della materia. Potrebbe essere un ancòra sicura….non dovrebbe ingabbiare. Lui pone il limite quando non è integrato sul piano della coscienza e allora noi lo percepiamo come il censore, colui che blocca, che vieta, che non ci permette di “volare leggeri” come vorremmo. Soprattutto nei transiti di Saturno a Mercurio l’impressione è che il pensiero venga “ingabbiato, bloccato, limitato” da qualcosa di esterno a noi che ci impedisce poi di fatto il movimento e ci vieta di avere fiducia negli altri o in noi stessi. In realtà ci sta indicando cosa dobbiamo portare avanti, cosa dobbiamo abbandonare come schema di pensiero…e per farlo ci ferma, ci fa stare in solitudine, per sentire davvero cosa conta, cosa bisogna “traghettare” e portare avanti e cosa bisogna abbandonare del nostro modo di percepire, di comunicare, di scambiare…
A dopo,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste
inserito lunedì 8 luglio 2013
Posso confermare anche io una certa "serietà" e "selettività" soprattutto nel rapportarmi con i miei coetanei, data dal sestile che Mercurio fa dai Gemelli a Saturno in Ariete (in 3^).
La cosa si riflette anche sul mio modo di divertirmi (Mercurio è in 5^): non sono mai riuscita a lasciarmi andare del tutto, ho sempre avuto una terribile timidezza ad esempio nel ballare in mezzo alla gente, per me è sempre stato un desiderio grandissimo impossibile da vivere con serenità. Se lo facevo era una forzatura, quindi mi toglieva il più delle volte gran parte del divertimento.
Ovvio che la Luna in vergine e l'ascendente Capricorno non hanno aiutato tanto Mercurio, quanto Saturno!

Stefania

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ROSY58
inserito lunedì 8 luglio 2013
Cara Mari, intervengo sul tuo post su Saturno/Mercurio…Se ho capito bene (anche andando a spulciare altri tuoi post) tu hai un gruppetto di pianeti in decima/undicesima tra cui l’accoppiata di cui sopra…
Diciamo che la decima è una delle due case genitoriali, quella in relazione alla madre…ci racconta ciò che abbiamo percepito di lei…
Saturno in decima potrebbe significare una madre percepita come vuole il pianeta, molto normativa, rigorosa, e in parte anaffettiva…perlomeno così potresti averla “sentita”…oltre a Saturno mi pare che lì in decima e cuspide undicesima tu abbia anche la luna e il sole, oltre a mercurio..
Insomma una bella concentrazione planetaria…correggimi se sbaglio perché non ho i tuoi dati e quindi non ho il tema nel suo complesso davanti…
Visto che stiamo ragionando su Mercurio /Saturno e rimanendo su di loro, come spunti di riflessione, diciamo che in decima potresti aver “percepito” che la tua mamma non era propriamente “sintonizzata” su di te…la decima è una casa “consona a saturno”, cosignificante del capricorno, quindi una madre che ha dovuto necessariamente “tenere le briglie” della famiglia e fare un po’ “l’uomo” della situazione..
Potrebbe non aver “potuto” dare nutrimento o accoglimento come vorrebbe un materno lunare visto che lì nei paraggi della decima hai anche la luna e mi viene da pensare che tu ti sia potuta sentire, soprattutto nell’infanzia, ma anche nell’adolescenza, non propriamente “capita” o “nutrita” dalla tua genitrice.
Ma sono ovviamente “spunti” di massima perché è sempre molto difficile dare un quadro con qualche elemento soltanto. Il fatto che poi il tuo mercurio trigoni Plutone che sta in terza potrebbe significare anche che hai le potenzialità per connetterti con forze “mentali ed istintuali” molto potenti: soprattutto nella comunicazione … anche se il tocco con Plutone, come già è stato scritto in altri post, potrebbe aver falsato le percezioni…Come a dire che “hai alzato le antenne” perché l’ambiente circostante non era propriamente “limpido”… vi era molto contenuto istintuale e psichico che veniva percepito anche come pericoloso per la propria integrità.
A dopo,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Mari
inserito domenica 7 luglio 2013
Ricordo che alla solitudine si alternava un sottofondo di malinconia...sono cresciuta in fretta i miei zii mi chiamavano lingua di vecchia perchè parlavo come una grande ,andavo anch'io a scuola da sola e ci portavo pure mio fratello ,facevo la spesa in bottega ,dal macellaio ,dal farmacista e aiutavo nelle faccende di casa ecc ...Cara Rosy 58 Io non ho Saturno in dodicesima come lara ma in decima congiunto stretto alla cuspide dell'undicesima però mi ritrovo molto nella tua descrizione di Saturno vissuto come difesa verso fattori esterni e aggiungerei anche interni dolorosi ...ciao a tutti
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lara
inserito venerdì 5 luglio 2013
...infatti Mari: quello che dici conferma che la solitudine segnata da questo aspetto è più una dimensione psicologica che non di fatto, come felicemente descrive Rosy: un bambino che convive con un vecchio saggio.
Ciao!
Lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lara
inserito venerdì 5 luglio 2013
Deva...mi confermi che con Mercurio-Saturno la solitudine, scelta o più o meno sofferta, è una simbologia possibile. Quanto a Saturno in sesta, come scrivevo, ben può rappresentare anche una forma di resistenza verso l'ignoto e quindi l'ancoraggio alle sicurezze della sesta casa.
Quanto alla mia di Luna-madre: mia madre non si è mai allontanata da dove era e a me, più che il fatto che lei potesse andar davvero via (..c'era pur sempre mio padre che garantiva la sua presenza), era la violenza (=Urano) di certe sue esternazioni e soprattutto il senso di precarietà/inquietitudine (sempre Urano) sotteso a questo modo di fare a crearmi problemi.

Per Rosy: posso confermare che l'aspetto Mercurio-Saturno è stato vissuto da me anche come un'assunzione precoce di responsabilità, o meglio, come una autonomia da adulto che a ripensarla oggi, da madre, mi provoca una sorta di angoscia retroattiva. Per dire: io a otto anni andavo e tornavo da scuola da sola, da sola organizzavo vestiario e merende, da sola andavo a fare sport e così via. Così come è vero che con l'età questo aspetto mi sta aiutando molto a restare ferma, proprio a resistere, per raggiungere obiettivi che mi sia prefissata.

Grazie a entrambe, saluti a tutti
Lara



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Mari
inserito venerdì 5 luglio 2013
Ciao a tutti siete così bravi ,che io ho poche cose da dire e molte da imparare comunque voglio spendere due parole sul mercurio congiunto a Saturno ...cara lara nonostante avevo molte amiche vicine di casa e compagne di scuola con le quali giocavo organizzavo piccole feste qualche uscita ecc...Ricordo un infanzia molto sofferta mi sentivo molto sola soprattutto nell'ambiente domestico e attutivo la mia solitudine fantasticando e i miei compagni preferiti erano i libri ...ciao a tutti da mari
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito venerdì 5 luglio 2013
Tra l'altro, adesso che ci penso, nemmeno mio fratello (mercurio capricorno II) non ha alcuna connotazione psicologica ascrivibile al trigono di saturno toro in VI.

Invece lo associo a mercurio sestile a giove in XII perchè lui è un matematico quindi in perfetta analogia al mercurio capricorno...ma è pur sempre, anche lui, un sagittario, quindi ha gran bisogno di spaziare.

Invece il trigono di mercurio a saturno direi che corrisponde al fatto concreto che la casa (luna) era annessa al negozio (mercurio) dove si lavorava quotidianamente e...duramente(saturno in VI).

deva

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ROSY58
inserito venerdì 5 luglio 2013
Ciao Lara, ragionando su Mercurio/Saturno, come primo spunto, mi viene in mente che I due simboli si prestano bene a rappresentare il puer e il senex: il frizzante e furbacchione Hermes al cospetto di Chronos.
Se cerchiamo di incarnare nella materia, sulla terra, questi due archetipi la prima riflessione che mi viene è questa: la mobilità di pensiero dettata da Mercurio che vuole e cerca lo scambio per lo scambio e la connessione e la staticità di Saturno che invece predilige un logos discriminante e razionale.
Legati da un aspetto (il tuo saturno in 12 casa trigono a Mercurio) potrebbero rappresentare una mente che inevitabilmente si rivolge all’interno, all’introspezione, piuttosto che all’esterno e alla vivacità che vorrebbe mercurio. Potrebbe essere (il condizionale è d’obbligo) che a fronte di alcuni schemi razionali, il bambino interno rappresentato dal puer abbia dovuto piegarsi ad essere grande già da piccolo.
Come se fosse stato responsabilizzato già da subito. Non necessariamente questo potrebbe essere venuto alla luce, potrebbe esserci stata una sorta di percezione di questo tipo: la dodicesima è una casa d’acqua, è la casa della psiche, una casa che è introspettiva… E’ anche un po’ di difesa: nel senso che ci potrebbe essere stata una difesa da parte di questo saturno verso qualcosa che si percepiva di doloroso verso l’esterno. Come se la mente razionale e il sentito dell’inconscio lavorassero su piani tra loro non propriamente congeniali: in fondo mercurio ama la briosità e il movimento e saturno converge più su un piano statico e immobilistico. Nel caso tuo, Lara, l’aspetto è di trigono, quindi potrebbe anche essere che i due siano riusciti poi ad un certo punto a “lavorare” insieme per creare un ponte tra una razionalità che tende a “parcellizzare” ed un movimento verso l’esterno che tende a creare connessioni.
Questo potrebbe portare ad una certa caparbietà e anche ad una sorta di logos che punta dritto all’obbiettivo: con i suoi tempi come vorrebbe Chronos.
Con il tocco di saturno a mercurio potrebbe anche verificarsi una sorta di rimozione verso qualcosa che non è stato accettato veramente fino in fondo e quindi, da qualche parte del tema, qualche altro aspetto, magari con Giove, la tematica si rivolga più verso un senso di fiducia verso l’esterno che non di staticità. La dodicesima tende a lavorare più sull’inconscio che non sul piano reale creando a volte delle difese psichiche.
A dopo,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito venerdì 5 luglio 2013
ciao Lara

riguardo a mercurio saturno credo che il tuo senso di solitudine sia in particolare legato alla casa XII dove saturno si esprime proprio come isolamento. Il mio mercurio saturno non l'ho vissuto in questi termini e piuttosto, avendo giove in XII ho sempre amato molto ritagliarmi spazi per me, starmene da sola...è proprio vitale.

Riguardo ai propositi di fuga mai attuati da mia madre...riconduci il trigono di saturno in VI al suo senso del dovere...ci ho riflettuto ma posso dire con certezza che non è il senso del dovere che le ha impedito di andarsene...è proprio che non sarebbe mai stata in grado di fare un passo di così radicale autonomia. In questo senso dico che saturno non la rappresenta, perchè lei ha sempre avuto bisogno di appoggiarsi agli altri...è incapace di stare in piedi da sola. E proprio il suo proposito di fuga esprimeva questa sua immaturità esistenziale.
Quel saturno in VI che trigona la luna lo vedo come un fatto oggettivo: il suo lavoro quotidiano. Magari semmai il DOVERE, la necessità più che il senso del dovere che invece caratterizza di più me.
Ti dirò che a me non destabilizzava in particolare questa sua frase, perché, …sapevo che non l‘avrebbe mai attuata…mi destabilizzava l’inquietudine e la paura della vita che mi trasmetteva...la fuga come unica soluzione alle difficoltà.
La tua luna bilancia cong.a urano, in V fa presagire sicuramente maggiore potenziale determinazione nel proposito di fuga (giove)...e quindi immagino la destabilizzazione che ti comportava.

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lara
inserito giovedì 4 luglio 2013
Pensavo a un altra simbologia possibile dell'aspetto Mercurio-Saturno: quella della "solitudine". Il mio Mercurio fa anche trigono con Saturno-Toro in dodicesima e sicuramente da bambina ho vissuto molto da sola. Se vogliamo considerare Saturno (anche) come privazione potrei dire che l'infanzia mi è parzialmente mancata. Mi chiedo se anche per gli altri che hanno questo aspetto "la solitudine" sia stata un aspetto della propria infanzia.

Per Deva: dici che l'aspetto di trigono Luna-Saturno non lo hai riscontrato nell'immagine di tua madre sul piano psicologico ma solo su quello lavorativo...però riporti un argomento ricorrente di tua madre: l'intenzione - chiaramente sagittariana - di voler andar via, di voler andare a vivere altrove, mai attuata, però: come se fosse stata frenata da quel Saturno in sesta e quindi da un possibile senso del dovere o anche da una resistenza verso l'ignoto. Io ho una madre che per una vita ha detto la stessa cosa...ha sempre detto che se ne voleva andare via: non se n'è mai andata ma quando ero piccola era destabilizzante già sentirglielo dire. La mia Luna, come sai, è in Bilancia, congiunta a Giove e Urano: Luna, in fondo, anche la mia sagittariana e toccata da Saturno, se vogliamo riportare la Bilancia nel governo di Saturno.

Saluti,
Lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito mercoledì 3 luglio 2013
ciao Rosy58

grazie per i tuoi spunti di riflessione.

Ti dirò però che la mia luna sagittario quadrata a plutone non ha rappresentato in alcun modo fiducia, in realtà ciò che mi ha trasmesso mia madre è stato il suo bisogno di evasione, di fuga. Il suo ritornello è stato sempre (e pure ieri glielo sentito dire) “appena avrò la possibilità mi prendo un appartamento e me ne vado“. Frase che nessuno in famiglia ha mai preso sul serio ma che esprimeva tutta la sua difficoltà esistenziale a vivere nella “realtà”, a gestirla ad affrontarla, senza doverla fuggire (ha il sole cong.a nettuno).
Quindi quel mercurio congiunto alla luna e anche saturno in trigono dalla VI invece (aspetti NON legati alla sua personalità, come ho detto) hanno rappresentato per me delle ancore per il MIO personale percorso di ricerca esistenziale (anche sole sagittario) e di riconciliazione tra dimensione concreta, tangibile e dimensione astratta, simbolica di senso e significato (saturno oppone giove in XII) che è il tema dominante della mia vita.

Per LARA

Ciao Lara…riguardo ai sogni dici che il ricordo sia “frenato “ da saturno…potrebbe essere, ma la mia impressione è che sia soprattutto la casa II che condiziona. E’ la casa della dimensione manifesta della realtà, quindi poco compatibile con il mondo onirico. Considera che la luna è anche sestile a giove in XII….eppure…

Tu con luna in V cong.a giove, ci sta che ci sia una dimensione onirica molto attiva.

ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ROSY58
inserito mercoledì 3 luglio 2013
Sempre in relazione al transito di opposizione di Nettuno al mio Mercurio natale ricordo che sognavo parecchio e che i sogni erano come dei film, coloratissimi....e mi ricordo che a differenza del solito me li ricordavo bene al risveglio..ovviamente a "pezzettini", come dei grandi puzzle.
Uno dei sogni che ricorreva spesso era quello dove mi trovavo a "recitare" e avevo paura di non ricordare le parole, il testo, e che il pubblico, a fine recitazione avrebbe fischiato..
Il mio mercurio è in quinta casa, e Nettuno lo sollecitava dall'undicesima: ci sta tutto...
E in quegli anni sono riuscita a "parlare in pubblico", cosa che mi è sempre riucita poco, data la timidezza di fondo: è come se il transito mi avesse "aperto" al collettivo, soprattutto nella comunicazione.
A dopo,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lara
inserito martedì 2 luglio 2013
E' interessante notare che con mercurio retrogrado in cancro stiano ritornando qui vecchi frequentatori abituali. Sarebbe bello poter rileggerne anche altri, verificare quali siano i loro punti di vista di oggi su aspetti sui quali avranno ragionato e che, soprattutto, avranno vissuto: penso immediatamente, tra i tanti, a nomi come Natalibera o Rita che, ricordo, hanno scritto pagine bellissime in questo spazio.

Intanto, bentornato a Icaro che anni fa mi illuminò con le sue considerazioni sul mio Mercurio: interessante il tuo sogno di volo: in linea con il tuo nick, anzi più ottimista del nick che hai scelto...mi sembra un buon segno.

A proposito di sogni, e alla considerazione di Deva sul quadrato radix Luna-Plutone, io ho sempre sognato molto (Luna-congiunta Giove in quinta casa?) ma è stato proprio con il transito di quadrato di Plutone alla Luna che il mio mondo onirico è come "esploso": ho sognato di tutto, spesso quasi dei film che mi hanno messo in contatto con la parte più inconscia di me; ci sono stati anche sogni simbolicamente premonitori, a conferma che dentro di noi c'è il passato come il possibile futuro. Credo, tornando alla considerazione di Deva, quindi, che più che il rapporto Luna-Plutone, possa essere il contatto della tua Luna o dello stesso Mercurio con Saturno a ostacolare la percezione del sogno. Perchè è poi Mercurio (tendo a pensare) che deve farsi comunque "messaggero" del sogno alla nostra parte cosciente.

Ciao,
Lara

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ROSY58
inserito martedì 2 luglio 2013
Ciao Icaro,
ora che mi fai venire in mente, il sogno della guida è ricorrente quando nella mia vita resto bloccata e non riesco a prendere direzione: il mio Mercurio è quadrato anche a Marte e Plutone e nei momenti in cui non riesco a prendere “direzione” e a decidere, affermandomi, sogno spesso di guidare e di non trovare la strada oppure di guidare e di non riuscire a frenare in tempo.
Non avevo mai associato però Mercurio alla guida e in effetti a ben pensarci ci sta tutto.
Un’altra considerazione: Mercurio è anche il senso dell’orientamento visto che parlando di percezione abbiamo parlato di “udito”… Con Nettuno in opposizione ho avuto anche problemi di “vertigini”….

Ciao Deva,
da quel che ho capito hai la luna cong. a Mercurio in seconda casa che quadrano Plutone …. Mi viene in mente che essendo la seconda la casa delle risorse personali, dei propri valori e a livello psicologico anche del senso del proprio valore personale, mi viene in mente che da un lato la luna cercherà, visto che è in sagittario, di spingerti in avanti, di promuovere i tuoi bisogni personali, ad avere una buona autostima ma congiunta a Mercurio saturniano potrebbe essere che questi bisogni siano stati in qualche modo “raffreddati” o “trattenuti” quasi che non si potesse o meglio dire “si percepisse di non potere” esprimerli più di tanto (potere personale = plutone)(saturno=principio di realtà).
Luna/Mercurio quadrati a Plutone potrebbero aver rappresentato anche un senso di impotenza: la seconda è anche la casa delle sicurezze personali, dove, se funziona tutto bene, siamo sicuri di noi stessi e delle nostre potenzialità e dove invece se abbiamo dei blocchi, e quindi un conflitto, come potrebbe essere una quadratura che arriva da plutone, potremmo avere avuto, soprattutto da piccoli o da adolescenti, come vorrebbero le simbologie di luna=infanzia e mercurio=adolescenza, qualche problema, anche di origine alimentare. L’asse seconda/ottava è in relazione al nutrimento e al rilascio: seconda=toro/ottava=scorpione, e quindi anche a livello più psicologico potrebbe indicare se c’è stato contenimento e nutrimento oppure no. E soprattutto come si è elaborato nel tempo, soprattutto durante i transiti dei pianeti lenti.
A dopo,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito martedì 2 luglio 2013
@ICARO

No, no, non intendevo certo sminuire la dimensione dei sogni di cui riconosco l'immenso valore. L'ho definita "dimensione ordinaria" solo per distinguerla da situazioni "straordinarie" come genere di esperienza e anche per frequenza immagino, come i sogni lucidi e gli obe.

ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Icaro
inserito lunedì 1 luglio 2013
Per Rosy 58:

Verissimo quello che dici, almeno per quanto mi riguarda, sugli aspetti dinamici luna-mercurio. È come se mente e cuore andassero sempre in due direzioni opposte, se parla l’uno bisogna necessariamente reprimere l’altra e viceversa. Ho vissuto questo tipo di situazioni in maniera molto pesante almeno fino a 2-3 anni fa.
E anche nel sogno di cui scrivevo prima ritrovo un’analogia : l’auto, legata al mentale-Mercurio, che si allontana incontrollabilmente dal nucleo familiare (Luna).
Volevo aggiungere che anch’io ho luna in III casa ed anch’io ho avuto sempre una tendenza a relazionarmi a mio fratello come una sorta di «terzo genitore », a volte forse più presente di quelli effettivi…

Per Deva :

Purtroppo non saprei come aiutarti con i sogni lucidi. D’altra parte a me non é capitato di rifarne…
Trovo invece riduttivo considerare il ricordo dei sogni complessi come una dimensione « ordinaria ». Già non é da tutti ricordare o semplicemente prestare attenzione ai sogni ; l’ordinarietà «statistica » mi sembra che consista semplicemente nell’ ignorarli…
Poi al di là dei sogni lucidi io trovo comunque l’universo dei sogni e il loro linguaggio già di per sé « fuori dall‘ ordinario » ; d’altra parte il lavoro sui sogni, come saprai sicuramente meglio di me, richiede tantissima attenzione, concentrazione e tempo ed é per questo d’altronde che da qualche anno l’ho quasi abbandonato, affidando praticamente al caso il ricordo di qualche sogno più significativo.

Un saluto
Icaro
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito lunedì 1 luglio 2013
ciao Rosy58

riguardo al mio vissuto luna (sagittario) mercurio (capricorno) psicologicamente li ho vissuti come grande introspezione (ma bisogna dire anche che quadrano plutone e l'ascendente è scorpione) con la necessità di scrivere, di portare le mie emozioni nero su bianco per, evidentemente, prenderne le distanze ed elaborarle, capirle. Questa necessità era quasi coercitiva e tormentata negli anni della giovinezza e via via si è alleggerita.
Invece devo dire che non rintraccio connessioni tra questo aspetto e il vissuto con mia madre dal punto di vista psicologico, nel senso che potrebbe far pensare ad un rapporto meno emotivo e più razionale, mentale, e invece non è così.

L’immagine che ho di mia madre la identifico nella luna sagittario quadrata a plutone, quindi un emotività molto intensa, mentre la congiunzione a mercurio la vedo solo nello stretto legame con mio fratello e anche il trigono a saturno in VI corrisponde concretamente al fatto che lavorava nella ditta annessa alla casa, ma in alcun modo alla sua natura.

Credo che questo dipenda dal fatto che luna e mercurio siano in II e quindi corrispondano a manifestazioni esteriori, concrete e non psicologiche. Uuhhh...adesso l’ho realizzato….

per ICARO

interessante l'analogia del tuo sogno con il tuo aspetto luna mercurio...poi mercurio in IX corrisponde proprio all ‘ allontanamento sia emotivo che concreto che è avvenuto.
Riguardo al tuo sogno lucido….tocchi un punto dolente :) perché sono mesi/anni che mi interesso all’argomento senza alcun esito e ormai mi sto arrendendo, credo che non faccia per me. Il mondo dei sogni sembra mi sia precluso perché o sono molto superficiali, appunto, mercuriali come quelli che ti ho detto….o c’è il buio totale, forse legato alla quadratura della luna a plutone che tende a non far emergere alla coscienza contenuti profondi….poi chiaramente ogni tanto mi ricordo dei sogni più complessi ma sembra che oltre a questa dimensione del tutto ordinaria, non riesca ad andare….che rabbia però… :)

ciao

deva



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lola
inserito lunedì 1 luglio 2013
Tanti auguri, Ste!!!

Lola
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste
inserito lunedì 1 luglio 2013
Grazie grazie grazie per gli auguri!!!!

Che bel regalo rileggere anche i nomi di Icaro e Mari, che da un po' non intervenivano!

Mi trovo d'accordo con Rosy58, Deva e Lara nell'interpretazione di Mercurio in Vergine: un conto è parlare delle caratteristiche del puro simbolo, altra è vedere come Mercurio in Vergine si "comporta" nel singolo tema natale, quando interagisce con altri pianeti che possono donare altre "doti", riconducibili, nel caso della capacità di "visione d'insieme", probabilmente all'azione di Giove e/o Nettuno.

Ciao!
Stefania



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ROSY58
inserito lunedì 1 luglio 2013
TANTI TANTI AUGURONI A STE.!!!!!!!!!!!

BUON COMPLEANNO ASTROLOGICO....
UN ABBRACCIONE,

ROSY
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ROSY58
inserito lunedì 1 luglio 2013
PER ALIX

Cara Alix, solo un inciso perchè vedo che sei tornata sul quel mercurio in vergine dando una tua interpretazione: non scriverò che stai “sbagliando” o che “erri” nell’interpretazione perchè resto fedele all’idea che se tu analizzi in questo modo significa che è giusto per te vedere la tua realtà così come la interpreti.
Ma ci tengo a precisare che, quando scrivo che mercurio in vergine potrebbe “vedere l’albero e non la foresta”, intendo dire, a livello psichico, che si tende a “frammentare” e a “dividere” cercando di incasellare i pensieri, le percezioni, la mente, focalizzando a volte esageratamente il particolare (dettagli) e relegando l’insieme in un angoletto della psiche. In pratica si tenderebbe, con questo Mercurio, a dare più importanza al dettaglio che all’insieme. Questo non toglie nulla alla validità e alla capacità di “formare” un insieme riunendo tutti i dettagli presi in esame. Ma non viene naturale: bisogna lavorarci, appunto. Mercurio in vergine è un lavoratore: un grande lavoratore molto abile e intelligente.
Tutto qui.

MERCURIO/LUNA

Non ho questo tipo di aspetto nel tema ma andando ad analizzare i simboli e prendendoli così, senza colorazione di alcunché dettata dal segno di appartenenza o dagli aspetti che formano fra di loro nelle case, mi viene da pensare che entrambi possano “scambiare” molto: mercurio “percepisce” su un piano intellettivo e la luna “sente” su un piano emotivo.
E’ un po’ come relazionare mente e cuore. Pensiero e sentimento: ragione e sentimento. E’ ovvio che gli aspetti e le case in cui cadono ci diranno molto di più circa questa relazione.
Mi viene in mente che la mia luna è in terza casa, in cancro, e la terza è comunque collegata a Mercurio…. Mercurio è anche “fratelli e sorelle” e io ho un fratello più piccolo di me di quattro anni… Diciamo che gli ho fatto un po’ da “mamma” a livello sentimentale laddove mia madre (sole-capricorno –luna aquario) faticava ad entrare in empatia con noi figli.
Ancora oggi che siamo ultracinquantenni rappresento per lui qualcosa di più di una sorella maggiore: e io percepisco lui più come un figlio che come un fratello.
La valenza degli aspetti luna-mercurio è interessante perché in gioco ci sono due sistemi di percezione che potrebbero entrare in conflitto fra di loro, generando grandi problemi, oppure sintonizzarsi fantasticamente dando origine a due mondi fantastici che si uniscono,
La luna astro notturno che ci connette con la notte, con ciò che non si vede ma che si “intravede” (nella luce della luna noi vediamo le cose in modo diverso che non con la luce del sole) e Mercurio che tende a percepire cogliendo il lato anche “materico” delle cose, insieme, formano un nucleo di altissimo livello personale.
Tornando alla luna come simbologia del materno, quando non lavora bene con Mercurio nel tema, potrebbe indicare un vissuto materno non fantastico, dove la madre non è riuscita o non ha potuto relazionarsi con il proprio figlio comunicando con lui in maniera credibile: magari veicolava un messaggio (comunicazione) che non collimava con le emozioni che passavano a livello inconscio. Oppure la percezione del figlio verso la madre era distorta.
In effetti i genitori (asse quarta-decima) ci vengono rappresentati nel tema non tanto per come erano davvero ma per come noi li abbiamo percepiti.
Insomma, nel caso di luna-mercurio in aspetto dinamico c’è una sorta di corto-circuito dove il figlio percepisce due messaggi diversi allo stesso tempo: si potrebbe creare quindi una sorta di scollegamento tra la testa e il cuore.
Le quadrature o le opposizioni danno questo tipo di problema sul quale bisogna lavorare: luna-mercurio in opposizione per esempio ci dice che potremmo avere la percezione che quando viviamo il lato-sentimento non viviamo il lato-comunicazione e viceversa. Dovremmo necessariamente integrare le due parti per poterle fare vivere armonicamente.
Quindi il “sentire” ed il “pensare” finiscono, se non integrati, a vivere separatamente creando una divisione pericolosa per la comunicazione e la percezione personale.
A dopo,
Rosy

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di mari
inserito lunedì 1 luglio 2013
ciao a tutti io ho luna mercurio(insieme a sole e saturno)congiunti in toro undicesima trigoni a plutone in vergine terza e opposti a nettuno quinta scorpione... cara deva anche mia madre e mio fratello hanno un rapporto stretto morboso e poco equilibrato, mio fratello vede male da tutte le parti e mia madre alimenta tutte le sue teorie (perchè anche lei è cosi) prende sempre le sue difese mai una volta un rimprovero ne da piccolo ne adesso che ha quarant'anni ... tanti auguri a ste anche da parte mia ciao da mari
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Icaro
inserito domenica 30 giugno 2013
Ciao Deva,

Che coincidenza : il « sogno della macchina » mi ha segnato quando avevo qualcosa come cinque anni. L’ho fatto non più di un’altra volta in seguito e non l’ho mai più dimenticato.
Il momento in cui ho fatto quel sogno anche aveva la sua importanza ovviamente : era appena nato mio fratello. Nel sogno rientravamo a casa in macchina, i miei genitori tiravano fuori dall’auto mio fratello ancora in fasce e appena restavo da solo nell’auto, questa si rimetteva in moto allontanandosi da casa ; vedevo i miei genitori con mio fratello farsi sempre più piccoli e lontani e mi ritrovavo prigioniero nell’auto che avanzava da sola, seduto accanto al posto di guida, senza il minimo controllo e senza sapere dove mi avrebbe portato…

Il sogno é stato profetico per alcuni aspetti : da quel momento in poi il senso di estraneità e di allontanamento dalla famiglia, anche cominciando la scuola qualche anno dopo, é diventato sempre più forte…Dimenticavo nel mio precedente post (altra analogia con la storia di tuo fratello) : anche io mi sono trasferito all’estero da quasi dieci anni ormai…

Direi che il paragone tra i nostri « sogni della macchina » mette bene in evidenza la differenza di tonalità tra la congiunzione (più imbevuta di fiducia e di entusiasmo, di « fluidità », per usare la tua espressione) e l’opposizione che invece si manifesta piuttosto nell’ansia, nell’incapacità di riprendere il controllo, nell’incertezza e nell’instabilità…

Aggiungo ancora qualcosa su un sogno che ho fatto qualche mese fa, che anche ha qualcosa di mercuriale, mi sembra : ho sognato di volare, consapevolmente ; era, penso, uno di quelli che si chiamano « sogni lucidi » ed é la prima volta che mi é capitato. Nel sogno mi sono detto che stavo sognando e quindi potevo fare quello che desideravo, mi sono lanciato dalla finestra senza il minimo dubbio e ho cominciato a volare…Poi pero’ ho cominciato a perdere quota e sono incappato nel telone parasole dispiegato al piano di sotto e il sogno é finito li’…
Finale non brillante, ma come inizio già non é male ;-)

Un saluto
Icaro
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito domenica 30 giugno 2013
Ciao Icaro

molto bella e approfondita la tua analisi di luna mercurio.

Colgo l'occasione per verificare con te una cosa che riguarda i sogni.

Mi accade spesso di sognare (luna) situazioni mercuriali...tipo guidare la macchina magari in dedali di strade molto strette ma in cui, diversamente che nella realtà, mi muovo piuttosto fluidamente, oppure vado in bici, o molto spesso mi trovo tra i banchi di scuola...in effetti è da poco che ho realizzato la corrispondenza tra questi sogni e la congiunzione luna mercurio, ma mi sembra che ci stia.

Questi sono dei sogni che ricorrono soprattutto in periodi in cui la mia mente è molto attiva, speculativa...e sembra che nel sonno riproponga sempre lo stesso incessante movimento.

ciao

deva
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lola
inserito domenica 30 giugno 2013
X Ste

Verissimo, mercurio in capricorno rende meno superficiali e piu' selettivi. Il trigono con urano velocizza il pensiero e toglie un po' del rigore capricorniano, si tende a "sperimentare" di piu'.
L'effetto collaterale pero' e' una buona dose d'impazienza!

Per esempio, una delle mie "abilita", e' suonare la chitarra ad orecchio e cantare ma non ho avuto la pazienza di studiare con metodo (nonostante nella mia famiglia ci siano musicisti).
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lara
inserito domenica 30 giugno 2013
Per Alix, e per tutti, torno su Mercurio Vergine: Mercurio è sulla sesta casa...non sulla dodicesima dove certo può ambire ad arrivare, ma intanto è in sesta, e se non ci sono aspetti che favoriscono il rapporto con Nettuno e la dodicesima, questo rapporto se lo dovrà andare a cercare.

Indubbiamente l'esempio del mosaicista è calzante, ma il mosaicista avrà avuto la capacità di creare un quadro di insieme che sarà stata fornita da altri aspetti del suo tema. Quanto agli imprenditori Mercurio in Vergine è un buon amministratore di risorse e questo è già di per sè importante per un'attività imprenditoriale.

Poi: Mercurio Vergine non vede piccolo, ma vede "analitico". Nel mio caso è stato così per buona parte della mia vita. Ho sempre colto il particolare delle cose ma la visione di insieme mi è mancata a lungo. Sicuramente, in partenza, non ha aiutato neanche la posizione di Nettuno in sesta casa e infatti proprio dopo l'opposzione al sole di cui dicevo e il contemporaneo quadrato al nettuno radix (nel mio tema il sole è in quadrato con nettuno) è come se la mente mi si fosse aperta sul mondo. Mi fa sorridere il ricordare che in quel periodo una delle cose più belle che ho visto sono stati... i mosaici di Ravenna.

All'atto pratico questi cambiamenti hanno significato un diverso impiego delle mie risorse (mercurio governa la mia seconda-gemelli): passare da una visione particolare delle cose ad una universale mi ha consentito di cominciare a utilizzarle in modo finalmente utile, per me e per gli altri.

saluti a tutti e ...auguri a Stefania!

Lara



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Deva
inserito domenica 30 giugno 2013
Ciao cara! Grazie mille!!!

Ho alcuni TN in cui appare la congiunzione Mercurio Luna, appena riesco a guardarli con calma provo a postare qualche ipotesi, perchè finora mi è rimasta piuttosto "oscura" nelle sue manifestazioni.
Immagino che i segni coinvolti siano più importanti che mai: in un caso, la congiunzione Luna-Mercurio-Venere in Acquario ha prodotto un personaggio assai dolce e assolutamente sfuggente nell'espressione dei sentimenti; uno che si definisce "empatico" ma che appena l'atmosfera emotiva si scalda, è terrorizzato e inizia a scappare scherzando (tipicamente acquariano!) e giocando con le parole!

A presto!
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Icaro
inserito domenica 30 giugno 2013
Salve a tutti,

Approfitto dell'appello di Deva alle lune-mercurio per rifarmi vivo :-)
E ne approfitto ovviamente anche per fare tantissimi auguri di cuore a Stefania, che sono contento di ritrovare tra i partecipanti alla discussione :-))

Passo subito a luna-mercurio nel mio tema:
Sono in opposizione:
-luna toro in III casa
-mercurio scorpione in IX

Aspetto sempre molto difficile da vivere; mi riconosco molto in quello che dice Deva sulle difficoltà nel coordinare razionalità ed emotività: tendenza a razionalizzare le emozioni, per cercare di "controllarle", e viceversa difficoltà nell'evitare di esserne "travolto" e completamente dominato, nelle situazioni che richiedono "sangue freddo" e lucidità.
Diciamo pure che il giusto equilibrio tra le due, fondamentale tra l'altro per un musicista, non é per niente facile da trovare.

Trovo ancora un'analogia con quanto dice Deva a proposito della relazione madre-fratello.
Nel mio caso, essendo tra l'altro il primo figlio, mia madre ha sempre avuto un attaccamento viscerale a me, ma anche a mio fratello a dire il vero: é semplicemente il suo modo di essere madre, non esente da eccessi a volte paradossali.
Tra l'altro come ho detto in qualche blog passato, mio fratello ha lo stesso aspetto, ma con i segni invertiti: luna scorpione (XII casa), mercurio toro (VI casa)...
Entrambi abbiamo ereditato molto dell'universo emotivo di mia madre. Ma quel mercurio in scorpione in IX, con i suoi bisogni di conoscenza ad ampio raggio e il suo desiderio di verità "a tutti i costi", si é sempre sentito profondamente incompreso dall'ambiente familiare e da mia madre in particolare, con cui ancora oggi la comunicazione avviene su uno spettro piuttosto ridotto: il mio mercurio in quel caso non può che "adattarsi" a quello che l'interlocutore offre.

Penso inoltre che nel mio tema quell'opposizione parli anche del rapporto moooolto conflittuale tra mio padre e mia madre: la luna toro corrisponde perfettamente alla mia percezione di mia madre (che tra l'altro é un sole toro); e nel Mercurio scorpione, piuttosto "tagliente" e dissacrante riconosco molto di mio padre, con cui avevo una buona intesa sul piano intellettivo (ma non su quello emotivo...) che tra l'altro era un gemelli (segno mercuriale per eccellenza).
Va da sé che mia madre ha avuto sempre una spiccata tendenza ad usare noi figli come una sorta di "paravento" contro tutti gli aspetti della personalità di mio padre che lei non riusciva ad accettare.

Per il momento mi fermo qui,

Buona domenica a tutti,

Icaro
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Solerossella
inserito domenica 30 giugno 2013
Tantissimi Auguri Ste!!!!!
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito domenica 30 giugno 2013
Non posso mancare di fare gli auguri alla cara

STE

che oggi compie gli anni

AUGURONI Stefania

ti abbraccio

deva
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Lola
inserito sabato 29 giugno 2013
Certo! Il tuo Nettuno ha un peso fondamentale in quella posizione!
Quello della montagna era solo UN esempio, il primo che mi è venuto in mente.
Mercurio in Capricorno innanzitutto perde il bisogno di "velocità" e di "superficialità" gemellare, la sua curiosità acquista uno spessore razionale. C'è anche un bisogno di solitudine a volte ed una certa selettività su chi frequentare.

Come ti dicevo, sul versante "tecnica" potresti dire tu, se ti viene in mente qualcosa (visto il trigono con Urano) in cui ti senti particolarmente abile: mio figlio con Mercurio Capricorno e Giove (non Urano) in Vergine, ama tantissimo i minerali e le pietre (Capricorno), si diverte a classificarle (Mercurio e Vergine).
Un altro settore "capricorniano" in cui potrebbero emergere abilità tecniche stimolate dal trigono di Urano, potrebbe essere che so ... quello dei libri.

Ciao!
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito sabato 29 giugno 2013
ciao ragazzi

nessuno di voi ha aspetti di mercurio alla luna ??

Io ho la congiunzione luna sagittario a mercurio capricorno quadrati a plutone (ma anche sestili a marte IV e giove XII e trigoni a saturno VI).

La congiunzione con la quadratura a plutone l'ho vissuta indirettamente nel rapporto strettissimo e morboso tra mio fratello e mia madre che è durata per tutta l'infanzia e la giovinezza, finchè mio fratello se ne è andato all'estero dove si è fatto una famiglia spezzando questa unione (forzata ovviamente da parte di lui). Il suo allontanamento è coinciso con il transito di plutone su luna mercurio che li ha, di fatto, divisi.

Prima di questa "separazione" esterna/interiore vivevo questa simbologia come fusa...per esempio in situazioni in cui dovevo essere fredda e razionale mi facevo prendere dall'emotività e invece in situazioni di coinvolgimento emotivo, razionalizzavo.

Poi devo dire che le cose hanno cominciato a cambiare come sempre, sia fuori che dentro ...innanzitutto ho cominciato a vivere mia madre in tutta la sua dimensione plutoniana (luna plutone) che prima era smorzata e attenuata dalla presenza di mio fratello/mercurio ..e non è stato affatto facile eh..eh..

Ma questo mi ha permesso di VEDERE le due funzioni separatamente, per imparare a VIVERLE separatamente.

Poi dato che ritengo che mercurio in qualche modo "proteggesse" la luna...o perlomeno la luna si aspettava questo da mercurio come, aimè... mia madre si aspettava questo da mio fratello...questa separazione è avvenuta quando ero in grado di rinunciare a questa "difesa"...quando ero in grado di SENTIRE, senza difendermi più da ciò che sentivo, razionalizzandolo.

Che meraviglia queste incredibili connessioni tra dentro e fuori, precise, puntuali...perfette.

Deva
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 29 giugno 2013
X Lara:

Mi è venuto in mente , sempre per stare sul mercurio in vergine, lo avevo trovato di frequente nei temi di 'grandi imprenditori' in caso ti interessi come dato.

Credo che per interpretarlo dovresti pensare ai mosaicisti, pur avendo a disposizione tantissimi piccoli e singoli pezzettini per la loro opera, devono per forza avere e mantenere costantemente una visione assoluta di insieme per poterla comporre e dargli un senso.

Anche la sequenza della pittura o della maggior parte delle cose che vengono realizzate può essere rappresentativa, i dettagli vengono evidenziati sempre 'dopo' aver già composto le linee e pennellate di fondo di insieme, quindi il grande quadro finale deve essere come già visualizzato e ben chiaro 'prima' anche quando ti concentri solo su ogni seguente dettaglio sempre più rifinente.

Non a caso per tornare all'imprenditore è lui che tende ad avere la visione ben netta dello schema di insieme di ciò che ha in mente di realizzare.

ciao
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito sabato 29 giugno 2013
@ALIX

Ma dai Alix..mercurio in vergine è mercurio in vergine e non in pesci...se poi da - uraniana - devi stravolgere pure questo a tuo piacimento accomodati pure, ma dubito che riuscirai a convincere qualcuno... :)

Poi, che io insegua nettuno....dunque, ce l'ho in I casa, ma sai che forse, forse è talmente tanto vicino che ce l'ho sul naso e non lo vedo...sia mai...

deva

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 29 giugno 2013
X LARA:

E' infatti il mercurio vergine non vede affatto piccolo come sembra quì creduto e forse era stato detto anche da morpurgo.
E' un ragionamento sbagliatissimo che fà ben capire come possano dipanarsi errati ma ugualmente apparentemente funzionanti i concetti secondo versioni.

Il mercurio vergine intanto stà sull'asse della 12a che lo 'connette' alla grandezza degli spazi pescino/cosmici quindi non gli manca assolutamente una visione del 'grande' insieme, anzi, visto che allo stesso modo veniva definito un mercurio da 'miniaturista' vede più esattamente 'ingrandito', quindi riesce casomai a far stare in un piccolo spazio l'immenso che ad altri può sembrare così una visione 'confusa' se non hai la stessa facoltà ingrandente, un insieme che prende però un corpo assolutamente dettagliato e da vista 'acuta', tipo anche il ciondolino del gatto che conteneva l'intera galassia nel fil Men in Black :)

Il mercurio vergine molto più esattamnte scruta ed esalta ed è attento al 'dettaglio', ma vedere il 'dettaglio' non significa affatto non avere la visione dell' insieme.....tutt'altro.
Il valore del dettaglio è corroborato ed esaltato dalla visione di insieme.
Lo sà bene chi ha lavorato nel mondo della moda dove la 'cura del dettaglio' non esclude anzi 'necessita' della visione di insieme delle forme, colori, tagli ,stili etc.
Siete su una strada interpretativa errata quindi a mio avviso.

I mercuri che vedono piccolo potrebbero essere altri, oppure il mercurio preso a se stante non essere la condizione unica di analisi se non associato ad aspetti dinamici che ne impediscano eventualmente la espressione.
Pensateci.
Mercurio vergine che vede l'albero singolo e non tutta la foresta è un preconcetto che non ha tenuto conto dell'asse su cui si muove.
E infatti non solo Urano ma anche Y sempre domiciliati in vergine testimonierebbero ben altro.

Chi di voi ha mai provato anche a guardare una 'stereografia' e riuscire a vederci l'immagine???
La stereografia è una immagine che pare completamente 'frammentata', fatta di tanti singoli pezzettini, eppure se osservata da occhi attenti globalmente 'emerge ed appare come dal caos' l'immagine precisa che è contenuta nel suo interno.

ciao
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 29 giugno 2013
X Lola:
grazie Lola, infatti ho detto che mi arriva questa 'sensazione' di 'snaturazione' da come Deva affronta certi argomenti, non ho sostenuto che per forza debba essere una sensazione invariabilmente giusta la mia.
Quindi mi è consentito esprimere il fatto che per me lei in sostanza limita e rimuove proprio la Giovianità che con i suoi dati sagittario invece dovrebbe molto meglio esprimere e che invece 'non arriva' per nulla???
E che lo faccia proprio perchè insegue nettuno?

Del resto le ragazze spesso quì hanno anche loro le loro 'sensazioni' sulle cose che esprimo e non mi pare si 'trattengano' dal dirmele.


Lara: forse hai ragione che dipende sempre più dal mercuroplutone, infatti io che ho sofferto di mal d'auto, ( soffro anche il mal di mare ) ho questo aspetto in vergine 6a.

ciao
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 29 giugno 2013
X MAX:

Si, anche io e mio marito ci 'azzuffiamo' in continuazione e pensa che ci adoriamo ;)

Si, direi che condivido, impossibile non finire quà e là per 'discutere animatamente'....a dire il vero da quando esistono blog e social, persino litigare sembra stia diventando come un tipo di 'arte contemporanea' :D

Quella del 'tubo idraulico' solo un uomo poteva pensarla come 'immagine' rappresentativa....:) coglie benissimo le problematiche spesso associabili alla quadratura.
Dai Max, mi incuriosisce sapere che immagini associ agli altri aspetti, ci dici???.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Lara
inserito sabato 29 giugno 2013
Ciao Lara, forse hai ragione, i responsabili del "mal d'auto" potevano essere rapporti Mercurio-Plutone ... non ricordo in verità. O forse, nel mio caso, Saturno in 3^ fa la sua parte nella faccenda, resistendo agli spostamenti.

Molto interessante il comportamento di tuo figlio con la quadratura Mercurio-Urano ... e che Urano!

A presto!
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Massimo
inserito sabato 29 giugno 2013
Grazie Massimo, non mi sembrava un battibecco (io ho scritto un solo post in cui chiedevo di non essere sollecitata come un'incapace per non voler vedere ciò che è "universalmente" importante) anche perchè mi sembra che il blog si sia leggermente "mosso" proprio dopo una mia richiesta di tornare all'astrologia: sono la prima nemica dei battibecchi!!!

Alix diceva che ci sono molte discussioni passate sulle attribuzioni di domicili ed esaltazioni e che hai anche scritto un libro in proposito.
Cercherò (se il tempo me lo permette) di recuperarle e leggerle.

Grazie comunque per la mediazione! ;)
Ecco qui i miei dati per sbirciare sia la mia propensione al battibecco, sia la mia propensione alla mediazione: 30/06/1968 h.21.50 Milano.

Per ora niente rimedi efficaci contro la puzza di piedi (tanto per divagare!)

Ciao!
stefania

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 29 giugno 2013
X Deva:
ti faccio più breve che posso la risposta, le mie non sono mai 'critiche', sono diverse ottiche di pensiero che vi propongo di analizzare, 'se volete' e ripeto 'SE VOLETE!'.
Se non vuoi o c'è chi di altra non vuole prenderle in considerazione, non mi cambia la vita.

Che ne sai poi tu che non ci sia qualcuna che di tanto in tanto ci rifletta sopra a ciò che dico quì e là?
O che lo farà magari tra tanti anni o dopo esperienze significative della sua vita o dopo 'mutamenti' di ottiche di pensiero.

E per ultimo:
ma perchè mai quando dico le mie di 'impressioni' lo reputi una cosa diversa di quello che continui a fare tu :)???
E quando mi riferisco a 'voi' non è per fare masse indistinte su... è un pò come rivolgere la domanda o riflessione a tutte nel blog.... anziche solo specificatamente alla persona con la quale stai interagendo.

--------------------------------------------------

X Rosy58:
Cara Rosy, non volevo mettere minimamente in dubbio l'esistenza di tue competenze.
Il problema del blog è che non tutte hanno partecipato o letto discussioni precedenti e quindi si rischia spesso di dover tornare su cose già dibattute.
Una delle cose che mi paiono eccessive dell'astrologia umanistica sono queste interpretazioni a volte (a parere mio) troppo costruite su circonlocuzioni 'mentali'.
Il che non esclude che l'interpretazione abbia il suo interesse didattico per tante.

Un'altra cosa alla quale sono arrivata nel tempo circa le 'interpretazioni' è che riterrei che prima di tentare di interpretare un tema di un soggetto qualsiasi, dovreste 'conoscerlo dal vero' mi pare si chiami pratica del 'counseling' se non erro.
Essere a conoscenza il più possibile di aspetti della sua vita, in che ambiente è inserito, lo stato sociale, le esperienze precedenti, come 'pensa', che persona è, prima di tentare di 'leggerla' etc. etc. etc.
E' necessaria un'indagine 'preventiva' per meglio capire credo, dato che l'incidenza ambientale e dell'orientamento di pensiero, tipo di cultura, educazione, persino origini, mutano tanto secondo me 'il modo' di analizzare aspetti e qualsiasi indicazione, anche a completa parità dei simboli e carte astrali.

E' una mia idea Rosy, chiaro che quì è un pò difficile questa pratica dato che le persone non si conoscono dal vero, ma appunto per questo sono del parere che ci si espone ad essere un pò costrette ad 'azzardare' delle interpretazioni quando si và sul personale e che a volte queste si rivelano prive di fondamenti.

Un'altro conto se si analizzano le manifestazioni più tipiche o diffuse dell'aspetto generico :)

--------------------------------------------------

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Alix
inserito sabato 29 giugno 2013
Cara Alix, usare la parola fraintendimento è stato inopportuno già la prima volta, in cui ho fatto finta di niente. Usarla una seconda volta è ... ridicolo.
Io uso spesso toni smorzati perchè ritengo non sia il caso di usarne altri. Questo non vuol dire che non capisca. Spero che la questione sia finita qui. Io ho capito. Tu hai capito.
Non annoiamo gli altri.

I tuoi dati scritti così non hanno senso per me.
Preferisco rispettare totalmente la tua privacy e lasciare che altri ci lavorino.

Ciao
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lara
inserito venerdì 28 giugno 2013
In queste settimane non sono riuscita a starvi dietro, per mancanza di tempo e perchè il blog sembra aver preso davvero una piega mercuriale.

Intervengo allora per flash e andando a memoria sulle cose che mi hanno colpito.

Su mercurio in vergine devo dire che non avevo mai riflettutto sul fatto che si trattasse di un aspetto che non facilitasse la visione di insieme delle cose. A ben pensarci, andando indietro con il tempo, è solo dopo il primo quadrato di plutone che ho cominciato a rendermi conto che potevano esserci altri punti di vista diversi dal mio e che sì, c'era l'albero ma anche la foresta. Credo che anche i transiti di nettuno, soprattutto quello di opposizione al sole abbiano fatto il resto: ricordo che anche il mio è un Sole Leone e che il mio Mercurio-Vergine è in quinta casa...

Quando si parla di consapevolezza credo che sia di questo che si debba parlare: essere consapevoli, divenire consapevoli, non significa essere altri da sè: ma capire chi si è, nella propria essenza (al di là dei condizionamenti familiari e ambientali che possono averci "snaturato") e sapersi collocare con questa essenza in un punto, più o meno preciso, del mondo come una tra milioni di persone. Scemenze, dirà qualcuno. Amen.

A questo proposito ho trovato molto bella la descrizione di Rosy del suo transito di opposizione di Nettuno al suo Mercurio: in qualche modo mi ricorda il transito di opposizione di Nettuno al mio Sole durante il quale dalla decima casa dove transitava Nettuno arrivavano continui fendenti (sotto forma di apparentemente inspiegabili "mazzate" lavorative) al mio orgoglio leonino: oggi so che erano lì a indicarmi che il mio Sole da quarta casa non poteva continuare ad ambire a riconoscimenti personali ma doveva mirare verso scopi ben più nettuniani.

Quanto a Mercurio-Urano è un aspetto che mi è ben noto per esserne portatore mio figlio (mercurio Gemelli - Urano Aquario in quadrato anomalo): confermo elettricità di pensiero e di movimento e una certa - ma allegra - supponenza. Volevo però aggiungere per Stefania che non credo che sia a quest'aspetto che si possa ricondurre il mal d'auto. Mio figlio - o almeno lui - in auto fa di tutto...mangia dorme, beve, legge e gioca ai videogiochi(neanche i tornanti lo fermano). Credo che forse questa problematica sia maggiormente riconducibile ad altri aspetti (ricordo che in passato Lidia affrontò l'argomento ma non mi ricordo dove). Io stessa ne ho sofferto molto da ragazzina: aspetti Mercurio-Plutone?

Saluti a tutti
Lara

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito venerdì 28 giugno 2013
@ALIX

Alix...l'impossibilità di andare oltre te stessa significa che sono due anni che sei qui e continui ad attribuirmi cose come "snaturazione di se stessi"..."diventare un altra persona" .."sopprimere delle parti di sè"...

E nonostante io continui a dirti che questa visone delle cose non mi appartiene, che sono tue conclusioni scorrete...tu imperterrita insisti come se non ti sfiorasse nemmeno l'idea di rivedere le tue idee in merito. Magari ti sbagli, che dici ?

Alix..è come se per te fosse veramente essenziale mantenere bene le distanze...da una parte ci sei TU...dall'altra NOI...tra l'altro come se non ci fossero nemmeno differenze individuali in chi scrive qui.

E le "critiche" che fai (chiamale come vuoi...) non sono cambiate di una virgola da due anni a questa parte, Alix.

E' come se a te non interessasse proprio capire ..nel senso di comprendere, di avvicinarsi alla visione dell'altro...pur senza, necessariamente, condividerla (quindi...per andare oltre se stessi chiaramente intendevo, mettersi in discussione, ASCOLTARE l'altro e non trarre conclusioni preconcette che sembra siano rimaste tali e quali nel tempo...).

Se tu mi facessi delle "critiche" realistiche...ben vengano, parliamone...ma se mi attribuisci cose che non mi appartengono proprio.....questo mi lascia perplessa.

Anche frasi come " ho l'impressione che siate convinte di aver già scoperto tutto ..."

Alix, il fatto che continui ad attribuirci queste cose irrazionali e irrealistiche, ..non ti pare che possano infastidire visto che sono assolutamente lontane dalla realtà...e ribadisco...dopo due anni che siamo qui a parlarne....!!??

deva
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito venerdì 28 giugno 2013
Per Lidia. A me piace descrivere l'aspetto di quadratura così. Se prendiamo un tubo dell'acqua e lo disponiamo in cerchio, l'acqua scorrerà fluidamente. Se io faccio una strozzatura sul tubo di novanta gradi, in quel punto l'acqua sarà prima frenata e po schizzerà via. Quel punto diventerà un nodo in cui l'energia è compressa e di conseguenza il problema si accentra.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito venerdì 28 giugno 2013
Per Alix, Deva e Ste. Non c'è nulla di strano nel battibeccare. Anche i migliori amici lo fanno. Ognuno di voi, di noi, ha le sue prerogative che a volte disturbano l'emotività degli altri. Io ad esempio ho, tra gli altri difetti, un Giove in prima casa che mi fa allargare spesso e un Marte in settima che mi attira molti nemici. Il Nettuno quadrato al Sole fa di me un bel boccone da assaporare. Meglio non continuare sennò mi metto a piangere. Tuttavia i miei difetti li so riconoscere e ho anche imparato a sorriderne.
Ps ce l'avete un rimedio contro la puzza dei piedi?
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito venerdì 28 giugno 2013
Altra cosa STE:

se vai a scorrere i post di curiosità astrologiche, che purtroppo sono quasi 600 ( tanti), in parecchi punti io e Deva, oppure Max e altre abbiamo affrontato il discorso 'attribuzioni dei pianeti' in svariati punti.
Fai conto che nell'astrologia esoterica che in quel momento interessava a Deva, le disposizioni dei pianeti sono quasi completamente diversificate per esempio.
Se ti interessa discorso, questa è un'informazione forse utile per cercare le varie considerazioni che già erano state fatte.


Sempre per il 'gatto', non possiamo capire esattamente come mai nella casa che abitavo 'prima' avesse paura dei temporali con tuoni e fulmini o occosionali fuochi d'artificio, tanto da camminare basso e guardingo per cercare nascondigli dai quali non usciva più fino alla fine.

Da quando siamo in questa no, per niente, cosa è cambiato???.

Ipotesi con un senso logico però se ne possono sempre fare: l'altra abitazione precedente era priva di doppi vetri e con pavimenti marmorei, il chè forse 'enfatizzava' la percezione di 'vibrazioni' durante i tuoni.
Questa ha i doppi vetri ed è completamente in parquet, forse permette che si sentano meno vibrazioni per lui con il risultato che si sente più protetto e sicuro, quindi 'tranquillo'.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito venerdì 28 giugno 2013
X Ste:

Le 'bolle d'accqua', erano bolle fatte d'acqua che mi apparivano sulla pelle in tutto il corpo quando da piccola mi facevano 'cambiare aria', l'adattamento alla nuova aria ( di mare o montagna appunto) mi faceva sempre venire la febbre e da piccina anche queste 'bolle' che sparivano poi dopo qualche giorno.
Giusto come nota divertente, mio ricordo che mio zio mi diceva che 'sembravo un extraterrestre'.
Tanto per rimanere coincidenzialmente in simbologia uraniana :)
Poi stà strana cosa è passata credo dopo i 10 o 13 anni.

Ho spesso ripetuto quì che ho una sensibilità 'enorme' alle variazioni dell'ambiente, così come sono estremamente metereopatica.
Non sò per quale strano fenomeno fisico quando stanno per scatenarsi temporali con fulmini e tuoni il giorno precedente mi sento come una 'pila scarica' e mi viene un sonno invincibile , quasi come se il tempo metereologico potesse assorbire dell'energia per assurdo.
Un pò come il mio gatto che chiamo 'gatto sismico', come tutti i gatti ha una particolare sensibilità ai 'terremoti', questa razza in particolare sembrerebbe.
Se 12 ore dopo arriverà una scossa ben avvertibile nella mia zona il mio gatto, già 12 ore prima oltre a girare 'nervoso' e apparentemente 'disorientato' compone dei 'cerchi' girando su se stesso.
E' successo persino con gli 'tzunami' dall'altra parte del mondo, come facciano non si sà, loro 'sentono'.
Questo fenomeno dipende dalle variazioni elettromagnetiche che loro avvertono con i sensibilissimi polpastrelli.
Idem per me evidentemente, in qualche modo e credo proprio per la congiunzione mercuropluniana in vergine, sono extrasensibile a queste variazioni di 'campi'.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lola
inserito venerdì 28 giugno 2013
X Alix

non penso che essere consapevoli di se stessi significhi "snaturarsi" credo che nessuna di noi abbia detto questo.

Piuttosto lo vedo come un processo di accettazione delle proprie qualita' e soprattutto dei propri limiti che non significa forzarsi ed essere un'altra persona ma agire tenendo conto di come sei realmente. La parte piu' difficile di tutto cio' e' trovare l'equilibrio tra quello che siamo e quello che vorremmo essere.

X Ste e Alix

Ho molti pianeti in segni di terra compreso mercurio in capricorno ma la montagna non e'il mio elemento. Oltre tutto ho paura delle altezze...Adoro invece il mare in tutte le stagioni e amo i paesaggi "acquatici". Sento molto nettuno all'ascendente (12a scorpione) che e'anche uno dei governatori del sole sagittario.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito venerdì 28 giugno 2013
Per Ste. Vedi bene, io non attribuisco la Luna al Toro. Quel discorso è teorico per immaginare l'unità tra segni e pianeti. Quello che voglio sottolineare è che da questo spunto si arriva attraverso l'elica alla realtà come la conosciamo. Con la Luna in Cancro, il Sole in Leone e così via.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito venerdì 28 giugno 2013
X Ste:

Ste, se ti offendi per un fraintendimento tuo, è chiaro che mi passa liscio ciò che dici, non è una questione di 'regalità', semplicemente è un non voler litigare per una questione che non esiste.
Ho una luna capricorno non è da dimenticare, detesto perder tempo, in discussioni senza senso.
Capita di non essere 'afferrati'......ed è lecito che chi capisce a modo suo lo dica se crede.

E' certo che la direzione è il futuro, che piaccia o non piaccia, con tutti gli attaccamenti al passato che puoi o si possano avere la 'freccia del tempo' punta in quella direzione solo in termini infiniti e galattici il passato può finire per diventare futuro.
Guarda , ho una venere Cancro in 4a, ti parebbe che il passato non abbia interesse per me?
Già il fatto che provi interesse per la genealogia e l'astrologia transgenerazionale e l'archeologia ( quella cosiddetta missteriosa) è significativo di uno sguardo a ciò che è trascorso non trovi?
Senza contare che osservare le 'stelle' è già guardare nel 'passato' visto che la 'luce' che arriva a noi potrebbe essere quella di una stella già implosa.


Per te e x Rosy58:

1a e 7a casa ,12a e 6a molto ampie ( tanto che nel sistema americano coprono quasi 2 settori)
1à X eris in ariete e marte in toro
2a toro/gemelli- vuota
3a gemelli-vuota
4a cancro- venere
5a Cancro/leone - sole congiunto urano
6a leone/vergine - mercurio congiunto plutone
7a bilancia - punto fortuna giove congiunto nettono e nodo nord
8a scorpione sagittario - vuota
9a sagittario- saturno
10a capricorno - Luna
11a capricorno/acquario - vuota ( terra)
12a acquario/pesci - Kirone

Ci sono da considerare i transiti, ora per esempio il giove in gemelli, saturno in scorpione, urano ariete, nettuno pesci e plutone capricorno.

Giusto la 'base' globale :)
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ROSY58
inserito venerdì 28 giugno 2013
Per Ste

Ciao Ste, grazie per il tuo parere sulla mia interpretazione: fa sempre bene ricevere conferma degli studi che si portano avanti…Io sono un allieva di Lidia, ho frequentato la scuola di formazione dei tre anni a Milano e ho seguito i suoi seminari in parte anche del quarto anno attraverso le sue lezioni. Purtroppo per vicissitudini familiari ho dovuto mollare un po’ il colpo negli ultimi due anni ma “sono sempre sul pezzo” perché questa disciplina, così come la porta avanti Lidia, è semplicemente fantastica…formativa….
Quindi, niente meriti personali, se non quelli di “amare” l’astrologia, soprattutto come percorso evolutivo.
Grazie ancora, un abbraccio
Rosy

PER ALIX

Ciao Alix, mi spiace che tu non “voglia” postare i tuoi dati perché risulta più semplice riuscire a “conoscerti” ma vedrò cosa posso fare: non ho molto tempo a disposizione per poter leggere in merito al tuo tema ma spulcerò qualcosa.
Non sono d’accordo su ciò che scrivi in merito al mio post, soprattutto quando parli di “arzigogoli” in relazione all’interpretazione: è ASTROLOGIA.
E qui mi fermo. Credo sia utile andare avanti continuando a tenere presente che in questo blog ci si mette a disposizione, ognuno con le proprie conoscenze astrologiche, affinchè questa disciplina possa essere compresa e “amata” ancor prima che affrontata razionalmente da chi partecipa.
Un leone come te dovrebbe sapere bene che le “passioni” sono veicoli di energia, linfa vitale, voglia di vivere: viverle in questo blog significa “sentire” l’anima di questi archetipi muoversi insieme alle nostre “piccole/grandi” vite.
Questo è il mio pensiero.

Saluti,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lidia
inserito venerdì 28 giugno 2013
cari amici,
Mercurio Urano è un aspetto incredibile sotto tantissimi punti di vista che va elaborato con estrema attenzione perché può essere fantastico o estremamente pericoloso.
Comincerei col dire che è un aspetto in cui la mente non accetta i limiti del corpo per cui si è sempre in sovraccarico. Lavora tantissimo sui riflessi che sono prontissimi ma, soprattutto in caso di aspetto dinamico, non sempre coordinatissimi dato che la trasmissione del messaggio nervoso a volte è estremamente veloce al punto che la mente ordinaria a volte non lo recepisce nel modo corretto. E' uno degli aspetti che possono generare incidenti e il tutto è dovuto proprio al fatto che la persona è abituata ad avere riflessi eccezionali che però, nei momenti in cui l'aspetto riceve opposizioni o quadrature, può non essere al meglio perché si crea quello scoordinamento tra input e ricevimento del messaggio che può dare problemi.
Anche sul piano della comunicazione è lo stesso: la mente è veloce e la parola spesso arrogante per cui non è facile avere a che fare con queste persone che, hanno una rapidità di collegamento delle cose unica ma che, per qualche motivo, non sono in grado di pazientare e di attendere che gli altri arrivino alle stesse conclusioni in tempi ristrettissimi.
Per questo è stato definito "peccato di hybris".
Con gli aspetti disarmonici ho notato che la velocità è più elevata, quasi che ci fosse un'ansia nel capire e nel collegare, derivante forse dalla sensazione di "diversità e di estraneità" all'ambiente in cui sono vissuti quando erano piccoli il che ha creato la necessità di essere sempre in condizioni di rispondere con velocità spesso anticipando gli altri.
Ci sono poi altri grandi significati con questo aspetto.. ne parliamo la prossima settimana. Finalmente, al mio rientro da Roma avrò un po' più di tempo da dedicare al blog.
Un saluto a tutti
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Massimo
inserito giovedì 27 giugno 2013
Eh sì caro Massimo, ma quando attribuisci il 2 al Toro e ... alla LUNA!!! è chiara la direzione almeno dei domicili!
Comunque anche io ho avuto ed ho tutt'ora mille perplessità in merito, ma non sono mai riuscita, come dicevo, ad arrivare alla comprensione totale che prelude al superamento.

Ricordo che Lisa Morpurgo aveva teorizzato lo Zodiaco diviso in due parti, una levogira e una destrogira che tendevano proprio a "spezzare" il cerchio ... non è distante da ciò che affermi, comunque, dai ... rimandiamo ad altro luogo e tempo la discussione qualora suscitasse curiosità anche in altri (in me l'ha già fatto!)

A presto!
Stefania


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 27 giugno 2013
Giusto per chiudere discorso Deva, se i miei post non ti piacciono al punto da esserne particolarmente presa male.....saltali :D
Rispondi intervenendo su altre partecipanti se preferisci argomentare diversamente.
Mi dispiacerebbe, ma se ti fà sentire meglio far così, fai così.

In ogni modo mi piacerebbe capire da te ( se vuoi) o da chi vuole se ritenete il diventare più consapevoli un processo di 'snaturazione' di se stessi.
Che vuol dire andare 'oltre se stessi'?

A volte ho l'impressione che pensi o pensiate che essere coscienti di se significhi 'diventare un'altra persona' costringersi ad un ruolo non proprio.
Naturale che c'è un tot di protagonismo in me, l'importante mi pare è che ne sia cosciente, e credi che non lo so, vivo con me da una vita :)??? se sono Leone sole 5a un motivo ci sarà.
E' una componente importante che non dovrebbe essere 'soppressa' quindi.
A parte che rimane parziale l'analisi dato che la luna in capricorno dice tutte altre cose e l'ascendente pesci anche, ma cmq non è questo il punto quindi tralasciamo.

Il punto è capire meglio la propria natura a parer mio non pensare di 'stravolgerla' secondo 'credenze'.
A volte con i discorsi che fai mi dai l'idea che tu faccia proprio questo credendola una via spirituale 'sopprimere' delle parti credendo di essere andata oltre, ma oltre che cosa mi chiedo?

Oltre parti di natura che ti sono proprie ma che non vuoi?

Anche il discorso sulle tipologie, mi sembra naturale che una persona abbia più simpatia per certe persone piuttosto che altre, è libero arbitrio o pensi che andare oltre significhi farsele andare bene tutte quante???
Quindi, anche se mi sono più simpatici in genere uraniani o gioviani o nettuniani artistici che nota stonata pensi ci sarebbe?

E naturale che uno tenda ad accompagnarsi più strettamente con chi condivide più aspetti similari.
Sono 'costellazioni relazionali'.

Ma mica significa non 'nobilitare' anche tutti gli altri.

I plutonici sono in genere piuttosto affascinanti in prima battuta ma non ci lego del tutto per esempio e con il tempo (per me) perdono quell'aura di 'mistero' che li rende attraenti in principio, con i mercuriali gemellari non lego minimamente in genere.
Ho una simpatia spontanea e mi trovo bene con i Gioviani, quindi mi piacciono parecchie caratteristiche tipiche anche di questo pianeta.





-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Alix
inserito giovedì 27 giugno 2013
Certo cara Alix ero precisamente offesa, ma non molto, dopo aver scritto mi era già passata ;) poi la tua regale reazione mi ha suscitato un sorriso, quindi credo che passerò sopra al fatto che continui a ritenere il "futuro" l'unica direzione degna di essere presa in considerazione.
In cambio ti chiedo di perdonarmi l'attaccamento al passato (è nella mia natura cancerina) e al presente (è nella mia natura verginiana).

In merito alle considerazioni Urano-Mercurio le trovo interessanti (ma non so cosa sono le "bolle d'acqua"), in verità faccio davvero fatica a capire senza il tuo TN, ma non importa.

Discorso Urano in Bilancia: sì la Morpurgo l'aveva inizialmente ipotizzato per poi tornare ad Urano in Vergine. Trovo interessante l'ipotesi di Massimo e spero che Lidia (se torna a dare un occhiata qui!) abbia uno spunto per lavorarci sopra con la sua guida!

Discorso "futuro": Come dici tu l'uraniano è sempre "troppo avanti" e, a questo punto, è meglio che ne sia orgoglioso perchè l'alternativa è che diventi un disadattato, sono d'accordo (mio figlio è Acquario, come potrei darti torto!), ma come dice Deva i segni sono 12 e i pianeti pure: ognuno di essi è "necessario" e "indispensabile" alla vita su questo pianeta. Ognuno di essi ha una pari dignità.

A me ad esempio piace essere allineata con i tempi, vivere il presente, imparare dal passato .. il futuro.. bho? Certo mi capita di "vedere" avanti, ma cerco di non assecondare troppo queste intuizioni "fulminanti" perchè per me è terribilmente faticoso e frustrante vivere sempre in un tempo e un luogo in cui il mio corpo non c'è.

Una piccola nota : non ho mai detto di "sfrondare le convinzioni più comuni per adottarne altre più aggiornate". Credo che la verità di certe conoscenze non sia legata al fatto di essere "comuni e diffuse" o "originali e fresche di pensiero". Il test va fatto sulla realtà che va suffragata con moltissimi dati e ricerche, tenendo sempre basso il livello del proprio ego e cercando di usare più Saturno che Urano (compito arduo!). Le conoscenze valide poi di solito sopravvivono al tempo
Urano va bene come "input", ma i suoi input possono essere così fuori tempo da essere inutili. Urano prende dal Cielo, ma poi il lavoro va fatto sulla Terra! ... parere personale, eh!

Ciao!
Stefania




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 27 giugno 2013
Solo una cosa x Ste e Lola:
Credo di aver visto il tema di uno scalatore provetto, anzi forse due:
Mi pare emergessero Marte con Saturno.

Il tema di una persona che non è nota per aver scalato montagne ma che la sua biografia descrive come scalatore provetto in grado di riuscite oltre i limiti, porta un Marte in capricorno.
Venere e sole trigono Saturno che penso possa valere come 'amore per le montagne o le scalate' o il desiderio di 'salire molto in alto', marte trigono plutone, saturno è in acquario.
Era un 'esoterista' tra i più famosi e più 'discussi' dei tempi andati.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 27 giugno 2013
Ma cara Deva, questo è quello che hai avvertito tu o Ste e francamente mi dispiace.
E poi cosa vuol dire 'scantonare' le critiche?
Certamente non posso 'contro-offendermi' per reazioni che posso comprendere se così dite di sentire.
Ma cosa vi dà fastidio 'esattamente' di quel che esprimo???
Quella sequela di termini Deva dai ..... è una tua interpretazione personale di quello che 'secondo te' penserei, farina del sacco tuo.
Quindi mi metti in bocca parole o concetti non miei.

Al limite posso domandarmi cosa è che non fà arrivare i miei messaggi nella maniera giusta dato che è come se ti o vi arrivassero 'distorti'.

Esalto i simboli uraniani come ho esaltato ugualmente nettuniani e plutonici se ci vai a pensare bene e qualunque altro pianeta o aspetto...... dai miei punti di vista.

Nelle "1000 facce di nettuno" dove si parlava del nettuno artistico tu non hai quasi per nulla partecipato, evidentemente perchè lo vedi esclusivamente in versione 'spirituale' e quindi se si canta questa canzone ok ti stà bene, se no passi e dunque non lo senti come 'esaltato' se, se ne parla in altri modi.
Lo stesso ho fatto spesso con plutone dicendo che personalmente non lo vedevo come il 'diavolaccio' di pianeta che spesso mi è capitato di leggere metta paura a tante con il suo passaggio, cercandone anche le manifestazioni più entusiasmanti.

Io credo che il problema stia nel fatto che se canto e suono nella stessa maniera puoi continuare a raccontartela nello stesso modo senza sentirti troppo disturbata o messa in crisi, se qualcuna ,che sia io o chiunque altra, inserisce note troppo diverse ti senti come 'attaccata'.

Esprimere dei pareri o visioni diversificate non è 'attaccare' qualcuno a mio vedere.
Se poi tu o Ste la percepite diversa, che posso fare ???

E' chiaro che se esprimo un concetto che verrà inteso da qualcuna/o in modo diverso da come lo intendo veramente non può essere intenzionale da parte mia.
Per questo ci si confronta ed eventualmenti si 'chiarisce'.

Potrei pensare che i messaggi vi arrivino con un 'tono strano' come se parlassi a voce.
Mia sorella anche ogni tanto spunta fuori che ho un modo di parlare e intende il 'tono' che la fà sentire come uno 'straccio'.
Potrei mai pensare che 'attraversi' il web :)???

Però è lei che 'avverte in tal modo'.


Per Ste:
Max ha scritto un libro dove espone le sue teorie, non so se ti era sfuggito tempo fà il suo post.
Mi sarebbe piaciuto molto leggerlo ma non ho risolto il problema del dover dare per forza un recapito privato.
Aspetto che Max mi dica se si potrà trovarlo in libreria :)




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito giovedì 27 giugno 2013
@ALIX

cara Alix, visto che hai questa magnifica e invidiabile attitudine a driblare le "critiche" facendotele scivolare addosso con totale nonchalance (degno di un sole leone)...ci tengo a dire che condivido in pieno ciò che ti ha scritto Ste e che quindi non è solo il SUO parere.

E' vero Alix che a volte è offensivo il tuo modo di porti.

Visto che proclami la tua libertà di scrivere in questo blog che effettivamente è aperto a tutti ti chiedo di avere rispetto per chi è qui è che evidentemente ha una "forma mentis" diversa dalla tua ma che, non per questo deve essere considerato inferiore, bigotto, arretrato, irrazionale e ignorante.

Il fatto che è un blog per argomento, non si possono ignorare i tuoi interventi Alix..che spesso sono lunghi o plurimi...quindi si arriva sempre nella condizione di doversi "difendere" dalle tue continue critiche, attacchi, biasimi invece di parlare di astrologia e questo è fastidioso.

Alix, spesso dai veramente l’impressione di ritenerti l’unità di misura del resto dell’umanità (e sicuramente di questo blog) ma se l’astrologia ci insegna qualcosa è il valore della diversità….!!!

Continui ad esaltare i valori uraniani (che, guarda caso, ti appartengono) come gli unici degni di considerazione.

Ma i valori uraniani/aquariani hanno luci ed ombre come TUTTE le altre funzioni e simbologie dello zodiaco.

Poi la cosa divertente, Alix è che tu metti su un piedistallo i valori uraniani...e dici sempre che a te non ti interessa particolarmente usare l'astrologia per guardare dentro di te ma spaziare in mille rivoli di interessi, spunti , stimoli, suggestioni, appunto...uranicamente....ma poi quel sole leone in V protagonista assoluto della scena ti impedisce di andare ....oltre te stessa.

deva
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 27 giugno 2013
X Ste:

mi ero dimenticata, mi spiace che tu abbia considerato 'offensivo' qualcosa che ho detto, chiaramente non era mia intenzione.
Tantopiù che proprio perchè ne lavoro ne ho voluto figli mi chiedo sempre come facciate a ritagliarvi 'spazi di tempo' per seguire i vostri interessi che a volte mancano persino a me.
Tanto è che considero certe donne un pò come delle 'wonder woman', mi sembra l'avessi anche già detto :)

X questione mercurio urano 'mal d'auto' a cui qualcuno ha accennato: ne ho sofferto molto da piccola quando Urano transitava in vergine su Mercurio Plutone più o meno.
Non solo, qualsiasi 'cambiamento d'aria' tipo passare dalla cità al mare o in montagna mi faceva venire le 'bolle d'acqua' ( entro i 10/13 anni intendo).
Non ho rapporti mercurio urano ma continuano a non piacermi particolarmente gli spostamenti con qualunque mezzo, nel senso che ovviamente li uso all'occorenza , ma trovo il 'viaggio' stancante energeticamente in specie se lungo, in linea con il mio Saturno sagittario credo.
Mia sorella che ha giove sagittario ama non solo l'idea di viaggio ma proprio lo 'spostarsi' su qualsiasi mezzo dalla moto all'aereo.


X Deva:
grazie informazione decani Luna Urano cancro capricorno, ma del resto è solo per noi che la Luna assume caratteri di un certo tipo, se tu pensassi al corpo celeste luna come pianeta reale la realtà vera è che è freddo e arido come saturno, molto meno 'femminile' nel senso nostro di ciò che appare.
Perciò l'altra faccia della luna è affatto morbida e accogliente, sono letture diverse e a strati diversificati dell'astrologia.
Spesso le simbologie perfino si 'intrecciano', del resto il corpo luna e sull'asse saturno e questo sarebbe già significativo a pensarci.
Il problema come accenna Ste è 'sfrondare' le convinzioni più comuni per 'adottarne altre' più aggiornate.

X riallacciare a Ste:
Lidia ha già proposto mi pare la possibilità che Urano sia da esaltare in Bilancia anche, chiaro che in uno 'schema' assodato sarebbero poi molte le cose da 'vedere rivoluzionariamente in ottiche diverse'.

Per questo ci atteniamo agli schemi più universalmente riconosciuti tipo il Morpurghiano, Max ne propone uno nuovo infatti, non a caso è un Acquario.
E chissà che non abbia avuto intuizioni 'avanti', forse troppo avanti come è tipico dei vari uraniani per essere subito 'capite'.

E questo mi riallaccia a Deva:
L'intuizione 'avanti' può avvenire anche molto prima nelle varie epoche, il problema è piuttosto l'accetazione comune che è solitamente tardiva.
Intuizioni brillantissime sono già avvenute 50 ann fà su certe questioni di fisica quantistica, peccato non esistessero allora gli strumenti per 'convalidarle'.
Costruiti gli strumenti chi è arrivato dopo ha capito che questi scienziati ' non creduti' alla loro epoca...... AVEVANO RAGIONE!
Questi scienziati o inventori godono di 'glorie postume' sempre troppo tardive.


X Rosy58:
Non metto i miei dati per una sorta di protezione di privacy, Deva però ha praticamente ricostruito il mio tema dalle lunghe discussioni che datano da argomento PLUTONE 2010 in poi.
Se hai voglia e tempo di leggerti tutto sono certa che riesci a ricostruirlo in maniera abbastanza attendibile anche tu ;)

Ho frequentato:
Plutone l'invisibile
Giove ponte transpersonale
Risoluzione delle dinamiche
Gli aspetti di giove
Curiosità astrologiche
Il femminile in astrologia
Il maschile in astrologia
Le 1000 facce di nettuno
Subpersonalità
e ora questo Mercurietto :)

un salutone
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 27 giugno 2013
X Rosy58:

Ecco Rosy58, giusto per farti capire come la penso credo bisogna evitare di vedere e leggere 'arzigogoli' dove le spiegazioni sono molto più semplici.
Come quella teoria del 'rasoio di Occam'.....

Che i tappini possano essere....cito da tua frase:

"una manifestazione di quel nettuno che vuole che chiuda le comunicazioni che arrivano dall'esterno quasi fossero fuorvianti per far posto al nulla e far mente sgombra all'elaborazione di contenuti che arrivano dal profondo"
non è ciò che posso condividere in linea di massima, mi sembrano quelle 'forzature' concettual/psicanalitiche che esercitano un forte fascino sugli appassionati del genere 'tortuoso' che finiscono per non avere nessun fondamento realistico.
Almeno per come vivo la mia vita di ora e la mia interiorità di ora.
E' un pò come voler vedere a tutti i costi qualcosa che non c'è, inventandoselo.
La spiegazione è davvero semplice, mi crea fastidio da tempo il rumore esasperante di una ventola della quale avevo già segnalato la continuata molestia senza esiti.
E i tappini sono una parziale soluzione per difendermi da intrusioni acustiche almeno fino a che non ci saranno esiti di completa silenziatura.

Sicuramente l'opposizione nettuno 12a mercurio 6a dice anche altro, hai ragione certo, di cose se ne possono trovare tantissime, ad esempio che mi è capitato in questi mesi recenti di 'prestar soccorso' a due gattine, una investita agonizzante e l'altra probabilmente abbandonata.
Credo non ci sia bisogno di far l'analisi dei simboli per trovarci correlazioni.

interrompo.....
ciao
a dopo
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito giovedì 27 giugno 2013
Per Ste. Eh eh eh. Ma tu non sai quali sono le esaltazioni che io attribuisco ai segni e neanche soprattutto perché, per quale motivo logico. Comunque sia, per rimanere terra terra, a casa mia il Cancro ha opposto il Capricorno e la Luna ha opposto Saturno. Lo dice soprattutto la matematica e la geometria. Se poi tu fai come un mio amico che dice che non è detto che 1+1 fa 2 allora vabbè, alzo le mani e mi arrendo. Io penso invece di aver capito da dove nasce l'esigenza della Morpurgo di ribaltare i due anti luminari. E' il problema dello scavallamento tra le due parti dello zodiaco. Il famoso 7. La Morpurgo probabilmente non ha capito la doppiezza dello zodiaco continuando in qualche modo a considerarlo uno, un cerchio unico. In realtà lo zodiaco è diviso in due parti opposte e speculari esattamente come la vita in generale. D'altronde non è questo lo zodiaco? Non è forse la decifrazione della vita?
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 27 giugno 2013
Ragazze, mi sono un pò persa, essendo entrati tutti questi post.


X Max:
non ho capito quale ragionamento non capivi perciò non riesco a collegare la tua risposta a quale dei miei post.


X Ste:
Ste, niente nervosismi Leonini, anzi mi sei sembrata tu un tantino risentita per questioni da te solo male interpretate.
Le mie erano semplicemente delle indicazioni che secondo me sarebbero utili, tanto è che se una non li trova utili non farà che ignorarli.
A me non cambia niente.....dove starebbe il problema?
Inoltre le 'fonti' vanno sempre considerate esclusivamente 'un punto di partenza' proprio per la libertà poi di procedere come uno meglio crede 'approfondendole' se vuole nelle sedi che ritiene meglio.
Non sono 'un verbo', è l'intuizione personalissima che tu avrai che conterà che ti spingerà a cercare ancora dell'altro sempre nelle direzioni che tu sceglierai.
Non importa che tu ti rivolga a scienza e biologia in specifico, se non ti piacciono ne ti attirano, era solo un esempio, l'idea era da interpretarsi come un riferimento al fatto di non interpretare l'astrologia avvalendosi solo di essa senza cercare 'contemporaneamente' spunti sempre anche in altre direzioni.
Qualunque direzione meglio ti aggradi e compatibile con i tempi a disposizione che siano tuoi o di altri.
Sono le manifestazioni delle famose e note 'sincronicità' tra l'altro, quando compaiono e tu riesci ad osservarle sono significative.
Se poi uno/una non lo pensa coinvolgente, non lo sente come fattore stimolante e 'approfondente' ma piuttosto 'dispersivo' per me può fare come preferisce.

E' lo stesso atteggiamento di una conoscente che ti può dire di aver fatto, chessò...... un corso di cucina creativa e averlo trovato essenziale per organizzare meglio culinariamente le sue cene.
E' chiaro che se a te non interessa non accetterai l'invito a farlo anche tu.
Perciò ho usato la parola 'invito', l'invito non è ne un dovere ne un obbligo.
Secondo me l'informazione aiuta a 'spaziare' e quindi riuscire ad osservare collegamenti molto più ampi ma se per te o per voi ( voi inteso come chi non tende a far già così) non è naturale vederla così, non stò quì certo a cercare di convincervi altrimenti :)
E dico sempre 'informazione' che è già cmq un passo in là dalla 'disinformazione' e non conoscenza assoluta perchè mi pare appastanza evidente che occorerebbe conoscere e frequentare specialisti in ogni campo dello scibile se volessimo radunare competenze indiscutibili.
Oltretutto sia informazioni che conoscenze possono comunque essere sempre messe o ri-messe in discussione da nuove 'scoperte'.

Non sapevo che Morpurgo si augurasse collaborazione tra 'scienze' delle più varie e astrologia ma credo di poterla condividere :)
Se non altro in un'ottica futura.....

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Lola
inserito giovedì 27 giugno 2013
dimenticavo: tecnica uraniana non è da intendersi solo come "tecnologia" ,ma anche come meccanica e tecniche (anche artistiche o artigianali) in senso lato. Insomma è tutto ciò che attiene all'attività delle mani e delle dita, dall'uncinetto al virtuosismo musicale di chi suona la chitarra o il pianoforte.
Un Urano in Vergine trigono ad un Mercurio in Toro ad esempio potrebbe essere abilissimo nell'attuale "cake design" per dirne una.
Un Urano in Vergine trigono ad un Mercurio in Capricorno potrebbe invece avere una particolare abilità nel muoversi in montagna quindi potrebbe dare uno scalatore provetto!

Un abbraccio
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste
inserito giovedì 27 giugno 2013
Rosy58, davvero stupendo il tuo racconto-analisi del transito di Nettuno in opposizione al Mercurio natale!!! Interessante, approfondito, preciso e raro per il livello di obiettività.
lo metterò fra i miei "appunti" astro.

Ciao!
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Massimo
inserito mercoledì 26 giugno 2013
... Massimo, la tua sequenza mi incuriosisce ... spero che ci sia occasione di tornarci sopra; io ci ho ragionato molto, ma non sono ancora arrivata a comprendere totalmente quella morpurghiana, quindi non posso "superarla" (ammesso che sia necessario!) ... però è interessante ciò che scrivi, dal punto di vista teorico (meno se poi dobbiamo leggere i segni attraverso i domicili ed esaltazioni conseguenti al tuo schema).


ciao!
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ROSY58
inserito mercoledì 26 giugno 2013
X ALIX

Ciao Alix, riprendendo dall’ultimo post sul transito di Nettuno al tuo Mercurio, potresti postare i tuoi dati di nascita affinchè possa avere uno sguardo d’insieme del tuo tema? Se ti va naturalmente. )
Ci tengo a precisarti che io non ho “verità”… tu scrivi che l’analisi di questo aspetto è una mia “verità” e che come tale non può ovviamente coincidere con la tua… e ci mancherebbe…
L’analisi astrologica, secondo me, è una traduzione di simboli: ciò che si va a leggere in un tema è la de-codificazione di questi simboli. Ritengo che non si possa definire che così.
Certo, io posso intuitivamente comprendere od intuire “insiemi” personali di decodificazione diversissimi dai tuoi ma sempre legati stretti stretti alla valenza del simbolo che è e rimane universale.
E’ molto difficile fare analisi astrologiche con un dato soltanto: bisognerebbe sempre avere davanti l’intero tema per poter esprimere un parere che sia il più concreto possibile.
E poi, l’approfondimento di uno specifico transito del tema è necessariamente da farsi con chi incarna quel tema: non ti conosco, e quindi la traduzione di un transito mi viene da farla necessariamente con il verbo al “condizionale”…. Diciamo in modo quasi asettico. Ciò che quel transito varrebbe per me potrebbe non valere per te e per chiunque altro perché si iscrive in percorsi di vita magari diversissimi fra loro.
Non credo che nell’interpretazione di alcuno di noi vi siano “errori”: credo che sia interpretazione, appunto… Studiando astrologia (questa di Lidia in particolare) si va poi a lavorare sui simboli e su quella base si sviluppa l’interpretazione. Nel confronto, intendo astrologico, si sviluppa l’insieme: per questo ti ho scritto in fondo al post di prendere il tutto come semplicemente spunto per “tue” riflessioni.
Per intenderci: quei tappi nelle orecchie che tu mi scrivi sei costretta a mettere per quel rumore fastidioso, possono essere “una” manifestazione di quel Nettuno che vuole che tu “chiuda” le comunicazioni che arrivano dall’esterno, quasi a considerarle fuorvianti in questo momento della tua vita, per far posto al nulla, alla mente sgombra e all’elaborazione di contenuti che arrivano dal tuo sentire profondo.Ma potrebbe essere “una” interpretazione, ve ne possono essere altre e diverse fra di loro.
Lo stesso tuo transito l’ho avuto anche io qualche anno fa quando Nettuno si è opposto al mio Mercurio in Leone (anche il mio in sestile a Nettuno scorpione radix) dall’undicesima alla quinta: ma per me ha voluto dire altre cose…Quando Nettuno ha toccato, con l’opposizione Mercurio e quindi anche Nettuno di nascita, non ho avuto problemi all’udito ma ho avuto problemi di memoria…Dimenticavo ogni cosa…dalle chiavi di casa, al telefonino, ai libri sugli autobus…etc etc…Grande senso di smarrimento, vuoto, zero possibilità di poter “rispondere” prontamente….mi sentivo come se mi avessero “eliminato” un pezzo di “memoria”… Perdevo letteralmente di vista tutto ciò che era “attenzione”….ho messo in atto una sorta di “disattenzione selettiva”…ma in formato gigante…Ma è stato in quegli anni che mi sono accorta che “avevo bisogno” di staccare la mente per fare spazio ad un “ricordare” totalmente diverso che non era fatto di numeri, nomi, cose, materia, ma dovevo integrare qualcosa che dal collettivo, dall’inconscio collettivo mi arrivava…fare spazio “agli altri” al nuovo, a situazioni, persone e stati di coscienza totalmente nuovi e mai esplorati prima…fare spazio al diverso….non sarebbero entrati nella mia vita se avessi continuato a dare importanza alle piccole cose…
Nettuno in undicesima cercava di farmi capire che la quinta casa, laddove alberga il mio mercurio, in quel momento “era troppo piccola”, dovevo fare spazio “al mondo” e farlo entrare nel mio “ego”, dare spazio a voci diverse, senza averne paura…Nettuno sgretolava lentamente e lentamente, le barriere del mio ego attraverso il suo richiamo disgregante…Non sono state solo rose e fiori: per un sole vergine anche se in quinta casa la paura di finire in pezzi era molto forte. Ma mi piace quello che è successo, e lo rivivrei ancora fino in fondo…
Insomma ognuno lo vive in forme diverse ma “lo vive”… lo sente, capisce che c’è qualcosa che è arrivato e che va “vissuto”…cosa ci lascerà, come elaboreremo i contenuti del transito lo sapremo solo a transito ultimato…
Abbracci,
Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Alix
inserito mercoledì 26 giugno 2013
Carissima Alix, il tuo invito è chiaro, è più che esplicito, ma resta un invito, no?
Una persona, per motivi suoi (che si suppongono legittimi) un invito lo può anche rifutare, non credi? Da uraniana lo dovresti comprendere bene.

Ti ricordo che fu proprio Lisa Morpurgo ad augurarsi che, ad un certo punto, l'astrologia potesse essere studiata da un team di astrologi e scienziati, quindi ... figurati se non comprendo ciò che dici! Lo condivido anche.

Tuttavia io non mi improvviso scienziata! Prendo la scienza troppo sul serio per farlo.

Ho una laurea umanistica e posso approfondire le implicazioni sociali, politiche e storiche dell'astrologia, perchè in quello sono competente.
A me non basta un articolo di "gossip scientifico" per sentirmi ispirata ad approfondimenti seri.
Certo, anche io mi diverto a cercare "connessioni", però amo l'astrologia e i miei oziosi pensieri voglio che restino tali, se non ho la competenza per comprendere e mettere alla prova ciò che leggo qui e là.

Per il resto ti posso dire che le fonti che spesso citi, per me spesso non sono affidabili, nè lo è la mia pochissima predisposizione per certe materie: per farla breve, sarebbe un puro esercizio di "ginnastica" mentale che non porta a nulla.

IL tuo eclettismo è simpatico e fonte di spunti interessanti, ma è il TUO personale modo di procedere.

Un'ultima cosa: parli di chi scrive qui usando il pronome "voi", come se ci percepissi come un gruppo indistinto e questo gruppo indistinto ti innervosisce perchè , secondo te, è devoto seguace dell'astrologia umanistica e profondamente ignorante ed impermeabile alle suggestioni e agli approfondimenti che suggerisci tu.

Capisci che continuare a sottolineare questo può essere molto offensivo?
Spero tu comprenda anche che, se la conversazione non va nella direzione in cui desideri, non ha senso accusare chi partecipa alla conversazione di "essere convinto di aver già scoperto tutto".

Mi induci a rispondere un cosa molto terra-terra (senza prendermi la briga di confutare la tua frase) che, se ritieni il tuo livello troppo alto per la media dei partecipanti, o ti rassegni a "scendere" o parli da sola... non c'è molto scampo.

Personalmente non ho mai avuto l'impressione che qui ci fossero persone particolarmente impermeabili al sapere non astrologico, quindi non capisco come tu possa avere questo pensiero, però se lo vivi così,... così è.

L'importante è che non solleciti ancora con quell'atteggiamento almeno me: non è che non voglio approfondire, è che lo faccio a modo mio, non a modo tuo, per le ragioni che ti ho spiegato sopra, tanto più che NON MI DIVERTO a spiluccare la scienza, la filosofia, le discipline olistiche, etc. come fai tu.

IO non mi diverto, Tu sei liberissima di farlo.
Io sono liberissima di non seguirti senza per questo essere accusata di non voler andare oltre al mio naso.

So che il tuo Urano capirà, dopo che il tuo Leone avrà sbollito il nervoso ;)

Con simpatia
Stefania




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Lola
inserito mercoledì 26 giugno 2013
La mia ipotesi è che, avendo probabilmente un Mercurio in un segno di terra (Toro o Capricorno, visto che è in trigono a Urano in Vergine) è piuttosto comprensibile che tu non sia attirata da una tipo di comunicazione che appartiene più all'elemento Aria, come è quella delle chat e del web.
Infondo un Mercurio in un segno di terra preferisce sempre vedere in faccia con chi parla e percepirlo (soprattutto il Toro) con i 5 sensi e non immaginarlo con la mente.
Il Capricorno immagino che, tra le altre cose, ad un certo punto ritenga che sia una perdita di tempo se non è finalizzata al raggiungimento di un risultato concreto, anche se una competenza tecnica non è rara nei Mercurio capricorniani. Probabilmente dipende un po' da tutto il tessuto del tuo tema natale.

ciao!
Stefania

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito mercoledì 26 giugno 2013
aggiungo per Alix

Per me l'astrologia è un codice per "leggere" il mondo manifesto quindi in una continua evoluzione interconnessa.

Non ritengo ci sia niente di assodato e statico, Alix. Nessuna verità rivelata e definitiva ma un continuo guardare, osservare, vedere, capire ....da dentro a fuori ( dai simboli alla manifestazione del reale) e quindi da fuori a dentro....che non può avere MAI fine.

deva
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lola
inserito mercoledì 26 giugno 2013
X tutti

Mi chiedevo perche', nonostante Urano in vergine trigono a mercurio, non ho un buon rapporto con la tecnologia e in generale con i mezzi di comunicazione. Non amo molto fare lunghe telefonate o chattare preferendo molto di piu' il contatto diretto.
Il computer lo uso poco (a parte seguire questo blog e poco altro) e non solo per il poco tempo libero ma soprattutto perche' dopo un po'mi annoia...



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito mercoledì 26 giugno 2013
Per Alix. Alix io seguo un ragionamento. A questo punto non capisco il tuo.Noi abbiamo un ciclo che inizia con l'Ariete e finisce con i Pesci. E evidente che questo è il ciclo dell'anno. Ma ci si può vedere anche il ciclo della vita. Con l'Ariete inizia la vita, ciak azione! (marte ) con i pesci finisce, e ci riuniamo con il tutto, (nettuno). Il tuo discorso della sequenza planetaria è giustamente un'osservazione da prendere in considerazione e io l'ho fatto.Ciò che ne è venuto fuori è questo. I segni zodiacali sono qualcosa di terreno, cioè a nostra misura, infatti per me sono solo simboli scelti per riassumere ciò che succede ogni mese alla natura. I corpi celesti invece stanno in cielo, su un'altro terreno, e noi li vediamo come vediamo la nostra immagine nello specchio. Se pensiamo di essere un tutt'uno con tutto e quindi anche con i corpi celesti dobbiamo semplicemente fare un'operazione matematica quale unire i segni zodiacali con i corpi celesti secondo la loro stessa natura numerica. Ariete1-Sole1, Toro2-Luna2, e così via. Adesso se io applico il meccanismo di raddrizzamento delle immagini che hanno tutte le macchine fotografiche e anche i nostri occhi, arrivo a vedere questa realtà virtuale e immaginifica nel modo come lo vediamo tutti. nell'ariete c'è marte, nel toro eris e così via. Pazzesco no? Ma non è finita! Lo stesso risultato lo posso ottenere con un metodo ancora più affascinante. Faccio l'unione simbolica segni-pianeti, a questo punto se applico il sistema dell'elica, ( come il DNA ) avrò lo stesso risultato. Allora ne possiamo dedurre che noi siamo nel tutto ma che su questa terra la visione è dualistica, cioè separata. L'elica è ciò che riunisce le due parti....
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito mercoledì 26 giugno 2013
@ALIX

Ma tu pensi che un scienziato di cent'anni fa sapeva le cose che sanno gli scienziati di oggi ??

Alix...non estremizzare sempre le cose...macchè già scoperto tutto, Alix...guarda che questo sono conclusioni che mi attribuisci tu, che non mi riguardano proprio.

Chiaro che l'astrologia ha il suo ambito come la scienza ha il suo questo mi è del tutto chiaro, Alix.

Il realtà ...è come l'esempio che ha fatto Rosy. Ci sono gli alberi e c'è la foresta. C'è chi si focalizza sull'albero e chi sulla foresta.

Ma nessuno dei due sta sbagliando. Ognuno vede meglio ciò che le è più congeniale.

Quindi tu dai molta enfasi alla scienza, io all'astrologia...ma questo non significa che non ritenga la scienza assolutamente fondamentale nel suo ruolo.

deva
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Alix ... a proposito di libri
inserito mercoledì 26 giugno 2013
Cara Alix, come immaginerai già le mie librerie (che ora sono in gran parte cartoni ancora da aprire a tre anni dal trasloco!) solitamente sono suddivise per "argomento". Ho libri - non moltissimi a dire il vero - sparsi in ogni stanza, compreso il bagno (o meglio, l'antibagno!)

A proposito della lettura contemporanea di molti libri che raccontavi qualche post fa, posso confermarti che caratterizza una mia cara amica dei Gemelli con molti pianeti in 11^ e un Urano piuttosto importante (il 70% dei suoi pianeti sono distribuiti tra Vergine e Gemelli).

Ciao!
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Rosy58
inserito mercoledì 26 giugno 2013
Sì Rosy, credo che le suggestioni uraniane al mio Mercurio vengano spesso frenate dal sestile di Saturno (Signore tra l'altro del mio asc Capricorno, e posizionato in Ariete e in 3^ casa, quindi un po' "caporalesco" e in una casa "mercuriale").

In compenso, come si diceva qualche tempo fa, attribuirei ad Urano in quadratura a Mercurio il "mal d'auto" che mi affligge fin da bambina. Qui Sarturno è riuscito purtroppo a fare poco, o forse ha anche aggravato (con la sua rigidità) la situazione!

Un abbraccio
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Alix x tutti
inserito martedì 25 giugno 2013
Purtroppo ho pochissimo tempo quindi scrivo telegraficamente:

- grazie ad Alix per l'invito ad approfondire altro oltre alla psicologia e all'astrologia umanistica, ma vorrei chiarirti che non ho nessuna conoscenza psicologica e seguo l'astrologia di Lidia Fassio perchè mi sembra molto più interessante di altre; in breve: sono ignorante a 360 gradi!

- approfondire scienza e biologia (me l'hai già scritto un paio di volte e, con 4 pianeti in Vergine e tre pianeti in sesta casa, avevo colto anche al primo accenno, ignorandolo volutamente ... ehehe ;) ) oltre a non attirarmi particolarmente, non è compatibile con la gestione di una famiglia di 4 persone di cui due bimbi piccoli, due o tre lavori, casa, animali e minima vita sociale ... direi che lascio a te volentieri gli approfondimenti e le connessioni extra! Cmq tranquilla, Focus lo conosco bene, ho un fratello che non mi dà tregua dal punto di vista scientifico e un marito anche lui ferrato in chimica e biologia ... purtroppo qualcosa arriva mio malgrado!

- la faccenda del rame/Venere: devo confessare che, per come sono fatta io, il primo pensiero è stato: "certo, cercando cercando, a tutto si può dare un senso ed ogni cosa si può collegare ad un'altra, volendo trovare un nesso"; la mia mente però è fatta per "discriminare" così il tuo "modus operandi" è esattamente ciò che invece io ho sempre cercato di evitare studiando astrologia; credo che ognuno di noi abbia la mente giusta per la propria personalità ... vorrà dire che indagheremo cose differenti, apportando spunti diversi

- La Luna nello schema morpurghiano è posta in un modo assolutamente perfetto, secondo me, ma non vorrei aprire un'altra parentesi che non c'entra con Mercurio; se Lidia vorrà intervenire e magari proporre una discussione in merito ci tornerò volentieri

- idem il discorso sul controluminare Saturno o Urano che resta per molti ancora "in sospeso", ma mi risulta che alla fine Lisa Morpurgo avesse stabilito Luna-Urano Sole-Saturno, anche perchè, se decidiamo che in Vergine ci sia Urano, nei Pesci ci finisce il Sole!
Se invece mettiamo Urano nella Bilancia, non riusciamo a capire come una Bilancia possa essere così rigida, rigorosa, controllata ed eternamente indecisa avendo a disposizione Venere X-Proserpina (Eris) e "nientepopodimenochè" Urano!!!
Non avrebbe più problemi o incertezze di sorta: Venere le direbbe cosa le piace, Urano le farebbe scegliere in un secondo ciò che Venere suggerisce, però Eris nel frattempo l'avrebbe resa intollerabilmente feconda e con una schiera di mocciosi intorno poco compatibili con VenereUranoComeèbellalaLibertà!

.. via scherziamo un po'! ^_^

un saluto a tutti!
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Alix x tutti
inserito martedì 25 giugno 2013
Purtroppo ho pochissimo tempo quindi scrivo telegraficamente:

- grazie ad Alix per l'invito ad approfondire altro oltre alla psicologia e all'astrologia umanistica, ma vorrei chiarirti che non ho nessuna conoscenza psicologica e seguo l'astrologia di Lidia Fassio perchè mi sembra molto più interessante di altre; in breve: sono ignorante a 360 gradi!

- approfondire scienza e biologia (me l'hai già scritto un paio di volte e, con 4 pianeti in Vergine e tre pianeti in sesta casa, ho capito bene anche al primo accenno ;) ) oltre a non attirarmi particolarmente, non è compatibile con la gestione di una famiglia di 4 persone di cui due bimbi piccoli, due o tre lavori, casa, animali e minima vita sociale ... direi che lascio a te volentieri gli approfondimenti e le connessioni extra!

- la faccenda del rame/Venere: devo confessare che, per come sono fatta io, il primo pensiero è stato: "certo, cercando cercando, a tutto si può dare un senso ed ogni cosa si può collegare ad un'altra, volendo trovare un nesso"; la mia mente però è fatta per "discriminare" così il tuo "modus operandi" è esattamente ciò che invece io ho sempre cercato di evitare studiando astrologia; credo che ognuno di noi abbia la mente giusta per la propria personalità ... vorrà dire che indagheremo cose differenti, apportando spunti diversi

- La Luna (questo anche per Massimo) nello schema morpurghiano è posta in un modo assolutamente perfetto, secondo me, ma non vorrei aprire un'altra parentesi che non c'entra con Mercurio; se Lidia vorrà intervenire e magari proporre una discussione in merito ci tornerò volentieri

- idem il discorso sul controluminare Saturno o Urano che resta per molti ancora "in sospeso", ma mi risulta che alla fine Lisa Morpurgo avesse stabilito Luna-Urano Sole-Saturno, anche perchè, se stabiliamo che in Vergine ci sia Urano, nei Pesci ci finisce il Sole!
Se invece mettiamo Urano nella Bilancia, non riusciamo a capire come una Bilancia possa essere così rigida, rigorosa, controllata ed eternamente indecisa avendo a disposizione Venere X-Proserpina (Eris) e "nientepopodimenochè" Urano!!!
Non avrebbe più problemi o incertezze di sorta: Venere le direbbe cosa le piace, Urano le farebbe scegliere in un secondo ciò che Venere suggerisce, però Eris nel frattempo l'avrebbe resa intollerabilmente feconda e con una schiera di mocciosi intorno poco compatibili con VenereUranoComeèbellalaLibertà!

.. via scherziamo un po'! ^_^

un saluto a tutti!
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 25 giugno 2013
Aggiungo una nota Deva alla mia risposta.

Scusate le 'rateizzazioni' ma sempre per via di far le cose per poi interrompere per farne altre e poi riprendere........ và così :)


Deva condivido che è un sistema probabilmente sofisticatissimo ma il discorso che facevo io era questo: se tu non supporti l'astrologia con l'approfondimento di altre materie scientifiche che ti aggiornano con nuove scoperte è il tuo sistema di interpretazione che rimane arretrato perchè si rifà a scoperte e idee precedenti.
Sopratutto se i tuoi occhi non arrivano a vedere un pò i possibili sviluppi futuri.

A parte l'aver supposto la presenza di pianeti che poi sono stati effettivamente scoperti, non mi pare che siano dovute all'astrologia tutte le nuove scoperte della biologia e della fisica o delle più varie scienze in generale.
Se ti affidi solo a quella materia dove vai secondo te???

Anche ammesso che un appassionato di astrologia abbia una intuizione brillante scientifica grazie ad essa se non è 'anche' un esperto biologo per poterla verificare, questa intuizione non si esprimerà mai 'nel mondo'.
E se non bazzichi altre materie aggiornate anche tu che fai astrologia interpreterai i simboli legandoli a cose spesso antiquate e superate.

Tu pensi che un astrologo di 100 anni fà avrebbe potuto 'affidandosi alla sola astrologia' inventare l'informatica basandosi sui simboli?
Forse al massimo poteva 'intuire brillantemente' e molto in anticipo qualcosa, un cambiamento, di cui però non avrebbe saputo nemmeno definire i contorni, ci sono volute le scienze tecnologiche.

L'astrologia può collaborare benissimo con altre discipline ma non sostituirle.
Vedi che sempre il nostro Max la interpreta ed elabora grazie alle sue conoscenze approfondite di 'agraria'.
Ma non è stata certo l'astrologia che gli ha fornito le conoscenze di agraria.
Forse ora 'in simbiosi' le supporterà con altri esperimenti inventivi nati magari da intuizioni forniti dai simboli......si sa mai.




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 25 giugno 2013
No Deva, ho invece l'impressione che siate spesso convinte di aver già scoperto tutto e che quindi non ci sia più niente da scoprire come se vi muoveste senza più orizzonti.

Inoltre l'evoluzione progressiva di ogni cosa ci racconta che spesso ciò che in precedenza era assodato si rimette in 'discussione' e si 'rielabora' in maniere nuove e più contemporanee o futuristiche.

Ma Deva o altre è possibile che non vi sfiori mai l'idea che tra cento anni le idee e teorie che avete ora saranno superate da nuovi orientamenti anche astrologici?
Probabilmente l'umanistica come definizione non esisterà nemmeno più, sostituita da altro e da nuove 'rivoluzioni astrologiche'.

E quì entra anche il discorso Massimo che non condivide tanti assunti Morpurghiani in quanto pur essendo stata estremamente 'innovativa' ed abbia avuto grandissime intuizioni per i tempi suoi potrebbe effettivamente aver comunque sbagliato parti di logiche o schemi, forse da rivedere in parte perchè no.
Lei stessa lo diceva che la sua proposta avrebbe dovuto avere sviluppi futuri.

Max ,continuo a essere del parere che non è 'nettuno' l'oltre assoluto, visto che nettuno stesso è superato da plutone, X eris e Y eolo negli spazi siderali.

Il chè mi dice che questa convinzione che nettuno rappresenti la 'trascendenza' superiore ultima è proprio ciò che vi impedisce di proseguire le indagini a largo raggio.
Concetto che del resto credo di aver già espresso più volte.
Francamente lo vedo come un 'retaggio' di concezioni troppo legate ad un'idea di spiritualità vecchia e che per me stanno per essere superate o lo saranno.

Massi :) vedo che non sei carente di 'autostima', e di autoincentivazione, bene, credere in se stessi primaditutto.......evvaiiiii

A nettuno si ferma chi ha paura di guardare Plutone che del resto è pure in trasparenza nell'angelo acquario nascosto dietro Urano Saturno e Nettuno in esso presenti.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito martedì 25 giugno 2013
@ALIX - STE

Dice bene Ste riguardo le associazioni Morpurghiane.

La Morpurgo nel Convitato di Pietro associa i primi 10° del cancro alla luna e i primi 10° del capricorno a urano.

Poi secondo me è il contrario di quanto dici più avanti sempre in uno dei tuoi ultimi post, Alix...a mio parere l'astrologia è un codice estremamente complesso e quindi preciso e puntuale (chiaramente se lo si conosce tecnicamenente bene) che ci aiuta a comprendere le manifestazione della vita (quindi in tutti i suoi ambiti...biologia..scienza...ecc.) proprio perchè ci permette di ricondurre la complessità ai suoi principi primi.

Quindi, non è che la conoscenza universalizzata (ovviamente impossibile) ci permette di capire l'astrologia...ma proprio il contrario.

deva
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 25 giugno 2013
X Ste:

in riferimento al discorso mercurio urano venere.

Vedi ci stavo ragionando ancora su alla questione radio mercurio e antenna urano e a come entrasse 'venere' in tutto ciò.
Così ho chiesto a mio marito che è un esperto 'tecnico elettronico' cosa consentisse questi meccanismi di 'ricezione' e 'trasmissione', a parte l'etere che attraversano, i componenti materici hanno sempre una larghissima presenza di Rame.
E vuoi sapere il pianeta legato simbologicamente al RAME? Si.....eccotelo lì: VENERE

Il rame ricordo sempre per collegare è anche uno dei cosiddetti 'oligoelementi' come il magnesio lo zinco etc. importanti per il nostro 'benessere'.
Quindi anche il cosiddetto 'sentire' è molto legato alla 'chimica' degli elementi.

Vedi come si trovano i collegamenti utili a comprensioni? Esplorando le conoscenze anche di tante altre specializzazioni che parrebbero non entrare minimamente di primo acchito.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 25 giugno 2013
Grazie Rosy
certo traggo spunto da ogni vostro post se ci sono delle 'ispirazioni' che trovo interessanti :)

Devo dirti che a volte trovo che è necessaria una re-interpretazione differenziata data dal fatto che della mia vita conosco cose che voi ovviamente non sapete.

Vedi nella tua interpretazione ci sono cose che tu hai interpretato in quel modo specifico, perchè non potevi sapere che la manifestazione che ha preso il nettuno transitante opposto a mercurio è il fatto che abbia la necessità da almeno 2 anni circa di dormire con il 'tappi nelle orecchie' per via di un fastidiosissimo rumore proveniente dall'esterno che io evidentemente avverto molto più intensamente di altri ,proprio perchè ho l'udito e le percezioni extrasensibili, con il risultato che non riesco a dormire ,a volte neppure con quelli, finchè il rumore non cessa per spegnimento.

In pratica ti sei avvicinata bene ad una verità reale con la tua analisi, in specie facendomi l'esempio dell'ottundimento dato dall'acqua, e con i tappi l'impressione è direi proprio la stessa in effetti :) quindi è come se ci avessi preso in pieno, tranne che ci hai visto 'altre cose' quindi una diversa verità che finisce per essere più tua che mia.
Secondo me è lo stesso errore di fondo che spesso commetteva Deva interpretando i miei dati.

Intanto porterei alla tua attenzione che il mio mercurio è in sestile radix con nettuno scorpione, perciò collaborano molto bene insieme di massima.
Però vero hai ragione che non ho il dono della 'sintesi' specialmente nello scrivere.
Vero anche che stanno arrivando una miriade di informazioni in più che vanno diciamo così riorganizzate.
Non vero invece che la visione possa avere limiti, a dire il vero è fin troppo ampia con un nettuno transitante in 12a, e l'ascendente radix Pesci.
Inoltre ho 'tutti' i pianeti personali radix con rapporti di fluida collaborazione con i transaturniani, che non è cosa da trascurare.
Sole congiunto a urano, mercurio sestile nettuno,venere trigono nettuno, marte trigono plutone, giove congiunto a nettuno.
Ora in transito anche la congiunzione plutone su Luna.
Direi che la visione e il sentire sia più 'cosmico' e decisamente allargato che 'recintato' non credi?
Per non farmi mancare proprio niente urano è anche in trigono a Eris e saturno in trigono ad urano.
Insomma è un pò come fossi un astronauta che viaggia 'ai confini dell'universo' (pesci), pur mantenendo il 'contatto radio con la terra' (vergine) ;)

Ma questa in sostanza credo sia una delle mie fortune perchè consente di mantenere un equilibrio pur con grandi sollecitazioni anomale.
Altrimenti c'è chi di altro potrebbe partire di testa per non far più rientro a terra con questi aspetti posso immaginare.


Ad ogni modo cara Rosy58, le considerazioni altrui sono sempre utili alle 'elaborazioni' anche proprie quindi ben vengano :)


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito martedì 25 giugno 2013
per Ste. I libri della Morpurgo me li sono fatti tutti. Brava coincisa, rinnovatrice. Ma la storia della Luna non mi è mai entrata nel cervello. Mi sembra un cervellotico ragionamento atto a spiegare i misteri del cerchio. E non è neanche vero che i risultati le danno ragione. Nel mio sistema ad esempio, le opposizioni sono sempre le stesse. Sia nei domicili primari che in quelli base e anche nelle esaltazioni. E in più sono facilmente dimostrabili e comprensibili. E vai Massimoooo.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito martedì 25 giugno 2013
Allora Alix tu mi domandi di Urano e Venere. Bene, abbiamo constatato che Urano alza le asticelle della conoscenza. Dopo l'ultima asticella cosa c'è? Ma Nettuno è ovvio! L'ultimo sapere, l'unione e la fusione con il tutto. Come dice quel mito che parla della nascita di Afrodite? Afrodite nasce dal sesso evirato di Urano caduto nel mare. E dové che ho letto che lo scorpione rappresenta il diavolo mentre l'Acquario l'angelo? L'angelo come asessuato. L'acquario è asessuato in quanto travalica il rapporto terreno. L'Acquario rappresenta la presa di coscienza di se stessi, ovvero,cattura nella simbologia astrologica la scintilla scaturita dal Sole( Leone ) suo opposto. Il Sole è visto come l'artefice, il dio generatore di tutto. L'essere umano in confronto è la sua femmina, (Acquario ). I saperi dell'Astrologia hanno una storia, un percorso storico. oggi noi abbiamo una sintesi di saperi molto molto vecchi con saperi relativamente più recenti. Urano come cielo esisteva ancora prima della stesura classica dell'astrologia fatta dai Greci. E il cielo era uno dei capostipiti della realtà terrena. Quando il cielo ( Urano ) si unisce alla terra, il sentimento da lui posseduto tramite la scintilla, cioè l'unione con il generatore di vita ( Sole )diventa un sentimento più terreno atto ad unire gli esseri umani. L'ammore.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 25 giugno 2013
Seguito al post che ti ho appena inviato! STE

Sei fortunata, avevo tenuto l'articolo perchè mi pareva interessante proprio x valutazioni astrologiche.
Focus dell'11/ 2009 (rivista scientifica)
" E loro sono maschi o femmine ?"

Dato che è ben spiegato che le differenze tra i sessi sono: genetiche, anatomiche, psichiche e ormonali ma spesso non è facile individuare il 'confine preciso', tanto che il 'ruolo sessuale' è influenzato anche dalla cultura, ambiente e dall'educazione ricevuta.
Fai conto che quì con la parola 'ormoni' torna ad essere interessato mercurio ( l'altro indifferenziato) dato che sono definiti 'messaggeri'.

Forse se vai sul sito della rivista riesci a ritrovarlo.

Visto che sei una morpurghiana, ricordi che la Morpurgo considerava l'umanistica una 'regressione' dello sviluppo dell'astrologia???
Forse era una sua esagerazione, però sarei daccordo che utilizzare la sola 'psicologia' senza aprirsi ad altri veloci progressi scientifici potrebbe rivelarsi 'molto limitante' per i progressi dell'astrologia.

di nuovo ciao :)
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 25 giugno 2013
Beh, logico STE se dai all'interpretazione femminile il significato di luna giove nettuno Xeris.
Mercurio e urano restano due 'indifferenziati' ( androgini per eccellenza diciamo) ma secondo il ragionamento che avevo seguito seguendo il funzionamento dei 'cromosomi', mercurio pareva inclinare al maschile e urano al femminile.

( sapevi per esempio che veniamo concepiti tutte/i femmine in pratica e solo in seguito il cromosoma si divide e 'differenzia'?)

Nel senso che probabilmente entrambi i pianeti potrebbero essere coinvolti nel determinare o invertire caratteri sessuali o tendenze mentali come anche x e y.

Ste, no sbagli, ricordi male: il controluminare della Luna ( cancro) è Saturno maschile( capricorno), quello del sole ( leone) è Urano dunque diciamo femminile ( acquario).
Perciò come vedi tutto torna anche morpurghianamente:)

Urano lo puoi trovare spesso in qualche modo evidenziato nelle inversioni di orientamenti sessuali sia di donne che di uomini, o comunque determinare forse con mercurio quella non 'tipologia tipica' che si tende ad attribuire all'esemplare donna e all'esemplare maschio.

Purtroppo vedi Ste, per quanto uno/una possa approfondire, noi possiamo farlo solo parzialmente, bisognerebbe avere delle conoscenze 'enormi' in campo biologico e scientifico per capire le connessioni più approfondite anche dei segreti dell'astrologia.
Perciò non è sufficiente la psicologia, se si volesse andare davvero più a fondo occorrerebbe la conoscenza piuttosto precisa anche di tante altre materie.

Ora di psicologia diciamo che ne 'masticano' un pò tutti, voglio dire non un tutti in assoluto, ma comunque almeno la nicchia che si interessa di astrologia.
Però non sono così altrettanto diffuse conoscenze di biologia e di scienza in genere, che invece servirebbero a capire certamente ancor di più.

Perciò se posso invito sempre a 'fare ricerche' dagli spunti e dalle informazioni in aree che paiono distanti dall'astrologia , per conseguire quelle intuizioni che altrimenti non si potrebbero avere.
Negli articoli di Lidia, per quanto sia specializzata in umanistica, si 'sente' spesso la presenza di solide 'informazioni scientifiche' che non sono solo 'psicologia', non sò se lo avete notato.

A proposito delle 'ottave', ricordo che come urano lo è di mercurio, nettuno lo è di venere, plutone di marte, X Eris di giove e Y Eolo di saturno.

ciao
un saluto a tutte
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ROSY58
inserito martedì 25 giugno 2013
X STE

Grazie Ste, mi fa piacere che ti sia piaciuta la mia analisi: è importante perchè serve a capire se ciò che si sta scrivendo o dicendo “arriva”…
Una cosa che mi sento di aggiungere in relazione agli aspetti di Mercurio con Urano è che la “ratio” di Mercurio venga in qualche modo “colpita” come un fulmine dagli insight di Urano e che quindi non sia facile riuscire a spiegare a livello comunicativo ciò che “urge” dentro. C’è come una sorta di corto-circuito perché le informazioni vengono trasmesse non su un piano lineare ma su un livello “diciamo cosmico”…appunto come arrivasse da un altro mondo.
Non a caso gli “uraniani” puri si sentono un po’ degli alieni…nel senso che non sanno nemmeno loro a volte da dove gli arrivi l’informazione: e per questo risultano a volte “utopici”.
Se ricordo bene nel tuo post scrivi che hai Mercurio in aspetto con più pianeti, credo anche Plutone, Saturno… in questo caso, secondo me, potrebbe essere che l’aspetto con Saturno ti aiuti a “tornare” alla concretezza, al senso del limite e della ragione, riportandoti su un piano di “principio di realtà” che a volte con Urano il pianeta perde.

X ALIX

Ciao Alix, se ho ben capito hai Mercurio in Vergine e in sesta casa e quindi ora stai vivendo l’opposizione di Nettuno dalla dodicesima: come a dire che il signore della trascendenza ti sta indicando che dovrai “mollare un po’ il colpo”: mi viene in mente ad esempio che uno dei suggerimenti che può portare questo aspetto di transito su un mercurio vergineo è quello di mollare la presa per esempio nella “raccolta di informazioni” per dare spazio all’insieme, alla sintesi del sapere. Un mercurio in vergine è “avido” di informazioni, le cataloga, le analizza, le spezzetta, le incasella: con un transito di questo tipo si dovrebbe arrivare ad una sintesi, in qualche modo ci si dovrebbe affidare un po’ di più al “sentire profondo dell’inconscio” piuttosto che a tutto ciò che si coglie all’esterno come informazione e che occupa la mente.
Un mercurio vergineo riporta anche al bisogno costante di “osservazione” e di “spirito critico”, è un mercurio attento e molto intelligente: con questo transito in qualche modo si acquista un tipo di intelligenza che non c’entra nulla con “la terra”della vergine e molto di più con le profondità del mare.
Quando sei sott’acqua non senti, le orecchie si chiudono, c’è un silenzio assoluto e in quel silenzio e nel contatto con l’immenso si trovano risposte che in altro modo non arriverebbero. La mente si spegne e si accende il “sentire profondo”.
Diciamo che la Vergine (io sono di questo segno) tende a vedere gli alberi della foresta ma non avendo capacità di sintesi si perde nei dettagli, rischia di non vedere tutta la foresta nel suo insieme: quindi diciamo che questo Mercurio è sollecitato a “perdere” in attenzione e discernimento e a “sentire e percepire” in maniera diversa, opposta alla sua natura.
Non facile, perché quando c’è una opposizione bisogna sempre arrivare ad integrare i due opposti.
Forse in questo periodo sei chiamata a perdere i “confini”, i “limiti” che la terra del tuo mercurio pone: il mare non ha confini, anzi, può “invadere” e diventare pericoloso. L’inconscio qui si apre di fronte al “tutto”, senza schemi, senza caselline da riempire.
C’è bisogno di ampie vedute, di ampio respiro: è come se c’è la necessità di recuperare in qualche modo un potere di sintesi che un mercurio in vergine non possiede.
So, da ciò che ho letto nei tuoi post, che sei afferrata in materia, quindi prendi questi spunti come “un’info” in più, un punto di vista in più.

A dopo,
Rosy



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito lunedì 24 giugno 2013
Mi è improvvisamente balzata in testa ancora una cosa STE.

Se mercurio è la radio, urano è l'indispensabile antenna, persino il suo simbolo la ricorda ;)
Ci sarebbe da chiedersi in questo ragionamento che ruolo abbia venere ( governatore bilancia) che fà parte degli altri due segni di aria che hanno come governatori mercurio e urano.
Che ruolo abbia esattamente e nel profondo collegato a questi due, certo un ruolo connesso ci deve essere.
Qualcosa che può dare un indicazione è sempre un articolo scientifico sulla biologia che parlava dei 'pori' della pelle ( simbologia bilancina ricordo) come 'recettori'.
Ne argomentava come se fossero miriadi di minuscole orecchie.

Nei modi di dire c'è forse sempre qualche verità, e la frase quindi 'lo sento a pelle' parebbe avere suoi fondamenti reali nel funzionamento di quelle che sono le 'sensazioni' collegato quindi sempre al 'sentire' interiore ed esteriore che è collegato alle 'cellule'.

Mi è venuta in mente una domanda strana rispetto al discorso 'classificazioni'.
Giusto per la mia divagazione sistemica con collegamenti ampissimi :)
Come organizzate le vostre librerie???
Per argomenti, per tipo di volumi, per editori?
Come?

Ho notato che ognuno ha il suo sistema.
Io li suddivido per 'argomenti' e giusto per non smentire l'uranicità i libri sono impilati sdraiati a gruppi, in uno 'schema' apparentemente caotico ma che invece ha il suo 'senso preciso'.
Ricordo che Urano è il pianeta con un asse talmente inclinato da essere come orizzontale, perciò più che 'girare' 'rotola' in un certo senso.
Mio padre invece lo faceva per esempio per 'collane' e per 'dimensioni dei volumi', tutti dritti, impettiti, pareggiati al millimetro tanto che se ne prendevamo uno si accorgeva di quale era dal minimo spostamento.
Un'architettura inossidabile praticamente ( lui Capricorno as. Toro )

voi?
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste
inserito lunedì 24 giugno 2013
Grazie Alix e Max per i chiarimenti, mi lasciano cmq un po' perplessa, ma li lascerò decantare ...

Anche la suddivisione di genere (maschile/femminile/neutro) in merito ai pianeti ... direi che quasi ... mi scandalizza! D'altronde la mia formazione è morpurghiana e la sua analisi resta il mio "primo amore"! ... non ricordo affatto che Lisa Morpurgo attribuisse Urano all'universo femminile, anzi, lo contrapponeva all'astro femminile per eccellenza in questo universo: la Luna.

Rimango dell'idea che la sua analisi, per il mio modo di apprendere e pensare, resta la migliore e più esauriente, oltre che fortemente logica, fondata e geniale. Poi noi Cancro siamo sempre un po' nostalgici ;)


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito lunedì 24 giugno 2013
Bene Max, vedo che anche tu per combinazione hai utilizzato la parola 'scoperta' che consegue al rapportarsi e comunicare attraversando i 3 livelli di aria.

Mi hai fatto ricordare l'insegnante di biodanze che illustrava il metodo che consisteva nell'esprimere il movimento al 1à livello diciamo le elementari/medie il rapporto con se stessi ( gemelli), al 2° livello il rapporto con un altro da se come coppia o accoppiata come liceo ( bilancia) e al 3° livello l'università acquario ( il rapporto con gli 'altri' o l'altro in assoluto)

Non a caso gli uraniani spiccati condividono tutti l'interesse per eventuali 'alieni' come forma di 'altro in assoluto'.

L'uraniano 'sembra' individualista, solo perchè sceglie spesso strade alternative che paiono solitarie ed eccentriche, tuttavia è spesso un 'apripista' del collettivo.
E' quello che crea i 'varchi' che dopo e a volte 'molto dopo' percorrono in tanti.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito lunedì 24 giugno 2013
Per Ste. Adesso ti spiego. Prima di tutto bisogna capire che la vita la concepiamo duale. Alto-basso, maschio-femmina, parte destra del corpo-parte sinistra, emisfero boreale-emisfero australe, primi sei segni dello zodiaco-secondi sei segni, Sole-Luna. La triade d'aria è Bilancia-Venere, Acquario-Urano, Gemelli-Mercurio. L'elemento aria è relazione e comunicazione con l'altro. La bilancia è la scoperta e la conseguente disponibilità verso l'altro. L'Acquario ne sviluppa pienamente il rapporto. I Gemelli devono conservare il più possibile la possibilità di rapportarsi. I Gemelli però rappresentano anche la gioventù dove il rapportarsi è ancora in fase sperimentale, è una scoperta fatta da poco. Diciamo che è più importante il rapportarsi piuttosto che i contenuti. Vediamo allora nella Bilancia la semplice scoperta dell'altra parte e la conseguente disponibilità. Nei Gemelli abbiamo la comunicazione con l'altra parte. Nell'Acquario entriamo nel vivo della questione e approfondiamo il rapporto. Nell'Acquario facciamo un salto di qualità e il rapporto con l'altro supera il livello personale e diventa transpersonale. L'altro nell'acquario diventa "divino". La scienza e la tecnologia ci avvicinano sempre più alla "verità". L'Acquario sposta l'asticella sempre più in là diventando disumano quando il normale vissuto non è più consono alle sue esigenze. Come vedi Urano è un'ottava superiore di Mercurio. Per quanto riguarda la Vergine io ci vedo più il Sole che Urano però qui entriamo in un discorso che si fa complesso e non credo che sarei capace di descrivertelo in un post. Ciao Ste.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito lunedì 24 giugno 2013
Ok ripresi un pò:

ma come Urano non ha bisogno di muoversi, urano è sempre in movimento perchè stimolato da ciò che è nuovo, alternativo, diverso, perciò da imparare a 'conoscere' anche.

E la classificazione forse semplicemente non segue linee comuni ma elabora lo stesso una struttura.
Ad ogni modo forse per capirne il nesso più vero dovresti fare ricerche in campo biologico.
Mercurio è associato ai neurotrasmettitori cerebrali che si contattano tra loro come con piccole scosse elettriche ( elettricità urano).
Purtroppo non ricordo il nome del documentario dove spiegavano perfettamente con immagini virtuali cosa accade nel nostro cervello quando pensiamo.
Il canale tv focus e la rivista Focus trattano spesso questi interessanti argomenti.

E quì mi riallaccio al resto che hai detto, a me piace 'veicolare' informazioni, perchè ho l'opportunità di catturarne molte con tutti i miei diversificati interessi e dato che ne ho il tempo.
Se da li poi qualcuno trae spunto per approfondire qualche conoscenza in più per farsi le sue considerazioni meglio.
Così come apprezzo che mi vengano date, del resto la comunicazione serve anche a quello, alla 'scoperta' di cose.

Accade normalmente anche nella vita comune, magari l'amico che ti avvisa di uno spettacolo di cui magari a te era sfuggita l'eco.
Significa che grazie ad una informazione comunicata tu hai una possibilità in più di sapere.

:)
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito lunedì 24 giugno 2013
Si Ste, effetivamente non ci sono rapporti tra mercurio e urano diretti, ma entrambi operano e come dici tu c'è un rapporto inevitabile dato il mio mercurio vergine dove urano è esaltato.

Urano e Mercurio sono in associazione in quanto sono i due 'indifferenziati' , anche se abbiamo stabilito, quando abbiamo suddiviso tutte le associazioni maschili femminili, che Urano inclina più al femminile e Mercurio al maschile.

interrompo, devo rileggere il tuo post per continuare

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Alix e Massimo
inserito domenica 23 giugno 2013
Dite entrambi: "Urano è Mercurio ad un'ottava superiore".

Questa affermazione mi lascia molto perplessa.
Mi sembra inutilmente semplificante e ... tecnicamente confusa.
Ho capito cosa volete dire, ma non vedo cosa abbiano a che vedere l'uno con l'altro, come simbologia o come campo d'azione.

Urano non mi pare abbia nulla a che vedere con la comunicazione nè con l'adattamento. Non ha bisogno di scambiare, curiosare, conoscere, muoversi o classificare.
Urano suggerisce qualcosa che non è ancora alla nostra portata. Ci chiede di vivere la nostra individualità, altro che comunicare e socializzare!!!
Urano chiede libertà e "diversità", Mercurio dona un bisogno continuo di relazioni e rapporti, addirittura a volte non sa neppure di esistere se non si paragona con qualcun altro.
Urano, a volte richiede un distacco che ha poco di umano, un distacco che per Mercurio sarebbe "mortale"!
Quando si uniscono, e avviene solo nel segno della Vergine, hanno la necessità di agire in un sistema in cui "il tempo si ferma", cioè hanno bisogno di Y per poter operare insieme e dare risultati tecnici sensati.

A presto
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Alix
inserito domenica 23 giugno 2013
Interessante la tua intensa uranianità.
Non capisco però, visti gli aspetti che mi indichi relativamente al tuo Mercurio e al tuo Urano, perchè attribuisci questa tua tendenza multitasking (che secondo me è mercurial-gemellare) ai rapporti Mercurio-Urano che nel tuo TN non ci sono.

Forse sei così eclettica perchè nel tuo tema di nascita sia Mercurio che Urano ricevono molti aspetti, pur non essendo in relazione tra loro, quindi accelerano e stimolano all'esasperazione la curiosità e la necessità di cambiare "focus".
Un Urano congiunto al Sole poi, che (mi sembra di ricordare) hai in quinta casa immagino porti all'eccesso questa tendenza, effetto tipico del quinto settore.

L'impressione che dai a me dal lato comunicativo (impressione viziata ovviamente dal mio tipo di comunicazione) è che tu sia molto più portata ad "elargire" conoscenza che a cercarla in altre persone (per me è il contrario, anche quando mi accorgo che non è molto sano farlo, l'istinto mi fa porre gli altri nel ruolo di "maestri").
Magari c'entra il discorso generazionale a cui ogni tanto accenni, ma siccome in me non vedo questo cambiamento nonostante i prossimi anni siano 45, immagino possa essere una tendenza innata anche per te.

Ciao!
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito domenica 23 giugno 2013
Altro commentino di interessa astrologico per STE:

Urano nel suo legame simbolico con il mercurio credo sia sempre la causa del fatto che mi capita di leggere due o tre libri contemporaneamente.
Chiaro che se riesco a leggerne tutto di seguito uno solo per volta e magari senza troppe interruzioni durante la durata del testo sono più 'concentrata' su ciò che leggo.
Ma dato che ne compero diversi alla volta spesso la grande curiosità di vedere come è l'altro mi spinge ad aprirlo che sono alle prese con il primo.
Mercurialmente 'orecchietto' le pagine dove trovo concetti che mi paiono interessanti e che dopo poi rileggo per memorizzarli meglio.

Sono molto multitasking durante i lavori di casa perchè mi distraggo, e se mentre faccio una cosa ne intravedo un'altra da fare capita che lasciò li, faccio l'altra, poi riprendo ma a volte capita che poi mi dimentichi che l'altra in corso era in attesa.

Insomma linearità inderogabile nulla, procedo in maniere eclettiche :)

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Massimo
inserito domenica 23 giugno 2013
Mooolto carino lo spunto sull'uomo vitruviano!

In quanto al discorso Astrologia e Spiritualità non ho detto che "non c'entra un tubo" , ma che PER ME c'entra "tanto quanto la Geometria" ... pensaci... ;)

con simpatia
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito domenica 23 giugno 2013
Intanto rigrazio e saluto anche Lola e Mari per l'inserimento dei loro commenti.

X MAX:

Mi è piaciuta tantissimo la tua frase:
" Chi è capace di muoversi all'interno di questo meccanismo può arrivare a vette di conoscenza e per meglio specificare anche alle 'viscere' di quelle vette"

No, non sapevo che il comunismo fosse nato con la scoperta di nettuno ( con quali altri rapporti planetari???).
Mi aveva incuriosita andare a verificare i transiti dell'inizio dell'imposizione della religione cattolica che se non sbaglio coinvolgevano forti rapporti gioviano/nettuniani.
Ogni tipo di ideologia coinvolge nettuno credo, altrimenti non si può nemmeno definire un' ideologia.
L'ideologia credo significhi essenzialmente il perseguimento di uno stato considerato 'ideale' per 'tutti' , ottimale, per quanto possano a volte essere poi utopici o persino sbagliati.
Il tipo di ideologia che coinvolge i 'movimenti' veramente innovativi ( sempre rispetto ai tempi in causa) ha evidenti rapporti Uraniano/Nettuniani.

Pensa che di me amici vari hanno sempre detto che sembravo una di destra che parlava come una di sinistra e viceversa.
Sbagliavano entrambi perchè ho sempre teso a collocarmi al di fuori di identificazioni di sinistra o destra , il centro poi mi sembra il calderone di chi non riesce a prendere una posizione che non sia di colore grigio.
Perciò mi sono sempre sentita al di fuori delle orbite comuni.
Con le mie inclinazioni astrali non potevo che trovare sempre somiglianze in quelle manifestazioni ideologiche di tutti i vari tempi che vengono definite sempre 'movimenti' che siano politici, ambientalisti o di altro tipo.

Stò osservando con interesse i vari nuovi movimenti nascenti, a parte il nostro 5 Stelle anche del tipo di Anonymous, Occupy, Femen e tanti altri.
Mi ha impressionato e commosso la folla che ha riempito le piazze di uno stato estero pur di difendere dalla cementificazione un 'fazzoletto di terra'
Paiono tutte avvisaglie dell' inizio di un periodo prossimo estremamente rivoluzionario anche se diverso perchè contemporaneo, come furono gli anni 60.

Sicuramente siamo in fase di giro di cambiamenti radicali, pur con tutte le 'resistenze' che metteranno in atto.
Del resto è ben documentato dai transiti in quadratura di Urano in ariete ( con marte) e Plutone in Capricorno ( con saturno)

L'innovazione ed il rinnovamento pronto a combattere e farsi sentire contro l'ormai vecchio e stantio conservatorismo imbalsamato.

Ciao,
ma certo Max, sfoghi sempre utili :)
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito domenica 23 giugno 2013
X STE:

Beh cara Ste, credo proprio che le 'divagazioni sistematiche' siano decisamente Uraniane :)

Credo di esserne un esempio, il fatto è che Urano è interessato a miriadi di questioni, perciò prende spunti da tutto, magari anche dall'uso di un solo termine piuttosto che un'altro, per partire in direzioni che spesso paiono agli altri 'sconnesse', e dove invece lui rintraccia i 'collegamenti' spesso davvero apparentamente molto distanti.
Urano credo operi a più livelli, non a caso è l'ottava superiore dello stesso mercurio, perciò è come se tenesse aperte tante 'trame' nello stesso momento.
Trame che può saltare e poi tornare a rimagliare.
Mi capita anche con la creatività, inizio spesso tanti progetti e lavori, che seguo poi secondo 'estri'.
Inizio, lascio a metà, inizio qualcosa di altro poi ritorno su quanto iniziato prima con l'ulteriore espetrienza dell'evoluzione dell'altro progetto.
Mio marito Acquario guarda caso fà lo stesso :)

Se ti interessano i miei rapporti mercuriali e uraniani per tue valutazioni:

Mercurio è:
sestile a venere
trigono marte
sestile nettuno
congiunto plutone
quinconce ascendente
trigono mc

Urano:
Congiunto sole
trigono saturno
quintile giove
quadrato marte e nettuno
opposto kirone
trigono XEris

ciao

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito domenica 23 giugno 2013
X Ste:

condivido il tuo discorso Ste, sulla consapevolezza, ognuno ha il suo tipo e possono essercene di tanti tipi, tuttavia io ho questa sensazione dai tempi della New Age, perciò da parecchio, che alcune persone facciano di questa faccenda una specie di graduatoria meritocratica basata su interpretazioni del tutto personali di che cosa 'dovrebbe essere' consapevolezza e cosa no.

Perciò, come te mi pare di aver capito, mi piace domandare e stare a sentire per capire come e cosa pensano le persone.
Io non ho la tendenza a rivolgere le mie indagini solo verso me stessa, credo sia sempre istruttivo stare a sentire le opinioni altrui e scoprire i loro mondi.
E' una specie di viaggio in terre straniere, non proprie, ma dove spesso si scoprono punti in comune e di 'contatto' così come scopri abissali diversità.

:)
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito domenica 23 giugno 2013
Ancora per Ste. Il discorso sulla consapevolezza non fa una piega. Sono d'accordissimo. Un pò meno quando dici che l'astrologia non c'entra un tubo con la geometria.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito domenica 23 giugno 2013
per Ste. Mercurio è un piccolo Urano. Visto che il mio sole è in terza casa provo a divagare un pò. E siccome sono anche dell'Acquario, allora ne approfitto per allargarmi nel divagare. 12 corpi celesti. Escludiamo il Sole e la Luna che sono qualcosa di diverso dagli altri dieci, Adesso uniamo il primo dei pianeti personali e cioè mercurio con il primo dei pianeti generazionale e cioè urano. facciamo la stessa cosa con i secondi venere e nettuno, poi con i terzi marte e plutone, poi ancora giove x ed infine saturno con y. Unisci le linee ed avrai il disegno di Leonardo. L'uomo a braccia e gambe divaricate.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste
inserito sabato 22 giugno 2013
Una domanda per tutti per integrare il discorso "Mercurio" e le parentesi che si aprono ogni tanto nel blog, per vederle proprio nell'ottica dell'analisi astrologica: secondo voi le "divagazioni" dal discorso principale sono mercuriali? O sono Uraniane?
La mia ipotesi è che siano uraniane e Lola col suo accenno all'incostanza della comunicazione di chi ha aspetti Mercurio-Urano, mi ci ha fatto pensare!
Ci sono divagatori occasionali e divagatori sistematici. Che differenza astrologica c'è secondo voi?

Personalmente non sopporto bene le divagazioni sistematiche, perchè mi fanno perdere concentrazione (ho appena discusso col mio compagno che ha inserito tre incisi in una frase di quattro righe e mezzo!) e non mi permettono di approfondire, come vorrebbero i miei tanti pianeti in Vergine.
Il mio Mercurio in Gemelli invece gradisce piccole BREVI parentesi o accenni ad argomenti extra purchè arricchiscano il discorso o rappresentino aperture "di cuore" da parte di chi parla o scrive.

A presto!
Stefania


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste ... ancora sulla consapevolezza
inserito sabato 22 giugno 2013
Mi irrita molto pensare che ci sia qualcuno che ritiene un merito essere "spiritualmente consapevoli" e un demerito il contrario.
Esistono tipi di consapevolezza diversi nelle persone: consapevolezza emotiva, ecologica, pratica, mentale, culturale, sociale, politica, etica, etc ...

Ognuno di noi può essere "forte" in un campo e debole in un altro e noi risulteremmo essere dei mentecatti e dei guru a seconda di chi ci giudica in base alle sue preferenze, cioè in base al tipo di consapevolezza a cui questa persona ha deciso di dare maggiore importanza (per ragioni ovviamente legate al proprio ego).

Ritengo sano pensare ognuno al proprio percorso fregandocene allegramente sia del livello altrui nel settore che ci crea ansia, sia del nostro livello nei settori ancora non affrontati.

Ed ora ... astrologia, please (che per me esula dal mondo spirituale non meno della geometria)!

Un saluto a tutti
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste
inserito sabato 22 giugno 2013
x Alix: il tuo commento era quello del 20 giugno, in cui raccontavi della tua impazienza nella comunicazione, rispondendo ai miei spunti sui rapporti Mercurio-Urano.

Un parola sulla consapevolezza e sulla "ricerca interiore": per quanto mi riguarda sono pensieri oziosi e senza capo nè coda perchè ogni persona è un universo a sè e fondamentalmente non riesco a farmi grandi domande SUGLI altri .. spesso faccio domande AGLI altri, perchè mi diverte di più e mi dà più informazioni interessanti.
Cmq penso che non basterebbe una vita per capire ogni singolo individuo e le sue dinamiche di evoluzione. Uno ha bisogno di leggere, l'altro di correre in macchina, l'altro ancora di esibirsi sul palcoscenico, un altro invece di ritirarsi nel deserto.
Lo zodiaco ci ha dato una traccia sintetica di 12 modalità generali di comportamento, 12 archetipi, 12 percorsi i quali a loro volta si differenziano nello spazio e nel tempo e si ramificano il miliardi di diverse combinazioni e vengono vissuti da anime differenti ... a me piacerebbe, in questo luogo, continuare ad analizzare attraverso questa lente (una delle possibili) la nostra realtà interna ed esterna...

x Rosy58: bella la tua analisi!
Sui rapporti Mercurio-Nettuno faccio molta fatica a risponderti perchè il mio Mercurio ha troppi aspetti (con Urano e Plutone, con Saturno e con Nettuno) e non riesco a scinderli.
Con Nettuno ha un quinconce, ma Nettuno io ce l'ho culminante in decima casa... diciamo che ho sempre la tendenza a modificare il mio linguaggio di fronte al mio interlocutore, in modo che mi capisca; ho un grande interesse per la letteratura fantastica e per la fantascienza; mi piace creare atmosfere con le parole e "far viaggiare" chi legge ciò che scrivo.
Non ho mai avuto curiosità per tutto ciò che concerne droghe, sostanze stupefacenti, farmaci, mare, navigazione, mentre il campo dei sogni (forse perchè il mio Nettuno è in Scorpione) mi affascina e attira il mio Mercurio ad analizzarne i simboli, ma per semplice diletto.

Una piccola nota per gli aspetti Mercurio-Plutone: io di nascita ho una quadratura tra i due pianeti (mercurio in 5^ e Plutone in 8^) ed ho avuto il mio primo figlio con il passaggio di opposizione di Plutone (in 11^) a Mercurio.

x Rougemonique: davvero curioso questo effetto di Urano in transito su Mercurio ... Marte è per caso coinvolto nell'aspetto? Meno male che hai trovato un modo per alleviare il dolore! Cmq condivido l'analisi di Rosy58.

un saluto a tutti
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 22 giugno 2013
X ROUGE:

Rouge mi dispisce tantissimo che tu stia passando un periodo nero, mi ricordo che tempo fà eri strafelice per la vincita di un concorso di poesia, non ci hai più nemmeno detto come è andata a finire!

Sai, magari è un discorso strano da fare dove si parla di dinamiche da risolvere e via dicendo ma a volte ho la sensazione che certi tipi di artisti abbiano a volte necessità di complessità e stati d'animo sofferenti, quasi fossero per loro una fonte di ispirazione per i loro testi migliori.
Poeti e musicisti in particolare direi.
Quante cose bellissime ed intense sono state scritte da tanti attraversando i loro momenti cosiddetti bui, del resto l'oscurità possiede il suo potente fascino.

Non ho capito devo dire perchè ti senti così male, non parlo dello stato organico ma del malessere esistenziale che esprimi.
Può essere che ti senta intrappolata in un ruolo poco creativo e limitato di orizzonti dal quale hai paura che non potrai mai fuggire?
Da giovani penso possa essere terribile questa sensazione di non avere scelte.
Riesci a prudurre lo stesso versi oppure hai anche il blocco dello scrittrice?

Grazie x l'incoraggiamento, per fortuna l'adenoma non è cancro, la fase tumorale non si trasforma necessariamente in cancro, si lo sò che stati di malattia sono considerati già 'guarigione'.
E' già il processo di 'riparazione' secondo teorie.
Guarda proprio di recente facendo le mie ricerche sulle danze terapeutiche mi aveva sorpreso parecchio scoprire che la maestra assoluta di una di queste discipline era morta a 70 anni di cancro ai polmoni.
Cancro ai polmoni mi sono detta? Una che per il tipo di attività e percorso interiore ha sempre avuto e lavorato necessariamente con una respirazione perfetta???
Proprio un organo così attivo si è trasformato in bersaglio?
Forse dopotutto di qualcosa bisogna pur morire ad un certo punto.
Quindi l'idea diffusa che si possano allontanare o evitare malattie con questi percorsi interiori spirituali è direi decisamente fasulla.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito sabato 22 giugno 2013
Alix bisognerebbe prima chiedere all'astrologo evolutissimo cosa significa per lui essere spirituale. Non tutti hanno la stessa idea della spiritualità. Per me ad esempio significa il rapporto onesto e cioè di considerazione e di rispetto con qualsiasi cosa. Nota bene, questo non significa non odiare, non disprezzare e anche non capire. Nessuno è perfetto. Però la considerazione e il rispetto verso tutto ha in sè i germi per correggere qualsiasi cosa e rivedere continuamente il punto di vista. Ovviamente abbiamo le nostre simpatie e idiosincrasie e anche qualche bassezza tra gli ideali.Ciò non toglie che è evidente che di fondo siamo tutti sulla stessa barca. E quando ci se ne rende conto si diventa più spirituali. Lo sapevi che il comunismo è nato in coincidenza con la scoperta di Nettuno? Chiaramente il sentimento di comunismo e non l'ideologia, che molti fraintendendo la lotta alle religioni ufficiali, hanno finito per colorarla di ateismo. Religione significa religere, cioè rilegare, cioè unire. proprio quello che significa comunismo. Solo che tra il dire e il fare c'è di mezzo il...mare di ignoranza. e sull'ignoranza ci sguazzano i più forti e i più furbi. Quelli che campano fregando gli altri. Con quattro stronzate ti fregano perchè si sono messi su un piedistallo. E l'ignorante finisce pure per accettare questa superiorità. d'altronde chi sta su un piedistallo sta più in alto ed è quindi superiore. Questa è una logica semplicemente animale. Però funziona, aivoglia se funziona. gli dei stanno in alto . il diavolo sta in basso. Chi sta in alto è un dio e cioè il bene, chi sta in basso è il diavolo, ovvero il male. E il male deve stare zitto. La faccenda è stata studiata proprio bene. i furboni che comandano non ci dormono la notte per studiare mezzi di comunicazione per fregarti. Bhè, sono andato un po fuori dalle righe, ma ogni tanto ciò voglia di sfogarmi.Comunque sia per me l'Astrologia è solo la decodificazione di come vediamo scorrere la vita. E una carta astrale è la nostra vita che scorre. Il tutto concentrato in paradigmi che nell'insieme racchiudono il tutto. Tutto, cioè il passato,il presente e il futuro. Chi è capace di muoversi all'interno di questo meccanismo può arrivare a vette di conoscenza e per meglio specificare anche alle viscere di quelle vette. Così non facciamo torto nè al bene nè al male.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 22 giugno 2013
X STE: aiutami a ritrovare il post al quale ti riferisci esattamente ad ogni modo io ho il mercurio in vergine 6a congiunto plutone , lei il mercurio in scorpione 2a trigono plutone in 10a cancro dove ha anche la luna.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lola
inserito sabato 22 giugno 2013
X Alix

anch'io come te ho sempre notato come ci siano persone che vivono la loro vita senza porsi nessuna domanda esistenziale e senza sentire alcun bisogno di avvicinarsi a questi argomenti.
E' come se fossero piu' in "sintonia" con la vita, come se il concetto stesso di vita fosse per loro piu' familiare...riuscendo ad entrare ed uscire dalle emozioni sia negative che positive in maniera piu' naturale.
Ovvio che non sentano la necessita' di porsi domande.
A volte penso che questo sia un livello di "evoluzione" maggiore del mio che invece ho avuto difficolta' a sentirmi integrata e ancora oggi mi sento sempre un po' estranea alla vita.
Ad ognuno il suo percorso e forse e' giusto cosi'.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Alix
inserito sabato 22 giugno 2013
A quali aspetti astrologici attribuisci ciò che racconti?
Non ricordo gli aspetti del tuo Mercurio, nè quello di tua mamma.
A presto!
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito venerdì 21 giugno 2013
Nell'attesa di entrata post in risposta a Deva vi aggiungo che la domanda mi era accessoriamente sorta dopo aver letto, l'anno scorso, le vanterie di uno che si autodefinisce un astrologo espertissimo, persona che si ritiene manco a dirlo 'evolutissssssssimo' tanto da ritenere di poter individuare il grado di evoluzione spirituale di una persona dalle tracce astrologiche.
Certi aspetti con presenze di certi pianeti in tali o tali altri case.
Ora, che sia chiaro che per me questa idea non ha fondamento alcuno, se non una 'presunzione mostruosa' ma mi incuriosiva stare a sentire se qualcuna di voi era orientata a condividere in qualche modo o anche vagamente l'idea che certi aspetti astrologici inclinino ad una consapevolezza maggiore rispetto ad altre posizioni o ad altri aspetti.
Dato che pareva fossero in tanti quelli disposti a credere a tali interpretazioni, quindi l'idea è molto più diffusa di quanto si possa pensare.


X Rosy58: credo che dell'aspetto mercuro nettuniano si sia parlato nel settore dedicato alla nettunianità artistica, casomai ti interessasse sfogliare.
Ad ogni modo ho attualmente il transito di opposizione tra nettuno transitante in pesci e mercurio virgineo.
Sai che questa configurazione dinamica può trovarsi legata a schizofrenia e stati psicotici?
Il chè può indicare benissimo anche questioni legate a momenti di esaltazione immaginativa per esempio.
A titolo di manifestazione laterale, mi è capitato di conoscere una persona che soffriva di attacchi epilettici, a volte ,mi ha raccontato, sveniva e non ricordava pù nulla.
Direi che potrebbe indicare tra tanto altro questioni legate alla 'trance'.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di rougemonique
inserito venerdì 21 giugno 2013
Interessante ciò che scrivete sugli aspetti mercurio-urano. In effetti, il senso di schiacciamento che provo è localizzato alla testa e al petto. Il mal di testa riesco a risolverlo (metto i piedi nell'acqua fredda per qualche minuto) ma il senso di oppressione toracica a volte è snervante, e mi porta ad avere "fame d'aria". Ho cominciato da qualche mese ad avere questo fastidio, e ora con il caldo sembra essere peggiorato. Che pazienza!
Per Alix: mi sa che sono molto più trasgressiva di te...purtroppo. Detto fuori dai denti: la maggior parte delle persone che incontro sono come delle pianticelle bellissime, ma in attesa di sbocciare chissà quando. Gli uomini, soprattutto. Mi annoio dopo un po' perché nella stragrande maggioranza dei casi mi sento troppo diversa, e non trovo nulla da condividere, né interessi comuni. E' sempre stato così, se conti che da piccola pur di starmene a leggere e a scrivere preferivo l'assoluta solitudine alla compagnia degl'altri bambini...oggi non sono poi tanto cambiata. Lo so che proietto all'esterno quei lati di me che non ho ancora accettato e bla bla bla...però è dura. Questa consapevolezza non fa mutare la sostanza. Mi sento un extraterrestre, non so come altro spiegarmi. Cerco di ambientarmi qui, ma alla fine sto ai margini, non ci riesco, qualcosa mi tiene tagliata fuori. Scusate lo sfogo un po' fuori tema, ma questo periodo è nero, perché la mia tendenza all'isolamento si è inasprita più che mai, e non so proprio cosa farci. Non è in equilibrio, perché se lo fosse non mi farebbe star male, eppure non riesco a cambiare.
Ps: Alix per la medicina olistica il cancro è un tentativo del corpo di liberare all'esterno il sovraccarico energetico che si è accumulato e compresso negl'anni, sedimentando in un determinato "organo bersaglio". Possibile che tu abbia accumulato e taciuto un tuo disagio interiore per moltissimi anni...e adesso il corpo stia facendo il possibile per liberarsi. La malattia è il risultato sul piano fisico di una sofferenza nata altrove, molto tempo prima. Ciò non esclude la possibilità di guarigione: anzi.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito venerdì 21 giugno 2013
X DEVA:

Rispondo di quà perchè la risposta si rivolge a tutti:
Ma perchè ti fai questa idea che la butti sul 'confronto', ho fatto una domanda a Rosy e a tutte/i, sei intervenuta che non l'avevi capita esatttamente e ho cercato di chiarire e ti ci sei rifiondata sopra :)
Deva, è una domanda come un'altra per un mio interesse personale invece verso le dinamiche di pensiero 'altrui' che ,anche loro, hanno a che vedere con i modi di interpretare di ognuno.
A me pare che tu non ti 'accorga' che hai una particolare ssensibilizzazione verso questo tipo di argomentazione, come se ci fosse qualcosa di tuo personale che senti l'urgenza di ribadire.
Non mi interessano i 'confronti' tra una persona e l'altra ma stare a sentire la 'varietà' di opinioni o mondi interiori.
Infatti ognuno mi ha risposto secondo sua idea o percezione in linea con il suo atteggiamento e personalità.
Ti faccio notare che ad esempio Max, che è una specie di filosofo della vita, mi ha risposto senza sentire assolutamente questa idea di confronto/scontro che hai avuto tu.

E' perfettamente lecito chiedere se pensavate di poter essere maggiormente consapevoli seguendo questi percorsi rispetto ad altri che non li intraprendono, se non altro valutando l'evidenza innegabile che quì la parola 'consapevolezza' è particolarmente gettonata.

Ritieni che sia domanda fuori questione e da non porre, bene, prendiamo atto che per quanto è il tuo sentire non si pone questo quesito.

Io invece mi sono chiesta a volte se certe persone, non saprei identificare quali con precisione , ma direi molto e molto distanti da questi interessi specifici potessero avere una consapevolezza di se stesse come 'innata' tanto da non aver necessità di nessuna 'esplorazione'.
Sarà perchè ho avuto la sensazione a volte che invece altre molto o troppo coinvolte fossero come distanti da comprensioni autentiche.

E' quel qualcosa che certi personaggi paiono 'trasmettere'( almeno a tratti) e che altri, nonostante tutto il loro interesse per queste tematiche paiono 'non possedere'.

Diciamo che la risposta di Max è quella che mi è parsa diciamo pure quella forse più conscia di quello strano qualcosa che alcuni paiono trasmettere......indipendentemente da qualsiasi cosa.
Ma del resto Max è un furbetto simpatico che la sa lunga :)



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lola
inserito venerdì 21 giugno 2013
L'aspetto urano/mercurio anche in trigono (come nel mio caso) apporta impazienza e un po'di volubilita'. Tante idee contemporaneamente e velocita' di pensiero.
Se l'ambiente non e' abbastanza stimolante, si tende ad annoiarsi facilmente.

Altra cosa e' l'aspetto mercurio/nettuno (nel mio tema in sestile). Di solito c'e' una buona capacita'di astrazione e molta fantasia ma anche il rischio di "fughe" dalla realta' non necessariamente attraverso forme di dipendenza come alcool o droga.
Conosco 2 persone con un aspetto dinamico mercurio/nettuno ed entrambe vivono un po' staccate dalla realta', hanno grandi ideali ma sembra che siano piu'interessate ad "immaginare" piuttosto che a realizzare.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito venerdì 21 giugno 2013
Ancora x ROUGE:

C'è una cosa che forse potrebbe interessarti, sempre in quello stesso periodo che ti dicevo, stavo vivendo nella più completa e totale 'castità'.
Sicuramente come tu supponi l'energia dei chakra era in squilibrio perchè spostata completamente verso l' alto.
Castità durata 5 anni ( che oggiogiorno è praticamente diventata come la vera forma di trasgressione :) motivata da 'assenza di desiderio' in quanto il mio ex si era lasciato con il tempo un pò troppo andare ed era diventato progressivamente sovrappeso e quindi non lo vedevo 'attraente' sul piano fisico.
Purtroppo per me 'l'occhio vuole la sua parte' come si usa dire, essendo un esteta la componente di una fisicità che mi piaccia e mi aggradi è praticamente 'imprescindibile' al coinvolgimento.
Quindi così è stato negli ultimi 5 anni antecedenti la rottura in quel periodo di vari transiti.
Chiaramente con mio marito, dopo, la musica è stata completamente diversa, il nostro è un rapporto che ha una fortissima componente di 'attrazione fisica' da parte di entrambi, grande sinergia, oltre tutte le altre affinità.
Infatti se c'è una cosa che non riesco a capire ,e che praticamente non mi va giù, è che questa problematica tumorale è sorta come a 'rompere le uova' in un periodo della mia vita, questo ultimo di 7anni dove non c'è niente nella mia vita strettamente personale che non vada, e che è stato anche particolarmente fortunato sotto molteplici aspetti.

Forse dovrei esprimere comunque 'gratitudine' perchè non mi è accaduto in quei periodi già gravati da altro durante i quali difficilmente avrei potuto avere l'animo adatto a reagire.

Meglio vederla così.....
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito venerdì 21 giugno 2013
@ALIX

Alix, però questo discorso già esula dall'approfondimento su mercurio, quindi, eventualmente rispondi a questo mio intervento di là, in domande di astrologia, altrimenti si torna di brutto fuori argomento.

Comunque, riguardo alla domanda che fai, Alix...vedi tu la metti sempre sul confronto e quindi rimani sempre su un piano "esterno"...che va benissimo su molte questioni, ma non su questa.

Perchè il percorso interiore, come ho detto tante volte, è un percorso personale e individuale. E' un esigenza che o si ha o non si ha. E non è un merito avere questa esigenza. E' solo un fatto.

Quindi se chi mi sta intorno... abbia o non abbia questa esigenza, onestamente Alix...non è un problema che mi pongo. NOn mi interessa di giudicare la vita degli altri e i percorsi degli altri. Sinceramente non mi viene proprio in mente di stare a considerare l'eventuale grado di "consapevolezza" di Tizo o CAio, proprio perchè non ha senso...sono questioni intime in cui ognuno deve rispondere per se...l'eventuale mio giudizio non ha alcun valore perchè è SOLO un giudizio esterno.

Poi come si fa Alix a fare un confronto su queste questioni ? ma ti pare che si possa pesare la consapevolezza in grammi e definire chi ne ha di più e chi di meno ??

Onestamente ritengo che chi possa solo lontanamente fare confronti in questo ambito...sia proprio fuori strada.

deva
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ROSY58
inserito venerdì 21 giugno 2013
Ciao a tutte,
ho notato che I post arrivano molto lentamente nel blog? Vi risulta?
Detto questo, mi rifaccio ai post di Ste e Rougemonique sull’aspetto Mercurio/Urano: secondo me questo aspetto è un aspetto che porta sempre un po’ di elettricità personale…ovviamente bisogna vedere le case occupate, i segni e quindi l’energia dei due pianeti e ovviamente gli aspetti.
Diciamo che tutto quello che scrivete come scoordinamento, gesti rapidi e reazioni veloci fa parte di Mercurio e quando l’aspetto nel tema è con Urano a fronte di transiti come quelli che ha ora Rougemonique ci sta che la sensazione sia di “trappola” o comunque di “tensione”, vedi mal di testa…..
In generale il tocco di Urano a Mercurio dinamizza i processi mentali, il pensiero si fa rapido e spesso la mente è sollecitata su più fronti: mentre con il tocco di Marte ci può essere una mente sempre sotto pressione con il rischio di andare a “far saltare il meccanismo di percezione” rendendo tutto più pesante da gestire, con Urano, secondo me, il rischio è quello di porre poca attenzione perché esiste una velocità ed una fretta che impedisce l’approfondimento delle questioni e il risultato sul piano fisico potrebbe essere quello di sentirsi svuotati oppure a livello psicologico di sentirsi “fuori controllo”.
Mercurio è anche preposto al discernimento con conseguente capacità selettiva: con Urano questo potrebbe essere veicolato verso tutto ciò che è novità ed originalità. Diversità di vedute, quasi mai omologazione con il “sistema”, con la società in genere, grande pensiero universale.
A volte con il tocco di Urano il pianetino Mercurio può risultare un po’ distaccato dalle cose del mondo, inteso come mondo di tutti i giorni, potrebbe essere che il pensiero originale diventi, visto da fuori, un modo di pensare “sprezzante od altezzoso”…ma secondo me è solo la forma-pensiero ad essere “diversa” e quindi “non-comune”.
Non ho questo aspetto nel tema ma mi viene da pensare che con Urano il buon Mercurio si senta “cittadino del mondo e cosmopolita” regalando a chi lo possiede nel tema anche “voglia di cambiamento” nella conoscenza, grande curiosità per tutto ciò che è “diverso”, grande indipendenza di pensiero….Certo, la comunicazione risulta per così dire “particolare”: il pensiero è veloce e quindi ci si annoia a dover trattare argomenti già noti, si ha voglia di intraprendere strade nuove di conoscenza e quindi anche di incontrare “altri” da noi, originali, che possano regalarci spunti nuovi.
Mi viene in mente il “pioniere” sulla strada di nuove frontiere utili al mondo: a volte si può avere la sensazione che gli altri siano “lenti” di comprensione perché Mercurio/Urano regala velocità mentale…ciò che si è sentito e provato è già vecchio e si passa a qualcosa d’altro velocemente.
Urano regala acutezza a Mercurio, lo aiuta a percepire ciò che può essere nuovo e non necessariamente utile ma sicuramente lo aiuta a cogliere tutte le “varianti”, tutte le sfumature di ciò che gravita intorno.
Forse si potrebbe diventare disattenti e non troppo “concilianti” – qualcuno nei post al riguardo ha scritto “arroganza intellettuale”…io credo che non sia proprio questo…credo piuttosto che proprio perché il pensiero è già volato a qualcos’altro ci si interessa poco di ciò che già si è sentito o visto e quindi la rapidità con cui si salta da un argomento all’altro o da una situazione all’altra fa sì che “gli altri” possano mal digerire “il distacco” intellettuale che spesso accompagna chi ha quest’aspetto.
Forse a volte ci potrebbe essere (ma questo dipende anche dal tipo di aspetto) potrebbe essere che le idee messe in campo da Urano siano difficilmente poi realizzabili nel concreto: e da qui la sensazione di frustrazione per dover atterrare su un piano di realtà che ad Urano sta quasi sempre stretto.
In realtà Urano regala a Mercurio ancor più intelligenza ma è un intelligenza volta a “conoscere” e a “scoprire” cose nuove, nuove idee….mal si concilia con la quotidianità, con il già-visto e il già conosciuto.
Voi cosa ne pensate?
E di Mercurio/Nettuno per esempio, cosa vi fa pensare questo tocco?
A presto,

Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito venerdì 21 giugno 2013
X ROUGEMONIQUE:

Ora che mi ci fai soffermare è stato effettivamente durante il transito di Urano all'opposizione di Mercurio che ho sofferto di diversi episodi di 'cefalea a grappolo' molto intensa, era guarda caso lo stesso periodo di tempo più o meno in cui praticavo anche Yoga sempre ritornando a pensarci.
Dopo ricerche in merito avevo provveduto a fare delle correzioni 'alimentari' che avevano migliorato il quadro.
Il mal di testa intenso a volte è notoriamente provocato da 'associazioni' di alimenti o da certi alimenti precisi tipo caffè, ciccolato, birra troppo fredda, se mangi certi particolari tipi di formaggi accompagnandoli con vini rossi e via dicendo ( prova a far ricerca internet).
Fai conto che non avendo problemi di ingrassamento non limitavo minimamente il cioccolato.
Ci sono anche altre cause fortemente sospettate di origine elettromagnetica se esistono 'campi intensi' dove tu permani molte ore.
E' chiaro che come sempre l'interazione tra predisposizioni della persona, punti organici bersaglio etc., cause concomitanti, fanno la differenza tra chi resiste meglio e chi no.
Esattamente come c'è chi resiste senza problemi al caldo e chi non lo sopporta assolutamente e tende a sentirsi male sotto le canicole.
Hai escluso la possibilità che sia un effetto collaterale di qualche farmaco che magari stai assumendo?
Pare sia coinvolto anche eventuale 'bruxxismo' notturno, quello 'stringere i denti' mentre si dorme, causato da tensioni che può provocare dolore alla cervicale e mal di testa diurno.
Credo di aver letto di recente che è una problematica in larghissima diffusione, per via delle 'rabbie' non scatenabili che si accumulano rispetto a cose spesso provocate da insostenibili situazioni di stress lavorativo.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito venerdì 21 giugno 2013
Alix conosco gente che non ha mai letto libri e che non sa nemmeno cosa significhi fare introspezione su se stessi per crescere. Eppure sono ricchi di umanità e di delicatezze mentali. La conoscenza e i percorsi di vita sono sempre relativi all'individuo e alla sua storia. Il bello della vita è proprio questo, che è varia. Oppure avariata come dice un mio amico.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ROSY58
inserito venerdì 21 giugno 2013
Per Alix

Cara Alix, credo che nel blog che Lidia ci mette a disposizione si debba necessariamente discutere di astrologia: il fatto che chi frequenta questo blog abbia più o meno avviato un percorso personale evolutivo su base simbolica, come l’astrologia ci suggerisce, credo sia altrettanto vero: mi permetto di dire che qui ci sono coloro che sono appassionati di questa disciplina, come la sottoscritta e che cercano di scambiare opinioni raccogliendo nel confronto impressioni importanti per accrescere la conoscenza di questa fantastica disciplina.
La domanda l’ho compresa bene e ti ho risposto: all’altra domanda che mi fai ora ti rispondo dicendoti che credo che i percorsi siano necessari laddove la persona lo ritenga necessario: nessuno può obbligare nessuno a fare qualcosa per cui non si sente pronto o più semplicemente a cui non si sente portato o interessato. Le introspezioni hanno sempre qualcosa a che fare con la propria intimità e come tale va gestita e rispettata.
Per quanto mi riguarda ho “passione” per tutto questo e l’astrologia mi ha coinvolto tantissimo su questo fronte: e ti dirò di più….questo tipo di astrologia, quello che Lidia porta avanti come progetto di vita, l’astrologia evolutivo/psicologica. Ma è una passione che cresce ed è ovvio che sia anche un “piacere intellettuale/concettuale”. E perché no? Ma è una mia passione come per qualcun altro potrebbe essere la pittura, la scultura, il giardinaggio etc etc.
Personalmente non ritengo di aver portato a casa “la consapevolezza o l’evoluzione”: sono sulla strada e credo che fino alla fine dei giorni sarà continuamente una scoperta, e meno male.
Ognuno di noi la può trovare, non trovare e vivere benissimo lo stesso: può trovarla per canali uno diverso dall’altro, senza nessun problema. L’importante, secondo me, è capire cosa “ci fa piacere” e farlo,ciò che ci nutre e ci fa stare in armonia…nonostante tutti i casini della vita.
Trovo che questa disciplina mi abbia aiutata a comprendere meglio me stessa e che continui a farlo e contemporanemante mi ha dato dei validi strumenti per la comprensione più in generale di tutto ciò che ha a che fare con l’ambiente circostante: dalla semplice contemplazione per la bellezza dei pianeti all’analisi vera e propria dei simboli.
A presto,

Rosy
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 20 giugno 2013
X DEVA:

Era giusto quella la domanda, volevo solo capire se ritenevate che fosse un percorso che 'tutti' avrebbero dovuto affrontare prima o poi nella vita, se ritenevate fosse estremamente 'necessario' all'evoluzione della persona e se in mancanza di ciò riterreste che i soggetti (o voi stesse) non abbiate comunque modi di progredire diversamente e per altre vie, attraverso altri processi alchemici ed altri tipi di confronto esperienziale.
Mi pare di aver letto che JUNG ritenesse fosse un qualcosa di 'indispensabile' per esempio, ma era una domanda rivolta ai 'vostri' pareri personali.

E la domanda accessoria è: credete che tutti i tipi di persone che non affrontano tali percorsi possano sempre essere meno consapevoli di quanto pensate esserlo voi?



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 20 giugno 2013
X STE:

Cara Ste, dunque....non ho nessun rapporto mercurio urano , ne positivo ne negativo, uno stà in vergine l'altro leone.
Però quello che dici di avvertire dove vogliono andare a 'parare' le persone e quindi mordere già il freno per la 'replica' , mi capita spessissimo tanto che sono stata accusata di 'parlare sopra'.
Cioè a volte non le faccio finire che già attacco a rispondere.
Sapendolo, cerco di trattenermi ovviamente, ma nel mentre mi chiedo sempre quanti 'giri' di parole occorrano a certe persone per giungere al 'punto essenziale'.
Quindi non sò se possa dipendere da questo rapporto o non sempre dall'intuizione mercuroplutonica piuttosto.

Ho avuto l'opposizione urano mercurio in passato quando urano è transitato in pesci, ma non credo di poterti raccontare su un blog quale fù il suo effetto più drastico.

Di gossip è stata sempre 'patita' mia madre, ogni volte che andavo a trovarla mi raccontava tutte le vicende di tale e tal'altro VIP.
Inutili spesso i tentativi di portarla su altre argomentazioni.
Penso che fin da giovane ragazza ambisse a far parte di 'quel mondo' e che sia stato un suo 'tarlo' per parecchio tempo il fatto che anche noi due figlie non ne siamo andate a far parte.
Quasi cercasse una 'notorietà' o 'soddisfazione' in mancanza di altro almeno come 'madre di'........

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 20 giugno 2013
Oh caspita......è saltato un post che avevo inserito x ROUGEMONIQUE!!!

Che peccato è andato, ora non penso di aver voglia di riscrivere tutto.
Comunque la sostanza era che se la tua sensazione di burgiarderie sfocia nella paranoia può essere che ci sia stata proiezione, ma può anche essere benissimo che la 'vocina interiore' funzioni spesso da 'avvertimento'.
Che ti faccia individuare caratteristiche che sono davvero esclusivamente dell'altro e che tu riesci a 'cogliere'.


X Max:
mi era sfuggita la tua risposta.
Ma guarda, personalmente sono Leone con luna Capricorno e ascendente in Pesci, di rado ma è successo mi hanno dato dell'arrogante e della supponente ;)
Di solito chi non riesce a entrare in sintonia con me e quindi scambia per supponenza l'essere chiari o la scarsa diplomazia che non fà troppi giri di parole.
Da ragazza avevo quello che si dice un 'portamento altero' che quindi già da se poteva suggerire la stessa idea.
Guarda personalmente mi presto volentieri quando è il caso, e quì dove stò, già appena trasferita mi sono subito messa a disposizione ,visto che disponevo di tempo, per fare tante cose di utilità, sostanzialmente a titolo di contributo volontario.
Perciò insomma 'non me la tiro' da quella che:
"o mamma mia devo sporcarmi le manine"
Cosa che devo dire faccio innanzitutto per me, perchè mi piacciono le cose messe bene e a posto e poi ci aggiungo anche i miei tocchi creativi :)
questione che però di conseguenza và a favore del mio minicollettivo che se ne avvantaggia per via consequenziale.
Però si, ci sono cose che non faccio volentieri ed evito di fare, ne farei mai per scelta.

E si, caro Max direi che l'idea di poter raggiungere questa età disponendo di colf ed essendo 'straservita', mi sarebbe piaciuta ampiamente parlando in sincerità :)




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di rougemonique
inserito giovedì 20 giugno 2013
Per Ste:
non ho nel t.r. una tensione tra mercurio e urano, ma al momento il mio folletto sta vivendo l'opposizione di urano e la quadratura di plutone. Non so se c'entri, ma ho frequenti mal di testa, e un'insopportabile senso di schiacciamento (più che altro psicologico, perché mi sento in trappola). Per di più, a volte mi sembra che la testa sia "in ebollizione". Lo so detta così fa un po' ridere, ma evidentemente ho tutta l'energia che va verso l'alto e per compensare faccio tantissimo sport e mi sto dedicando allo yoga.
Rouge
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito giovedì 20 giugno 2013
@STE

Mio padre ha mercurio opposto a urano e confermo una certa "arroganza" intellettuale.

@Alix

Alix, sai che non capisco la tua domanda. Perchè chi non è interessato all'indagine interiore dovrebbe farla...?? Chi non è interessato non la fa. Semplicemente. Come può esistere una regola generale su una questione così personale ? Se c'è l'esigenza di fare un percorso introspettivo bene...se no, non si tratta certo di forzarsi in qualche modo. Non avrebbe alcun senso.

Deva
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 20 giugno 2013
Continuo Rosy, sperando di non aver perso 'il filo':)

Io credo che le ragazze presenti quì abbiano tutte i loro gradi di consapevolezze personali, se non altro per via del fatto che 'si interrogano', cercano significati, nelle loro vite, nella vita, per sondare la natura delle loro relazioni, rapporti o eventi o sentimenti e via dicendo e questa è comunque una forma di ricerca.
Perciò diciamo che è la normalità per noi quì confrontarsi con le nostre istanze e valutarle.
Qualcosa ci ha portate verso quella direzione evidentemente per 'inclinazioni'.

Ci sono soggetti che non arrivano mai a farlo e forse dovrebbero o ne avrebbero forte bisogno senzameno e se ne tengono lontani, ma altri che non lo fanno e non sentono il bisogno di farlo ne, ne hanno necessità e quindi che senso prenderebbe per loro?
Mia sorella per esempio non ha nessun interesse ne per la psicologia ne per l'astrologia, nessuno assoluto, ha un buon rapporto lo stesso con se stessa e con la sua vita e con il suo corpo senza starsi a domandare cosa la motiva ne che rapporto ci sia con i simboli che la rappresentano.
Stà bene con suo marito e con le amicizie, ha un carattere ben accetto da tutti, affronta difficoltà di buon grado, trova gratificazioni in letture d'evasione, viaggi all'estero o al mare e nel nuoto in particolare, ama la musica d'opera, trova piacevoli molte cose, la gastronomia, le piace il suo lavoro anche se non ne è stata gratificata al massimo e lì è il suo terreno di 'scontro' ma comunque secondo la sua 'filosofia di vita':
Inutile sarebbe stare a chiedersi il perchè e percome di tante istanze interiori, del perchè senta così o cosà.
C'è da dire che il binomio Bilancia/Toro forse le ha dato un carattere globale privo di esacerbati attriti, tranquillo e pacioso e una adattabilità 'spontanea' ai casi della vita che siano gradevoli o no.
Quindi non sente il bisogno delle grandi domande esistenziali, non le servirebbero, nella sua vita non avrebbe nemmeno un senso affrontarle.
Lei diciamo gode di ciò che può godere, reagisce a cio che si presenta come ostacolo senza 'intellettualizzare' e diciamo non si stà nemmeno a domandare lontanamente se il suo tipo di vita la soddisfa pienamente o no, o se ha dei conflitti interiori o infantili da risolvere.
Come tutti ha dei sogni irrealizzati, impossibili ma sono come confinati senza che costituiscano una fonte di problematiche.
Eppur ci sono nel suo tema, una Luna ariete 12a quadrata a saturno capricorno e opposta per segno a marte bilancia che quì verrebbe dibattuta all'infinito da chi semmai possedesse la stessa configurazione.
Una Luna senzameno con dure afflizioni che però è sorretta da trigoni a giove e urano.
Il trigono a Giove penso faccia sentire le persone felici e fortunate sia come sia.
Ora domando a voi, pensereste che una persona così 'manchi' di consapevolezze personali?
Può essere volendo e tecnicamente dato che non ha mai analizzato se stessa ne per diritto ne per traverso, ma pensate che le sarebbe davvero utile cercarle ed averle?
A quale prò? non pensate che quelle che ha bastino a quella che potrebbe essere la sua espressione?

Non pensate che tali consapevolezze in più non farebbero altro che 'ingarbugliare' una psiche 'serena' distogliendola dai piaceri della vita per portarla verso 'complicazioni' che invece così non sente?

Era questa la domanda rosy58, se ritenevi che questi percorsi siano necessari a 'tutti' indiscriminatamente, se li ritieni in ogni modo utili, se non pensi o pensate che abbiano una componente legata proprio al 'piacere' ( ovviamente intelletual/concettuale) anzichè fisico di percorrerne i meandri.

alla prox
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste
inserito giovedì 20 giugno 2013
Volevo chiedere a chi ha un rapporto di tensione Mercurio-Urano o ne conosce bene le dinamiche, se ha riscontrato momenti in cui la mente e il corpo vanno in direzioni diverse, che si manifestano in piccole "scoordinazioni" o gesti rapidi e piccole reazioni apparentemente incontrollate di cui il soggetto stesso non si capacita.

Un altro spunto sul rapporto Mercurio-Urano: l'arroganza mentale e intellettiva.
Vi risulta? Una particolare impazienza perchè "sapete" già dove andrà a parare il vostro interlocutore e mordete il freno per rispondere? Oppure una certa insofferenza per i discorsi oziosi? (per me non sempre perchè Mercurio gemellare ama i discorsi oziosi, quelli interessanti, quelli profondi, i gossip, TUTTO!!)

A presto.
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 20 giugno 2013
X ROSY58:

Rosy si, capisco, più che altro è che penso che a volte si dicano cose che dovrebbero essere già scontate per chi frequenta quì.
E' naturale che chi approda da queste parti abbia già percorso lunghi processi di autoanalisi, non necessariamente avvenuti solo attraverso l'astrologia, che hanno creato la capacità di essere più consapevoli di loro stesse in più o meno larga misura, non ci si confronta quì con chi non lo ha mai fatto in vita sua e quindi stà ancora allo stadio di non capire che con frequenza, con tante altre questioni che per me sono altrettanto da considerare, ci sono componenti del SE da valutare.

Anche io conosco una 37enne sistematicamente alle prese da più di 17 anni con rapporti incasinati che finiscono per non funzionare e rompersi dopo brevi tornate, il problema di fondo infatti è che lei è talmente ansiosa di accasarsi che si butta a capofitto su ogni rapporto nascente con questa unica finalità.
Lei lamenta di non riuscire a trovare il compagno giusto, il discorso è che i suoi rapporti non nascono da finalità elettive perchè a rischiesta di cosa la 'interessi' pare annaspare nel buio più totale.
Inutile è stato il mio incoraggiamento a trovarsi attività e passioni che la coinvolgano e a provare a stare 'libera' per almeno un 3 annetti, perchè sarà potenzialmente solo sulla base di queste che potrebbe trovare la persona davvero idonea per lei.
Inutile anche dire che non ha la minima conoscenza di se stessa, ma nemmeno pare interessarla un'indagine approfondita.
Ho pensato a questo punto che questa ripetitività le vada bene così, tenersi i suoi rapporti 'tormentati' e 'tormentosi'( manco a dirlo ha parecchi valori scorpione) perchè evidentemente di fondo le 'piacciono così'.

Se 'veramente' fosse stanca di tale situazione vitale penso sarebbe più propensa a cambiarla anche 'naturalmente', nel senso che anche senza analisi astrologiche confermative del tutto, orienterebbe da se il suo comportamento in modi diversificati, se non altro per provare i risultati di altre vie comportamentali.

lascio, a dopo
ciao
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 20 giugno 2013
X STE:

Giusto per precisare un concetto, non avevo parlato di menomazione circa l'adattamento in se che è per forza un mezzo messo in atto dagli esseri viventi anche in senso biologico oltrechè pisichico, ma parlando della funzione in particolare psichica se un adattamento richiede la 'perdita' di un qualcosa, di una tua qualità particolare spiccata, o il suo ottundimento, non trovo che sia auspicabile, in questo senso potrebbe finire per diventare menomazione.
Perciò sostenevo che secondo me non sempre se vi adattate all'ambiente vi torna vantaggioso.
Ci sono soggetti che finiscono non per adattarsi ma piuttosto mi pare che accettino un pò masochisticamente le cose delle loro vite senza neanche più un accenno ad una reazione, perchè non le possono cambiare e così passando il tempo è come se si spegnessero senza nemmeno più accorgersene.
Credendosi 'vive' ed essendo invece già delle 'morte'.
Se mi fossi completamente adattata e allineata al mio ambiente familiare, conservatore, e anche alla cittadina in cui non sono nata ma si erano trasferiti (scegliendo male) i miei, che è sempre stata direi 'arretrata' avrei perduto la mia creatività e tante altre mie caratteristiche diverse, parti che sono l'anima che mi anima.

Chiaro che poi se un soggetto non può fare altrimenti per tante cose mette in atto più o meno una forma di adattamento ma diventare 'parte' di cose che non senti ti appartengano minimamente significherebbe 'snaturarsi'.

Rifletti , riflettete se volete su quanto di te di voi, ha veramente interessato un processo di adattamento all'ambiente e quanto può essere invece stato una 'snaturazione' di particolari caratteristiche che non avete più potuto coltivare.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lola
inserito mercoledì 19 giugno 2013
Con i miei 4 pianeti in capricorno, confermo quanto dice Massimo: una certa aria snob e un po' di strafottenza mi sono appartenuti soprattutto da giovanissima. Col tempo e con la conquista di una maggiore sicurezza in me stessa, questi aspetti si sono notevolmente mitigati anche se ancora oggi mi capita di "compensare" eventuali insicurezze con un atteggiamento di sufficienza.
E l'ascendente scorpione amplifica.....
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito mercoledì 19 giugno 2013
ciao ragazze

mi riconosco nell'esperienza di Ste riguardo l'incapacità di mentire, credo in me anche legata ai valori sagittario che enfatizzano senso morale, giustizia ecc.(chiaramente senza generalizzare, immagino che ci siano sagittari che mentono senza problemi).

Da bambina e da ragazza addirittura mi infastidiva sentire raccontare degli aneddoti parzialmente alterati per renderli più accattivanti e divertenti...per me era già una falsificazione della realtà e quindi della verità.


ciao

deva
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ROSY58
inserito mercoledì 19 giugno 2013
Per Alix.

Intanto mi presento, dal momento che scrivevo sul blog intorno al 2007/2008, quindi un sacco di tempo fa: Rosy58 sta effettivamente per l’anno e quindi farò i 55 il prox settembre (08/09/1958 h.21.10 MI), probabilmente siamo coetanee.
Tu scrivi che, se ho capito bene, la risultanza di ciò che siamo è anche il frutto delle nostre esperienze e della nostra maturazione e come non essere d’accordo su questo, è una verità assoluta. Sono d'accordo con te. Credo anche che la differenza tra un esperienza vissuta ed una semplicemente subita stia nel fatto che noi possiamo vivere le esperienze inconsapevoli dei meccanismi interni al nostro processo di maturazione e quindi farcene “travolgere” oppure le possiamo vivere consapevoli, intuendo che anche la più tormentata di queste esperienze sarà un mattoncino per la nostra crescita personale: nell’inconscio collettivo questo piccolo mattoncino andrà a sommarsi a tanti altri mattoncini e quindi la differenza su “come” noi maturiamo le nostre esperienze, in modo consapevole oppure no, farà la differenza in noi e nel mondo.
E’ ovvio che quando siamo all’inizio del percorso affrontiamo tutto con estrema incoscienza, non abbiamo ancora gli strumenti per poter decodificare ciò che ci succede, e qui vengo alla tua domanda, e cioè “se penso che sia sempre necessario un confronto continuo con sé stessi anche quando non ne sentiamo necessità”…. Si rende necessario per la maturazione, secondo me, non un continuo e a questo punto stressante lavoro di confronto e di analisi ma un sano rapporto di causa-effetto. Mi spiego meglio: se io rispondo alle esperienze della vita, che si susseguono in età diverse, sempre mantenendo ferma la stessa risposta e quindi gli stessi meccanismi mentali, và da sé che mi arriveranno le stesse risposte e non maturerò in consapevolezza. Faccio un esempio: mi capita facendo analisi astrologiche che mi si dica: “ma perché incontro sempre uomini già impegnati? Perché sono così sfortunata da non incontrare mai uomini con cui poi posso avere una relazione stabile?” e mi accorgo analizzando il tema che chi ti fa la domanda ha una Venere/Urano in settima oppure è una Venere o un Sole aquariano, oppure un tema con forti valori aria, un undicesima molto sollecitata etc etc: capisci che se non sei consapevole di quell’energia lì e del fatto che sei tu a non voler avere intimamente una relazione “stabile”che ti “stringa” troppo stretta continuerai a proiettare sugli uomini che incontrerai questa tua esigenza e li sceglierai o già impegnati o lontani da te e impossibilitati a vivere una relazione chiamiamola “classica”. Ergo, se non ti rendi conto che chi deve mutare schema sei tu perché quella è l’energia che ti trovi alla nascita non capirai nemmeno che tutte le esperienze che vai a vivere continueranno ad assomigliarsi.
L’evolvere, a mi avviso, significa proprio “conoscere sé stessi”, sapere il tipo di energia che ti anima e su quella base crescere in consapevolezza: tornando all’esempio di prima potrebbe voler dire stare in relazione in maniera diversa da come si pensa alla relazione comune, vivendo magari come vorrebbe un’energia di aria, stando in relazione ma senza troppa vicinanza o fusione, che può voler dire stare con un altro magari in città diverse, oppure veicolare tutta quell’aria in qualcosa di creativo dove incanalarla quell’energia. Oppure vivere una relazione in modo anticonvenzionale: sapere che sei una persona che pur in relazione sei autonoma, sia di pensiero che di azione, e che mal sopporteresti un partner troppo appiccicoso. Inconsciamente lo sai ma razionalmente cerchi qualcos’altro,non trovandolo mai. Già arrivare alla consapevolezza che non devi cercare relazioni vincolanti o simbiotiche ti porta a non ritrovare un'altra esperienza analoga nel tempo.
Non so se sono stata chiara perché non è facile scrivere di questo sarebbe più semplice renderlo a parole, ma credo, per fare una sintesi, che crescere in consapevolezza significhi in buona sostanza “conoscersi attraverso le esperienze per non incorrere negli stessi schemi ogni volta, rimanendo necessariamente delusi o frustrati” e questo può avvenire solo con il tempo e il lavoro personale. L’astrologia, questa magica disciplina, ci offre uno strumento fantastico che è appunto il tema natale attraverso il quale riusciamo in modo rapido e preciso ad interpretare simboli che ci mettono sulla strada giusta per la conoscenza della nostra energia di base e delle nostre potenzialità, nonché dei blocchi.
E’ uno dei motivi per cui se io e te siamo nate anche nello stesso giorno, alla stessa ora e nello stesso luogo potremmo avere avuto percorsi completamente diversi nonostante un tema di base identico.
La differenza sul piano evolutivo sta nel come tu abbia risposto, attraverso la conoscenza di te e la successiva consapevolezza, via via nel corso delle esperienze della vita: un lavoro che non finisce mai, fortunatamente!

ROSY58
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste
inserito martedì 18 giugno 2013
... dimenticavo: posso confermare anche nel mio caso (per i rapporti dinamici Mercurio Plutone e Urano) un'ipersensibilità ai rumori, la capacità imitativa e la tendenza ad approfondire, ma il fatto che Mercurio sia in Gemelli e Urano e Plutone in Vergine mi fanno vivere come avessi dentro due ritmi diversi che si scontrano.

A volte succede addirittura che mentre una mano chiude la porta, il corpo comandato da un altro pensiero entra nella stanza mentre chiudo schiacciandomi dentro!!!
Giuro che non scherzo!
Ora non ho tempo di elencare le varie situazioni ma vi assicuro che sono spassose!

Ciao a tutti!
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito martedì 18 giugno 2013
Alix criptico da cripta? Bhè, ho l'ascendente scorpione!comunque quello che voglio dire è che il mercurio in capricorno mi porta a vedere le cose in senso materiale, senza fronzoli. Una cosa è quello che è e basta. A proposito, hai fatto caso come una donna con valori capricorniani ha su molte cose un atteggiamento come di sufficienza o strafottenza? Come se la cosa in questione non possedesse la dura verità compresa invece da lei. tornando al mio caso, la supposta capacità di sedimentare la realtà in verità che attribuisco a mercurio in capricorno è accompagnato da un bel quadrato sole nettuno che mi porta ovviamente fuori dalla realtà materiale. Invece la croce marte,venere,giove,plutone,mi ha portato spesso in ferramenta a cercare nuovi chiodi per sostituire quelli arrugginiti.Voglio dire,mi sembra di essere capace di sintetizzare nel possibile le diverse anime che mi attraversano e che a volte vanno ognuna per conto loro. Una curiosità: un mio amico Leone ascendente Capricorno non raccoglie le palline cadute a terra durante il gioco del calciobalilla. Penso proprio che per lui chinarsi sia lesa maestà.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste
inserito martedì 18 giugno 2013
Che bello rileggere così tante amiche!

Come al solito il mio tempo è super limitato, ma qualche pensiero sul mio pianeta preferito lo voglio spendere!

Mercurio-adattamento: chiaramente, come ha evidenziato Alix qualche giorno fa, ognuno di noi vive l'adattamento in positivo o in negativo, soprattutto in base al proprio temperamento. Io, da Cancro, non ho grande necessità di restare graniticamente me stessa assumendo sempre la stessa forma e vivendo come una menomazione il fatto che la vita mi richieda adattamento, anzi, per restare me stessa cambio forma (non sostanza!).
Il mio Mercurio-Gemelli è in quinta casa, sestile a un Saturno arietino in terza, quadrato sia a Plutone che a Urano che si trovano nel segno della Vergine in ottava casa.
Per me adattarmi è vitale, è divertente, è utile e mi fa sentire padrona della situazione, direi quasi più forte e resistente di fronte alle sfide della vita, è una dimostrazione di intelligenza e ritengo sia un antidoto all'egocentrismo.
Quando non riesco ad adattarmi ad una situazione difficile (anche se l'equilibrio interno non è mai facile da preservare!) mi sento sconfitta.

Tutto ciò, nonostante gli aspetti che Mercurio riceve siano anche negativi.

Mercurio-comunicazione: ho letto che molte di voi hanno parlato di comunicazione "falsata" in relazione ai rapporti Mercurio-Plutone. Io, dopo essere stata triturata da un'opposizione di Plutone a Marte e Sole, sono così tanto cambiata che quasi non ricordo più chi ero prima, però ricordo bene che da piccola a casa mia la menzogna era la peggiore trasgressione possibile! Veniva punita fin troppo severamente e l'intolleranza arrivava al punto da non lasciare neppure spazio alle innocenti forme difensive infantili. Mia madre sospettava sempre che dietro alle mie parole ci fosse nascoso qualcosa e, ad un certo punto, iniziai a sospettarlo anch'io : non sapevo più se le mie parole corrispondevano davvero ai miei sentimenti.

Come vedete Mercurio quadrato a Plutone può anche essere lo specchio di un'impossibilità (e di conseguenza di un'incapacità!) di mentire.
Questo mi ha portata per molto tempo a non saper riconoscere le persone che mentivano o, addirittura, a non capacitarmi del fatto che chi mi amava potesse mentirmi.

un saluto a tutti!
Stefania


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 18 giugno 2013
Ho ancora un pò di tempo, sono in anticipo.

Ancora una cosa Lara, forse non sono riuscita a spiegarmi bene circa le falsità.
Non mi riferivo tanto al fatto di raccontare 'frottole' mi riferivo proprio al fatto che la mia genitrice ,come altre persone suppongo, 'falsificava' la natura dei sentimenti, di cosa pensasse veramente su diversi soggetti con le quali peraltro manteneva i contatti.
Sai tipo fare la 'bella faccia' davanti e dietro dirne di tutti i colori con il sarcasmo tipico scorpionico, era un atteggiamento che non sopportavo.
Sai quante volte gli ho detto:
Se una persona ti piace veramente la frequenti, se non ti piace e sei obbligata a frequentarla non gli fai comunque falsi complimenti, se non ti piace o smette di aver lati che ti piacciono rompi o la molli o gli dici in qualche modo che pensi veramente.
Che voglion dire sti rapporti fasulli e impastoiati???
La sensazione che ti danno queste persone è che finisce per non sentirle mai 'sincere' perchè sono abituate a nascondere ciò che pensano.
Capisco che dire sfacciatamente tutto quel che passa per la testa, non sia la miglior via relazionale, ( e infatti c'è solo da immaginarsi il caos che succederebbe se si potessero sempre leggere apertamente i veri pensieri delle persone) ma diciamo che non ho mai visto questa via di comportamento come soluzione ottimale e infatti mi sono ben guardata dal praticarla.



X max:
Massi, stai andando sul 'criptico' :)


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 18 giugno 2013
Ciao Rosy 58, non credo di aver mai avuto
l'opportunità di leggerti, nemmeno sfogliando quì e là ,in questi due anni e mezzo circa che frequento questo appassionante passatempo, i vecchi post di anni passati, che trovo un interessante supervolumone di molteplici pareri ed esperienze di vita e astrologiche.

Un saluto dunque per l'entrata di una voce per me nuovissima :)

Se quel 58 si riferisce alla data di nascita, abbiamo più o meno la stessa età, quindi vorrei fare una riflessione a seguito del tuo intervento.
Non credi, non credete, che tante questioni vitali risultino in evoluzione a seguito semplicemente di 'esperienze' di vita e riflessioni e mutamenti e tanto altro, che avverrebbero in ogni caso, indipendentemente dal verificarne o meno la corrispondenza simbolica negli astri o transiti che ve la confermano?
Voglio dire, è chiaro che una 55 enne non ragiona più come una 40enne ne una 30enne ne tantomeno una adolescente o una bambina ne tantomeno ragionerà nella stessa maniera a 70, ne incontra le stesse esperienze o nemmeno risponde alle stesse eventuali nello stesso identico modo.
Al mio ex ho concesso una seconda possibilità la prima volta, proprio perche mi ero autocolpevolizzata, la seconda che ha toppato grave questa dinamica non è esistita già più astri o non astri.
E voglio aggiungere semplicemente che con gli anni che passano si tendeno ad osservare cose e questioni anche diverse e sotto altre luci che prima non si osservavano così, indipendentemente dall'approccio agli astri o meno.
Molto stà insomma solo nel tipo di 'maturazione' dell'individuo e dalle esperienze che ha attraversato e di conseguenza 'sviluppato'.

Tu pensi che sia sempre necessario per le persone un confronto continuo con se stessi anche quando non ne sentono nessuna necessità per esempio?


X Lara: è naturale che pur essendoci punti in comune, la globalità ultima risulti diversificata, perchè ognuno è diverso pur potendo constatare elementi similari, certo.
Io ho il transito di Plutone ora in capricorno che trigona l'aspetto mercuro/plutoniano congiunto, ma essendo un transaturniano parte dell'aspetto ha una componente generazionale sui Plutoni Vergini che riguarda quella mia generazione in particolare.
In ogni modo posso dirti che il transito Plutoniano che ha trigonato il mio mercurio e stà transitando in conginzione sul mercurio di mio marito lo vedo nella funzione che ha per noi una camera insonorizzata finalizzata a poter suonare a volumi anche alti, quindi poter ascoltare la 'potenza del suono' in tutta la sua espressione 'avvolgente'.
Questo può tradursi in un piacere interiore per esempio che 'mercurialmente' condividiamo sulla stessa onda di comunicazione, non è che si devono sempre andare a cercare chissà che rimestamenti cervellotici nelle simbologie astrali.
L'altra questione per me è che proprio di queste ultime due settimane è la scoperta della funzione terapeutica delle 'biodanze', dunque una forma espressiva ( mercurio) unita all' istinto di muoversi ( plutone) che mi ha 'catturata' immediatamente.
Sono insomma anche queste cose l'espressione di uno stato psichico, perchè le emozioni interiori sono prodotte anche dalla vita che vivi non solo da come pensi che può mostrare anche lati diversificati.

A me piace divertirmi da brava Leone, ,indipendentemente dal fatto che per altri versi detesti la natura del mondo o di certe sue espressioni, ed è perciò una componente 'fondamentale' della mia psicologia rispetto alle mie risposte e alle espressioni stesse delle componenti astrologiche.

Ad ogni modo Lara, potrei dirtene altre di questioni tutte agganciate al transito mercuro plutoniano, ad esempio l'idea che mi frulla da parecchio di scrivere una sentita lettera di protesta per una questione che crea assillo, non ho ancora trovato l'impostazione che mi pare adeguata, perciò scrivo e straccio, riscrivo e straccio non riuscendo a focalizzare il 'modo' che mi dia l'idea che possa a seguito 'far muovere le cose'.
Posso pensare che ci sia ancora in atto una componente di 'non completa convinzione' di poter ottenere veri risultati che frena lo slancio.




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di rougemonique
inserito martedì 18 giugno 2013
Buondì, leggo con molto interesse le vostre riflessioni su mercurio. Nel mio caso il folletto dello zodiaco è congiunto a plutone, il principe delle tenebre. Ma in realtà il principe delle tenebre ha tessuto per me una ragnatela nella decima casa, e tiene saldamente in pugno-oltre a mercurio- anche il sole e la luna. Il tutto è in bilancia, è vero. Amore per la verità a tutti i costi, questa è la prima cosa che mi viene da dire. Amore per la profondità, per la comunicazione intensa, efficace, anche non verbale. La mia mente funziona come uno scandaglio, un amo da pesca: se qualcosa cattura la sua attenzione, se qualcosa la fa vibrare, allora un piccolo piombino la porta giù, e poi sempre più giù nell'abisso. La corda che la fa risalire a volte è sottile, a volte si impiglia in cose che neppure sa identificare, che sarebbe stato meglio non guardare. La mia mente a volte pesca nel torbido, a volte nelle acque limpide del sublime. C'è da dire che il mio piccolo folletto riceve anche un sestile da Nettuno. Plutone è il piombino attaccato alla lenza della mia mente, Nettuno è l'oceano che voglio sondare, a volte sprofondando, a volte risalendo veloce in superficie. Ho un'ossessione per le menzogne, e questa mia caratteristica mi ha portato a diffidare dalla maggior parte delle persone, soprattutto se in ruoli di "potere". A scuola ero convinta che la maestra fosse bugiarda, che bugiardi fossero la maggior parte degli adulti, che bugiardo fosse il tg. Se avevo la sensazione che qualcuno mi nascondesse qualcosa, era difficile farmi cambiare idea. Ora questa tendenza si è un po' smorzata, ma solo perché ho capito che sono io a nascondere cose a me stessa, e a proiettare questa "menzogna" sugl'altri. Nonostante questa consapevolezza, ancora oggi mi trovo a diffidare - tra gli altri- dei miei capi a lavoro. Loro parlano e io devo fare uno sforzo immenso per ascoltarli senza giudicarli bugiardi. Per il resto, a volte mi accade di ritrovarmi la testa piena di parole, e non le ho assolutamente cercate, per questo scrivo poesie. Non so perché funzioni così, non so se questa sia "ispirazione": è come se le mie antenne all'improvviso captassero qualcosa. A volte mi accade mentre dormo di "vedere" o "sentire" intere poesie, che poi al mio risveglio tento disperatamente di trascrivere, riuscendoci solo di rado. Un caro saluto a tutte!
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito lunedì 17 giugno 2013
Riguardo a mercurio come ascolto...

l'ho già raccontato ma lo ridico perchè sono quelle piccole cose così incredibilmente in analogia tra "dentro" e "fuori" che a me continuano sempre a riempire di meraviglia.

Plutone in XI rappresentava nella mia infanzia "gli altri" legati all'attività lavorativa di mio padre (casa e attività erano attuigui ); altri che appunto io percepivo potenti e quindi "minacciosi" non perchè lo fossero veramente ma perchè condizionavano le sorti economiche della nostra famiglia (stellium in II casa).

La quadratura di plutone a mercurio coincide anche perfettamente col fatto che da casa si doveva stare in ascolto del suono del campanello che annunciava l'arrivo di un cliente. Quindi era necessario essere attenti, pronti, in ascolto...comunque condizionati.

n.b. MASSIMO...condividiamo asc.scorpione e mercurio in capricorno ;)

deva
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Mari
inserito lunedì 17 giugno 2013
Ho mentito tante volte anch'io soprattutto a mia madre ,non ero libera di fare niente e solo così potevo ogni tanto uscire col mio fidanzato (mio marito da 23anni)ricordo che stavo sempre con la paura di essere scoperta e dulcis in fondo mi sentivo anche in colpa per aver mentito(Saturno cong.allo stellium)e quando il fidanzamento si è ufficializzato è stato un incubo mia madre non ci ha lasciato più da soli ...nel frattempo plutone stava iniziando la sua opposizione allo stellium in toro ,avevo quasi 18 anni stavo malissimo ma non riuscivo a capire il perchè mi sentivo depressa appena mangiavo stavo male sono dimagrita molto ho fatto tantissimi controlli era tutto a posto il mio medico mi diceva" non ti preoccupare appena ti sposi ti passa tutto" lui aveva capito che dovevo andare via farmi una vita mia ,ma io tutto questo l'ho capito molto più tardi ... Ciao a tutti da mari
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ROSY58
inserito lunedì 17 giugno 2013
Grazie Lara e grazie Deva per il benvenuto: anche a me fa piacere poter nuovamente scambiare opinioni con voi su questi temi affascinanti.
Ciò che scrivete sull’argomento Mercurio/Plutone è tutto vero, condivido in toto: penso anche che nel tema natale bisogna comunque tenere conto del tipo di aspetto che Mercurio forma con Plutone (anche se mi rendo conto che ogni tocco di Plutone è sempre tosto).
In un aspetto dinamico bisogna tenere conto che non sarà facile portare alla coscienza ciò che Plutone tenderà a tenere “sotto”: ci vorrà esperienza , tempo e lavoro su sé stessi. Nella quadratura esiste il conflitto che bisognerà risolvere andando a lavorare sugli schemi interni e nell’opposizione si dovrà andare ad integrare verso il centro i due valori che si guardano da opposte sponde. Come scrive Deva in ogni caso è possibile arrivare alla consapevolezza e anzi direi che è necessario.
Condivido con Lara che la presa di coscienza sia necessaria quando di mezzo c’è Plutone, ma credo, sostanzialmente, un po’ con tutti gli aspetti presenti nel nostro tema atti ad operare un salto di coscienza. La dinamica falso/vero/affermazione personale e oserei dire potere personale associata all’aspetto Mercurio/Plutone/Marte è strettamente legata alla possibilità del fraintendimento ed al senso di impotenza.
Mi sono resa conto (dopo anni ovviamente) che con questo aspetto nel tema il “non essere necessariamente chiari” nella comunicazione, , il fraintendimento, come scrive Lara, è quasi sempre possibile.
Sono d’accordo con Alix che scrive che “ l’aspetto enfatizza la percezione”, arrivando in alcuni casi alla telepatia: il rischio appunto è di arrivare a sentire istintivamente talmente tanto gli altri e i loro pensieri da“dover piacere” per cercare l’altrui approvazione laddove non si riesce a fare a meno del giudizio del prossimo e all’accettazione esterna.
E proprio perché, anche secondo me, c’è un “orecchio” fine e antenne altissime pronte a captare qualsiasi cosa , anche e soprattutto ciò che non si vede (Plutone) ma “serpeggia” nell’aria che bisogna arrivare a lavorare su ciò che si ritiene proprio e su ciò che invece è dell’ambiente circostante e che lì deve rimanere.
Ciò che può succedere è che si faccia proprio, oltre al giudizio degli altri, anche l’umore degli altri, facendosi “inquinare” dai pensieri degli altri al punto da non riconoscere i propri.
Per stare più leggeri rispetto a questo aspetto, ricordo che da piccola riuscivo ad “imitare” le voci dei miei amici non solo come tono vocale ma come “interpretazione”, nel senso che riuscivo a cogliere ciò che loro a parole non dicevano ma che io avevo percepito dei loro pensieri attraverso i loro atteggiamenti. Una sorta di identificazione con il prossimo, nel bene come nel male.
Riuscivo a capire cosa gli altri volessero e come lo volessero e quindi intercettando ciò riuscivo a “piacere” e ad essere accettata: ovviamente casa seconda lesa, valori personali non riconosciuti e autostima zero. Il falso e non il vero. Riconoscevo perfettamente lo scollamento tra il mio interno e il mio esterno ma la paura dell’abbandono e della non accettazione non mi permettevano di “espormi” e di rischiare la critica e il giudizio: la frustrazione e il senso di ridicolo che accompagnava spesso il mio “sentire” laddove lo esprimevo, senza riserve.
Le antenne (sono proprio paraboliche) che questo aspetto ci dona, come kit di sopravvivenza, sono servite nella prima parte della nostra vita, per sintonizzarci sui “pericoli” che potevano arrivare dall’ambiente circostante, che avvertivamo in qualche modo “pericoloso” e che ci condizionava inevitabilmente e ci sono servite per anticipare, in quel momento, rendendoci più sensibili, le mosse di chi ci stava intorno. Ovviamente crescendo, come scrive Deva, non siamo più “bambini impauriti e impotenti” (potere=plutone) e dobbiamo necessariamente riprendere la capacità e la possibilità di fare tesoro di questa esperienza maturando nella consapevolezza che abbiamo nel nostro kit di sopravvivenza anche questo aspetto ma che necessariamente dobbiamo “guardarlo in faccia” ogni volta che non siamo chiari, diretti, trasparenti, in altre parole etici….verso gli altri ma soprattutto verso noi stessi.
Non dimentichiamo che le “bugie” o le falsazioni sono soprattutto verso noi stessi prima ancora che verso gli altri e con questo aspetto potrebbero portarci lontani da ciò che noi stessi siamo veramente anche e soprattutto per piacere al mondo.
In poche parole dobbiamo essere “veri” ancora di più di coloro che non hanno questo aspetto nel loro tema.
ROSY58
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito lunedì 17 giugno 2013
Il mio Mercurio in capricorno ( l'unico a non avere quadrature ) sedimenta le emozioni e ne fa un bel plinto di calcestruzzo. Il fatto è che le statue che ci metto sopra non hanno nessuna intenzione di starsene ferme.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lara
inserito domenica 16 giugno 2013
Confermo che anche nel mio caso mercurio-plutone ha portato a modalità di pensiero più maschili che femminili: anche io da ragazzina desideravo essere maschio e da maschio mi comportavo...ma è durata poco: il tempo di arrivare all'adolescenza e cominciare a guardare ai maschi come qualcosa di interessante non solo per giocarci a pallone. E' rimasto un certo approccio maschile alle cose e una certa idiosincrasia verso certi riti della femminilità, ma le gravidanze hanno in qualche modo composto l'aspetto cerebrale con quello fisico.

Anche l'udito è molto sviluppato e anche io non sopporto i rumori "molesti", soprattutto quelli da elettrodomestici (...frigoriferi, televisori) ma ho dormito tranquillamente a pochi metri da campane a festa, e in campagna e al mare è difficile che vi siano rumori, se "naturali", che mi innervosiscano.

Infine...anche mia madre era una grande raccontatrice di bugie che mi innervosivano tantissimo, perchè le riconoscevo immediatamente; a mia volta, durante l'adolescenza soprattutto, ne ho raccontate io di belle, per garantirmi una libertà che immotivatamente mi sarebbe stata altrimenti negata: ma nessuno si è mai accorto di nulla :).

Sarebbe interessante, a questo punto, anche parlare degli effetti dei transiti di plutone su questo aspetto...credo che possano venir fuori cose utili.

Lara

Ps per Deva: posso testimoniare che il transito di Giove in opposizione può essere decisamente pesante: l'ultimo in opposizione al mio Marte (e in quadrato a Mercurio) mi ha in certi momenti come "paralizzato".


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 15 giugno 2013
Vi vorrei suggerire una riflessione, non sò quanto attendibile, ma credo che i rapporti dinamici mercuro plutoniani , almeno congiunzioni e trigoni possano contribuire ad avere una 'mentalità maschile' più che strettamente e squisitamente femminile in senso stretto.
O comunque l'esistenza di una parte psicologica maschile molto spiccata e molto presente.
Nel mio caso è forse piuttosto enfatizzata dal collegamento luna trigono marte che trigona plutone congiunto a mercurio.
Infatti avrei preferito nascere di altro sesso se avessi potuto scegliere ,il rifiuto di espressioni femminili come il ciclo e la maternità è stato piuttosto netto e categorico, pur nell'ambito di una femminino che spesso utilizzava le armi più tipiche, almeno apparenti, della femminilità.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 15 giugno 2013
Ragazze, ci sarebbe da aggiungere che per certi tipi di persone 'falsificare' gli atteggiamenti e le opinioni è considerato anche un modo per essere 'più amati' o per 'raggiungere dei vantaggi', per la strana idea che tentare di 'ingraziarsi' con le complimentosità gli altri o evitando di dire cose che possano ritenersi inaccettabili, tacendo, possa produrre più 'simpatie' e consensi.
Che ciò sia vero o no, forse dipende dai contesti e dai tipi di 'altri' incontrati.
Chi cerca di avere intorno corti o sudditi, di solito non si accorge e anzi forse 'apprezza' tali comportamenti.
Chi preferisce la ricerca di verità, anche se scomode, si tiene lontano dai 'falsi mercanti'.
Credo che non saper essere completamente sinceri per alcuni sia anche un retaggio culturale ereditato da generazioni che avevano talmente tanti 'tabù' da voler tenere nascoste anche le questioni più innocenti.
Ora per contro esiste una nuova generazione che pare spingere perchè ogni 'segreto' passato e presente emerga dal sommerso.
Tra l'altro, almeno secondo il parere della filosofia delle costellazioni familiari, che sono anche costellazioni collettive, tutti i 'non detti' tutte le questioni 'non palesate' che si ereditano 'occultamente' peserebbero alquanto su tutto ciò che poi funziona male, nel mondo come nel singolo o nella comunità.

Mia sorella sà che tendo ad essere sincera, forse troppo,anche quando decido di esentarmi dall'esprimermi per forme di educazione , pare a suo dire che faccia 'trapelare' i pensieri.
Che è anche questo un modo di manifestarsi del mercuro/plutone congiunto: "dire senza bisogno di parole".



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Mari
inserito sabato 15 giugno 2013
Ciao a tutti ....bello questo scambio è un piacere leggervi e devo dire che mi ritrovo in tante cose ,conosco bene quel senso di nascondimento di pensieri e bisogni che descrive Rosy 58 ,il tutto un po' avvolto dalle nebbie di Nettuno che dalla quinta scorpione oppone mercurio e luna .....ciao da mari
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 15 giugno 2013
Della mia congiunzione mercurio plutone ( in vergine 6a) credo di aver già detto parecchio, forse anche già in sede argomento plutoniano e diverse volte toccando il tema quì e là con tante di voi.
Quindi rischio di dire cose già dette e ridette, ad ogni modo credo che mercurio plutone di base enfatizzi la 'percettività' , quasi al limite di una sorta di telepatia che 'avverte' lo stato di energie intorno in forma di stati di animo o di pensieri o di 'aria che tira' quasi fosse materialmente palpabile.
Nel mio caso si 'estende' alle varie correnti che sempre animano il mondo o alla captazione dei trend.
E' possibile che ogni possessore della dinamica di congiunzione o trigono tenda comunque ad indirizzare questa percettività nei campi verso i quali è più sensibilizzata o interessata, secondo globalità caratteriali del tema.
Confermo le percezioni delle questioni del 'non detto' ambientale, di tutte quelle cose che non vengono espresse o vengono di proposito tenute nascoste o che altri non ritengano opportuno rivelare ma che si 'colgono' spesso come 'messaggi subliminali' sottotraccia.

Aggiungerei, forse non l'avevo indicato, che a me personalmente ha fornito anche proprio un 'udito' particolarmente sensibile, ipersviluppato, che viene particolarmente irritato dai rumori fastidiosi, con la preferenza ideale per luoghi di assoluto silenzio ( con eccezione per la musica che a volte fà piacere ascoltare con coinvolgimento anche a tutto volume).

Ricordo però una cosa che forse vi interesserà valutare, il concetto di 'falsità', è stato sempre e sistematicamente fonte di discussioni e accesissime litigate con la mia genitrice Scorpiona As. Bilancia ( lei con dinamica di trigono mercuro/pluto tra scorpione e cancro) ,non si sà come convinta, che la 'falsità' nella vita in qualche modo pagasse.
Idea a dir poco 'obbrobiosa' per una schietta Leone poco incline persino alla diplomazia, figuriamoci a far non sentite 'moine' di circostanza.
Lei invece tendeva a vedere tale sua inclinazione 'di falsità cortese' persino come un valore da passare, anche dopo che gli eventi della vita gli hanno sfacciatamente e ripetutamente dimostrato che tale atteggiamento è molto più dannoso che utile.
Ciò e molto altro hanno creato nei tempi distanze incolmabili tra me e lei.
Dunque, pur possedendo la stessa dinamica, l'abbiamo espressa in maniera nettamente opposta.
Il che conferma quanto diversamente possano agire i meccanismi legati anche a segni e case diverse.

Anche lei però la ricordo come estremamente percettiva in caso non figlie tentassimo di nascondere problemi, malumori o stati di preoccupazione per non farli gravare su lei o altri, su di lei anche per evitarci le stancanti discussioni del 'dopo' in quanto non riusciva mai a dirci a seguito le cose 'giuste'.
Difficilmente ad ogni modo si mangiava la foglia del: "no niente tutto bene, tranquilla".

saluti

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito sabato 15 giugno 2013
ciao ragazzi e ciao Rosy58

anche a me fa piacere rileggerti :)

Sono contenta anche di constatare, leggendo i vostri interventi, che la consapevolezza, pur se un percorso sempre difficile e irto da ostacoli, è sempre possibile anche con aspetti tesi, come sottolinea anche Lara.

Attualmente la mia cong.luna mercurio in II riceve il transito di opposizione di giove e anche se ho ritenuto in passato che il transito di questo pianeta in "negativo" fosse comunque poco incisivo, questa volta ho dovuto ricredermi. Ha opposto i miei pianeti in II e ha amplificato e fatto emergere situazioni che evidentemente dovevo guardare con maggiore consapevolezza.

Adesso che oppone mercurio luna si sta profilando una situazione che richiama in modo sconcertante il disagio dell'infanzia e fa riaffiorare le mie ataviche paure.

Forse ciò che devo capire/comprendere è che non sono più quella bambina impaurita e impotente.

ciao

lara

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lara
inserito venerdì 14 giugno 2013
...Rosy58! che bello rileggerti...ricordo i tuoi post di quando ho cominciato a leggere questo blog e ancora ricordo un tuo affettuoso commento a un mio intervento.

Hai descritto proprio bene i toni di questo mercurio-plutone da quinta casa: soprattutto la necessità di relativizzare la comunicazione, uscendo dal soggettivismo che la quinta casa favorisce.

Anche il mio Mercurio è toccato da Venere (in sestile dalla terza-cancro) e da Marte (in quadrato dalla settima-sagittario) e mi ritrovo quando parli della difficoltà di conciliare questo tipo di comunicazione con le necessità di affermazione di Marte. Personalmente ho preso tante cantonate (...o tranvate) con quel marte, prima che mercurio-plutone cominciasse a funzionare e a farmi distinguere il falso dal vero. E anche a rivelarmi l'esistenza di un "non detto", quello di cui parla anche Mari.

Trovo poi interessante(e confortante)che, se con l'aspetto di trigono, come testimonia Lola, l'intuito e la capacità di indagine si sono manifestati spontaneamente, negli aspetti di congiunzione, come quelli di quadrato, la presa di coscienza sia stata difficile...ma possibile.

Lara

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ROSY58
inserito venerdì 14 giugno 2013
Ciao a tutti, torno nel blog dopo anni di assenza: sono successe molte cose dall’ultima volta che sono intervenuta intorno ai bellissimi argomenti trattati in questo blog che ho seguito spesso almeno nella lettura.
In primis saluto Lidia sperando che la vita le sorrida in questo momento nonostante il passaggio duro dei transiti degli ultimi anni.
Parlare di Mercurio è fantastico perché è fantastico il simbolismo legato ad esso: il folletto dello zodiaco scompiglia sempre le carte e come un vento primaverile riesce a smuovere laddove qualcosa ristagna.
Associato a Plutone, Dio degli istinti primordiali, immagino che l’abbraccio sia “stritolante” laddove Mercurio fatica a restare leggero dovendo necessariamente scendere nelle profondità istintuali e ben poco raziocinanti.
Nel mio tema, questo abbraccio è stretto,di congiunzione e avviene in V casa tra un Mercurio leonino e un Plutone ai primi gradi della Vergine: gli stessi formano congiunzione a Venere, anch’essa leonina, e quadrano Marte in Toro in I casa.
La mia percezione del mondo, durante l’infanzia e l’adolescenza, nella casa genitoriale, è stata forzatamente “falsata”: percepivo ciò che animava l’ambiente circostante come “vero”, anche se non non corrispondeva alla realtà dei fatti ma ad una realtà “virtuale”, di forma e non di sostanza. Non c’era mai trasparenza, tutto correva sul filo dell’ambiguità e della falsazione. Ovviamente questo veniva percepito istintualmente e non mentalmente , non era palese e quindi poteva essere che la comunicazione fosse davvero distorta, come invece poteva essere semplicemente che il linguaggio utilizzato nella comunicazione fosse falsato. Sotterraneamente si percepiva anche una sorta di “invischiamento” fra le parti: “potere personale” che diventava anche aggressività verbale, persuasione e manipolazione.
Negli anni ho dovuto lavorare necessariamente sulla comunicazione e sulla percezione personale rivolta al mondo esterno ma anche e soprattutto rivolta a me stessa: in un contesto di questa natura, in una casa solare come la casa quinta dove, tra l’altro, (cosetta da niente) vi è anche il luminare principe, il Sole, si rende necessario restare sempre e il più possibile in linea e coerenti con la vera natura e l’essenza. proprio per una sorta di ricerca della verità, di tesoro nascosto da disseppellire.
Vi è stato ovviamente nel tempo un grande adeguamento alla realtà circostante perché si percepiva che ci si doveva necessariamene adeguare pena l’esclusione e l’abbandono e questo ha contribuito, in maniera poi negativa, a dover “nascondere” i veri bisogni perché si percepiva che non sarebbero stati accolti: vi era bisogno di nascondimento, anche di pensiero.Anzi, soprattutto di pensiero.
E’ stato (e a volte lo è ancora) un grande lavoro quello di smantellare schemi mentali,strutture interne, molto profonde e radicate, per trovare il filone d’oro nascosto della vera capacità di scendere in profondità e di risalire (Mercurio – psicopompo) per poter far affiorare ciò che di autentico e anche di potente può regalare un simile aspetto nel tema natale.
La quadratura tra questo gruppetto di pianeti e quel Marte in prima casa rende necessario dover sempre restare il più possibile in linea con la propria essenza e con ciò che gli altri vedono (la personalità, prima casa) per non incorrere nell’ambiguità e nella falsazione che porta inevitabilmente verso il basso, di nuovo verso la mistificazione della realtà personale.

ROSY58
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lara
inserito venerdì 14 giugno 2013
...a pensarci, un senso di minaccia costante toccava anche me ragazzina e anche una convinzione di "scarsità di risorse" (mercurio governa la mia seconda)in fondo non motivata se non, appunto, dagli atteggiamenti familiari (in specie di mia madre). C'è da dire che i miei avevano vissuto entrambi un periodo di grandi ristrettezze durante la guerra e questo in qualche modo doveva averli influenzati. Non ricordo nella mia infanzia una sola spesa voluttuaria fatta da mia madre...
Lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lola
inserito venerdì 14 giugno 2013
Ciao a tutte,

Anche io ho l'aspetto mercurio/plutone.
Il mio mercurio fa parte di uno stellium in 2a casa che comprende anche marte luna venere, il tutto in capricorno.
Plutone e'in vergine 10a casa.
L'aspetto di trigono in me si e'sempre manifestato in un bisogno di "profondita'", forte intuito e soprattutto la capacita' di percepire ambiguita' e falsazioni.

Mi chiedevo se la congiunzione di mercurio con gli altri pianeti personali esalta in qualche modo i simboli plutoniani (ho anche l'ascendente in scorpione).
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Mari
inserito venerdì 14 giugno 2013
Ci riprovo....io ho uno stellium in toro Saturno sole(decima)mercurio luna(undicesima)Plutone dal segno della vergine manda un trigono soprattutto a luna mercurio ...Mi ritrovo molto in quello che dice Lara sulla comunicazione falsata ...ma la cosa che mi ha sempre dato e continua a darmi fastidio è la mancanza di comunicazione aperta "quel non detto"
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito giovedì 13 giugno 2013
ciao Lara

anche io ho mercurio plutone. Mercurio in II (congiunto a luna sagittario) capricorno e plutone in XI.

Riguardo alla comunicazione falsata...non so...non mi sembra di ricollegarlo alla mia esperienza, per me era più una questione di paura e controllo.

Quel plutone in XI rappresentava qualcosa che condizionava nel bene e nel male la sicurezza della nostra famiglia (sole luna venere e mercurio in II) e quel mercurio era una sorta di antenna sempre in allerta.

Mercurio plutone lo vedo come il tentativo di controllare con la testa...la dimensione istintuale. Bisogna trovare un giusto compromesso, cosa non facile.

ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lara
inserito giovedì 13 giugno 2013
Bene, ritorniamo a Mercurio.

Magari ricordando che per gli argomenti non attinenti al tema Mercurio ci sono altri spazi in questo blog.

All'inizio della discussione si era cominciato a parlare dei rapporti Mercurio-Plutone. E' un aspetto presente nel mio tema, in Vergine, in quinta casa.

Lidia nel suo libro sui simboli, sembra ricollegare questo aspetto a un vissuto familiare di comunicazione falsata che può condizionare la ricezione dei messaggi nell'età adulta.

Personalmente mi ritrovo in questa lettura. Sono cresciuta con messaggi non coerenti con la realtà dei fatti e questo ha finito per condizionare la mia stessa comunicazione.

Aggiungo - ma è scontato - che la consapevolezza della problematica, ha poi aperto la strada alla necessità di sgombrare la testa dai pregiudizi e alla capacità di leggere "gli altri" oltre le apparenze.

Questo è ovviamente soltanto uno degli aspetti di un mercurio-plutone...credo che più persone potranno intervenire su questo argomento.

a presto, spero
Lara

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito mercoledì 12 giugno 2013
Devo aggiungere, altrimenti magari non si capiva il ragionamento, che mi sono soffermata su questo ultimo 50ennio, perchè a differenza dei 2000 o 4000 o ancora precedenti, l'umanità ha potuto usufruire in concomitanza alla questione spiritualistica ,solo in tale periodo ultimo, proprio della 'psicologia', quindi a maggior ragione c'è da pensare che qualcosa 'non vada' e non sia letto nel modo adeguato del mondo spiritual/interiore se in ogni caso la risposta delle persone globalmente non è quella attesa e se il mondo ,in fondo, tanti progressi verso direzioni positive, nonostante nobili sforzi concettuali, non li ha fatti in mezzo secolo nella 'sostanza' generale delle cose.

Anche la psicologia per me ha tanto da rivedere o dovrà farlo sulle nuove generazioni future, anche perchè si presenta forte in loro una Entità che prima non esisteva, lo 'spirito' che attraversa il web e che crea un nuovo 'supersoggetto ultraconnesso con milioni di individualità' di cui analizzare i 'comportamenti' .

Insomma, condivisibili o no, le mie riflessioni vorrebbero tendere a far intravedere 'nuovi sviluppi' nelle maniere di intedere tante questioni quì dibattute in questi anni.

Ah, solo una cosa, ci tenevo a precisare una cosa circa il fanatismo, non credo sia da confondere con l'esistenza di ideologie.
L'ideologia è una 'proposta' che spesso si 'diffonde' quando i tempi sono maturi per accoglierla e a volte pur con tutte le sue utopie, il fanatico è quello che 'pretende' di imporre la sua idea e che poi capita anche che si dia ad atti anche in aperta 'contraddizione' con le sue stesse idee.
Avevo letto in un libro di un caso eclatante di un acceso sostenitore 'pro-vita' a difesa degli embrioni, che aveva 'ucciso' quindi 'dato la morte' a tre dottoresse che praticavano interruzioni di gravidanza.
Quando si dice uno con le 'idee proprio chiare e lucide'....:(

Poi che si usi la parola anche in sottotono giusto per intendere una forte propensione verso certe direzioni piuttosto che altre, capita a volte a tutti, e va bene lo stesso.

Ad ogni modo , x tornare a te Ste.
Perchè non ci proponi una riflessione su qualcosa di inerente una simbologia mercuriale tanto per rientrare in discussione ???


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito mercoledì 12 giugno 2013
Ecco Ste, per stare in argomento mi fai notare ora che la parola 'adattamento' è usata proprio nell'introduzione di Lidia a proposito di Mercurio.

Leggo le parole: se abbiamo dovuto 'adeguarci' e limitare la nostra 'percezione'.
Ecco, mi fà pensare che la mia 'ribellione' all'adattamento ha evitato che io potessi 'limitare le mie percezioni' in un ambiente che ti posso assicurare non ne favoriva affatto l'espansione.
Sicuramente una famiglia tendenzialmente 'conservatorista' piuttosto che uraniana qualche 'stroncatura' me l'ha creata, ma grazie credo proprio a tale orientamento caratteriale non è per fortuna riuscita mai a 'sopprimerla'.
Così sono cresciuta lo stesso, malgrado loro, senza aver 'paura' del nuovo, sentendo lo stesso sempre le 'correnti nell'aria', partecipando al nuovo, essendo il nuovo, ancora prima che diventasse 'noto'.

Quindi Ste, forse per me le parola adattamento, accetazione, arrendevolezza e quant'altro mi fà avvertire un possibile rischio di menomazione 'dalle percezioni allargate' nel mondo.
Perchè forse và sempre considerato il 'significato personale' che si attribuisce ad una parola.

Volevo infatti fare in precedenza ,senza averne avuto occasione, una analisi un pochetto allargata delle contemporanee mode spirituali.
Uso questa parola che può apparire provocatoria perchè ,per quanto forse in tanti non riescano a analizzarlo, quì in occidente sono state 'anche' un 'fenomeno di costume' sdoganato dagli anni 60.

Ovviamente la ricerca di spiritualità dallo Scimanesimo preistorico in poi è da sempre una tendenza pare 'imprescindibile' della natura umana, questo non toglie che certi orientamenti massificati siano adottati solo e sempre 'dopo' l'introduzione di certi orientamenti sempre da chi 'per primo li esprime' uscendo dai 'seminati precedenti' ricevendo di solito iniziale 'biasimo' in qualunque 'epoca storica' si trovi.

Vanno sempre considerate e inserite nei contesti storici, e nelle aree geografiche.
Quì in occidente ed in particolare su questo territorio almeno fino al 1950 il concetto di spiritualità ,delle masse almeno, era al massimo 'recitare il rosario o cantare i salmi nella parrocchia'.

Qualcuna di voi ha mai considerato e analizzato che e' stata la rivoluzione Hippies, il primo movimento di natura Acquariana e perciò 'uraniano' , di rottura con le tendenze imperanti che ha importato l'interesse per le religioni orientali dunque esotiche, diverse, con quell'aura di estasi diversificata rispetto alle nostre, l'esoterismo e tutto il resto e che ha proposto un modo differente di cercare l'approccio al mondo dello spirito.

Prima di allora chiunque trattasse tali argomentazioni in aree occidentali si sarebbe beccato un'accusa di satanismo dai cosiddetti soliti bempensanti chiusi come erano nel loro 'bigottismo'.

Se potete permettervi ora di affrontare argomenti come la spiritualità e tutte le varie materie affini come anche l'astrologia perchè no, trattandole con disinvoltura e e senza timore del malevole giudizio delle comunità in cui vivete.
Credo possiate ringraziare quelle persone che 50 anni fà, cominciarono a cambiare le 'accetazioni comuni', ovviamente interpretando quella parte che, come credo di dicesse allora veniva 'additata', usciva cioè dal 'consueto'.

Uraniani Nettuniani sempre in qualche modo in un 'movimento' o chi comunque ne interpreta nelle varie epoche il simbolo.

Tale fenomeno si era andato via via apparentemente spegnendo per risorgere come la fenice e decollare capillarmente ai tempi della New Age.
Quì in questa area arrivo nel 1990 circa, ovviamente in ritardo come al solito, era nata molto prima da altre parti la New o Next age, ma non era che l'interpretazione più contemporanea della rivoluzione nata allora nel 60, i primi sommovimenti dell'era dell'acquario che dovrà ancora arrivare e che forse 'vista da quì adesso' sarà molto più tecnologica che spiritualista nel senso odierno.

Un'altra moda comunque che picccia o no e che in tanti cresciuti nel mentre 'consapevoli o no' hanno respirato e quindi assimilato coscienti o no che fossero.
Sempre a seguito i grandi numeri , diciamo cosi, delle prime rare avanguardie di pensiero.
Quelli che in pratica li formano in 'anticipo sui tempi' in genere con le contestazioni di chi ancora non riesce a sentirne la 'presenza' che si diffonderà solo nei seguiti.
Funziona così da sempre.....sia che avvertiate o no questi 'fenomeni'.

In questi giorni mi ponevo una riflessione, ma sarà mai possibile che con tutto questo grande interesse spirituale, in un 50ennio che avrebbe dovuto rendere consapevoli una gran massa di persone in esso nate e vissute, il mondo stià funzionando ancor peggio di prima degenerando vistosamente???

Non è forse da pensare 'ora' almeno vagamente che può essere che molte delle interpretazioni date ai vari concetti di 'spirito' di tutti i tempi siano 'sbagliate'.
Che ci sia qualcosa che sfugge molto in profondità e da rivedere totalmente?
Che ci sia da fare 'un salto' in una dimensione nuova di pensiero.
Proprio in virtù di una maggiore consapevolezza che si dovrebbe avere raggiunto, ci sarebbe da porsi questa lecita domanda.

Solo riflessioni, niente altro che riflessioni.....
poi vedete un pò voi tutte che pensarne....

Scusate....... ma era già da un tocco che volevo inserire stò post :)




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito mercoledì 12 giugno 2013
Mi sono accorta dopo Ste che ho usato la parola pigrizia ,che tu non ritieni la motivazione dei mancati interventi,.....ma ok, volevo dire in sostanza che se intervenite intavolando altre discussioni ,anche mentre ce ne sono in corso, potete benissimo 'dirottare' gli interventi.

Mi chiedo piuttosto perchè non lo avete fatto prima se ne sentivate il desiderio.......

Ringrazio per l'osservazione di aver spesso 'sostenuto' il blog , anche parlando da sola in certi casi, nei diversi momenti di forte 'stasi'.

Ognuno può esprimere le sue opinioni ci mancherebbe, quelle che vuole, a favore e contro, come ognuno ha diritto di replicare quando lo crede opportuno ;)

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito mercoledì 12 giugno 2013
X Ste:

Ste, il motivo per cui non scambio recapito privato con Deva ,che peraltro sarebbe raggiungibile sul suo sito anche, è motivato dal fatto che non ho una particolare finalità di scambiare esclusivamente con lei e su questi argomenti.

Parlo e ho parlato molto con lei ,e naturalmente rispondo o ribatto se c'è qualcosa che dice o analizza che non mi pare giusto, unicamente perchè al pari di me è quella che da sempre interviene di più.

Se questo causa momenti di noia ( del chè ovviamente me ne dispiace) date un pò il bando alla 'pigrizia' e fatevi sentire più spesso :)
Così introducete argomentazioni che interessino anche a voi o che si mantengano di più sul tema.
E' evidente che se non ci sono molti interventi, chiunque tenda a comunicare con chi è più 'presente'.

Del resto Ste, io spesso anche ho proposto domande diversificate a cui non mi viene data nessuna risposta, quindi discuto con chi i post li inserisce, facendo per forza riferimento a quello che dice.

Contenta di averti fatta 'ridere' con la mia uscita estemporanea, capisco quel che dici ma adattarsi troppo per me non è un bene per le persone, perchè da quel che vedo intorno finiscono per adagiarsi 'progressivamente' al peggio senza nemmeno più accorgersene per ritenerlo poi la 'normalità'.

Mantenere la volontà di avere un livello 'qualitativo' di vita generale sempre migliore ti allontana dal pericolo della troppa arrendevolezza alle cose che sono, di qualunque tipo, private e pubbliche, rinunciando per lassismo al diritto di 'protestare' se c'è qualcosa che assolutamente non va.


X chikiro:
grazie per la tua testimonianza, utile per le far caso alla 'ripetitività' di similari manifestazioni.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste
inserito martedì 11 giugno 2013
Ciao a tutti.
Innanzitutto un abbraccio a Solerossella per il doloroso evento che l'ha colpita. Mi dispiace tanto cara.

Poi una piccola cosa per Alix: non sono riuscita a leggere tutto lo scambio dell'ultimo mese tra te e Deva, ma una tua frase mi ha davvero suscitato grande divertimento (non prendertela ti prego!), quando dici "ma perchè dovrei adattarmi a qualcosa che non sopporto?" Bellissima!!! ahahahhaha!
Cara Alix: per sopravvivere. Semplicemente.
Darwin, a differenza di ciò che si crede, teorizzò la sopravvivenza, non del più forte, ma del più "adatto".
Ma tu hai altre doti e non è necessario che impari anche ad adattarti se è una forzatura eccessiva.

Un'ultima osservazione che spero non venga presa male, perchè il mio scopo è quello di rendere il blog più interessante per me e per chi passa di qui. Credo sia il momento per Alix e Deva di scambiarsi recapiti privati (se vogliono) perchè ho l'impressione che il divagare troppo e troppo a lungo, lontano dall'argomento proposto da Lidia susciti anche in altri (oltre che a me) un po'di noia.
Mi scuso con Lidia qualora non condividesse la mia posizione. È solo un'opinione su tante.

Alix ha "sostenuto" letteralmente il blog per lungo tempo animandolo e rendendolo frizzante e Deva sa che la stimo e condivido moltissime delle sue idee, però credo che se lo scambio dialettico alla fine si riduce solo a due protagonisti non è semplicemente per pigrizia degli altri.

Perdonate la franchezza e anche le mie molte assenze che non mi mettono certo nella posizione ideale per muovere certe critiche, seppur bonarie.

Un abbraccio a tutti.
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Chihiro
inserito martedì 11 giugno 2013
Ciao Vesuvio Alix,

scrivo con notevole ritardo. Impicciata in un mondo sottospora. Vediamo di quadrare in questa sede ;)
Quanto alle dissonanze Marte Nettuno che caratterizzano la mia famiglia, confermo il dato che hai raccolto: siam state du gemelle "incidentali" e ci vedo poi la soppressione del padre in senso morale anche.
Baci tanti.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito venerdì 7 giugno 2013
A ma brava......vedo che con tutta la tua immensa spiritualità non sei esente dalle battute 'cattivelle' scorpioniche in estremo contatto con la terra, mi fà piacere che sei arrivata a rivelare la tua natura più intima, in linea con quel Marte in 4a che esprime bene già da solo il conflitto interiore.
Forse la parte che 'reprimi' perchè non in linea ( credi) con il pensiero spirituale.

Ma ti pare che questa assenza di partecipazione possa essere causata da me......ma caspita non credevo di possedere un così grande, esagerato, potere!!!

Secondo me è molto più razionalmente causata dal fatto che, forse non te ne sei accorta ancora, perchè il mondo è qualcosa che non osservi, in questi ultimi anni le persone in genere, sono entrate in via via ad avere problemi un pò più grandini in questo momento, forse di sopravvivenza.

Quì ci stanno probabilmente quelle o quelli più fortunati che ancora possono 'permettersi' il lusso di poter perdere tempo a interessarsi di materie che non hanno una funzione pratica proprio immediata.

Mi dispiace Deva ma ti posso benissimo rigirare tutti i tuoi discorsi dicendo che nell'intento di:

'analizzare continuamente e abbastanza ossessivamente il mio tema'

anzichè il tuo fai proprio quello di cui mi accusi ( non guardare più tanto dentro te) dato che sembri poi tu quella che 'combatte' con tutte le sue forze 'intelletuali' l'espressione di una nettunianità diversa e che non ti va giù perchè ti invita a tradurre in 'sostanza' la 'forma pensiero'.

Tant'è che sei stata sempre tu quella che in vari post ed è già da un pezzo che lo fai, ha spesso tentato più o meno apertamente di 'allontanarmi'.

A me non dà fastidio se tu resti, ma visto che un pò troppo spesso ritorni sulle motivazioni del perchè 'io personalmente' frequenti quì mi pare di dover proprio 'osservare' che saresti tu quella che ha sentito il bisogno di aprire un sito tutto suo di astrologia, quindi tecnicamente da un punto di vista logico è un pò più 'strano' che sia tu quella che poi ritorna sempre quì......magari riflettici.

:)
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito giovedì 6 giugno 2013
@ALIX

Sinceramente Alix, non capisco in che modo intendi portare ancora avanti un confronto quando hai apertamente ammesso di volerci "aprire gli occhi dagli inganni nettuniani".

C'è veramente molta presunzione in questa tua affermazione e in questo tuo proposito Alix.

L'inconsapevolezza che ti attribuisco è che ritieni di poter e dover "salvare" gli altri da nettuno senza renderti conto che in questa tua missione sei pienamente "succube" di nettuno.. ma non te ne rendi conto ??

In ogni caso, Alix, guarda, a questo punto penso che continuare a darti corda in questo senso, non serva a niente...se non ad alimentare una polemica sterile e fine a se stessa.

Ciò che è certo è che hai contribuito al fuggi fuggi generale di questo blog...e questo me ne dispiace.

Sei libera di pensarla come ti pare...il fatto che hai bisogno di "aprire gli occhi" agli altri, piuttosto che occuparti di te stessa, la dice lunga sul tuo atteggiamento.

Ora ti chiedo questo.

E' chiara la tua posizione. Cosa vuoi ancora ??

Ti ripeto che ciò che pensi di me, non mi interessa ed è veramente lontano dalla mia esperienza reale e concreta della spiritualità.

Nettuno sarà fumoso, astratto, insidioso, irrazionale per te, visto che ne hai tanta paura e lo combatti in tutti i modi...ma io lo vivo molto diversamente, e anche se non lo credi vero, Alix...NON MI INTERESSA....sono fatti tuoi ciò che pensi della spiritualità e della fede, l'hai chiarito più volte in parecchie digressioni piene di FANATISMO NETTUNIANO....quanto sai contraria alla spiritualità e alla fede....tanto che vorresti "sparissero dal mondo".

Quindi, ci è del tutto chiaro il tuo pensiero Alix...


lara


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 6 giugno 2013
Sai perchè insisto sulla questione di tradurre le diagnosi astrologiche in punti 'praticabili'?

Uno: è motivato dal fatto che anche la psicologia cognitiva comportamentale mi risulta dia dei 'compiti', attraverso i quali il soggetto viene aiutato a superare ciò che lo ostacola eventualmente, quindi non ha una natura meramente concettuale.
Anche lo spirito astrologico quindi deve passare atrraverso azioni da intraprendere.

Due: perchè interpreto lo spirito interiore che mi pare di cogliere per i tempi in là futuri nei quali sarà immersa giconforza anche l'astrologia.
A me piacciono i giovani, i giovani moderni dico, quelli più all'avanguardia che probabilmente 'faranno' e determineranno le 'correnti del futuro', non tutti nel complessivo.
Beh, sai, non hanno nessun interesse per tale materia, nessuno assolutamente, zero totale, questa materia Deva è roba ormai per loro da diciamo 'anzianotte' come noi, e vuoi sapere perchè non hanno interesse?
Perchè giovani 20enni e 25enni che vivono con problemi futuri già grandi come 'palazzi' sentono il bisogno di cose che vengano in qualche modo 'utili' in tempi brevi.

Perciò ho l'idea, forse anche sbagliata, che due saranno le linee emergenti del rapporto nel futuristico con questa materia.
O un disinteresse totale a meno che non cominci a dimostrare utilità pratiche immediate e fondate e sull'altro lato potrebbe diventare per altri una specie di rifugio religioso dalle difficoltà più nere, come quelli che si ritiravano un tempo nelle 'speranze' del tutto 'vane' promesse della preghiera.

Il gioco è nettuniano, che centra mi dirai, centra perchè guarda caso proprio nelle 'crisi più allarmante' dei nostri tempi, il gettito stà paurosamente aumentando.
E perchè le persone buttano via i soldi nel gioco quando servirebbero di più? Perchè si nutrono della 'nettuniana speranza per i più illusoria' che qualcosa di miracoloso come una vincita li salverà dalle difficoltà.

Ecco come 'entra' e ti coinvolge e si insinua nettuno esattamente come le droghe anche, e come è invece indispensabile che si cominci a ragionare velocemente su basi di concretezza attualizzabile perchè i 'tempi cambieranno anche per l'astrologia'.
E' quello che penso almeno, quello che 'emerge' da dialoghi con persone molto giovani.
E' quindi certo e ti assicuro non inconsapevole che nell'esprimermi io spesso 'canalizzi' insieme tutte questi segnali che colgo nell'etere.

semplice....:)
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito mercoledì 5 giugno 2013
Tempo piovoso, come al solito, il server tarda l'entrata del post precedente che ho inviato.

Giusto per farmi capire Deva, perchè a volte ho proprio la sensazione che non mi afferri.

La consapevolezza di un qualcosa che corrisponde ai simbolismi significa che sai come sei e punto.
Cosa vorresti? che consapevole di tali simbolismi cambiassi registro caratteriale e questo per te significherebbe acquisire consapevolezza???
E' questo che è per te l'autocoscienza?
Non 'esprimere' se stessi o dei lati di se?

E' questo che hai fatto tu, fammi capire?

Tra l'altro ,il mio problema attuale non riguarda i miei aspetti da diciamo 'rivoluzionaria' che esprimo in totale coscienza di un lato di me che è una delle caratteristiche da sempre più spiccatelle a da me amate, quindi 'perfettamente in linea' con ciò che sento di essere.
Quindi mi dovresti spiegare da dove dedurresti la non coscienza di tali caratteristiche?

Io conosco molto bene la mia capacità tutta uraniana di 'captare' i 'fermenti nel mondo' o il 'movimenti' in atto, captazioni che arrivano già molto 'prima' che tante cose siano chiare o almeno 'sentite' anche agli altri in generale ( tranne altri uraniani con stessa inclinazione), e conosco questa capacità perchè ne faccio da sempre esperienza.
A partire da quando giovanissima per lavoro dovevo intuire le 'mode e gli stili' che sarebbero emerse con larghi anni di anticipo.

Quindi non c'è niente di inconsapevole in ciò, quindi è chiaro che tendo a proporre nuovi parametri anche agli altri quando posso, se posso.

Il fatto piuttosto è che, fuori da certi ambienti all'avanguardia, la visione uraniana di qualsiasi questione in campo già sappiamo da sempre che rimane spesso inascoltata o non compresa da molti subitaneamente.

Mentre noi adottiamo il 'nuovo' e i mutamenti di tendenze prontamente, agli altri occorrono spesso anni e anni prima di 'entrare in quell'ottica'.
Quando ci entrano gli altri noi ne siamo già usciti e siamo già di nuovo un passo o anche più in avanti.

Guarda ti faccio l'esempio del libro ( anzi due libri) di Thorwald che a te ha tanto colpito l'immaginazione soltanto ora.
Era uno dei testi più diffusi tra i new agers, uno dei più conosciuti e letti dunque abbastanza adottati comunemente come pensiero di riferimento.
Ma la new age formalmente è come se avesse già fatto il suo tempo visto che se ne sentivano i venti spirare decenni e decenni fà, non dico sepolta quindi, ma superata già verso il 2000 da altre situazioni che già stavano mettendo le radici di ciò che da un 7/8 anni a questa parte stà cominciando a muoversi nello 'spirito dei tempi' in direzioni rivoluzionarie meno spiritualistiche e più di 'concreta protesta'.

Questi sono i venti che stanno spirando da molto tempo nell'attuale panorama collettivo interiore di tante parti di mondo e che molti si sono ostinati ad ignorare e che ancora pare che tanti 'tardino' a comprendere.

Però Deva, non negare che ci sono stati parecchie persone che non si sono accorte in tempo in tutto il pianeta di aria di forte 'dissenso'.

Forse gli è mancata uraniana captazione ;)





-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito mercoledì 5 giugno 2013
Deva, giuro, dato che ho senso dell'autoironia mi viene da ridere leggendo certi tuoi post.

Ma dove stà l'incosapevolezza di sapere come si è per tanti aspetti?
Che importanza monumentale ha che io dica o ripeta 'formalmente' che tutto ciò che elenchi corrisonde eventualmente all'opposizione marte nettuno e al mio urano visto che è evidente che fanno parte di manifestazioni di aspetti di me nel loro complesso :)?

Il problemi mi risulta nascono quando uno 'non accetta' alcuni aspetti di se.
E' quando la persona non accetta aspetti di se che li ricaccia nell'ombra e li distorce, i miei sono 'chiari' piuttosto onesti nel senso di palesi nella loro espressione, non c'è nulla di nascosto, i Leoni sono come 'libri aperti' non celano mai oscure finalità.
Dicono quello che pensano e fanno quello che dicono.
Forse ci sono parti di me che mi sfugguno, ma non quelle relative alle idee.
Il problema sarebbe invece di chi vuole essere per forza in un modo che non corrisponde al suo fondamento mi pare, come per esempio c'è chi vorrebbe una vita più libera e piacevole e invece si impone di non derogare mai ai doveri o chi si impone castità e misura e invece vorrebbe fare esperienze più hot e via dicendo.

Urano vede e sente di frequente più lungo , non si tratta quindi mai di nessuna illuminazione definitiva, che peraltro per me nemmeno esiste come concetto, visto che anche la mente oltrechè lo spirito è in evoluzione costante e progressiva.
Chi crede delle 'illuminazioni definitive' si è fermato, sono gli stessi che pensano anche che l'umanità abbia un posto 'speciale' nell'universo.

Ti parlo degli inganni nettuniani proprio perchè mi fai qui sul blog quei discorsi post sul tipo "dell'anchio mi facevo tante domande ma poi"......poi cosa è successo???
La risposta a quella domanda è che da lì non sei andata più avanti per me, ti sei 'inlooppata' come ho detto convinta di aver raggiunto un punto ultimo.

Conosco l'inganno nettuniano per esperienza personale proprio perchè nonostante la mia tendenziale istintiva 'avversione' per le religioni, quando ho trascorso quel periodo in cui mi interessavo di astrologia karmica, quindi ad orientamento spiritualistico, credevo fosse qualcosa di 'estremamente diverso' dalle religioni, proprio come succede a tante persone, e nettuno porta forme di accetazione e serenità come tu sembri dichiarare spesso e giustamente così o almeno in modo diciamo abbastanza analogo era lo stesso per me in quel lontano periodo.

Poi mi sono improvvisamente accorta che se guardavi le cose anche da ottiche completamente rinnavate vedevi le persone come ricascate nella stessa identica illusione che semplicemente aveva preso 'altre sembianze' riproponendo nella sostanza lo stesso 'giro'.

E' un mio parere Deva che finchè sei/siete fermamente convinte che nettuno sia la guida assoluta si continuano a produrre 'favole' che del resto stanno benissimo a braccetto con il simbolismo.
Infatti quello che ti dico non è di pensarla come me ma solo di 'andare avanti' anche trovando diverse strade più tue.

Lecito che tu credi o pensi in altra maniera che più ti aggradi, ma se mi lasci dire ancora una cosa anche il 'confronto' nasce proprio da posizioni diverse altrimenti che confronto è?
Ho giusto sentito di recente un noto scrittore dire che il 'confronto' con chi non ha le nostre stesse visioni delle cose è una cosa 'preziosissima'.
Perchè è da quello che sia l'una che l'altra parte traggono spunti per comprendere meglio ogni questione intavolata, anche rimanendo sulle loro diversità.

Non sò se centri con il discorso in generale, forse ci si possono fare riflessioni, non sò se ve ne è giunta notizia, avete sentito di quel 'maestro' di arti marziali che perseguiva illuminazione e luce e veniva considerato da tutti una guida spirituale e che si è scoperto fosse un nascosto serial killer?
Ho trovato interessante questo caso ovviamente 'limite' che evidenzia molto bene con questa forma degenerata estrema come la spiritualità prenda facilmente vie di 'nettuniana deformazione' del pensiero.

Per questo motivo e sempre per parere personale Nettuno è da considerare una via che non porta a nessuna autentica verità perchè la continua a 'confondere'.
Chi ha senso artistico e creativo come me sà bene quanta parte di 'invenzione' c'è nell'utilizzo dell'ispirazione nettuniana, ho idea invece che questa particolarità non venga colta da altri.
Ed è proprio l'opposizione marte nettuno che forse nel mio caso porta a formulare anche tali ragionamenti.

L'utilità poi cara Deva è insita nel mio modo di pensare uraniano, è naturale che ritenga di dover essere in qualche modo utile agli altri e allo stesso tempo di trarre utilità dalla condivisione con loro.
Per me l'utilità massima è rappresentata dall'informazione, informazioni che puoi dare o ricevere.
Cose che magari non sapevi e che ti possono venire prima o poi utili a qualcosa nei fatti.
Consigli anche spiritualistici se vuoi ma che prendano aspetti anche 'pratici', se no a che servono e a chi servono altrimenti?

Ad esempio ho scoperto proprio grazie all'informazione di un programma televisivo di una pratica di 'movimento danza' che non conoscevo, pratica che per me potrebbe diventare un'utile via di espressione martenettuniana riequilibrante per la mia attuale problematica, chissàmai non si può dire.
Proverò come si dice.......
Ma intanto questa pratica si presenta come un utile veicolo di armonie spirituali.
A che servono Deva le riflessioni concettuali continue sui simboli se poi non si traducono in pratiche di qualche tipo eventualmente da consigliare???

Infatti il problema più grosso che crei a me personalmente è soltanto che quello che tu dici si traduce molto raramente in una informazione che sia utile.
Questo non mette in dubbio il tuo sentire, ne mette in dubbio proprio l'utilità che potrebbe avere per altri, quindi che rimane come un sentire tuo del tutto personale e dunque ovviamente 'incondivisibile'.
Ma a che cosa serve parlarne con gli altri allora?

Lo spirito deve esprimersi 'attraverso' il mondo, quindi 'attraverso' qualcosa, un elemento che necessariamente comprenda pratiche materiali come tra l'altro credo sia proprio nello spirito di chi possiede in particolare la MarteNettuno in pieno.

vado.......alla prox




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito martedì 4 giugno 2013
@ALIX

Beh, Alix, almeno negli ultimi post è emersa la reale motivazione per cui sei qui.

Quindi, oltre per la grafica anche per illuminarci dagli inganni nettuniani e, chiarisci, che ritieni la tua "battaglia" una "causa" utile al collettivo per non far addormentare anche quelli svegli.

Il tutto in perfetta analogia marte in I opposto a nettuno in VII (al livello in cui tu ora lo vivi) e sole cong.a urano.

La mia impressione è che più che risvegliarci hai dimostrato di essere totalmente immersa (e inconsapevole) nella suddetta opposizione.

Comunque, mi fa piacere che ora sia chiara ed esplicita la tua motivazione.

lara


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 1 giugno 2013
X LIDIA:

ho parlato nei miei post di 'gatti' e per coincidenza ho trovato sul sito due articoli che ne parlavano :)
Di gatti e di cani.

Ora, io sono una 'gattara nata' e non mi piacciono per nulla i cani e vuoi sapere perchè? perchè secondo me assomigliano troppo agli umani, ( e infatti mi ha colpito qualla storia sul dna molto simile) hanno bisogno del capobranco che comanda che sia altro cane o amico uomo, mi ricorda gli uomini che non si sono ancora scrollati di dosso la sindrome del bisogno del leaders da seguire, del padre/padrone che guida....
Proprio quello che ci vuole per le strutture piramidali, fossero tutti come 'gatti' non si parlerebbe più da secoli e secoli ne di caste ne di conseguenti servi ;)

Ma tant'è....non tutti sono gatti.

Per questo motivo il gatto è da sempre visto come 'demoniaco' piace tanto a chi è libero perchè rappresenta 'libertà vera' reciprocamente rispettata tra le parti , le persone gatto di conseguenza non le 'addestri' a tuo piacimento.

Infatti mi è anche un pò difficile capire le persone che li tengono entrambi, di solito a chi piacciono i cani non piacciono i gatti, perchè questi animali hanno personalità completamente diverse come il giorno e la notte , e infatti il gatto tecnicamente è un animale notturno quindi per forza di cose Lunare.
Questo anche lo ha legato nei secoli al femminino oscuro e stregonico.

Però Lidia, non so se sai questa cosa, nell'analisi di un veterinario esperto il gatto, così diceva, in chi lo tiene vede come 'mamma gatta'.

Perciò dei gatti non si diventa mai 'padroni' come con i cani, ma strane 'mammegatte' sostitutive :)
Quindi in una società di personegatto, sarebbe la parte femminile ad emergere.

Sapevi anche che c'è una leggenda Karmica, una favoletta, che dice che l'uomo che non ha servito bene altri uomini e abbia quindi tradito, abbia l'anima che trasmigra nei 'cani' ed è per questo obbligo che il cane è servizievole e fedele.

Mentre un divertente motto sui gatti dice che:
" Se non ami i gatti è perchè nell'altra vita eri un topo" :D

buonanotte a tutti
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito sabato 1 giugno 2013
@ALIX

ok, ok Alix...se mi vuoi "aprire gli occhi" dagli "inganni nettuniani" mi sa che la "verità ultima" sei tu che ritieni di averla trovata...

Comunque...vedo che ricadi sempre negli stessi estremismi in questa tua crociata contro spiritualità & co (ma in realtà contro te stessa) e quindi c'è veramente poco o niente spazio per il confronto.

Quindi...passo.

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 1 giugno 2013
Ci risiamo con i post accavallati, quindi spero si capisse mi riferivo in due ai precedenti usciti.


Per l'ultimo che hai messo Deva, ora ci siamo meglio, il conflitto 'interiore' materia spirito è solo qualcosa di tutto tuo vedi, riferibile alla tua storia e alla tua personalità.

Io , stavolta hai detto ok, ho casomai un conflitto con il mondo reale.

Ma ti pare che l'abbia mai negato questo ?
L'ho sempre detto in mille maniere.

Ho sempre sostenuto di non essere così adattabile all'ambiente e che con me stessa sarei in completa armonia se non fosse che mi tocca vivere in questo di mondo.

Ma ho anche detto che a me non interessa risolvere questo conflitto con l'accetazione, adattarsi al mondo per me significherebbe gradirlo così come è .

Per questo preferisco prenderne come le distanze e considerarmene come un pò 'distinta'.

Sempre per questo a me non piace sentirmi parte del 'tutto' che comprende cose a me sgradite.

Dato che non posso cambiarlo totalmente a me stà bene far parte idealmente di quelle ondate un tantino contestarie che partecipano a far notare tutto quello che non pare essere visto molto chiaramente da tanti prima che si 'addormentino' anche quelli svegli e rischi di diventare ancora 'peggio'.

Proprio perchè mi pare di fare così una cosa 'utile' non solo per me ma ad un più ampio collettivo.
Ma non capisco....... dove è che vedi l'esistenza di un problema ???

Un'appunto sulla parola pre-giudizio, tecnicamente il pregiudizio è un giudizio emesso senza conoscere, se conosci abbastanza e decidi che la cosa non ti và è una 'scelta' selettiva.
Io non credo di ad avere nessun pregiudizio, cerco di informarmi più che posso ma poi ad un certo punto 'scegli' selezionando cosa ritieni valido e cosa ritieni non lo sia.
E' un pò come quelli che dicono che un piatto non piace prima di assaggiarlo, ma una volta assaggiato, oppure anche solo informata bene bene sul gusto che ha da qualcun altro anche senza assaggiarlo, puoi decidere di dire NO è questo è solo esprimere un'opinione negativa su un qualcosa e null'altro.







-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 1 giugno 2013
Voglio solo aggiungere che non era una definizione mia 'maniaco del controllo' ma dei tanti che lo hanno conosciuto e da chi lo ha biografato, quindi riferivo semplicemente un dato letto unito all'altro sempre presente nel libro con tante altre questioni.
La persona in questione è morta di cancro, in età ancora giovane.
Non saprei dire cosa non avesse risolto interiormente nella suo intimo se così era, ma nella vita ha lasciato il suo segno .
Quindi il suo ricordo e la sua eredità, anche spirituale dunque, in termini di idee creatività innovazione 'vivranno' nel fiume della storia.


La domanda curiosa ora sarebbe, se avesse risolto i suoi contrasti interiori sarebbe stata la stessa vita? avrebbe vissuto la stessa 'grande storia' mah.....?

Ci tengo a dire una cosa, giusto perchè hai toccato l'argomento: non ho pregiudizi verso il buddhismo, sono le 'religioni' in 'blocco' che cancellerei dal mondo.
E il buddhismo, benchè si ammanti di quell'aria di spiritualità che fà pensare ai più che sia una cosa diversa, è di fatto una 'religione' come tutte le altre.
Compreso il fatto che come tutte le religioni ha la stessa simile storia 'presente' in quasi tutte le religioni della terra di salvatori e figli di dio scesi dal cielo e assumenti sembianze umane che hanno fatto miracoli e prodigi, hanno mostrato virtù eccezionali e poi ascesero al cielo.
Così come sono anche molto simili tante altre cose.
Se volete vi faccio l'elenco dei DII con storia similare compreso mi risulta l'indiano Buddha.
Quindi è come se in tanti al mondo pur di appartenenze diverse si bevessero sempre le stesse minestre riscaldate nelle storie e anche nei concetti spiritualistici.

A me piace pensare che all'origine di tutte queste storie antiche ci fossero esseri provenienti da altri pianeti o spazi, ma questo non è mai diventato un 'culto' e sopratutto non si sono eletti 'rappresentanti' credendoli elevati dispensatori di concetti spirituali.

Mi verrebbe un pò da dire: si prendano cura del loro di 'spirito' invece di stare a pensare sempre a quello degli altri :)

Giusto per essere precisi.....


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 1 giugno 2013
No Deva, credo che tu sia davvero completamente fuori strada e alquanto.
Spesso dici che proietto su di te le cose, a me parebbe spesso il contrario visto che sei tu perdipiù a ritenere questa teoria valida e indiscutibile e applicabile a qualunque rapporto si instauri, dovresti quindi per principio applicarla primaditutto su di te.

Io non avverto nessuna 'critica' da parte tua ne nessun rapporto 'conflittuale' con te, semplicemente cerco di 'aprirti gli occhi' agli 'inganni nettuniani' se non ti era mai stato ben chiaro, perchè è evidente che se ,come hai sostenuto spesso, hai smesso di farti domande, sei in qualche modo convinta di aver trovato qualche verità ultima e quindi ti sei fermata, non sei più andata avanti, sei in qualche punto 'confortevole' ma che rappresenta un loop, come è tipico di Nettuno fornirli ma comunque un blocco.
Questo per me è......


Con ciò mi allaccio al discorso di Massimo, anche tu hai interpretato in maniera distorta il significato di ciò che intendevo per le 'verifiche', queste verifiche 'al contrario' servono per 'testare' il grado di tue 'intuizioni esatte' altrimenti puoi benissimo inventarti tutte le 'corrispondenze che vuoi' per ogni dinamica esistente.
Deva dice che gli si rizzano i peli a parlare di statistica, ma scusa mi viene da ridere Deva, ma da dove credi che arrivi tutto il sapere aastrologico, da 'opinioni' che non sono mai state minimamente verificate, adottate perchè possibilmente realistiche o scartate come inattendibili per qualche motivo ???
O pensi che siano state scelte solo perchè piacevano quelle ai vari astrologi?
Come credi che sia stato che qualcuno si sia alzato una mattina fresco fresco e abbia avuto l'idea che Nettuno potesse 'rappresentare' quei specifici simbolismi, da un'intuizione brillante ok, ma non pensi nemmeno lontanamente che 'dopo' abbiano dovuto procedere a delle 'constatazioni' sulla base di rapporti 'ricorrenti' per vedere se l'intuizione aveva 'fondamenti validi'?

E ancora Deva: Lidia stà facendo 'ricerche' sull'incidenza di X ERIS circa questioni riguardanti
problematiche connesse alla gravidanze e all'utero.

Un'intuizione che gli è nata sull'humus di conoscenze astrologiche precedenti, vaste e competenti, quindi possibilmente molto valida, ma finchè non 'constata' su una casistica di numerosi temi la 'presenza' ricorrente di dinamiche che 'coinvolgano' la presenza di Eris, come credi che possa essere non dico 'certamente' ma almeno 'verosimilmente sicura' che questo pianeta incida considerevolmente per evidenziare dei dati sui quali riflettere anche per seguenti e più allargate considerazioni???.

Suvvia.....senza queste verifiche indispensabili l'astrologia sarebbe purissima invenzione, completamente fantastica, un'opera di fantasia spiccata.

Sarebbe un vedere o credere di vedere un qualcosa che poi non esiste, praticamente un'allucinazione collettiva della mente.

Non sò se qualcuno ha visto quel magnifico film : "A beautiful mind".......una mente di un fisico brillantissimo che ad un certo punto cominciò a creare dati e persone 'non reali' ma che ha lui parevano assolutamente 'veri'.

Peccato non sarebbero mai stati constatabili dato che completamente 'irreali'.

La ricerca si definisce spesso 'avanzata' perchè è necessario che si muova sempre, che 'avanzi' che non raggiunga 'mai' la certezza che non ci sia più niente di nuovo da scorpire o che non possa esserci mai anche un cambio di paradigma e ciò vale anche per l'astrologia.

Quindi, un pò come dice Massimo, può essere che sia giusto che si mantenga caro anche in qualche angolino quel tanto di 'tormentato' che la fà procedere in avanti, che non la 'fermi'.

Deva, personalmente ho smesso di essere sempre disponibile ad analizzare temi altrui, anzi in genere non lo faccio più, a meno che un interessato non mi chieda un'idea sui significati che 'ho notato' di frequente su quella configurazione che lo aiuti a riflettere 'da solo' e in proprio sulla stessa e ne tragga le deduzioni che vuole.

Proprio per evitare di analizzare un altro tema mettendoci del mio.

Poi non hai capito cosa ho detto quì, io non ho 'mai' detto che 'cercavo quì qualche risposta spiritualistica', ho invece detto chiaramente che dato che avevo visto che il 5° chakra è preposto alla 'comunicazione' pensavo che comunicare su questo blog avrebbe potuto aiutarmi nella risoluzione del problema tiroideo, che fosse quindi un'idea per me utile quindi con un ruolo alla fine anche 'pratico'.

E' tutta un'altra cosa il concetto espresso.


X Massimo : massimo, forse te lo avevo già detto, hai un fondo da 'poeta' nell'esprimere i tuoi personali concetti :)


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito sabato 1 giugno 2013
@ALIX

Si Alix, direi che marte nettuno rappresentano una non accettazione, che quindi si manifesta in conflitto più o meno aperto. Nel tuo caso è legato sicuramente anche all’esserti stato negato il liceo artistico…ma non solo….cioè questa è un espressione di un contenuto più vasto.

Nel mio caso è diverso perché avendo nettuno in I e marte in IV il conflitto non è con il “mondo “ esterno….è un conflitto interiore.

E’ legato a mio padre (marte in IV). Sentivo che lui non accettava la mia natura “nettuniana”…..oggi dico, perché la temeva e non l’accettava in se stesso.
Lui era un razionalista puro …(asc. Aquario, mercurio opposto a urano, sole bilancia….molta aria, molta, troppa, testa) che rifiutava come il diavolo tutto ciò che non era scientificamente dimostrabile …incasellabile e soprattutto….controllabile.
La sua mancata accettazione è diventato un mio conflitto tra ciò che “sentivo e vedevo” (tipo il principio unitario…la connessione tra dentro e fuori…ecc.) che veniva sempre messo in discussione da una pressante autocritica razionalista.
Temevo sempre di cadere nella credulità fine a se stessa. C’era sempre il tarlo del dubbio razionale che mi faceva mettere tutto in discussione e considera che marte governa anche il mio asc.scorpione quindi era ancora più enfatizzata la cosa.

Quindi…capisci perché io e te siamo qui da anni a discutere….perché in te vedo molte cose che mi sono appartenute e ritengo di aver sostanzialmente integrato.

Oggi come oggi non vivo più questo conflitto in questi termini. Sento di essere sufficientemente razionale da capire cosa sia la spiritualità come fuga dalla realtà….e chiaramente non mi interessa….e d’altro canto sono del tutto consapevole che ciò che vedo e sento è VERO e che non è una fuga.

Voglio dire che ho dato spazio sia a marte di “vigilare” sugli eccessi nettuniani per segnalarmi quando sto uscendo dai binari….sia spazio a nettuno di mostrarmi l’unità della vita.

Alix, credo che l’integrazione di marte nettuno inizi quando si smette di lottare CONTRO qualcosa e si inizia a “lottare” per, a favore di qualcosa. Nel mio caso ho smesso di lottare contro la mia natura, contro me stessa. Chiaramente per te sarà diverso, Alix….è chiaro dal momento che in prima hai marte e nettuno in VII….ma finchè c’è tutto questo conflitto in te, significa che invece di collaborare le due funzioni si “negano” a vicenda….ognuna vuole sopraffare l’altra e questo porta allo squilibrio, perchè se marte lotta contro nettuno (mi riferisco alle tue critiche nei confronti della spiritualità & co)...non credere che nettuno sia da meno, solo che è quella parte in cui non ti identifichi e che quindi entra nella tua vita non dalla porta ma dalla finestra.

Anche per me è molto più difficile integrare l'opposizione saturno giove.

Ma l’opposizione è chiaramente più ostica del quadrato perché è più facile proiettare fuori o comunque è più difficile mettere insieme aspetti contrapposti.

Ciao

lara

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di massimo
inserito venerdì 31 maggio 2013
Ciao Alix, ti vedo sempre in forma e battagliera... per me fare la statistica degli aspetti comporta comunque un rischio, e cioè mettere il carro davanti ai buoi. Si rischia di impallinare la fantasia e la libera interpretazione. L'Astrologia non è una scienza come le altre. Per un caso indovinato ve ne sono altrettanti sbagliati. Questo accade perché la vita è misteriosa. A volte sembra semplicissima altre volte manco per niente. E spesso serve l'intuito per capire cose altrimenti inaccessibili.Diciamo che più si hanno informazioni e più la ricerca è facilitata, ma fare la tabella precisa degli effetti materiali causati da un transito è da medioevo. Sono sicuro però che tu non intendi questo, è troppa la intelligente curiosità che traspare dal tuo pensiero, eppur tuttavia continuo a non capire bene il tuo tentativo di unire l'astrologia alla vita materiale di tutti i giorni. Come se questo fosse la sola cosa da fare. Se vogliamo possiamo vederci benissimo qui la tua opposizione marte nettuno. Io penso però che una persona può essere benissimo altruista e grandiosamente a disposizione dell'umanità anche senza conoscere l'astrologia. Con questo voglio dire che le strade sono tante e non tutti coloro che le percorrono le descriveranno allo stesso modo. Una mia amica riconosce i paesini sempre da un particolare sasso che l'aveva precedentemente colpita. Vai a capire...
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito venerdì 31 maggio 2013
@ALIX

Alix...ma se sono qui da anni che cerco di comunicare con te nonostante siamo agli antipodi, ti sembra che stia in un circolo chiuso ??

Mi sembra proprio di dimostrare il contrario anche perchè a me piace parlare di questi argomenti e in realtà con chi la pensa come me ho ben poco da dire perchè siamo in perfetta sintonia e quindi il confronto diventa superfluo.

Poi se non ci capiamo non ci capiamo, Alix...questo è un fatto.

Infatti quello che dici dopo non mi trova d'accordo Alix...perchè siamo sempre sullo stesso punto di divergenza. Tu cerchi VERIFICHE esterne che a me proprio non interessano perchè VEDO fin troppo bene le corrispondenze che non ho bisogno di cercare conferme "oggettive" che non esistono perchè non c'è niente di "oggettivo" nella vita e in ogni caso, non sono ciò che a me interessa perchè le verifiche ESTERNE del tema di una certa persona sono diverse dal suo VISSUTO interiore, Alix...

E' il vissuto interiore che conta per me, tutto il resto mi interessa ben poco.

Per questo a me sentir parlare di statistica in astrologia mi fa rizzare i peli e che l'astrologia diventi più attendibile da questo punto di vista non mi interessa proprio.

Infatti quando parli del marte nettuno del tizio di cui hai letto nel libro, scusa Alix, ma metti che tu gli debba fare il tema natale e sei piena di pregiudizi riguardo alla sua "fede" buddista...cosa potrai mai trasmettergli se non le tue opinioni al riguardo ??!!

Ma il punto è LUI, il suo vissuto, non le tue opinioni. Può benissimo darsi che lui viva male questo aspetto ma sta a lui COMPRENDERE cosa rappresenta e come integrarlo al meglio.

Poi cosa intendi per maniaco del controllo ? che cercava di sublimare gli istinti con la spiritualità ?? se è così...il percorso interiore per lui deve portarlo a capire cosa sta cercando di "non affrontare" negandolo e spostando il "problema" su un piano diverso dove può essere gestito e controllato.

Voglio dire, Alix, che centra poco la sua "fede"...in realtà niente è male o bene in sè...si tratta, piuttosto di comprendere le nostre motivazioni, ma come vedi è un percorso interiore, le opinioni ESTERNE ...lasciano il tempo che trovano.


@MASSIMO

:)


lara

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito venerdì 31 maggio 2013
Oggi ho tempo quindi approfitto per dire altro sempre sulla marte nettuno che a me è sempre interessata in quanto è presente in tutte le 4 donne di famiglia: io , sorella, madre e nonna.
Mia sorella ha ereditato da mia nonna la congiunzione, la mia quadratura la devo al materno che ha lo stesso aspetto dissonante ma in quadratura tra un marte sagittario e un nettuno vergine.

Quindi Deva, forse ti può interessare visto che dici che tuo figlio ha la quadratura come te.

A me come sai sono interessate molto le dinamiche 'sistemiche' dato che è abbastanza ricorrente trovare dinamiche presenti nei genitori che passano ai figli, sia quelle favorevoli che quelle dissonanti.
Il chè vuol dire intanto che si ereditano possibilmente anche le dinamiche psicologiche che però vivono in segni , campi e 'tempi' molto diversi dunque non si possono definire 'identiche', simili forse ma non identiche.

Sai della mia avversione anticlericale, anche in mia madre era già presente, solo non è riuscita ad esprimerla totalmente e quindi ha sempre avuto quell'atteggiamento a metà, come indecisa tra le parti, un rispetto solo formalista 'perchè così fan tutti' della religione che non ha mai praticato se non per obblighi giovanili e pratica comune dei tempi suoi è un odio viscerale per i suoi rappresentanti in genere, 'tranne qualcuno' che pareva meritare fiducia.
Nel suo caso la sua posizione non è mai diventata insomma di 'netta rottura e aperta contestazione', quel chiudere la porta in faccia al prete, come nel mio caso, rottura e diffidenza verso le ideologie religiose di qualsivoglia tipo, che infatti si era stranamente manifestata quando già ero piccolina negli anni 60 e che non ha trovato che seguenti maggiori rafforzamenti in tali sensi nonostante l'originaria educazione.
Forse questo atteggiamento mio è un pò prendere quelle drastiche 'distanze' che forse per ragioni prima di tempi poi di anzianità non è mai riuscita a legittimare lei in rivolta a 'quel sistema di credenze' definitivamente.
Certo rappresenta anche molto altro visto la presenza della dinamica in tutte le donne di cui mi sia noto il tema di famiglia.
Però mia madre tanto per dire, da giovane aveva amato molto il ballo espressione integrata marte/nettuniana come detto.
Chissà se anche nella bisnonna della linea matriarcale ,che ho fatto in tempo a conoscere, compariva sempre la dinamica in questione.
Sarebbe stato interessante saperlo, e infatti da questo punto di vista voi più giovani siete meglio avvantaggiate se vi interessasse sondare queste curiosità trangenerazionali degli schemi ricorrenti.
Secondo me la dissonanza marte nettuno prende i termini di un frequente 'contrasto' a poter fare qualcosa che piace di carattere artistico o anche solo di 'evasione' totale dai clichè.
Qualcosa che ha trovato o ha finito per trovare ostacoli all'espressione spontanea di parti di personalità 'libere da vincoli' di qualsivoglia tipo genere e grado.
Mi dà l'idea di una configurazione sistemica sentita come 'intrappolante' che vorrebbe scrollarsi di dosso e far sparire ( nettuno) qualcosa che sente come faticoso o impegnativo ( marte).
Quelle cose modernamente definite nel gergo comune.... 'rotture' infatti.










-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito venerdì 31 maggio 2013
Deva, se uno riesce a 'comunicare' solo con chi è sempre perfettamente in sintonia, stà sempre è lo stesso 'all'interno' di un 'circolo chiuso' una conventicola infatti, dove poi lo scambio è per questo motivo 'limitato' o finisce per essere in certi casi fanatizzante.
Se invece vuoi travalicare lo scambio interno a te stessa e interno ad un gruppo ristretto con il quale sei perfettamente in sintonia tecnicamente è in quel caso che cercheresti di andare oltre.
E' evidente che tutti quì 'proviamo' a comunicare un qualcosa agli altri, altrimenti ce ne potremmo stare in silenzio.
Se lo vogliamo comunicare è perchè ognuno crede che ciò che và a dire possa essere funzionale anche per qualcun altro o altri/e, che serva a qualcuno o a qualcosa insomma, non necessariamente alla persona alla quale lo dice in particolare.

Certo che marte nettuno come tutte le configurazioni non si esprime in un solo modo o solo in 'quel modo', sono daccordo ci mancherebbe, ma tra i vari e 'tanti' significativi segnalati quasi sempre finisci per riconoscerti in diversi modi significativi della configurazione stessa.

Vedi, leggevo l'anno scorso o più mi pare, la biografia di una persona nota, leggo che era stato rifiutato dalla madre troppo giovane e dato in adozione.
Dato che spesso sulla marte nettuno avevo fatto analoghe riflessioni su temi più o meno analoghi mi dico, vedi vedi, vuoi vedere che ha la quadratura od opposizione marte nettuno.......fammi un pò andare a vedere se il tema 'conferma' la presenza di una dinamica dissonante marte nettuno.

Presa.....c'era unopposizione per l'esattezza, il che non vuol dire che in ognuno si manifesterà sempre in quello specifico identico modo, ma fra le tante opzioni che si possono proporre sulla marte nettuno ce ne sarà sempre una o più corrispondente a supposizioni, poco si scappa altrimenti potremmo inventarci qualsiasi cosa e le 'verifiche' necessarie a rendere minimamente rappresentative di un qualcosa queste dinamiche dove finirebbero???
Da dove tireremmo fuori che quella dinamica metti una qualsiasi rappresenta quelle cose, magari solo in tendenza prevalente, piuttosto che qualunque altra questione?
Può essere benissimo che in questa persona si esprimesse anche una 'tensione corpo marte e spirito nettuno' e infatti viene definito nel libro come un maniaco del 'controllo' che aveva abbracciato le filosofie buddhiste.
In pratica si ha la netta sensazione che tale tipo di spiritualità 'garantisca' non tanto benessere in quanto tale ma il 'controllo ferreo' dei bisogni materiali che a dire il vero a me pare una cosa diversa dallo 'star bene' nel corpo o magari anche in 'quel particolare corpo genetico'.
Ma non in tutti si esprimono quelle 'stesse tensioni' allo stesso livello o quelle stesse manifestazioni relative alla dinamica in oggetto.

L'astrologia mi sembra completamente basata su queste 'necessarie' verifiche fatte nei tempi da tante astrologhe o astrologi studiosi, altrimenti sarebbe ancor di più una cosa da ritenere come decisamente ' campata al vento'.
Se non hai una verifica minima statistica che mostri una certa 'curiosa'
ricorrenza' di certe questioni riguardanti la tal o talaltra dinamica rischi che le tue intuizioni siano sbagliate, per questo occorre una verifica almeno minimamente 'reale' sul 'campo'.

Cioè questo discorso 'inverso', tu lo hai mai fatto per esempio?
Partendo da un dato biografico reale, non dai simboli planetari dove ti muovi a tuo agio, hai mai cercato di 'individuare' l'esistenza di una dinamica corrispondente e sei andata poi a 'verificarla' per vedere se c'era davvero quella che supponevi tu???

Perchè è li che ottengono 'prove' abbastanza veritiere diciamo, nei limiti ovvi di una materia che ha sempre quel che di inindagabile, nel possibile.
Partendo dai simboli e usando sempre solo quelli puoi benissimo distorcere e adattare le diagnosi.

Più di queste 'conferme al contrario' si trovassero invece, più l'astrologia potrà diventare materia sempre più specifica e soprattutto sempre più attendibile se possibile.

Ancora un esempio nella marte nettuno di mio marito non mi pare esistere nessuna tensione corpo spirito, anzi essendo stato anche uno sportivo ha un'ottimo rapporto con il corpo, è più reale invece che da giovane il padre non mostrasse di apprezzare per nulla le sue inclinazioni per la musica e le chitarre e quindi ne abbia fortemente ostacolato o comunque 'mai' incoraggiato l'espressione artistica vedendola come un qualcosa di 'estraneo' alla vita pratica e che non serviva a niente come tante altre sue passioni sportive o creative che per fortuna è riuscito però a coltivare.
Non a caso, comprendendo bene l'animo spaziante nettuniano artistico, sono stata io a incoraggiarlo a riprendere in mano senza indugi questa sua passione musicale che lo fà sentire bene.
A 'trovarne' come me, gli dico sempre ;)







-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito venerdì 31 maggio 2013
@ALIX

Mi riferisco al post che è entrato in contemporanea col mio.

E' per questo che poi è difficile comunicare con te Alix, perchè tu ritieni i miei interventi delle critiche e quindi, appena puoi, me le rigiri e su questo piano "conflittuale" non si può COMUNICARE.

Il fatto che ti abbia detto che vedo un incongruenza tra il tuo chiedere "consigli" in questo sito che comunque si occupa di una visione "olistica" dell'essere umano e poi insistere per risposte CONCRETE ( e quindi, inconsapevolmente, cercare il "conflitto") e in questo ci vedo l'opposizione marte toro a nettuno, non è una critica, Alix...è un suggerimento per una riflessione che io, al tuo posto, sarei ben felice di ricevere, nella totale libertà da parte tua di dire...no, le cose non stanno così.

Al contrario ciò che mi dici tu...va bene Alix, lo pensi e sei libera di pensarlo, ma non so come poterlo utilizzare per una analisi costruttiva visto che ciò che dico qui è semplicemente ciò che sono....con tutti i miei umani limiti.

Potrei scoprire le falle del sistema che lo metterebbero in crisi ???!! Boh, Alix...è evidente che non mi conosci perchè smantellare tutto ciò in cui credevo e ricominciare da capo mi appartiene da sempre. Sapessi quante volte l'ho fatto è lo rifarò ogni volta che sarà necessario. E questo è proprio una caratteristica dello scorpione.

Le mie esperienze in tutti questi anni le ho raccontate e straraccontate e non mi sembra che ci siamo MAI capite....quindi, non credo proprio di essermi nascosta, Alix, al contrario ho anche detto a volte "troppo" da rendermi riconoscibile e quindi non credo si tratti certo da parte mia di continuare a spiegarmi, Alix...è chiaro che non ci capiamo. SEmplicemente.

ciao

lara




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito venerdì 31 maggio 2013
Nella mia esperienza ho notato che chi non ha quadrature o opposizioni sembra più sereno ma anche meno intrigante. Viceversa chi abbonda di questi aspetti appare più tormentato e interessante. Forse è che io appartengo alla seconda categoria? Comunque quello che voglio dire è un'altra cosa. Gli aspetti cosiddetti dissonanti, ( lo dice la parola stessa ) indicano una più evidente problematicità. Il problema può essere evidente o nascosto, intriso di visibile negatività o anche di reale o apparente positività, o tutte e due insieme. In realtà è la vita di ognuno che decifra la propria carta astrale, per questo è difficile stabilire un nesso comune che sia completamente esaustivo. Ognuno di noi recita e sperimenta se stesso partendo dal copione della propria carta astrale, la quale probabilmente possiede già una misteriosa e incommensurabile vita e storia. Ciò detto, quando cominciamo a vivere la nostra irripetibile storia personale ( più o meno libera )lo facciamo rimodellando il copione secondo le nostre esigenze e capacità.Tutta la storia e la vita è scritta in dodici principi che si ripetono, si intersecano e si coagulano,ma sempre di principi si tratta. I paradigmi sono come macigni, colossi di pietra all'orizzonte che ci danno punti di riferimento. L'occhio che li guarda e li immagina però è sempre diverso perché intorno a un occhio c'è una testa e poi un corpo, che respira l'aria che ha intorno, che è intonsa degli umori sprigionati da qualcosa che è lì d'appresso, che sta facendo in qualche modo la sua vita in funzione di un'altra variabile vitale.... A questo serve la nostra libertà. Squarciare il velo che separa le singole realtà e assaporare seppur per un attimo il gusto della felicità.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX x Lidia
inserito venerdì 31 maggio 2013
Cara Lidia,
volevo girarti una riflessione spuntata fuori dal mio interesse per le transgenerazionali e quindi da ricerche conseguenti sulle questioni genetiche visto che il campo è anche molto interessante da molti punti vista.
Ad esempio io e mia sorella abbiamo avuto due genitori e 4 nonni con gli occhi grigio chiarissimo o azzurro cielo, noi siamo nate con gli occhi del sottobosco marrone/verdi ereditati da un 'saltone generazionale' presumo.

A parte queste piccole curiosità....

Non svolgendo la tua professione non avrei modo di verificare sul campo la possibilità reale di un'eventualità fra le tante che possano riguardare sempre diagnosi sistemiche sui possessori della marte nettuno.
Credi sia possibile che in 'certi casi' possa segnalare l'esistenza di qualche tipo di alterazione genetica che sia pure totalmente asintomatica o quel tipo di ereditarietà che restano silenti nelle femmine e vengono passate solo ai figli maschi eventuali (data la presenza di marte)?

Era un'idea che mi è balzata a titolo di ricerca potenziale su questa configurazione.


Per tornare un pochetto anche a Mercurio:
credo rappresenti anche il rapporto comunicativo che riusciamo ad instaurare con i piccoli animali.
Mio marito che ha un luna mercurio ha la caratteristica di riuscire a 'ispirare fiducia' ai passerottini che vengono a becchettare le bricioline direttamente dalle sue mani, una cosa abbastanza rara la fiducia di questi piccini.
Mi ha raccontato anche l'episodio di vacanza di un 'colibrì' che ha indugiato per tanto davanti ai suoi occhi a due centimetri dal suo viso come se non avesse nessun timore.
Anche con il mio micio ha subito instaurato dall'inizio un legame eccezionale.
Per ciò che riguarda me ho questa passione praticamente da sempre per i gatti, con i quali mi capita di scambiare comunicazioni fatte di 'miagoliii', dato che loro non possono parlare la nostra lingua cerco io dunque di avvicinarmi alla loro.
Il gatto 'vocalizza' parecchio e ha tanti diversi e riconoscibili tipi di miao in richiesta e in risposta ed è capace di fare come delle vere chiacchierate per chi sente molto affetto.

Pensate che anche il vostro mercurio vi leghi a qualche comunicazione 'speciale' con qualche piccolo animale in particolare?

ciao
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito venerdì 31 maggio 2013
@ALIX

Io comunico benissimo con chi è in "sintonia" con la mia visione delle cose, come è normale che sia....alla fine è tutto qui, se non riusciamo a comprenderci non è colpa di nessuno è solo un dato di fatto, Alix..e sinceramente non mi interessa più farmi capire, non si può essere capiti da tutti... :)

Riguardo a ciò che ha detto Lidia, considera che una definizione generica su un aspetto, appunto in questo caso marte nettuno, deve poi essere calata nel proprio tema a quindi nella propria vita, nel senso che lo stesso aspetto assume sfumature diverse in base al sole e a tutto i resto del tema.

Mio figlio ha marte quadrato a nettuno ma ha un tema con molta terra..ha marte in ariete quindi sicuramente lo vivrà in modo molto diverso da come lo vivo io.

Questo per dire che il concetto di "combattere" per una causa più ampia è comunque relativo. Ciò che è sicuro è che c'è una dimensione individuale che deve essere "rimessa" a qualcosa di più grande di sè....in qualche modo...sacrificata, anche se questo termine non deve essere necessariamente visto nella sua accezione negativa.

Questo può essere declinato in una miriade di modalità ...è soggettivo e non necessariamente ha a che fare con la spiritualità.

ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito venerdì 31 maggio 2013
Un saluto per Massimo, dai brevi interventi :)

Ma gurada, se mi permetti una battuta..... io credo che a tanti 'sfuggano' molte cose della realtà, perchè la realtà la devi anche 'conoscere' attraverso o esperienze reali di vita tue o di persone che hai davvero conosciuto o attraverso più informazione che puoi.
In questo senso affiancare a interessi sull'astrologia o la spiritualità letture di 'giornalismo o editoria di 'inchiesta', aiuta molto direi ma ho l'impressione che 'nella media' chi si interessa di una cosa non 'affronti' sempre in concomitanza l'altra che parla dell'altra faccia della moneta delle 'connessioni'.

X Deva:
ho dimenticato di aggiungerti che ho l'impressione che tu non voglia essere mai tratta su un 'terreno' esplorativo che varchi i tuoi confini, perchè descrivere più spesso le tue reali esperienze vitali a 'rappresentanza' delle tue 'esperienze interiori' potrebbe far notare tutte le 'falle' del tuo sistema e quindi finire per 'metterlo in crisi', ed è noto che chi ha valori Scorpionici non ama molto scoprirsi troppo proprio per questa ragione.
Perciò secondo me incide tanto quel tuo 'ascendente scorpionico' nel mantenere l'incomunicabilità di un qualcosa che continui a rappresentare invece soltanto il vostro senso di nascondere e di produrre un qualche 'mistero' :)

Che poi il più delle volte non c'è, ho conosciuto uno Scorpione che era l'apoteosi di tale atteggiamento tanto tempo fà.





-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito venerdì 31 maggio 2013
Deva, il discorso non è quello, l'aspetto dissonante mostra 'allo stesso tempo' sia dinamiche che tendono ad entrare in contrasto sia dinamiche che invece trovano il loro modo di esprimersi perfettamente, sia dinamiche risolte sia quelle non o in via di risoluzione.
La differenza è che io cerco di descriverle tutte, tu ad un certo punto della discussione arrivi 'sistematicamente' a dire che la tua 'esperienza è incomunicabile'.

Sono convinta che ciò che si prova all'interno sia spesso difficilmente comunicabile 'esattamente', ma se non trova nessun modo di essere esplicato in qualche maniera significa soltanto che non può avere nessun valore 'condivisibile' nel senso che 'non serve agli altri'.

Io sono 'metereopatica', è difficile per me spiegare le sensazioni 'esattamente' che si provano ad una che non è metereopatica, ma ci si può sempre provare anche perchè un'altra 'metereopatica' riconoscerà più o meno gli stessi sintomi.

Se la tua esperienza non è 'perfettamente condivisibile' con nessuno, ne descrivibile in nessuna maniera, non credi che ci sia qualcosa nell'esperienza stessa che la rende 'troppo unica' per essere realistica, nel senso di verosimile?

Le nostre incomprensioni poi nascono dal fatto che tu attribuisci 'troppa' importanza all'aspetto 'interiore' trascurando spesso di descrivere le note 'rappresentative esterne' di quelle dinamiche che pur si esprimeranno in qualche maniera anche nella tua vita.

E' più da 'quelle' che si potrebbe comprendere come 'vivi' questa 'unità' nel mondo.
Con le parole si può dire tutto e il contrario di tutto, ma chissà come è sono i fatti che poi contano.
Guarda a me appari piuttosto come 'chiusa' in un mondo interiore che è diventato come una 'prigione' ( inversione dell'opposizione giove saturno su asse 6a 12a).
E' chiaro che all'interno di mura molto 'delimitate' tutto appare o si sente in unità.
Ma se ti 'avventuri' veramente all'esterno i parametri cambiano.
Se non è così 'devi' trovare il modo di esprimerlo senza rifugiarti sul finale di discussione sempre nell'incomunicabilità dell'esperienza.

A me pare che dimentichi che personalmente non solo ho i pesci in 12a ma ho persino transitante nettuno, direi che ne sò qualcosa ' forse eh' di 'spazi molto più vasti' se vogliamo buttarla sull'incomunicabilità di percezioni :)







-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito venerdì 31 maggio 2013
Ma guarda Lidia io non sono nata in una famiglia che mi ha insegnato il valore di lottare per difendere qualche ideale, questo particolare aspetto presente in me ho dovuto capirlo da me nel tempo e con il tempo, ostacolata quindi da un ambiente prossimo che non favoriva dunque questa espressione, che la giudicava 'stramba' perchè loro preferivano allinearsi con la 'maggioranza'.
Forse il problema più grande è che essendo una nettuniana ma uraniana ho il senso della 'protesta' più che dell'accetazione silente.

In effetti poi mi accorgo che il mio modo di essere entra in contrasto con gli altri quando perseguo un ideale che non è compreso dagli tutti o che non riesce ancora ad essere condiviso collettivamente perchè propone visioni che vengono percepite come troppo avanzate o 'diverse'.
Non a caso ho sempre teso a sentirmi in linea con i 'movimenti nascenti' (dei tanti tipi che ne sono nati intendo) prima ancora che nascano perchè propongono visioni idealistiche o con visioni di protesta o molto nuove e allargate di pensiero che propongono 'cambiamenti' che i più guardano sempre e solo come forti destabilizzazioni o che adottano con estrema 'lentezza'.
In pratica è come se facessi 'sempre parte' nell'ambito collettivo di un qualcosa che si stà 'muovendo diversamente' e che tenta di sollecitare anche gli altri quindi a 'muoversi' o ad assumere altre e più moderne ottiche di pensiero 'più velocemente' e soprattutto 'attivamente'.
Chiaro che il 'contrasto' marte nettuniano può nascere spesso anche da li, da cose minime, come nell'esempio di un piccolo ambito di una villa plurifamiliare autogestita dove ci stanno i soliti 'menefreghisti' che non partecipano minimamente a prendersi cura del giardino, e così godono della gran comodità di 'meno spese' e di un'ambiente pulito e migliorato grazie al 'senso di volontariato collettivo....... 'degli altri'.
Nel piccolo come nel grande, c'è chi si autoresponsabilizza sul serio e 'partecipa attivamente' e magari anche con personale impegno e chi stà sempre solo a 'fanfarare' e basta.
Il problema nasce dal fatto che magari c'è chi stà sempre zitto, io devo dire che riesco a farlo per un pò, proprio per ragioni di 'armonia', ma a volte poi 'svariono' e mando a vaffa chi pare non capire o 'fa finta per comodità propria di non voler capire' :)
Il chè non mi pare anche questa una mancata integrazione interiore dei miei simboli ma piuttosto una delle tante e variate loro naturali espressioni.
Anzi, se devo essere sincera a volte ho l'impressione che le problematiche siano nate dall'aver voluto spesso 'trattenere' il senso di protesta e rivoluzionario, perchè non credo che i 'monaci tibetani' abbiano mai contribuito a cambiare granchè delle dinamiche del mondo.
Del resto marte è simbolico di 'combattere' a favore dell'ideale 'nettuniano'.
Posso presumere ora a ben pensarci che in chi ha dinamiche di quadrato od opposizione marte nettuno questa capacità di 'combattere attivamente' per l'ideale sia stata 'castrata sul nascere' e vada quindi 'ritrovata in pieno'.






-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lidia
inserito giovedì 30 maggio 2013
cara Alix,
di regola, nelle combinazioni Marte Nettuno c'è proprio ciò che tu dici: Nettuno vuole che il lato fisico di Marte venga però espresso in forme molto raffinate.. per cui, la musica, la danza sono sicuramente aspetti in cui questi due pianeti possono integrarsi.. Tuttavia, lo scopo di Nettuno è quello di portare Marte a lottare per qualcosa di ideale.. che possa, in un certo modo, sublimare gli eccessi di Marte e, al tempo stesso, fare qualcosa di sociale come vuole questo archetipo.
Se non accadono queste cose è difficile miscellare le due energie che tenderanno sempre a creare problemi e incapacità nel portare la volontà laddove vuole l'Io.
Un saluto Lidia
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito giovedì 30 maggio 2013
Perfettamente d'accordo, Massimo.

Ciò che è inconsapevole viene subìto.

ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di massimo
inserito giovedì 30 maggio 2013
la realta- diventa tale quando la facciamo nostra. Quello che non si assimila sfugge.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito giovedì 30 maggio 2013
@ALIX

In realtà è soggettivo, nel senso che se tu ritieni di aver integrato i tuoi aspetti dissonanti, chi può sostenre il contrario ??

In ogni caso è qualcosa di profondamente tuo, su cui solo tu "ci fai i conti".

Come ho detto, il percorso interiore è un viaggio personale che non ha regole predefinite.

Personalmente ritengo che i miei aspetti dissonanti non siano integrati, non certo in modo definitivo e mi sembra per me importante occuparmi di ciò che non è integrato, e non adagiarmi su ciò che è già integrato o sui miglioramenti fatti, ma è questo è il mio percorso, non certo una regola generale.

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito mercoledì 29 maggio 2013
Voglio fare una riflessione sul significato dell'opposizione e del quadrato, per tutti.

Non ricordo chi, forse Deva o qualcuno aveva fatto accenno all'aspetto 'divisivo' di queste configurazioni.
Vero che possa esserci in diverse manifestazioni ma più spesso di quanto si creda sono anche già integrate in attività della persona in aspetti che alcuni probabilmente non sempre notano come evidenze.
E' che uno magari non tende a notarle perchè 'funzionano'.
Prendiamo la marte nettuno, giusto che ne abbiamo fatto accenno.
Marte presuppone un aspetto sempre 'fisico' della questione e Nettuno inclinazioni artistiche e spirituali.
Bene, sia io che mio marito abbiamo questa configurazione, io l'opposizione lui la quadratura.
Lui esprime una 'perfetta' integrazione di questi due simboli quando 'suona' per esempio, perchè è vero che nettuno rappresenta la parte artistica astratta ma suonare presuppone l'utilizzo di 'movimenti' che sono del tutto 'fisici'.
Tra l'altro proprio 'marte' è spesso molto evidente proprio nel chitarrismo Rock in quanto la chitarra elettrica, in perfetto accordo simbolico marziano/arietino è considerata una 'mitragliatrice ( marte) di note (musica nettuno)'.
Io che ho l'opposizione ho perfettamente espresso la marte nettuno quando 'ballavo' per esempio, da giovane e fino ad un certo periodo di vita ero molto dedita a questa attività ludica che presume l'uso dei muscoli insieme all'armonia e ritmo dei movimenti oltrechè della presenza essenziale della nettuniana musica.
In seguito la stessa cosa è accaduta con lo Yoga che nonostante sia più conosciuta come disciplina spirituale e meditativa presuppone assolutamente l'uso del corpo in numerosi esercizi molto fisici, tipo il 'saluto al sole'.
E persino durante la meditazione è comunque prevista una 'postura' particolare molto nota o quella 'in piedi' che devono essere tenute e che in ogni modo presuppongono l'utilizzo 'fisico' del corpo.
Non mi risulta che si mediti distesi sulle amache come quando si dorme, cosi' si sogna ad occhi aperti, si fantastica, si pensa e si crea.
Aver svolto attività yoga rappresenta molto bene il 'contatto' della marte nettuno anche se questi si presentano in quadratura od opposizione.
Ma non c'è solo quello, mi è stato suggerito ad esempio la lavorazione dei 'vasi in creta'( quelli che vengono messi su quello strumento girevole, alla Ghost x intenderci).
Attività artistico nettuniana con uso di acqua che presuppone l'uso delicatamente scultoreo ( marte) delle mani.
E cosa di più Marziano Nettuniano anche del 'nuoto' che presuppone un potente uso di muscolatura 'dentro' l'elemento acqua, fondendo perfettamente i due simboli.

Perciò, sebbene quadrature ed opposizioni possano rappresentare anche strutture non perfettamente funzionanti e integrate, se ben si 'vede e guarda' ci sono tante espressioni anche ottimamente riuscite.
Personalmente ad esempio quando ballavo lo facevo davvero molto bene, ero molto portata istintivamente.
Mi vengono in mente anche le danze 'spirituali' dei Dervisci, una rotatoria tesa a sviluppare stati 'estatici' con l'utilizzo del corpo.
Mi viene altresì in mente anche il 'Tantra' disciplina spirituale ( nettuniana) che passa attraverso l'attività sessuale ( marte)

Quindi l'aspetto non funziona necessariamente 'diviso'.
Nella mia opposizione Luna Venere 4a 10a, forse l'avevo già detto, l'aspetto si era perfettamente 'integrato' svolgendo una professione in uno spazio che era mio , come fosse casa e oltretutto vicino casa.
Il progetto futuro infatti sarebbe stato trovare prima o poi uno spazio che 'riunisse' assolutamente le due cose, tipo piano sopra casa, piano sotto professione, come è abbastanza 'tipico' tra l'altro di molti creativi designer e architetti.
La divisione e il contrasto Luna Venere infatti è stato sentito quando tale realizzazione non fu più possibile e io non ne volevo sapere di recarmi a lavorare in spazi che non fossero 'i miei'.
Per questo poi ho preferito scegliere l'attività di anomala casalinga che una vera indipendenza piuttosto che svolgere una professione che mi tenesse troppo fuori casa, perchè probabilmente è stato l'unico modo che mi permettesse di 'reintegrare' l'aspetto anche se forse in sottotono.

I problemi maggiori secondo me nascono quando non si trovano assolutamente maniere e modi di armonizzare i contrasti esistenti nelle personalità.
E ci sono in tutti come ben sappiamo note molto diversificate, non conosco personalità monoblocco.
Quando gli eventi permettono di trovare l'espressione più vicina e idonea anche opposizioni e quadrature rientrano in manifestazioni tutto sommato positive.
Chiaro che non và negata l'esistenza di simboli che operano sempre tendenzialmente in contrasto ( altrimenti perchè assegnare valori diversi ad ogni tipo di dinamica) ma questo può essere più o meno esacerbato oppure anche trovare una giusta dimensione di incontro.

Non sò la quadratura ma l'opposizione mi dà anche l'idea di un certo qual 'interscambio' delle due posizioni e quindi dei due simboli.
Come se i pianeti a volte ribaltassero i posti mi è sembrato.
Provate a fare valutazioni in merito.

Un saluto a tutte


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito venerdì 24 maggio 2013
Deva, nella mia vita le cose sono cambiate un sacco di volte in maniera positva così come a volte in quella negativa con o senza armonie con il mondo.
A volte sia nell'uno che nell'altro caso poteva esserci un riferimento all'atteggiamento anche di pensiero o allo stato interiore altre assolutamente no, nel senso che sono arrivate cose estremamente positive in momenti negativi o il contrario.
Quindi non sono così semplicemente automatiche le questioni, nel senso che non sembrano bastare solo certi aspetti per far funzionare tante cose.
Non capisco piuttosto perchè insisti nel dire che non dovrei stare quì, non è la prima volta il che mi obbliga a ripeterti le stesse cose già dette.

Un blog è LIBERO e APERTO un veicolo di 'informazioni' che vengono da più parti, informazioni che possono avere utilità anche pratiche in certi casi, a me piace la ricerca e dovresti ricordarlo.
Sei tu che fatto dell'astrologia una specie di 'santuario spirituale' e così la identifichi, ma non mi pare che la spiritualità o l'interpretazione spiritualistica dell'astrologia sia il 'sottotitolo' del blog.
E tanto basta mi pare.

Ma poi senti, conosci più o meno il mio atteggiamento di pensiero da tempo, non intervenire se lo senti talmente lontano dal tuo da essere in difficoltà, non sei mica obbligata.
A volte dai l'impressione di crederti una guida spirituale che ha trovato l'unico percorso da fare....... buono per tutti poi, una versione 'standard', modello base senza optional.
Non è così Deva, questo appartiene in tutto ad una concezione esclusivamente tua o eventualmente di chi è similmente orientato, quindi adeguata a te o ai tuoi aspetti di vita ma probabilmente non ad altri o a tutti gli altri che siano.

Ad esempio dai l'idea di aver avuto tutto sommato una vita abbastanza semplice e tranquilla, piuttosto nelle regole comuni un pò da sempre, senza mai gravi dissesti e scossoni forti, alle prese dunque con esperienze definibili normali, il che significa che probabilmente non ti sei mai scontrata con situazioni traumatiche anomale, quindi può essere stato anche una felice conseguenza delle tue tranquille esperienze vitali trovare ad un certo punto questa armonia che dici di avere.
Non l'effetto di percorsi più o meno spirituali ma la normale conseguenza di una vita a grandi linee pacifica senza grossi drammi o comunque accettata volenterosamente per quel che è.
Molto diverse e molto più comlicate le trame di altre vite e altre esperienze di vita che si incontrano, anche per ragioni caratteriali oltrechè di eventi.

Prima parlavamo della marte nettuno e del fattore 'emotivo', configurazione che come detto hai anche tu ( anche se in segni e posizioni diverse dalle mie), non capisco cosa ti riesca difficile nel raccontare come si è manifestata in te e cosa ha prodotto secondo te sul piano reale delle tue reazioni alle cose nella vita.
Cosa significa per te questa configurazione nel tuo di tema, che punti tocca ( 1a 4a giusto?),che complicazioni ti ha creato, come si esprime su piani effettivi a riguardo della tua personale emotività, per esempio.
Detto ciò, è chi ti ascolta che poi, se ci trova uno spunto di qualche utilità o di interesse , lo prende e lo elabora da se come vuole.
Invece di analizzare il mio di tema, apporta la tua 'esperienza emotiva' rispetto a questa dinamica, secondo me questo è un modo già più 'concretizzato' di esaminare i simboli e dunque in qualche modo rappresentarli dal 'vero'.

un saluto



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito venerdì 24 maggio 2013
@ALIX

Alix, ho veramente difficoltà a continuare questa conversazione.

Tu continui a parlare di fatti concreti...di verifiche...di prove.

Ma allora perchè cerchi qui le risposte ?? voglio dire perchè ti rivolgi a qualcosa di "astratto" spirituale, interiore...o definiscilo come vuoi, ma non certamente scientifico o strettamente razionale ?? che è poi quello stesso ambito che critichi e sminuisci appena puoi ??

Io parlo di un percorso interiore che non necessariamente può portare dei risultati. Sono ambiti DIVERSI Alix.

Se tu cerchi risultati concreti e materiali...devi rimanere nell'ambito materiale.

Se pensi che esista un modo "spirituale" per risolvere il tuo problema di salute, ti dico che non esiste....non nei termini in cui ti proponi tu.

Nel senso che il percorso interiore NON PUO' prefiggersi un obiettivo. E' un controsenso.

Nell'esempio che ti ho fatto io di giove saturno, ti dico che si, le condizioni lavorative sono cambiate concretamente e in modo positivo, ma se tu pensi che l'OBIETTIVO del mio percorso fosse questo risultato, non ci capiamo proprio, Alix.

Certo che umanamente lo desideravo, ma il percorso interiore è, prima di tutto, un percorso di conoscenza di sè e di riconoscimento dell'unità che siamo....che poi questo porti ad un armonia generalizzata è una conseguenza, Alix...non l'obiettivo.

Il fatto che riconosca in saturno un aspetto di me, non me lo fa più proiettare fuori come prima e quindi inevitabilmente le cose sono cambiate dal momento che la dimensione interiore e quella esteriore sono una il riflesso dell’altra.

Ma è un percorso di conoscenza di sé, Alix…che veramente centra poco o niente con i risultati, per questo io non ti parlo di risultati, perché non centrano niente e se tu continui a insistere su questo punto vuol dire che questo percorso non ti appartiene, tutto qui.

Ciò che io ti suggerisco di approfondire è la contraddizione tra l'insistere sulla dimensione concreta e cercare qui risposte, che poi, inesorabilmente critichi e sminuisci. Prova ad iniziare da qui.

ciao

lara



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito venerdì 24 maggio 2013
Deva, non lo metto in dubbio, il fatto è che almeno dal mio punto di vista continui a parlare per simbolismi poco concreti.
Mi pare sempre un pò troppo 'evasivo' sostenere se non lo provi non si può capire.
Dire che quel Saturno ( saturno che cosa è nella tua di vita intanto) era parte di te, non dice come 'esattamente' lo vivevi prima tu 'in pratica' e come 'esattamente' lo hai vissuto dopo e cosa 'esattamente' è cambiato nella tua vita.

Finchè questa cosa non è chiara e limpida la concretezza di cui parli sembra riportare solo un mondo interno ricostruito intelligentemente in maniera da non vedere più le difficoltà possibilmente ancora e ancora esistenti per non soffrire come prima, un 'escamotage'..
E' anche questa una 'risoluzione' ma che ovviamente senti tu con la tua personalità come ottimale.
Se invece è veramente qualcosa di diverso, forse devi solo da trovare un modo per spiegarlo in maniera più completa.

Parli di difficoltà lavorative, ok, dopo l'avvenuta integrazione Giove Saturno hai trovato un lavoro migliore e meglio pagato e più gratificante per te a seguito ???
Questo invece per la mia personalità è un 'risultato' che valga la pena.
Nel caso mio in questione per esempio se alla prossima ecografia l'denoma si è 'ridotto' è un fatto reale, forse ben poco spiegabile in effetti magari, ma che rappresenterebbe una felice 'evidenza' di un processo interiore e di atti esteriori di guarigione ben riusciti.

Quello che a me piace notare sono i 'fatti' dopo le astrazioni e riflessioni, non è una cosa impossibile raccontarli se ci sono davvero.



A parte tutto ciò, e in variazione, un recente discorso con una persona mi ha portato a pensare agli aspetti psicosomatici dei 'denti'.
Non vi riporto la conversazione interamente, voglio solo chiedervi, nessuna di voi ha mai pensato ai significati sia della dentatura che di dente per dente?
Qualcuna di voi ha percaso problemi connessi o ha avuto o sà di avere una 'ipodentatura', cioè denti mancanti mai nati?
Dovrebbero essere 32 compresi i 4 del giudizio.
Per i denti dobbiamo riferirci più a Marte o a Saturno oppure a entrambi?
E per quelli detti da 'latte' varrebbe la Luna anche?

Qualcuna ha voglia di fare qualche riflessione in merito??? Curiosità, nata appunto da un discorso occasionale con una conoscente che mi stava raccontando delle questioni relative.

ciao grazie, saluti a tutte




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito giovedì 23 maggio 2013
@ALIX

Alix, mi sembra di averti spiegato nel mio ultimo post che ciò che dico per me è un esperienza CONCRETA. Che tu ci creda o no per me non c'è niente di fumoso, confuso o irrazionale in ciò che dico proprio perchè lo vivo.

Questo è il motivo per cui non ci comprendiamo e non ci comprendermo mai, dal momento che ha senso quello che ti dico se tu lo SPERIMENTI veramente sulla tua pelle, come accade a me, se no, giustamente sono parole vuote.

Però, Alix, la mia impressione è che a te non ti interessi comprendere. Questo è solo il punto, perchè in passato io mi trovavo nelle tue condizioni in cui mi facevo le domande che ti fai tu e avevo i dubbi che avevi tu, ma a me interessava comprendere e le cose sono cambiate.

Comunque, Alix...va bene così.

Guarda, sinceramente io non penso che la mia posizione sia quella giusta e la tua sbagliata.

Credo che tu stia seguendo quello che senti giusto per te, come faccio io.

Quindi...va bene così.

ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito mercoledì 22 maggio 2013
Ho tempo per continuare:

sempre x intervento Deva, il punto che forse non mi riesce di farti capire è che , finchè continua a rimanere una cosa astratta, il 'riconoscere' che nel Marte Nettuno è componente di una certa dinamica non 'serve a niente' dato che così rimane sul piano della decodificazione dei simboli.

Embè una ti potrebbe dire, poi che si fà?

Mi pare che l'unico 'conflitto' tra le nostre posizioni è quello, in genere non dici mai che fare a tuo parere o segnalando cose eventualmente di utilità.
Il chè racconta per me che saresti tu piuttosto quella che interpreta i simboli ma poi si ferma lì, al piano mentale e non ne traduce nulla sul piano del reale.

Vuoi sapere un conflitto Marte Nettuno che incontro sistematicamente?
Non sopporto il vizio del 'fumo' , espressione di una devianza Nettuniana, non essendo una fumatrice la puzza di fumo mi irrita al punto che in coda al supermercato tendo a riconoscere certi fumatori proprio perchè si lasciano dietro la 'scia chimica' cosa che mi obbliga ad allontanarmi perchè mi fà 'sentire male' e mi 'nausea'.
Loro non se ne accorgono perchè abituati a quello sgradevole miasma e al loro 'vizio', che danneggia loro e gli altri come è anche riportato da decenni a lettere cubitali.
Se chiaramente non mi è consentito di fare 'sermoni' agli sconosciuti è assiomatico però che io tenda a ingaggiare accese discussioni ( marte taurino salutismo, contro nettuno spesso pluto-scorpionico) con persone con le quali mi capita di avere a che fare, conoscenti amici o parenti anche, che paiono 'sottovalutare' i danni della sigaretta, nonostante sia 'arcinota' ormai da un tempo la accertata pericolosità per la salute ( anche per chi stà intorno ribadisco).
Paiono non voler capire ottusamente e testardamente in certi casi che quell'odore di cenere se lo portano addosso ma non se ne fanno un problema dato che non lo sentono.
Il fatto è che il 'non fumatore' lo avverte con estremo fastidio.
Già mi chiedo se a questi non bastino tutte le 'schifezze nell'aere' che ci tocca respirare.

E' certo che poi diventa una 'campagna' marte/ nettuno 'anti'.





-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito mercoledì 22 maggio 2013
@ALIX

in questi giorni di “sosta” dalla discussione ho realizzato che quello che sto cercando di dirti non può essere compreso in modo razionale, ma dovrebbe diventare frutto di esperienza, altrimenti è ovvio che non ha alcun senso.

Ti faccio un esempio concreto sul mio aspetto di opposizione giove saturno.

Giove e saturno per anni li ho vissuti completamente separati, come è ovvio che sia, dal momento che un opposizione rappresenta una divisione interiore.

Quindi…grandi bastonate nel “mondo” da cui cercavo di evadere con una spiritualità totalmente avulsa dalla realtà.

Le “bastonate” erano vere, reali….nel senso di problemi concreti…difficoltà lavorative che mi hanno fatto penare non poco fino ai trent’anni e nell’infanzia le difficoltà quotidiane erano all’ordine del giorno e la fiducia in un "miracolo" che ci cambiasse la vita era un modello familiare ben riflesso in giove in XII.

Quindi…a quel tempo mi sarebbe stato difficile credere sulla parola a chi mi avrebbe detto che quel saturno era una PARTE DI ME.

Eppure quando ho realizzato questo…le cose sono cambiate in modo REALE concreto.

Certo, Alix….non dall’oggi al domani, c’è stato un processo lento ma inesorabile che coincide proprio con l’integrazione dei due simboli perché ho portato nella vita concreta giove, dal momento che VEDO con i miei occhi l’unità che sono con la vita….e ho dato struttura a giove che non ha più bisogno di evadere dalla realtà per fuggirla.

Processo che non ha mai fine, Alix…ovviamente….non esiste l’integrazione definitiva….ma un percorso in divenire.

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito mercoledì 22 maggio 2013
Oh...ciao Verdeviola, è dà un pò che non ti si vede partecipare, invece ci sei ancora!
Un saluto anche a te e mi unisco alla partecipazione di conforto per Solerossella.


Deva, non ho bisogno di attaccare su, sei tu che lo percepisci in questo modo, chiedo a te dato che sei quella che interviene più spesso, come lo stesso quesito è rivolto ad ogni modo anche a chi magari la pensa come te, segue ma non interviene.
Te lo ho già detto tante volte, le domande anche se fatte a te sono come rivolte a tutte, siamo su un blog.

Ora ti spiego che vuol dire portare su un piano reale le cose, che d'altra parte è quello che sò fare benissimo dato che per tutte le questioni artistiche è così che funziona, una prima 'immagina' ed elabora le immagini fantasticate e poi le 'traduce' in qualcosa di 'reale' che tutti dunque anche gli altri possono vedere o toccare.
Non capisco perchè pensi che a me non venga più che spontanea questa operazione.
E a te che non riesce pare, e infatti continui ad elaborare sui simboli senza fare 'proposte' di alcun tipo nella pratica effettiva.
Le intuizioni come ti ho detto a volte vengono pendendo 'spunti' anche da altri purchè ne intavolino qualcuno, esattamente come tante idee artisticocreative si 'captano' nell'aria (astrazione) ma osservando cose 'reali' che girano nel mondo.

In questi giorni mi è casualmente o sincronicamente capitato di sentire una dottoressa specializzata in biopsicogenealogia.
Un campo molto molto interessante che valuta un approccio 'olistico'.
Parlava proprio di come e quando si manifesta uno stato di malessere( le cose che potenzialmente li favoriscono e le cose che potenzialmente li evitano in base ai 'livelli energetici')

Tanto per cominciare diceva che lo scatenante emotivo/traumatico di solito è piuttosto 'recente', e quindi và cercato nell'anno precedente la diagnosi in linea di massima.
Poi è evidente che tale problema si può 'agganciare' a traumi e ferite precedenti, quindi a punti già 'ultrasensibilizzati' diciamo così e poi ancora precedenti e ancora pregressi al punto di poter 'risalire' a situazioni di 'emozioni allertate' dunque 'esposte' su quel particolare punto già in componenti di generazioni precedenti.

Ma in ogni modo rimane che lo 'scatenante' è sempre recente, quindi ,a parte la tematica di 'agganciamento' a ritroso, sarebbe da escudersi il doverlo andare a rintracciare in 8 o 15 anni fà, come si diceva e ipotizzava nei precedenti vari post ( e questo è un 'punto pratico utile').

In pratica il malessere manifesto si evidenzia più in fretta dunque dal guasto emotivo ultimo.
Poi, questione 'emozioni', pare che 'TUTTI' gli stati di malattie abbiano radici in fattori 'emotivi' senza scampo, anzi più esattamente nella maniera in cui quella particolare persona 'vive' quelle particolari emizioni.
Quindi la questione emotiva riguarda chiunque e tutti gli stati di malessere.

Tutto poi è riferito a questioni di 'disponibilità energetica', proprio come ipotizzavo a larghe linee.
Se la disponibilità è bassa o non sufficiente per affrontare una questione si và in 'avaria' e dunque il fattore scatenante di qualunque provenienza può infilarsi più facilmente, se è alta sei ovviamente più come protetta da una efficiente 'scorta'.

Aspetto 'pratico':
come alzare i livelli energetici e cosa tende ad abbassarli.
Questo ovviemente secondo le teorie di tale disciplina ma cmq val sempre la pena valutare.
Non li ripeto tutti, anche perchè ho una certa memoria ma non da Picodellamirandola.

In ogni modo ve ne cito uno che mi è interessato:

fornitore di energia è una concentrazione su qualcosa che 'prenda l'attimo', cioè non faccia pensare ed elucubrare la mente ne a cose passate ne a cose future, che 'impegni sul campo pratico' meglio se manualmente o fisicamente dunque.
Qualcosa che tenga concentrarto su quello che stai facendo.
In questo senso il fatto di aver deciso ,va tu, proprio in questo periodo e nonostante la stanchezza che mi faceva temere di 'non farcela' ,di 'ribaltare' e dare un'impronta nuova a tutta casa può essere stato 'utile' per esempio ad alzare i livelli di energia per ostacolare il processo in corso.
Tanta fatica fisica ( marte) in perfetto accordo con gli estri astratti ( uraniano nettuniani)

Ecco, come i simboli che si traducono in pratica reale ;)





-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di verdeviola
inserito martedì 21 maggio 2013
Ciao Sole Rossella, un abbraccio.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito venerdì 17 maggio 2013
correzione

NOn transplutoniani ma, ovviamente transaturniani....

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito venerdì 17 maggio 2013
@ALIX

Alix, è questo il punto....! in questo confronto tra di noi, io rimango sempre nell'astratto...e tu continui a chiedermi risposte concrete.

Allora, ce la vedi o no la tua opposizione marte nettuno ???

Per questo dico che su questo PIANO di confronto non si va da nessuna parte, perchè più io incarno "nettuno" più tu controbatti con "marte"/urano....

Ma Alix....ascolta bene, ti prego...cerca di comprendere cosa ti voglio dire.

Non è più VERO uno dei principi rispetto ALL'ALTRO....lo comprendi questo ?? non è che la CONCRETEZZA è vera e giusta....e l'astrazione è falsa e sbagliata...e ovviamente nemmeno l'incontrario, ok ??

DIVISI nel modo in cui tu li vivi ....e li stai vivendo divisi qui, in questo confronto perchè sono DIVISI dentro di te....sono "falsi " entrambi.

Solamente se trovi il modo di metterli insieme potrai sentirti ispirata e guidata (nettuno) nella tua azione concreta (marte).

Alix...è chiaro che i pianeti personali in rapporto a transplutoniani si sentono "minacciati" nella loro individualità.

In questi casi si tratta sempre di "decidere" se aprirsi alla sollecitazione più vasta che ci propongono o RESISTERE, combattere, sbattere i piedi, lottare e negare.

Ma, ciò che ti chiedo Alix...è di comprendere che io in questo dialogo sto solo INCARNANDO una parte di te ma finchè tu continui ad "attaccare" me(chiaro che puramente in termini dialettici...) piuttosto che riconoscere questa parte DENTRO DI TE...non ti muovi di un millimetro. Rimani arenata nel conflitto.

ciao

lara




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Delia
inserito giovedì 16 maggio 2013
Una domanda...chi di voi è bravo a leggere il tema natale?
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 16 maggio 2013
Centra Deva, eccome, perchè l'interpretazione tua nasce da quella stessa dinamica che ti sembra essere importante in quel modo li in cui si manifesta 'in te'.
Tra l'altro vedo che non mi hai risposto cmq, come già avevo fatto notare, preso atto di interpretazione ,ok lo stesso, avevo detto:

Ti chiedevo e chiedo di 'tradurre' il concetto in qualcosa di 'utilizzabile' sul piano concreto come orientamento d'azione ,anche solo ipotetico, da proporre .....ma vedi che non lo fai mai :) svicoli.
Tu rimani invariabilmente sul piano della completa astrazione, dove le tue logiche sono in ogni modo coerenti, ma poi eviti un rapporto dinamico con la realtà dove occorre concretizzare in un qualcosa di qualche tipo.
Chi stà sulla difensiva???

Non ci vedrai il nesso ma..... sai perchè la scoperta della particella di Highs (detta di Dio) era ed è stata fondamentale?
Perchè la particella era ipotizzata da tempo a livello 'astratto' dato che in assenza di questa particella che si 'ipotizzava' dotata di 'qualità particolari' era 'indispensabile' al 'completamento' dell'intero impianto teorico delle subpaticelle, solo che non riuscivano a scovarla e sarebbe stato un guaio.
Senza quella, tutti i concetti più evoluti della fisica sarebberi stati da 'rivedere', tutto da rifare 'da capo' e interamente.
Meno male che esiste davvero e che l'intuizione era corretta, ora siamo tutti più tranquilli, in specie i fisici che già avanzavano sconsolati dubbi sulla sua 'reale' esistenza.
Sembrava in pratica stare diventando una delle più grandi 'illusioni' teoriche.
La caratteristica base della particellina è che è l'addensante, una specie di 'collante universale' che 'trasforma' tutte le altre numerose subparticelle in quella cosa definita 'materia'.
Mica da niente il suo ruolo.

Ecco chiedo di fare come la 'particellina' : addensare un concetto ,di qualunue tipo sia, in materia praticabile :)

Oltretutto questo testimonia che qualsiasi ipotesi teorica di un'astrazione deve necessariamente essere prima o poi 'identificata'in maniera anche 'concreta' nel senso di 'risultanze' di qualche tipo, altrimenti ci può essere sempre il rischio che siano completamente errate.
Secondo me è un'operazione che và fatta sistematicamente anche se spesso le qualità 'sfuggenti' di alcuni manifestazioni sembrano 'imprendibili'.


Solerossella, un caro saluto.




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito giovedì 16 maggio 2013
cara Solerossella

mi dispiace tanto...:(

Ti abbraccio forte.

Un bacione

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito giovedì 16 maggio 2013
Vedete che lo scambio serve a valutare cose 'razionalistiche' non soprannaturali, magari non tenute in considerazione......

Ieri sera inviati i due post precedenti riflettevo sul fatto che probabilmente in quel periodo di 7/8 anni fà , la parte di cervello istintuale (c'è una parte primigenia di cui mi sfugge il nome), pur di sopravvivere ,visto che è un istinto naturale persino del 'mondo vegetale' o che piaccia o no l'idea di esistere (dato che la situazione fu per me di una criticità estrema), ha dato fondo totale a 'tutte' le riserve di energia ancora disponibili e il costo di quello 'sforzo biologico/spirituale' è stato probabilmente rimanere 'senza più altre difese' organiche utili agli attacchi futuri dell'ambiente.
Questo potrebbe avere un senso preciso e possibilmente valido, rimangono incomprensibili per ora le cause della serie di eventi 'fortunosi' che si erano 'concertati' insieme in aiuto provvidenziale.



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Solerossella
inserito giovedì 16 maggio 2013
passo per un saluto a tutti i partecipanti al Blog...
non scrivo da tanto perchè è stato un anno difficilissimo per me - ancora e forse più lo è ancora - la mia assenza è dovuta non al disamore per lo scambio astrologico...ma alla malattia della mia mamma che purtroppo il primo Maggio è volata in cielo :(
vorrei tanto iniziare un percorso di elaborazione, ma non sono certa di essere ancora pronta a farlo...
comunque vi seguo e spero di riuscire a partecipare!
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito giovedì 16 maggio 2013
@ALIX

Alix, sei sempre sulla difensiva (marte in I ) sempre a fare confronti tipo.... "tu sembri dimenticarti di avere marte quadrato a nettuno che è ancora più ostico dell'opposizione"....ma cosa centra Alix...??!!

Non so....e non ho altro d'aggiungere rispetto a ciò che ho detto dal momento che vedo che rimaniamo sempre sul piano del conflitto di posizioni opposte.

IN questo modo non si arriva da nessuna parte, Alix...ma se per te va bene così non c'è problema.

ciao

lara

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito mercoledì 15 maggio 2013
Giusto per capire meglio ho riletto il tuo post.
Ci sono cose che non mi tornano e vado a dire:

Ho questa parte molto uraniana e va bene, ma anche Nettuno è fortissimo nel mio tema, per me rappresenta più l'irrazionalità che l'emotività in se ( forse è il trigono Luna 10a Marte 1a che di suo si aggancia con altro trigono a Mercurio che esalta più l'aspetto emotivo per la verità, pensaci....)
Ed essendo sempre stata una personalità artistica non credo esserci proprio 'niente' che mi fà paura nelle dimensioni irrazionali.
A dir la verità piuttosto mi hanno sempre terrorizzato le questioni pratiche dell'esistenza, tanto è che c'è stato un momento 8 anni fà circa, in cui mi ero autodefinita come un 'gattino caduto in un torrente in piena', destinata a soccombere.
E infatti quì Nettuno prende una dimensione materiale di altissimo rischio di essere travolta dalla situazione in cui mi trovai.
Invece, non sò come, proprio in quel momento sono intervenuti degli eventi eclatanti veramente 'eccezionali' della vita, hai presente quella che la psicologia nega possa esistere, quella Dea chiamata 'Fortuna', non trovo altra definizione per la sequenza delle cose quando ci ripenso.
Una serie di circostanze incredibilmente fortunate una dietro l'altra si erano messe all'opera.
Un pò come se la vita avesse voluto per qualche ragione sconosciuta salvarmi, si direi così.
Ci sarà qualche spiegazione, certo, ma per ora ancora non l'ho trovata completamente.
Quindi la maggior sensazione di rabbia quando c'è stata questa diagnosi è stata proprio creata dall'idea che il momento 'aureo' fosse finito o comunque si fosse in qualche modo 'intaccato'.

Ad ogni modo, stò molto meglio nel complesso rispetto a prima, giusto per rassicurarvi, solo che non si risolve completamente e questo stand by organico comincia a logorarmi un tantino.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito mercoledì 15 maggio 2013
Veramente Deva tu sembri dimenticare sempre che hai la quadratura marte nettuno che è persino un aspetto più ostico dell'opposizione, solo che a te interessano dinamiche del tipo che traduci rispetto a questa configurazione e dunque interpreti sulla base dell'importanza che tu gli dai in quei sensi li nelle tua di vita, mentre io ci rintraccio spesso quelle genealogiche e legate ad altre dinamiche fondamentali che tu ,neanche a dirlo, sembri trascurare in toto, dato che non è un argomento di cui ti frega niente o che ti interessi valutare o verificare nella tua sistemica.
Per questo bisogna valutare anche cosa assume importanza nella personalità globale del soggetto.

La lotta marte nettuno è che io se posso 'protesto' per quello che nelle dinamiche del mondo mi parebbe da rivedere totalmente e che secondo me tiene l'umanità in posizioni di 'arretratezza' ( religioni in testa 'oppio dei popoli' e molto altro ), per far sapere che c'è sempre e ci sarà sempre chi 'pensa differente'!

Ma questo non è affatto un problema per me, è l'anima dei 'rivoluzionari';) ma ti pare che ci potrei rinunciare?

E comunque, punto base lo stesso che sia Luna Plutone opposto Venere o Marte opposto Nettuno: dinamiche emotive, ok, va bene uguale, ripeto, cosa dovrei fare secondo te, voi a seguire ???
Altrimenti restano soltanto parole 'concettuali'.
Un concetto và poi tradotto in qualcosa......

Come lo traducete in qualcosa che può divenire utile?



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito mercoledì 15 maggio 2013
@ALIX

Alix, ma perchè dici che l'interpretazione del tuo marte nettuno è giusto in base alla mia personalità ?

E' tuo l'aspetto, mica mio...!!!

Non devi vivere nettuno come lo vivo io, ma lo devi vivere a modo TUO...!!!

Ma finchè lo "combatti" rimarrà fuori dalla tua coscienza...

Poi parli del test psicologico in cui sei risultata la "bambina sapiente"....caspita Alix, ma non credi che nettuno rappresenti MOLTISSIMO la dimensione emotiva.

Che è proprio quella che tu rinneghi, combatti, critichi aspramente e di fatto ti identifichi solo nella razionalità, nella logica, nell'ingegno uraniano.

Alix, quello che ti crea problemi non è certo attaccare certe credenze arcaiche...ciò che ti crea "problemi" è non riconoscere che stai attaccando una parte di TE....!!!!

E' te che combatti, Alix...se non fosse una parte di te, non ti interesserebbero proprio certe questioni...come non ti interessano altre dal momento che non ti appartengono.

Quindi, Alix...purtroppo non so che parole usare per esprimerti il mio pensiero.

Perchè non si tratta per te di CREDERE a credenze arcaiche....adesso quel nettuno che combatti ha queste valenze per te solo perchè in questo momento rappresenta "il nemico" da tenere fuori dalla coscienza.

Ma se solo ti permettessi di "cedere le armi" marziane e uraniane...e di chiederti cosa c'è in lui che in realtà ti fa tanta paura...uno spiraglio si potrebbe aprire.

Mi piacerebbe che il senso di ciò che voglio trasmetterti ti arrivasse...magari se non adesso...in futuro, non si sa mai ;)


ciao

lara

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 14 maggio 2013
Dimenticanza !!!
Sulla grande croce anche la presenza, direi ingombrante, del transito Plutoniano.


Devo dire che non sò come impostare quello che vorrei dire, ma vediamo.... non vi capita mai di incontrare un problema o più problemi solo nel 'fuori' che non si risolvono certo guardandosi dentro e che senti abbassino la tua qualità di vita?
Sul tipo a me piace il silenzio e il relax relativo quindi mi fà innervosire chi fà rumore costante.
Glielo fai notare gentilmente una, due, tre volte, niente.... continuano a infastidirti.
Io credo che non è il contenuto del soggetto ad attrarre gli eventi, il contenuto dice solo che a me dà sui nervi il rumore e a un'altro nella stessa identica situazione no.
Quindi per me diventa un grave 'problema' per l'altro no, per l'altro ancora lo è ma 'sopporta'.
Ricordo che qualcuna aveva accennato al fatto che il Leone pretende che sia l'ambiente ad adattarglisi intorno piuttosto che essere lui ad adeguarsi ad esso.
Ma perchè di grazia uno dovrebbe adeguarsi a qualcosa che non sopporta???
Diciamo che forse c'è chi è più adattabile a tutto per contenuti fortuiti, e quindi ha un atteggiamento che gli consente di vivere tranquillamente e non si sente angariato e un'altro vede cose così o altre che siano come una perenne violazione altrui dell'armonia, altrimenti presente, del suo spazio vitale.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 14 maggio 2013
Allora Deva, mi sono riletta il post di Ste, ma fate un errore di fondo.
Gli Uraniani 'cambiano' in continuazione abitudini e stili di vita, di solito anzi adottano le variazioni con entusiasmo, casomai hanno il problema opposto quello dell'instabilità in una personalità perennemente in 'rinnovamento'.
Che differenza fà poi se la mia opposizione marte nettuno mi porta ad attaccare, come definisci tu Lara,certe credenze che poi trovo in brevi tempi via via arretrate, non è mica quello che mi crea problemi, a parte il fatto di osservare il mondo a volte come fossi un aliena caduta nella preistoria :)

La mia difficoltà base era stata già individuata con un test psicologico di cui non ricordo il nome: la diagnosi uscita era stata di: "bambina sapiente" che significava una parte emotiva 'mai cresciuta' che si ritrovava a dover affrontare esperienze interiori ed esteriori e intellettive di portata troppo grande rispetto alla capacità di gestirle.
La mia sensazione è che quella parte emotiva non sia mai riuscita a crescere interamente, forse decisamente più rispetto ad anni addietro ma mai del tutto, mai completata forse.
Per mio avviso quella Luna in casa 10a capricorno è un anello troppo 'debole' in una posizione 'troppo forte' sopratutto in considerazione anche dell'opposizione a venere 4a e quadratura a X Eris in 1a.
Tra l'altro Ste e Deva, fate conto che ho tutte le 4 case cardinali 'impegnate' ( urano con eris e marte, venere, giove-nettuno, luna), non è proprio una Grande Croce, visto che Giove in 7a non fà effettive quadrature con luna e venere, ma in ogni caso c'è quadratura di posizioni in 'segni incompatibili'.
Insomma ragazze non sò, 'coordinare il tutto' con grandi croci all'opera......




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 14 maggio 2013
X Deva e tutte:

Ma mica cerco di convincere, 'espongo' :) per dare altre 'inquadrature visive' delle questioni.
Può essere che paiono campagne 'contro', ma del resto se certe idee a volte mi paiono adozioni di pensiero che non funzionano completamente, perchè non dovrei esprimere il mio dubbio???
Guarda (giusto come esempio) io ho vissuto in pieno i tempi della New Age, in quel periodo sai quante persone erano pronte a credere in una quantità di cose spiritualistiche di ogni tipologia che poi quando i tempi si sono fatti davvero pesanti per la risoluzione di cose di loro sopravvivenza si sono improvvisamente resi conto che servivano al 'niente' più assoluto???
E' infatti lì, quando ho notato questa cosa, ho avuto il primo dubbio che il senso spirituale non fosse stato che la versione più aggiornata, più moderna, delle stesse menate che propinava la religione, la mutevolezza nettuniano/gioviana si era manifestata in maniera fasulla dando l'impressione a tantissimi di avere a che fare con qualcosa di 'diverso' che hanno adottato in massa e che invece non era e non è che lo stesso aspetto, il 'culto' di un qualcosa di fondamentalmente 'inutile' benchè rilucente dalle caratteristiche 'ipnotiche'.
Posso dirlo? giusto perchè qualcuno/a magari ci pensi sopra, valuti e ne tragga 'se vuole' conclusioni 'utili'.

A parte ciò, con sincerità, non sò come intendi tu per guardare dentro, la traduzioni che fai di marte nettuno che tu trovi giuste in base alla tua personalità non possono applicarsi ad una personalità direi 'troppo' diversa dalla tua a 'forza'.
I simboli, pur nella loro somiglianza dicono tante di quelle cose che pare non esserci limite alle combinazioni.
Permettimi Deva ma a larghe linee ho l'impressione di aver dovuto elaborare nella mia vita contenuti molto complessi, vissuti con risultanze estremamente traumatiche ( almeno appunto per quello che era la mia personalità appunto e dunque le mie risposte) che è già tanto credimi sulla parola che sia quì ancora viva.
Insomma in un certo senso minimo è come se avessi superato me stessa.
E infatti mi considero una specie di 'plurisopravvissuta'.
Magari un altro/a di fronte alle stesse cose non le avrebbe considerate nemmeno un ostacolo, per me sono state 'picchi altissimi'.
Quindi non vedo proprio il non essermi guardata dentro abbastanza, oltretutto sono impietosa con me stessa, come lo sono con certi aspetti di mondo, che altro dovrei fare di più?.
Certo che per questo problema specifico (adenoma in punto critico) non devo aver 'focalizzato' in tempo qualcosa ma anche probabilmente non stò ancora intraprendendo l'azione più idonea a seguire.
Non mi è ancora arrivato il guizzo più intuitivo, o meglio, diciamo che quello che secondo me sarebbe più utile da fare non lo posso assolutamente fare, e quindi è già di per se una menomazione di impedimento ad una semplice e facile risoluzione.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 14 maggio 2013
X Kichiro:

Dato che non dici di più, non chiedo, ma quel che dici pare sempre far parte di quello che trovo nelle marte nettuno.
La 'soppressione' in qualche modo del padre anche solo in senso 'morale'.
Dato che la dinamica marte nettuno secondo me si riferisce anche a questioni di 'stirpe', di qualcosa che riguarda la genealogia e il taglio di una linea di sangue, credo che possa avere a che fare anche con la dominanza o meno di un gruppo sanguigno.
Sia io che mia sorella abbiamo quello materno, mio padre era figlio unico e dato che non esistevano altri figli è come se il suo di 'gruppo' sia stato 'soppresso' dalla 'prevalenza' dell'altra linea.
Chiaro che nel soggetto che ha la dinamica questa cosa prende una qualche importanza di rilievo.
Ad ogni modo le dinamiche di quadrato od opposizione marte nettuno mi paiono presenti: nei figli 'indesiderati' intanto, le motivazioni possono essere rintracciate di diverso tipo ma di base rimarrebbe che non erano 'attesi', quindi quantomeno figli 'incidentali', oppure non voluti con reale volontà.
E peraltro noto diffusamente che i possessori di dinamiche marte nettuno scelgono spesso 'volontariamente' di non avere figli, tagliano l'albero genealogico insomma.
E' solo una mia idea, ma secondo me chi ha questa dinamica ha avuto dei genitori che non si amavano o che non erano, come dire...... sessualmente compatibili, poco coinvolgimento insomma, assenza di trasporto.
Chiaro che fare indagini simili su generazioni precedenti se non altro per sola verifica è impossibile, argomento 'tabù', senza contare che mentirebbero spudoratamente.
Ho l'impressione vaga che potrebbe indicare anche soggetti che sono figli concepiti con 'amanti' e non del padre dichiarato ma è un pò difficile che possano rintracciarsi in soggetti anche disponibili verifiche di questi tipi, ammesso che possa essere una delle 'tante' eventualità.
La Morpurgo faceva l'ipotesi di questioni che riguardassero l'interruzione di gravidanze, forse minacce di aborti anche spontanee di cui il portatore della dinamica sarebbe stato protagonista in fase embrionale.
Forse potrebbe indicare anche un taglio del cordone ombellicale, chessò avvertito in qualche modo come 'cruento', anche questo però è impossibile da verificare.

Se su queste basi ti vengono altre considerazioni per altri spunti , esponi :)

salutone
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito domenica 12 maggio 2013
:))) 'scentura' stava x 'sventura', accidenti agli errori di battitura.

Aggiungo una cosa, mi pare ricordare di aver letto che qualcuna in un post nel mio modo di essere ci vedeva una certa 'aridità'.
Non sò, può essere, più che altro di certo non sono tendenzialmente una 'buonista', del resto la Luna Capricorno seleziona molto i 'messaggi' che dovrebbero toccar corde.
Ma non è che non mi emoziono nei confronti di certe cose, solo che non 'tutto' quello che ad altri parrebbe coinvolgente mi arriva.
Uno dei motti che mi piacciono è: "La strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni"
Il che significa che non tutto quello che pare buono sul momento lo è poi davvero sui grandi numeri o sulle grandi distanze, bisognerebbe sempre essere in grado di saper prevedere bene il poi.
In compenso magari altri non capiscono perchè a me tocchino tanto certe altre cose che in certi casi potrebbero perfino sembrare anomale.
Confesso di non aver grande simpatia per l'umanità in genere, per quanto mi tocchi farne parte, per questo a volte ho delle 'uscite' forse che risultano un tantino sconcertanti o dettate da aridità appunto.
Niente paura..... mio marito dice che ho la vocazione dell'antipatica e per di più rompi..... ma ha voluto sposarmi ;)
Misteri maschili........
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito domenica 12 maggio 2013
ciao Alix

però credo che qui ti sia stato detto qualcosa che è molto diverso da affidati a qualcosa di più grande, Alix.

In particolare ultimamente mi riferisco a quanto ti ha detto Ste, che è molto più concreta di me e non si perde in astrazioni...in sostanza, non possiamo cambiare il "fuori" (si intende i grossi problemi) quindi occupiamoci del "dentro". E' qualcosa di misticheggiante questo ??

E' per questo che poi alla fine si arriva sempre alla contrapposizione tra due estremi, perchè tu sembri non "ascoltare" ciò che viene detto, ma ti preoccupi particolarmente di attaccarlo, negarlo, rifiutarlo quasi per partito preso perchè "certe cose" che poi metti tutte insieme, sono "fumose credenze irrazionali/nettuniane".

E ti ripeto, Alix...va bene ciò a cui tu credi, va benissimo. Ho già detto in passato che mio marito, quindi la persona che mi è più vicina che amo e con cui condivido tutto, non la vede come me, ma nessuno cerca di convincere l'altro del contrario, nessuno sente l'esigenza di farlo, perchè a ognuno basta ciò che vede e ritiene vero.

Quindi, il punto non è certo a cosa tu credi...ma piuttosto che hai bisogno di "attaccare" ciò che non credi.

E in questo non ci vedi quel benedetto marte in I (io) opposto a nettuno in VII (gli altri) che quadrano entrambi sole/urano ?

Questo è guardarsi dentro, Alix...e non mi sembra niente di nebuloso, mistico o chissà chè...

Se poi NON CE LA VEDI proprio questa analogia, ti prego, dimmelo chiaro e tondo, così non interverrò più sull'argomento.


ciao

lara


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito domenica 12 maggio 2013
Rispondo un pò a random:

in genere non manco di sperimentazione autonoma, nel senso che la mia ricerca di cose nuove me le fà scovare da sola, ma a volte un 'suggerimento' anche di altri dà un'imput che fà partire una riflessione che magari ti è sfuggita che giunge poi ad un punto.
Questo è tutto Deva, perciò una mi può dire quel che pensa utile ma come linea di atteggiamento o di pensiero tradotto in azioni con degli spunti pratici.
Inutile dirmi però 'affidati a qualcosa di più grande' sapendo come sono, per me è una frase che non ha un significato potente.
Mi pare di aver già detto anche che frequento quì anche perchè (a differenza di Ste :) non utilizzo i social, nessuno.
Quindi mi offre un veicolo di comunicazione.
Devo dire che è strano per una Leone, fossero esistiti tanto tempo fà, credo che mi sarebbe piaciuto 'esibirmi', ma ora no, è una forma di relazione che non capisco.
Non è meglio 'vedersi' e frequentarsi dal 'vivo' se si diventa amici?


A proposito di Nettuno:
per Lidia:
come mai nella scala di Maslow tra i bisogni primari non è citato il 'sonno'???
Dove è collocato? E' indispensabile quindi 'primario' ma tecnicamente non utile alla sopravvivenza dato che durante il sonno si è inerti ed esposti, quindi dove stà il dormire nella scala?


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito domenica 12 maggio 2013
Nell'attesa dell'entrata di primo commento inviato continuo:


X Deva:
non ho preso come battuta il fatto della grafica che si riferiva ad uno dei miei passati post motivazionali, forse sarà difficile capire per chi non dà tutta questa importanza all'estetica, ma per me che in quell'ambiente artistico ho operato, le differenze e gradevolezze o meno grafiche, di impostazione, utilizzo etc...... fanno 'grandissime' differenze.
L'uso di un 'font' piuttosto che un'altro, l'impostazione di pagine, i colori usati, le immagini, non sono questioni 'superflue' come paiono forse ad altre, unite alla presenza di contenuti è ovvio.
Così come per me non è superfluo entrare in un posto pubblico e trovarlo ben arredato e con un certo stile piuttosto che messo lì in qualche modo, anche a parità di servizio, ciò che risulta gradevole all'occhio è 'privilegiato' o 'scartato' per le mie scelte.
Di blog o forum di astrologia ne esistono altri, avrei potuto frequentarli, ma non mi piace l'impostazione caotica, a volte l'utilizzo è macchinoso, troppi avatar, pubblicità, banners, poco seguiti da chi li gestisce, non aggiornati, lasciati li con commenti vecchi, disordinati e poco 'essenziali', senza contare che in alcuni dovrebbero starci dei nmoderatori o giocoforza devi adattari all'ambiente 'aggressivo' rispondendo per le'rime' .....uff!

Perciò insomma, non tutto è uguale, non vorrai mica dirmi che un oggetto di 'design' è la stessa cosa di uno qualsiasi o comunque non realizzato con la stessa cura e attenzione o 'gusto' o materiali?
Per una Leone non esiste.......
Guardati un video della stessa Lidia, con Luna in Leone 5a se non erro, la prima cosa che mi è balzato a vista è la 'scelta' molto ricercata dei suoi bijoux, anelli, bracciali, collier, decisamente belli e che si 'notano'.
Tipico da chi ha valori Leone, fai conto che tra le tante cose creative che ho fatto ci stavano anche quelli, sempre molto scenografici, piuttosto che non.

Certo che non tutti danno importanza alle stesse cose, ma sapendo che sono Leone di base......se pur al momento più in direzioni Acquariano/Capricorniche pare, più spartane.

Io posso dire di interessante per tutte che la diagnosi sgradita mi è stata fatta quando Giove transitava in pesci, nella mia 12a e che questo probabilmente mi ha permesso di reagire in quel momento 'ottimisticamente' poi dopo è sorta la 'rabbia' verso quel qualcosa che giungeva a ridissestare e rovinare un momento ultrafelice della mia vita.
Quindi Deva, mi è chiaro che avendo tu questa posizione di Giove 12a radix, reagisci o reagiresti anche alla 'scentura' eventuale senza rivoltarti.
Per me però la posizione non è 'base' , anzi adesso dai Gemelli fà come quadratura alla 12a e dunque ,dopo due anni e mezzo di 'pazienza', comicio un tantino a 'scalpitare' se non vedrò in breve risultati in meglio rilevanti e sostanziali.
Purtroppo il professore omeopata mi ha premesso che l'entusiasmo iniziale per qualcosa seguito da un 'abbandono' se non vedo subito effetti, è parte della mia 'tipologia caratteriale'.
Il rischio insomma per me, in tutte le cose vitali, è stato sempre di 'mollare sfiduciata' se non vedo 'tutto e subito'.
Per questo mi ha raccomandato di cercare di superare questo atteggiamento da Ghepardo con scatto folgorante ma che tende a 'non reggere lo stress' se la distanza richiede 'costanza'.
Direi che la sua diagnosi psicologica è stata molto azzeccata, vero.
:)
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito domenica 12 maggio 2013
Mi spiace non poter partecipare, ma in questo periodo ho altro di impegnativo da fare ( grandi manovre di rinnovamento in tutta home) e quindi non riesco a seguire.
Mi ha addolorata molto un episodio ( di morte ) e quindi ho deciso di dare corso a dei lavori già in programma che rimandavo proprio per ragioni di stanchezza...... contando sul fatto che l'impegno faticoso distogliesse il pensiero.
Ringrazio le ragazze per tutti gli interventi e il sostegno ma in questo momento non credo di poter stare dietro a rispondere e replicare a ogni post uno per uno :)

X Lidia e altre:

Lidia, ciò che non è 'provabile ora' è possibile che lo sarà prima o poi in futuro.
Molte cose nelle epoche passate non sono state provabili, poi hanno avuto conferme effettive inequivocabili, oppure si è definitivamente capito che erano orientamenti errati ( anche nell'astrologia mi risulta si siano fatte altre e più nuove considerazioni e tu ne sei un esempio rispetto ai tuoi maestri !!!).
Spesso è solo questione di tempo e tempi giusti.
Del resto non mi pare di non credere nel 'non provabile' dato che una delle credenze più stabili e radicate che ho sempre avuto è quella nell'esistenza degli 'alieni' o meglio direi nella possibilità di 'altri tipi di intelligenze, forme e strutture di vita', per ora solo ipotizzabili ma non 'provabili'.
Ma se uno/una si 'ferma' nella convinzione di aver trovato la 'verità ultima vera e sola' si ferma la ricerca, il progresso e l'evoluzione di qualunque cosa anche dell'anima.
Quindi stò quì, per rispondere a Deva, non per cercare chissachè a parte il piacevole scambio amichevole che può sempre sortire spunti utili, ma piuttosto anche per 'spingere' chi non lo fà di suo a fare valutazioni da ottiche che non prenderebbe mai in considerazione.
Che in fondo è la ragione di essere di tutti gli uraniani, impedire che il 'movimento' in avanti venga 'fermato' da convinzioni di adozione diffusa che diventano 'certezze diffuse' e che inevitabilmente via via (e a volte velocemente) obsolete.
E comunque anche se non è possibile trovarle 'ora' le risposte provabili vanno continuamente cercate che è quello che fà giustamente la scienza ( e non fedi mistiche, religioni e spiritualità varie che stanno li a fare proprio il loro lavoro ostacolante creando la sensazione di fornire illuminazioni superiori), mi pare che così ci si accontenti davvero di risultati 'fumosi'( molto nettuniani del resto).
Credo che è proprio 'nettuno' che andrà 'superato' anche in astrologia, nettuno non è l'oltre è quello che lo 'impedisce' a parere mio, è la barriera di un 'accesso' ad altre immense potenzialità che vanno ancora cercate, poi se a voi và bene pensare diverso a me non crea problemi, figuriamoci , a che pro stante :)???.
Sò bene che ogni persona è un 'mondo sfaccettato a se', basta vedere come è difficile direzionarsi all'unisono anche solo in 'coppia' , immaginati in un gruppo anche ridotto o una società o in una terra globale da 7 miliardi di mondi.
Ci si assomiglia a volte per pochi o tanti versi e si è su parti completamente opposte per altre.

Mi chiedo........??? Peferite che non dica più la mia, che partecipi interamente di orientamenti che comincio a vedere per certi versi come troppo statici???

Sapete a volte mi pare di trovarmi nei microcosmi della situazione socio/politica, una 'parte' ( uraniana) che stimola al 'necessario e indispensabile radicale rinnavamento' e l'altra ( saturniana) che pare soddisfatta di quel che si ripete da un secolo.
Un pò come quei soliti , triti e ritriti film che danno in TV dalle calende e che una parte di persone per mio vedere 'incomprensibilmente' non ancora 'stufe marce' continuano a guardare pur conoscendoli a memoria battuta per battuta, scena per scena, sempre uguale, sempre uguale.....

vado,
oggi mi riposo un pò,
magari torno ;)



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Chihiro
inserito venerdì 10 maggio 2013
Carissima Alix,
anima bella.
Quanto a quella faccenda Marte Nettuno, tu mi offri lo spunto delle eredità genealogiche.
Ti dico che sto Marte afflitto anche da Saturno mi racconta di un padre, il mio, ahimé, assassinato. Insomma pre-morte del padre al figlio che ha caratterizzato anche la vita e il tema natale del mio papà. Altro non saperi aggiungere.

Fortissimo abbraccio.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di MassimoxSte
inserito giovedì 9 maggio 2013
La cosa è talmente semplice che purtroppo non tutti la capiscono.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Massimo
inserito giovedì 9 maggio 2013
aaaaahhh... ok! Pensavo peggio!
;) ce la posso fare.
Ciao!
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Betty
inserito giovedì 9 maggio 2013
Ciao a tutti!
Molto bella la descrizione di Mercurio fatta da Lidia, il mio si trova in Ottava casa Cancro ed è congiunto a Saturno, riceve un sestile da Venere in Quinta Toro e un Quadrato da Plutone.Questa posizione rende il mio sole in Gemelli più riflessivo e meno superficiale, ho anche l'ascendente in Scorpione.
Mi piace molto "smascherare" l'inconscio e portare alla luce i significati nascosti delle cose.
Attualmente, con Nettuno in transito nella mia Terza casa Pesci, si è formato un triangolo (si dice così?) che coinvolge Nettuno appunto,la congiunzione Mercurio/Saturno in Ottava e la Venere in Quinta. Visto che, Nettuno si muove lentamente, credo questo aspetto durerà parecchio tempo e mi piacerebbe capirne il senso o cominciare ad inquadrarlo...mi date un aiutino?
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito giovedì 9 maggio 2013
Per Ste. Diciamo per essere proprio semplici, che quando si analizza una cosa, e si arriva a una conclusione, ecco a quella conclusione non dare il 100 per cento di credito e Lasciagli una via di fuga che un giorno potrebbe averne bisogno.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Massimo
inserito mercoledì 8 maggio 2013
Uh benissimo! ... allora potresti essere in questo una guida per una come me, perchè io, nel tutto, sono cieca e mi perdo! ;)
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Alix
inserito mercoledì 8 maggio 2013
Tutto ciò che dici non lo trovo in contraddizione con ciò che ho scritto: davvero pratico è soltanto un tuo cambiare prospettiva e abitudini personali.
Fai l'esempio di una persona che per sconfiggere il cancro, tra le altre cose, ha intrapreso una dieta vegana. Ebbene, questo è cambiare abitudini, propettive, credenze.
Io ho 3 pianeti in sesta casa, 4 in vergine e l'ascendente capricorno: ti assicuro che non ho mai vissuto l'astrologia come qualcosa di esoterico (anzi!!!) perchè la mia tensione spirituale, soprattutto da quando sono madre e devo occuparmi di una famiglia, in me non esiste.

La sfiducia mina ogni mio passo, la concretezza caratterizza ogni mia valutazione, ma le pessime abitudini e i pessimi pensieri li conosco bene nella loro azione distruttrice, tanto più ora che sto vivendo l'opposizione di Plutone e la quadratura di Urano a Marte, Sole e Venere (durerà ancora un po'... in tutto una salutare passeggiata di sei/sette anni!).

Magari mi sono espressa male o magari non hai capito cosa intendevo, ma ti assicuro che non ti invitavo affatto a "credere misticamente" all'astrologia per cambiare qualcosa nel tuo corpo.
Ti invitavo a riflettere sul fatto che l'UNICA cosa che puoi cambiare è "te stessa".
Però ... io non credo che basti fare la cosa giusta per raggiungere un risultato.
Magari fai la cosa giusta, ma non ottieni nulla.
Ecco. Questo un'uraniana non sarà mai capace di accettarlo. Tantomeno una leonessa.
È frustrante e doloroso. Ti fa divorare dalla rabbia.
... che dire... a questo punto una persona pratica, secondo me, cerca di mettere da parte il senso di impotenza, prende in considerazione che fallirà sicuramente, ma che c'è una sola possibilità di riuscire, così inizia a cambiare abitudini e modi di pensare un po' a caso ...

Ti sono vicina.
Un abbraccio
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lidia
inserito mercoledì 8 maggio 2013
care ragazze,
io ho un Mercurio in Capricorno e quindi, ho una mente sufficientemente organizzata, almeno questa è la cosa a cui tengo. Sono attratta da moltissime cose però, quello che scelgo lo approfondisco, non riesco a restare in superficie.. Tuttavia, sono gli aspetti poi che modificano di tanto l'approccio.. in effetti, il mio Mercurio è in relazione a Venere, Nettuno e Urano per cui, devo dire che non sono stata mai attratta dalle materie scientifiche, come è un classico di questo Mercurio, mi affascinano le discipline umanistiche, psicologia, filosofia, teologia, astrologia, mitologia, discipline esoteriche e molte altre cose ma mi annoia tutto ciò che è tecnico o scientifico.. nel senso del "provabile".. mi piace sempre cercare nel "nuovo" e non mi accontento facilmente..
Quindi, è importante il Mercurio nei segni, ma ancora più importante è comprendere su quale Sole va a lavorare e quali sono gli aspetti e le attitudini di base della persona perché possono modificare di tanto la natura di base.
Un saluto Lidia
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito lunedì 6 maggio 2013
@ALIX

Un ultima cosa, poi interverrò sull'argomento solo si riuscirà a comunicare in modo diverso.

Chiarisco cosa per me è la spiritualità: sentirsi tutt'uno con la vita.

Questo è. Niente di più niente di meno.

Quindi, NON vuol dire non ammalarsi, non vivere situazioni dolorose, non sperimentare la perdita, la solitudine, il tradimento o qualsiasi altra cosa negativa.

Semplicemente ritengo che TUTTO ciò che mi accade...parla di me...in qualche modo, riflette miei contenuti e quindi mi interrogo, cerco, approfondisco, voglio capire, voglio conoscere.

Spiritualità è aprirsi alla vita SEMPRE nel male e nel bene, guardando prima dentro e poi fuori, proprio perchè non c'è alcuna separazione tra dentro e fuori.

Qualsiasi altra cosa mi attribuisci è una tua congettura che non corrisponde al vero.

ciao

lara





-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito domenica 5 maggio 2013
@ALIX

Ancora una cosa, Alix.

Al di là della facile ironia, mi piacerebbe riuscire a parlare con te su un piano diverso che non sia il conflitto tra due estremi.

A me non interessa aver ragione, Alix..e se tu rimani sul piano della ragione e del torto ti perdi un occasione per andare oltre.

Ma, credo che dipenda da te, a questo punto, stabilire un piano diverso di comunicazione.

ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito domenica 5 maggio 2013
@ALIX

Ma certo che sei dalla parte del giusto, Alix.

Guarda che sei tu che poni il problema di ciò che è giusto e ciò che è sbagliato perchè nessuno ti vieta di vederla come ti pare.

Io non metto in discussione la tua visione se per te è valida e ti convince perchè, credo anche di avertelo detto in passato...PROVE non ce ne sono, quindi DAL TUO PUNTO DI VISTA...hai perfettamente ragione.

Le prove che cerchi tu, nel modo in cui tu le cerchi, te lo ribadisco così non serve che ti affanni ulteriormente, NON CI SONO.

Quindi, Alix, c'è una cosa che non riesco a capire...se sei così certa che ciò che si dice qui sia solo un RIFUGIO MENTALE per non affrontare la realtà della vita, mi chiedo perchè sono anni che continui a cercare QUI prove del contrario....o meglio, a difendere la TUA visione da quella dei creduloni, irrazionali, illusi che la vedono diversamente.

...ah si, è un blog libero e ti piace la grafica....

ciao

lara

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito domenica 5 maggio 2013
Ragazze, credo di non aver testa al momento per rispondere diffusamente perchè ho vissuto ieri una storia evento tristissimo che ha colpito molto la mia emozionalità.


In breve: posso dire che dal mio punto di vista con Deva non avverto nessuna diatriba tantopiù che non la conosco personalmente e perciò non ho nessun rapporto di qualche coinvolgimento con lei, a parte che ha spesso tempo di essere una delle più partecipative, il mio chiedere risposte stà nel fatto che lei glissa spesso e volentieri le domande scomode nella sostanza.
Dice di sentire dentro di se grande senso spirituale e non ho motivo di non crederlo a monte, tuttavia in lei è presente un sintomo totalmente in contraddizione, che tecnicamente avrebbe dovuto sparire o essere quantomeno regredito se così fosse stato il suo percorso, quindi se non mi sà dare la sua versione interpretativa di questo controsenso che è 'un fatto' il punto è che non fà altro che confermarmi che stò dalla parte giusta a continuare a vedere sentire come vedo e sento.
Bisogna essere delle testimonial rappresentative di ciò che diffonde, altrimenti è come quando mi è capitato di incontrare una persona decisamente supersovrappeso che voleva illustrarmi l'efficacia dei prodotti dimagranti che commercializzava.
In pratica continuo a credere che queste illusorie credenze di qualcosa di superiore delle più varie tipologie astrodevozionali non siano altro che dei rifugi mentali escogitati da mente umana per evitare di prendere atto che spesso gli eventi e la vita non hanno nessun senso che non sia l'uomo stesso e la persona stessa a inventare secondo sue migliori preferenze.
Ciò significa semplicemente che se Deva o chiunque altra/altro ovvio, vengono 'confortati' e resi sereni da tali visioni a me non dà nessun fastidio, perchè mai? lo vedo come un loro effetto placebo, ma se permettete da pratica 'uraniana' tendo ad evidenziare ,visto che quì le discussioni sono 'aperte', quando le risposte seppure ipotetiche, teoriche, diagnostiche di un'eventuale interpretazione, tendono a essere ignorate.
Faccio notare che ad esempio io non partecipo al sito personale di Deva, in quanto non vado a contestare le cose come lei preferisce proporle nei suoi perimetri, quì però la redazione stessa ha ribadito che il blog è aperto a tutte le idee e posizioni di pensiero.


Dare un senso concreto a nettuno si può anche, se si vuole è chiaro, ad esempio sempre per le mie solite coincidenze ho incrociato un seminario esperienziale che era stato chiamato proprio 'Nettuniano' tenuto credo dalla Sandra Zagatti tempo fà, proponeva l'aromoterapia, la creazione di mandala, la danza, la cristalloterapia, cromoterapia.
Ad una di queste cose in realtà stavo pensando dato che sono particolarmente sensibile ai profumi e agli oli essenziali (il che tra l'altro torna bene con il mio doppio trigono venere nettuno).
Inoltre non esiste conoscenza di se stessi se non si è 'operativi' nel mondo o attraverso il mondo e dunque con un'azione fattibile, il che significa che anche le questioni trascendentali devono e possono essere tradotte in interazione, come no.

Conosco una persona nota che ha spesso dichiarato di aver vinto il cancro al fegato ( ereditario) che le era stato diagnosticato, pare le avessere dato sei mesi di vita, è per sua dichiarazione una persona spiritualmente orientata, ma non è che questo risultato lo abbia raggiunto solo affidandosi al trascendende (ha nettuno in 1a scorpione tra l'altro) escludendo il personale apporto nel reale, ha operato dei mutamenti sostanziali in cui lei 'credeva', ad esempio è diventata una vegana integralista e si è affidata a cure naturalistiche estremamente alternative che lei ha ritenuto opportune.
Queste cose 'è bene ribadirlo assolutamente' che non funzionano su tutti nello stesso modo, ma probabilmente il suo 'credere interiore profondo' nell'efficacia di quelle specifiche 'scelte' ha consentito la completa rigenerazione e la sua immagine bella e in forma strepitosa ne è la miglior testimoniaza per dire che : "si, si può fare".
Non tutti riescono nell'intento ma lo scopo degli 'esempi reali', quando ci sono, è meglio mi pare che vuote parole paramistiche.



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di massimo
inserito domenica 5 maggio 2013
Cara Ste io non dico di mescolare il tutto, anzi. Diciamo che usando il tuo schema bisogna tenere conto dei dati in entrata della Vergine o dell'ipotetico pianeta y e dei dati in uscita dei Pesci o nettuno. Saper perdersi nel tutto non significa per forza essere incapaci di analizzare dati specifici. Io penso che bisogna essere capaci come lo è in effetti la luce, di stare possibilmente nello stesso tempo in due o più posti possibili.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste
inserito domenica 5 maggio 2013
Cara Monica, perchè non provi a raccontare tu stessa Mercurio in Capricorno, poi da lì anche noi potremo fare altre ipotesi più dettagliate. Chi meglio di te può sapere cosa attira la tua attenzione, o di quali dati pensi di avere bisogno, o verso quali materie è orientata la tua mente, o se utilizzi e raccogli le informazioni intorno a te lentamente, velocemente, con cura, alla rinfusa e così via...
Mercurio ti "connette" col mondo esterno, il Capricorno è lento, cauto, ambizioso e orientato al risultato... facendo due più due ...
Dai racconta se ti va!
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste
inserito domenica 5 maggio 2013
Caro Massimo, è vero quello che dici, ma io amo l'analisi, amo separare e osservare nel dettaglio perchè mescolare il tuto mi serve a poco e non mi dà informazioni necessarie per muovermi nel mondo. Quindi scenderei ad un compromesso (non propriamente ermetico) proponendo magari un'analisi congiunta di Mercurio e Giove che possa parlarci di "dati in entrata" (Mercurio) e "dati in uscita" (Giove).
Come puoi intuire il mio Giove è in Vergine!

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Monica
inserito venerdì 3 maggio 2013
Che significa avere mercurio retrogrado nel segno del capricorno?
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito venerdì 3 maggio 2013
@STE - ALIX

brava Ste...da perfetta mediatrice hai riconciliato gli opposti... :)

Alix, quello che dice Ste è esattamente la riconciliazione delle nostre due posizioni.

E' chiaro che quello che tu dici è realistico, l'inquinamento, l'eredità familiare, insoddisfazioni esistenziali..e altro ancora....certo..è tutto vero e giusto, Alix, non sono una pazza che vive fuori dalla realtà, ma ciò che poi fa partire il nostro infinito discutere è che tu TI FERMI LI'.

Quindi...cosa ti si può dire, Alix....? parli del tuo problema di salute e ci chiedi suggerimenti, ma quali "consigli" veramente ti aspetti ?

Se per te le cose stanno in un certo modo...se tutto comunque, dipende da cause esterne, quali risposte ti aspetti da me o in generale da chi ha una visione in sintonia con questa astrologia ??

Mi piacerebbe che mi rispondessi, Alix...se ti va...

Perchè il punto è...che tu sei liberissima di NON VEDERE le cose come me. Se tu ti limitassi a dire, per me queste sono sciocchezze ingenue, irrazionali e prive di fondamento...ti direi..ok, perfetto, è la tua opinione e l'accetto.

Quindi...qual'è il problema, veramente ?? Perchè continui a cercare prove di qualcosa a cui non credi ?? te lo sei chiesta ??

ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito venerdì 3 maggio 2013
Il mio mercurio sta benissimo! Ha anche dei buoni trigoni. Peccato che la terza casa è disastrata da un Sole quadrato a nettuno che mi regala un bel problemino fisico fin dalla nascita. Fortuna che ho un Giove in prima casa che qualche risata me la fa fare. Con questo voglio dire che le cose sono maledettamente mischiate e difficili da svelare. D'altronde il termine ermetico non deriva proprio da ermes? Cioè Mercurio?
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste
inserito venerdì 3 maggio 2013
A proposito di Mercurio voglio farvi un po' divertire (come vuole il mio Mercurio in Gemelli in quinta casa) raccontandovi come si scontra/incontra con quello del mio compagno che è invece in Sagittario in undicesima.
Io ho bisogno di avere a che fare con chiunque e di entrare in contatto possibilmente con tutti, adoro i social network che mi fanno però perdere un sacco di tempo; lui afferma che la vita è breve e non c'è nessun bisogno di disperdere così le energie: ci sono poche persone con cui vale la pena di avere a che fare e i socila network raccolgono il suo massimo diprezzo o meglio, indifferenza!
Io, in casa, sono attenta ad ogni suono e rispondo anche a domande implicite; lui a volte non sente neppure i figli che lo chiamano e risponde (a bassa voce) solo a volte (ancora non ho capito il criterio di scelta).
Sul lavoro (commerciale) io ascolto molto e parlo poco, cercando di capire ciò che il cliente vuole sapere; lui parla tantissimo di cose che fondamentalmente interessano a lui, affascinando alcuni e annoiando mortalmente altri.
... e potrei andare avanti ancora molto,ma ... il mio Mercurio è sestile a Saturno, quindi vi saluto!
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ste x Alix
inserito venerdì 3 maggio 2013
Cara Alix, mi dispiace molto per il tuo problema di salute.
Capisco bene quello che ti irrita nell'eterna diatriba concreto/non-concreto con Deva.
A questo proposito vorrei dirti questo: i fattori ambientali noi non possiamo cambiarli se non nel lungo periodo, operando con altri e, in ogni caso, se hanno innescato una "risposta" nel nostro corpo, sottoforma di malattia, ormai è fatta.
Quello che possiamo cambiare è "solo" il nostro atteggiamento interiore verso gli eventi, la nostra visione del mondo, il nostro modo di porci rispetto alla realtà e alle emozioni.
Per questo ciò che ti dice Deva ha senso.
È l'unica cosa che hai il potere di cambiare nell'immediato.
È l'unica cosa davvero pratica che puoi fare.
Un abbraccio grande
Stefania
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito mercoledì 1 maggio 2013
@ALIX e LOLA

Brava Lola...!!

si, per me questo è chiaro da tempo...in me Alix proietta il suo nettuno, in particolare quella parte di nettuno che non le piace...tipo l'affidarsi, il lasciarsi andare...l'aprirsi a qualcosa di più grande, che per lei coincide con ridicola irrazionalità spiritualeggiante inconcepibile per una mente pensante del secolo in corso. ;) (ma nettuno è solo questo...??)

Mentre io, che ho l'opposizione giove saturno e mi identifico in giove, in lei proietto il mio saturno in toro (lei ha marte in toro)...perchè ci vedo un cinismo materialistico piuttosto arido (e so sempre di più che saturno non è solo questo) come in frasi tipo "ma cosa vuol dire aprirsi a nettuno nel CONCRETO...???"

E che ti devo rispondere, Alix...eh..eh....

Capisci che noi potremmo andare avanti all'infinito per "difendere" le nostre posizioni ??

Ma il punto è che vediamo nell'altra PARTI DI NOI !!!!

Il mio saturno materialista e ben piantato nella realtà C'E', è parte di me, e devo dire che negli ultimi mesi in cui mi ha dato filo da torcere, quindi l'ho integrato ulteriormente, mi è parso evidente questa proiezione su di te.

Quindi, in sostanza Alix, non ho voglia di alimentare la solita infinita diatriba che per me non ha più motivo di essere.

ciao

lara

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito mercoledì 1 maggio 2013
ALE scusa ho scritto Lea, una svista!!!


x Chichiro: sai che questa dinamica marte opposto nettuno ritorna spessissimo da queste parti, anche la quadratura, segno che è una dinamica complessa e direi sfuggente.
Nell'opposizione però sembra esserci qualcosa di 'dannato' che ha spesso a che vedere con le eredità genealogiche.
Tra chi ha questa formazione ci sono tantissime persone che hanno la strana sensazione di non appartenere alla propria famiglia, sindrome da 'uovo estraneo fuori della covata' anche al di fuori di fondamenti pratici.
Tu che mi dici???


Ad ogni modo, sapete perchè a me le cose non mi convincono mai completamente? Perchè spesso non tornano i conti, mi sono venuti in mente diversi casi di donne famose con disturbi alla tiroide oppure operate, per loro stessa dichiarazione in interviste a riviste e talk show.
Quindi persone che non hanno avuto nessuna difficoltà nell'espressione di se stesse, anzi direi il contrario, essendosi assolutamente realizzate a tutto tondo nella professione e anche nella maternità.
Capisco per una persona che come me può aver incontrato difficoltà e incidenti nel cercare il suo ruolo e dunque la più adatta espressione dunque può aver risentito di una menomazione nell'espressione vitale completa, ma loro? allora perchè psicosomaticamente ritornerebbe sempre quel sintomo???
( chiaramente escludiamo cause ereditarie e ambientali che non fanno sconti a nessuno)

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lola
inserito mercoledì 1 maggio 2013
Ciao Alix

secondo me tu e Deva rappresentate l'incarnazione del conflitto marte/nettuno!!





-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito mercoledì 1 maggio 2013
X Lea:
sai ho riflettuto ancora sul problema emotivo che potrebbe essere connesso all'espressione, in quanto le emozioni che il 5° infatti simbolizza, vanno espresse.
Come ho detto se l'emozione 'la sento' credo di riuscire ad esprimerla però è vero che non sono 'espansiva' in questo senso.
Ci sono tipi di emozione che io non sento, tipo l'esultazione, io non riesco ad esultare, stati di felicità intensa sono stati rari nella vita, sono esistiti, esistono ma non sono costanti, sempre connessi solo a momenti o periodi che ho potuto considerare molto fortunati.
Mi piace ridere in compenso per esempio e mi è capitato di non riuscire a trattenere le risate anche in situazioni che hanno richiesto che mi allontanassi per non essere di sproposito.
Ma ridere cmq è diverso dalla felicità, ridere è 'divertimento' e per esperienza so che ci si può divertire anche in periodi di depressione.
Non ho emozioni 'affettive' intense generiche, esclusivamente molto affettiva verso il compagno e i gatti.

Sapete care ragazze Lea, Deva che non riesco proprio a capire a cosa non mi apro e cosa non esprimo.
A me pare mi manchi soprattutto la annuale vacanza lunga se devo essere spassionatamente sincera, per ragioni tecniche ,diciamo così, me ne devo privare da parecchi anni e la cosa quindi non mi consente quell'evasione necessaria a 'riossigenarmi' periodicamente, a parte qualche occasionale week.
Quando non posso fare qualcosa che vorrei e di cui sento il bisogno ho la sensazione di 'stretta al cuore', proprio come se una mano lo stritolasse.
Se devo analizzare credo di non riuscire a convivere molto bene con l'idea che la vita 'imponga' delle 'rinunce'.

Unica cosa appurata è che l'esprimermi attraverso il blog non è il tipo di espressione che serva a qualcosa ( a parte le sue altre e indubbie qualità di compagnia e luogo di stimolo informazionale :)

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito mercoledì 1 maggio 2013
Scusa ma che vuol dire aprirsi a Nettuno secondo te nel 'concreto'???
Ti rendi conto che una frase così ha poco senso presa a se, sembra lo stesso che dire: "pregate e vi sarà dato".
E sai che non ho affatto simpatia per il genere.... :)
Quando dico che le persone devono tradurre l'astratto simbolico in termini pratici chiedo esattamente questo, di dire cosa ,secondo loro, vero o meno che sia il loro personale punto di vista, sarebbe l'atteggiamento di pensiero o di azione da mettere in atto come loro personale consiglio.
Indipendentemente che la tua sia una visione condivisibile o giusta o con qualche fondamento, se vuoi dare un'idea agli altri devi cercare di dare indicazioni in questo di senso.
Da lì poi può nascere eventualmente uno spunto valido che altri possono raccogliere.

Ad esempio mi piacerebbe che tu dicessi se ti è mai riuscito e 'come' di liberarti della miopia.
Questa particolarità in genere è considerata un difetto trascurabile non un malanno, come la gobbetta al naso per dire, tuttavia la psicosomatica ,dovresti saperlo, la considera un 'sintomo' con tutti il suoi precisi significati.
Tra i quali ,non sò se ne sei mai stata al corrente ci sarebbe una 'ridotta o scarsa visione spirituale' ( credo anche perchè gli occhi hanno a che vedere con il 6° chakra), un rifiuto a prendere atto del mondo allargato per come esso è veramente, e di guardare lontano oltre se stessi e diverse altre cose che ora non ricordo che riportano un pò come al vivere come in una 'bolla' , tipo un 'raccoglimento in se stessi'.

Hai sorvolato su una questione precisa che ti ho posto circa gli effetti materiali 'constatati' di Cernobyl, a me va bene che tu senta completamente diverso, però mi devi dire esattamente come il tuo sentire 'traduce' queste faccende, come le analizzi?.

Un altro esempio: c'è stato un periodo che puntavano tanto sui benefici del 'pensiero positivo' e consigliavano di addestrarsi ad esso, sorridendosi allo specchio tutti i giorni, per chi ci ha 'creduto' ha pure funzionato per un breve di periodo, fino alla prossima fermata posso immaginarmi.
A distanza di 20 anni salta fuori che questa forma di pensiero può essere addirittura deleteria in certi casi perchè 'imporsi' senza sentirla questa filosofia, causerebbe ancora più stress psichico se la persona ha già un disagio.
Ciò stà a significare quanto possono 'cambiare' le visioni delle stesse cose nel tempo.....
Ma almeno c'è chi ci prova a far 'proposte' che si traducono in qualcosa di meno astratto.

Secondo te sono 'sconnessa' ed è tutto solo unicamente un problema interiore? va bene, dimmi come a tuo pensare si farebbe realisticamente a 'riconnettersi' se tu credi che il fulcro del tutto è quello.
Che tipo di atteggiamento mentale dovrei assumere, come dovrei muovermi.....non sò quello che credi possa essere utile.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Chihiro
inserito mercoledì 1 maggio 2013
Buongiorno,
questa giornata si chiama a volte primo maggio...
Cara Alix, grazie per il link che hai postato.
Intanto vi offro un altro dato. Anche io ho Marte opposto a Nettuno...bella roba!!!
Baci tantissimi a tutte.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito martedì 30 aprile 2013
Alix

ancora una cosa

La stanchezza è per analogia decisamente collegabile a marte nettuno. Direi che la stanchezza è in particolare legata a nettuno....è come se attraverso il sintomo della stanchezza "la vita" ti "costringesse" a vivere quel nettuno che tu vuoi a tutti costi tenere fuori dalla tua coscienza...e a cui "privilegi" la forza,l'impeto, la resistenza di marte.

E mi riferisco a questa opposizione Alix, perchè mi è chiaro che tu attraverso l'arte vivi/hai vissuto nettuno.

Per me è in questa opposizione e nell'opposizione luna venere che devi guardare. Perchè entrambe, in modi diversi e in ambiti diversi esprimono resistenza contro cedevolezza, durezza contro apertura.

Poi, Alix, se queste mie parole le senti a te del tutto estranee, non le comprendi, ritieni che proprio non ti appartenga ciò che dico, va bene...ci sta...comunque...a me non costava niente dirtele.

ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 30 aprile 2013
Volevo rispondere anche a Lola.

Nel mio caso ho Plutone transitante su Luna, ma se devo considerare l'humus psichico di 18 anni fà per seguire il ragionamento, Plutone transitava dallo scorpione in Sagittario , il tempo è collocato a distanza di 3 anni circa dalla 'perdita' che per me fù dei miei progetti ambiziosi, e ci può stare visto che ero andata in depressione per tale ragione.
Nel corso del suo lungo arco però il transito si era trasformato in un periodo rasserenante che aveva fatto esplodere oltre all'interesse astrologico molti interessi tipici di quel periodo New Age.
Oppure devo pensare che è decisamente più recente e quindi è riferibile proprio a 'questo' di transito, tra l'altro 6 mesi prima della diagnosi è intervenuta una cosa 'reale' che ho subito considerato un potenziale grosso fastidio con poche possibilità di soluzione.
Del resto nella vita di una persona sarebbero sempre identificabili delle potenziali cause scatenanti non pensate?
La 3 causa di forti stress fisici sono riconosciutamente i traslochi, 6 anni fà ne ho fatto uno davvero molto impegnativo, faticoso, per le dinamiche logistiche che ha coinvolto, ma è anche stato anche un momento strafelice, intensamente dinamico, con la colonnna sonora anche di grande e intensa storia d'Amore.
Vuoi vedere che 'troppa felicità' inattesa poi fà venir male :).....potrebbe anche essere, troppa 'emozione' in un soggetto disabituato a gestirla.
Eh....ma se fosse così non se ne esce più

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito martedì 30 aprile 2013
@ALIX

Questioni che riguardano le malattie sono sempre MOOOLTO delicate perchè si entra nell'intimità dell'altro, ma visto che sei tu per prima che ne parli e soprattutto che, visto che non hai mai dato i tuoi dati sei irriconoscibile, ti dico apertamente cosa ne penso.

Premessa
Io non credo a nessuna verità assoluta, Alix...uffa, tu continui a ribadire sta cosa. Credo a ciò che vedo. All'unità che siamo con la vita, perchè ne faccio ESPERIENZA dal momento che i miei valori sagittario con giove in XII non potrebbero che portarmi a questo.

Quindi, certo che non mi aspetto che tu ritenga questo vero visto che non ne fai esperienza, dal momento che i tuoi contenuti riflettono altro.

Se pensassi che tutti dovrebbero vederla come me, vorrebbe dire che l'astrologia non funzionerebbe perchè un gemelli, sicuramente non la vede come me e nemmeno un cancro....o un aquario....insomma...spero che tu abbia capito cosa intendo.

Detto questo, passo a te. Alix…ciò che traspare dalle tue parole, visto che tante ne sono scorse in questi anni, è un sostanziale non amore per la vita che tu hai ampiamente confermato. Molta rabbia, amarezza, insoddisfazione. Sembra che sia il mondo e gli altri che ti fanno il torto di non essere “giusti” e adeguati a te e che quindi la tua rabbia e infelicità sia giustificata.
Io credo che la salute sia un equilibrio con la vita che non possa prescindere dall’amore verso di essa dal momento che siamo tutt’uno con essa.
Qundi….Alix….tu dirai….bene, se io non amo la vita che ci posso fare ?? certamente non puoi sforzarti di amarla. Ma, mi permetto di dirti…sforzati di guardare OLTRE. Tua hai quel marte opposto a nettuno che è in analogia con le parole di un tuo ultimo post.
Un iper difesa. Sei aggrappatissima a difendere le tue tesi, Alix come se avessi una gran paura di aprirti a quel nettuno. Cerca di capire da cosa ti stai difendendo !!! a cosa temi di lasciarti andare ?? cosa potrebbe accadere se smetti di difenderti e ti apri a nettuno e a tutto ciò che esso rappresenta ?? rimanendo ancorata a quel IO prima casa….ti perdi l’INTERO che sei.
E so già, Alix che mi risponderai che non è così, che quel nettuno l’hai perfettamente integrato, che vuoi consigli pratici, concreti, spiccioli, ma questo corrisponde sempre alla strenua difesa del tuo io.
Ma, io continuo ad essere convinta che tu non sei qui per caso….al di là di tutte le giustificazioni che ti dai; tu sei qui sempre per “lottare” contro nettuno….ma permettiti, solo per un momento, di “arrenderti”…..fallo per te, non certo per me, che non me ne viene niente…. ;)

Quindi, ricapitolando...non la devi pensare come me....chiaro che non potresti farlo, non mi interessa che lo fai...e non sarebbe nemmeno possibile che lo facessi...ma quel marte opposto a nettuno è tuo...l'integrazione potenzialmente è tua se sei disposta a fare un passo indietro (in termini di ego, casa prima) e aprirti a ciò che temi.

Ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 30 aprile 2013
X Deva :)
Giusto per rifarmi ai due post precedenti io penso che tu abbia introiettato un sistema di credenze che ritieni verità assolute oltre le quali non esiste più nulla.
Niente di male in questo, anzi, se queste convinzioni fermissime che tu hai ti 'riparano' da mali o malattie meglio per te.
Il problema è che io non credo mai in qualcosa come 'ultima verità assoluta' il che mi rende un tantino 'impraticabile' abbracciare certe vedute senza pensare che al di là di quelle e avanzando c'è sempre qualcosa che spiega meglio qualcosa.
Vedi, ci sono individui che credono di essere stati miracolati da santi e madonne, è evidente che se credessero fermamente nelle virtù terapeutiche di una ciliegia, i risultati sarebbero gli stessi, tantopiù che il progresso scientifico nei tempi ha spesso dato spiegazioni a ciò che prima era inspiegabile.
E' la certezza che quel che credi è 'vero' che produce 'risultati' nel senso che tu credi.
Infatti il mio problema più grande è che probabilmente non riesco a credere profondamente o abbastanza vuoi nelle cure di nessun tipo o vuoi anche nelle mie personali risorse di autoguarigione.
Chiaro che manca qualcosa di fondamentale.




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 30 aprile 2013
In attesa di entrata post precedente inviato, continuo.......

Per Ale: in effetti la razionalizzazione eccessiva è un meccanismo di 'difesa' ma deve essere eccessiva, a voi pare che razionalizzo in maniera eccessiva..... come chi dice che non crede nell'aldilà perchè non ci sono prove reali della sua esistenza?
Non mi sembra di far parte di questa categoria ma se così a voi sembra prendo atto :)
Più che altro a me pare più di non possedere o evitare di possedere un sistema di 'credenze assolute' perchè continuamente interessata a più aggiornate informazioni.

Ad ogni modo l'argomento che dicevo prima che ha attratto la mia attezione è una interpretazione del sintomo iper, io intanto parto dal presupposto che questa intanto è una dimensione collaterale, dovuta alla presenza dell'adenoma che ha spinto ulteriormente sull'accelleratore.
In ogni modo a parte ciò, avendo da sempre un metabolismo accellerato, ho scoperto che ritengono che questi soggetti reagiscano a 'sensazione' (il che rietrerebbe bene con l'analisi che facevo post fà della sensibilità 'captante' della congiunzione mercurio-plutone).
In pratica i soggetti ,secondo questa idea, reagiscono alle modificazioni dell'ambiente in maniera 'non' filtrata dalla psiche.
Cioè non metterebbero in atto meccanismi di difesa 'psichici' ma 'organici' difendendosi 'aumentando' il metabolismo, questo perchè è come se sentisse di essere costantemente 'attaccata' e quindi in uno stato di 'allerta cronico' come quando entra in circolo l'adrenalina.
Come se pensasse di dover reagire a continue 'aggressioni'.
Questa situazione cellular/sensitiva bypasserebbe completamente ,cosi dice chi ne sà meglio di me in proposito, tutti gli strumenti 'difensivi psicologici' e appena la persona 'sente' quindi capta a 'pelle' la sensazione che esista un problema nell'ambiente si difende aumentando il metabolismo, come per essere sempre pronta a scattare.
In pratica quindi è come dire che non utilizza tutti i più comuni strumenti di difesa psichica dove si annoverano tra i più noti ( ce ne sono tantissimi ) la negazione, la rimozione, la dissociazione,la proiezione, lo spostamento, sublimazione etc.
Ritengo che queste siano deduzioni con un senso.
Naturalmente il problema è la 'percezione' che non sempre è del tutto 'realistica' di un ambiente sentito come 'costantemente' minaccioso o aggredente dal soggetto, dato che incide l'interpretazione che il soggetto da ai fatti, fatti che tuttavia possono aver avuto un 'originario fondamento' che ha innescato il meccanismo biologico.
Questo è quanto, le più moderne analisi indicano come ipotesi da considerare.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 30 aprile 2013
Ale, può essere..... tendenzialmente tendo a ragionare in maniera scientifica non emotiva, del resto ho una Luna Capricorno, però è capitato che scene commoventi al cinema mi coinvolgano al punto di piangere, perciò non mi pare di trattenere del tutto le emozioni 'quando le provo'.
Ad ogni modo il problema emotivo può essrci, a me interessa molto l'indagine transgenerazionale.
Nella genealogia familiare che conosco le morti sono state prevalentemente per infarto, problemi tiroidei o polmonari ( tutte robe connesse al 4°/5° chakra come era stato evidenziato), il chè parla senza meno di una eredità emozionale difficile e non espressa da nessuno dei miei avi.


X Deva: per me non esiste la parola 'sperare', io 'conto' sulle cose, le attendo, non credo ai 'miracoli', ma sistemare questa problematica non è semplice ne dal punto di vista medico ne psicosomatico.
E tantomeno posso attribuire un problema esclusivamente alla psiche ritenendola causa originaria di ogni cosa.
Fai conto che le persone 'colpite' che conosco sono tutte over 50 perlopiù, anche se la problematica può presentarsi anche prima in certe condizioni.
Alla tua età stavo benissimo organicamente in perfetta forma, quindi è chiaro che l'ingresso in menopausa abbassa delle difese immunitarie come ipotesi.
Tu invece sembri voler ignorare del 'tutto' le cause ambientali, come non esistessero completamente :)
Lo sai almemo che l'esplosione di Cernobyl ha prodotto nell'area circostante un'aumento terrificante dei casi di bambini afflitti alla tiroide già piccolini??? Prima i casi erano meno di 5 all'anno, una rarità, dopo ce ne sono stati 50.000 all'anno.
Sono tutte cause psicosomatiche esplose all'impovviso come il reattore nucleare secondo te??? come lo spiegheresti???
Questi sono 'fatti' concreti, e anche ammettendo l'importanza delle incidenze psicologiche (che non nego affatto mi sembra) non tutto è riportabile solo a quello mi spiace.
Credo di aver letto di recente da qualche parte che ogni giorno siamo alle prese con qualcosa come 280.000 sostanze chimiche, un abbassamento o uno squilibrio nelle difese immunitarie ( che può benisimo essere prodotto da stati di stress psichico) e l'esposizione costante a tutto ciò fà il resto sull'organo cosiddetto 'bersaglio'.
Ma questo rende piuttosto 'evidente' che intervengono molteplici fattori.

Per i tumori non sono ancora state individuate le cause 'psichiche' precise, la scienza ritiene che sia originario da 'danni' alla struttura del DNA che reagisce a cause biochimiche e ambientali anche se non sempre 'identificabili' con precisione, questo per dare un' esempio di altra interpretazione.
La psicosomatica ritiene che abbia origine da 'lutti'e profondi dolori, quindi da 'perdite'.
In genere si riferiscono a persone care ma non è escluso che una 'perdita' di qualunque cosa vissuta a livello psichico 'come' un lutto agisca nello stesso modo.
Se ci pensi cmq una cosa 'non esclude' l'altra.
Sono 'ipotesi' però, ancora non completamenmte avvalorate nemmeno dalla psicosomatica stessa.
Ma le prendiamo in considerazione, e cmq queste sono spiegazioni di 'cause' senza che nessuno indichi 'esattamente' l'azione da fare poi per superarle.

Prendiamo buono che sia una problematica di origine emotiva per fare l' esempio, ok, che devo fare 'forzarmi' ad esprimere emozioni che non provo assolutamente??? Non mi pare essere la direzione adatta
Datemi qualche consiglio di ordine 'pratico' giusto per esaminare delle potenzialità

ciao, dopo torno
ho trovato un'analisi nuova che ha colpito la mia attenzione e che voglio condividere.


X la Chikiro e x il tuo caso:
se digiti : Tiroidite di Hashimoto-Aspetti Psicologici.pdf
trovi un'analisi, lì direbbero che per quel tipo specifico la base starebbe nella difficoltà a 'verbalizzare la malinconia'
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ale
inserito martedì 30 aprile 2013
Alix, io credo che tu razionalizzi troppo, per difenderti dalle emozioni.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lola
inserito lunedì 29 aprile 2013
X Alix

secondo me si, e'possibile che la causa del tuo problema risalga a parecchi anni fa.
Dipende se lo hai superato solo razionalmente. Il tempo tende poi a placare il senso di impotenza e la rabbia e sembra di avere elaborato il tutto.
Personalmente sto vivendo proprio questo: cose che credevo di aver superato da tanto tempo si stanno ripresentando (situazioni diverse ma che scatenano le stesse emozioni negative) e faccio davvero fatica a gestirle. Non a caso ho il transito di plutone sul mio stellium in capricorno!!!

Forse anche nel tuo caso, qualcosa nella tua vita attuale ha riaperto vecchie ferite mai completamente superate mostrandosi stavolta attraverso il disturbo di cui soffri.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito lunedì 29 aprile 2013
Oggi è una di quelle giornate 'no' in cui proprio non mi sento di far cose.
Aggiungo una specifica all'ultimo post, dato che quì si analizzano spesso l'incidenza di fatti che hanno inciso in un 'tempo lontano' che è quello dell'infanzia o anche eventualmente dell'adolescenza, volevo solo evidenziare che non credo che i 'traumi' avvenuti in età adulta si incidano come quelli infantili e che possano resistere per così tanto tempo, a meno che a quelli 'primari' in qualche modo non si riaggancino per simbolismi, il chè può benissimo essere.

E cmq esistono 'traumi' e 'traumi', ricordo per esempio di essere caduta male da un'albero da piccola per mio errore fatale.
Mi spaccai tutta la faccia, eppure questo episodio non è fù 'emotivamente traumatico'.
Certo, mi ricordo che mi feci un male dell'accidenti e ricordo la corsa a chiedere aiuto gridando e tutta sanguinante ma non è possibile considerarlo una 'ferita'.
Ho quindi l'impressione che quando si parla di 'traumi veri' che si sono incisi profondamente c'è sempre il coinvolgimento e l'incidenza di un'altra o più persone, il che è significativo di qualcosa di importante a mio avviso che non può riguardare esclusivamente la persona stessa.



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito lunedì 29 aprile 2013
@ALIX

Se ritieni che le cause siano esterne, c'è poco da fare, Alix. Non puoi che attenerti alle cure del medico e sperare che le cose cambino.

ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito lunedì 29 aprile 2013
Deva:
ho dimenticato un'altra cosa, la mia ricerca di cause non è indirizzata ai significati al momento anche perchè come sai io considero 'concausali' gli scatenanti di un disturbo , non esiste mai per me una causa 'unica' e per di più riferibile solo alla psiche, almeno per ciò che è la letteratura scientifica.
Quì in zona pare diffusissima la patologia e il fatto che non sia proprio uno dei luoghi più 'salubri' del territorio forse una qualche implicanza anche esterna esiste non crederesti ???

Ero più curiosa di capire 'quando' potenzialmente si è originata la prima cellula impazzita.
Di quanto dovrei andare indietro???
Se mi rifaccio a ciò che disse Solerossella devo andare indietro di almeno una 15dicina d'anni dalla diagnosi, in tutto diciamo 18 anni, dunque se faccio una valutazione (solo psico) non riguarderebbe una problematica attuale ma qualcosa che già colpì allora l'emotività per emergere in disturbo soltanto ora....... a così tanto distanza di tempo per rovinare qualcosa che hai superato??? mah......pare strano.
Sarebbe come dire che non saresti mai al 'sicuro' da ciò che è accaduto nel tuo passato allora.
I calcoli mi avvicinano (vagamente) come eventi a quella catastrofe professionale con 'tradimento elettivo' circa le aspirazioni che condividevo in accoppiata che per me fù come un grave incidente psicologicamente paralizzante, ma io questo lo sò da tanto tempo, entro i 40 avevo già analizzato completamente la portata enorme di quella delusione con bruttissima sorpresa traumatica e delle sue conseguenze.

Pensate che possa avere radici ancora in un fatto tanto lontano ?
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito lunedì 29 aprile 2013
Continuo.......
ancora per Deva, giusto per farti capire quanto mi conosco a fondo, le mie rabbie non sono sconosciute, nascono da certe situazioni che avverto come 'costrittive' non perchè qualcuno mi obblighi a far qualcosa, ma in quanto avverto a volte l' impossibilità ad esercitare un potere personale sufficiente a che faccia volgere certi eventi vitali secondo mia preferenza o che in altri casi ne possa eliminare prontamente il disturbo che certe cose creano.
Nella vita per di più ti scontri anche con diverse questioni sulle quali non sempre ti trovi ad avere potere diretto di azione o intervento.

Ma a parte questa seconda opzione, sul personale e basta più che riconoscere l'esistenza di 'rabbie' per questo o quell'altro, invece di 'sotterrarle' e far finta che non esistono.
Guarda che è nascondersi le cose quello che crea l'ombra nascosta , io le vedo, solo che evidentemente non faccio sempre i passi più giusti per trasformare l'irritazione in qualcosa di potenzialmente costruttivo e risolutorio.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito lunedì 29 aprile 2013
Continuo.....
Sai Deva cosa mi aveva detto l'endocrinologo?
Non si deve arrabbiare! E' una parola.... evidentemente questa è una cosa che ha un suo peso psicosomatico consistente ma non riesco a non arrabbiarmi di fronte a certe cose sia private che pubbliche, come si fà dico io ??
Se avete il segreto ditemelo :)

Ad ogni modo, giusto per altra informazione, sembra che la parola 'psicosomatica', sia già considerata vecchia e superata, in quanto studi più aggiornati cominciano a ritenere molto più 'incidente' il peso dell'ambiente in cui uno si trova collocato dalla nascita e poi via via si intende.
La familiarità genetica ( che nel mio caso cmq è fortemente presente) avrebbe un incidenza relativa se l'ambiente che si và a incontrare ( che va letto come individui, rapporti relazionali, eventi, strutture circostanti, situazioni vitali personali e globali etc.) non facessero accendere i 'recettori' di 'quella' problematica con conseguente organo bersaglio che altrimenti rimarrebbe dormiente.
E' a quello che reagisce in bene o male la cosiddetta 'psiche' che è strettamente collegata a fattori biochimici neurofisiologici, risultando come l'innesco che attiva un malfunzionamento.
Ma ciò, non si produrrebbe se ciò che incontri nella vita risulta più o meno costantemente a te più idoneo e favorevole.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito lunedì 29 aprile 2013
Deva, Ale, francamente al momento cerco un'idea nuova da valutare, o un'idea precisa da considerare dato che è possibile che nelle mie valutazioni abbia preso in considerazione qualcosa di sbagliato.
Cerco il 'come uscirne' non la causa , cause o concause, dato che non posso per ovvi motivi quì analizzarvi tante questioni private con estrema precisione.
Non sò più come dirtelo Deva, le motivazioni che nella vita mi creano disappunto e quindi stati d'animo negativi (che eventualmente influiscono) io le conosco molto bene dato che conosco bene me stessa, è che tante di queste non possono essere cambiate a mio piacimento.
Avrei bisogno di una 'bacchetta magica' o di un potere di intervento consistente.
Quindi posso cercare di trovare al massimo un atteggiamento mentale che mi permetta di convivere con certe cose, magari ignorandole completamente.
Che è la stessa cosa che fà chi 'rimuove'in sostanza se ci pensate, non vede dunque la questione è come non esistesse e così vive tranquillo e pacifico.
Ma ignorare può essere quindi una soluzione valida ???
Il dire no Ale non costituisce un problema in genere per me, ma non sempre muta certe cose o situazioni, non le trasforma sempre in qualcosa di meglio, non perchè non serva, quantomeno una sfoga il suo disappunto mandando anche a vaffa se occorre, ma se hai intorno qualcuno che 'non capisce' e 'non vuole capire' 'tarda a capire' si resta cmq punto e a capo.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ale
inserito domenica 28 aprile 2013
Ciao a tutti, vi seguo spesso ma, un pò per pigrizia, un pò per mancanza di tempo non ho mai partecipato attivamente.
E' molto interessante quello che scrivete e vorrei aggiungere che il corpo ci lancia dei segnali inequivocabili che noi dobbiamo cogliere, interpretare.
Il corpo non sbaglia mai, ci dobbiamo chiedere di che cosa mi sto privando? A quale bisogno primario sto rinunciando? A chi sto permettendo di sottrarmi la vitalità e la creatività? A chi non dico NO? A chi? C'è sempre una relazione da definire.
Domani mattina scriverò ad mia amica e le dirò quello che penso, quello che mi porto dentro da anni. Il rischio è che lei si allontani,che se ne vada, ma per la paura di perdere le persone e di essere abbandonata sto perdendo me stessa.
Un saluto a tutti
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ale
inserito sabato 27 aprile 2013
Ciao a tutti, vi seguo spesso e, un pò per pigrizia, un pò per mancanza di tempo, non ho mai partecipato attivamente.
Ma se cominciassimo a dire quello che non ci va? non sarebbe meglio? Se cominciassimo a dire no? Se cominciassimo a farci rispettare e a non permettere agli altri di prendersi quello che è nostro? Scrivere può essere un modo per iniziare a fare chiarezza, per iniziare a capire come stiamo e dove vogliamo andare ma non basta.
il corpo ci manda segnali chiari, il corpo funziona bene, ti dice che stai rinnegando una parte di te, ti dice che non ti stai ascoltando.
Che cosa ti manca? Cosa non riesci a dire?
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito sabato 27 aprile 2013
@ALIX

Considera che la malattia rappresenta l'ombra, cioè ciò che non si vuole vedere, riconoscere, integrare in se stessi, il cui "principio" quindi "cade" nella dimensione materiale, fisica, visto che siamo un intero, per cui ciò che non ci piace non può sparire nel nulla.

A me invece dai l'impressione che nella tua ricerca di comprendere il motivo per cui hai questo problema (ne abbiamo anche già parlato a lungo in passato), stai cercando cause, in qualche modo, in "sintonia" con te, respingendo proprio ciò che ti è più estraneo.

Questo è normale perchè l'ombra non la vogliamo vedere...è molto facile riconoscerla o presumere di riconoscerla negli altri, ma difficilissimo in se stessi, se no non sarebbe "ombra" ma il punto è che se vuoi comprendere veramente cosa ti sta dicendo questa malattia, le devi andare incontro e devi essere disposta a capire cosa rappresenta anche se ciò che ti vuole mostrare non ti piacerà per niente ma è proprio perchè non ti piace per niente che si è trasformato in malattia.

ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 27 aprile 2013
X Chichiro:

Lidia è una professionista 'autorevole', nel senso che è riconosciutamente competente, tanta esperienza unita ad una naturale predisposizione alla materia, capacità raziocinanti unite a grande intuizione, un grande punto di riferimento, anche 'generosa' data la luna in leone, visto che ,seppur per suo lavoro, mette volentieri a disposizione tempo e competenze con una certa 'larghezza' di informazioni.
Inoltre ha il grande pregio di 'ascoltare' i pareri anche di quelli con meno competenze di lei, perchè presumo senta che un'idea illuminante possa arrivergli anche da loro.
E' bravissima ma 'non se la tira', come si usa dire :)
Il che ne fà una 'vera esperta' e non un'opinionista travestito da esperto, dato che
si incontrano personaggi fanatici che pur senza possedere la sua 'solida struttura astrologica' pretendono di essere geni unici dell'astrologia.

--------------------------------------------------

Vi voglio segnalare due articoli su Mercurio analizzato approfonditamente che mi sono parsi interessanti:
"Mercurio il grande trasformatore" di Lucia Pelosi
" Mercurio e la comunicazione : dal mito alla coppia" di Graziella Bonsignore.
--------------------------------------------------

un saluto a tutte
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 27 aprile 2013
Hai ragione Lidia che sia coinvolto anche Giove, visto l'asse gemelli mercurio sagittario giove, tra l'altro avevo citato una cosa con piccolo errore: la Vishudda in effetti è associata anche a Giove, tantopiù che il suo colore sarebbe l'azzurro o blu che anche in esoterismo è sempre associato al pianeta giove.
L'associazione con Mercurio è quella che emerge più di acchito per via dei significati elencati che coinvolgono molte caratteristiche del mercuriani gemelli ( oltrechè quelli del toro per via della sede associata alla gola)
Oltretutto per coincidenza la sua forma è a 'farfalla' che direi ci stà con la leggerezza mercuriale.
L' astrologia medica ho visto assocerebbe più Giove coinvolto con l'ipofunzione ( che infatti tra l'altro porta come effetto collaretale un forte ingrassamento dato che il metabolismo si impigrisce) quindi per traduzione assiale l'iperfunzione dovrebbe essere più associata per conseguenza a Mercurio mi sembra ( e infatti con l'iper il metabolismo al contrario è 'superveloce' per questo si tende a dimagrire)
Le due disfunzioni infatti pur riguardando lo stesso organo sono 'opposte'.
Il discorso credo sia complicato da individuare esattamente astrologicamente e in medicina per via del fatto che la tiroide regola un complesso meccanismo di funzioni regolatrici, e infatti è definita una rogna 'riregolarla' quando si disequilibra per questo motivo, è una funzione soggetta talmente a tante imprevedibili variazioni da rendere complicatissimo 'stabilizzarla' quando se ne và troppo fuori giri o in un senso o nell'altro.

Quindi cmq mi pare che in conclusione dobbiamo considerare Mercurio Marte Giove e mi dici anche Nettuno ( forse anche X Eris?) coinvolti tutti con questa importante ghiandoletta.
Per di più in questo caso la 'disfunzione' è una conseguenza collaterale dell'adenoma, non esisterebbe di suo senza quello, dunque direi che anche plutone rientrerebbe in causa.

In conclusione Lidia, secondo tuo parere ed esperienza come mi consiglieresti di fare per modificare quei tratti caratteriali che potrebbero influire per favorire meglio un percorso di autoguarigione???
Io non sò proprio più che fare devo dire, ( a parte i vari metodi di cura da me accettati, chiaramente essenziali)
Se perdo la intima certezza che questa cosa è un'impasse superabile sò già che poi rischio di finire di nuovo in depressione nera, i tempi che si stanno facendo davvero troppo lunghi non giocano a favore della mia resistenza psicologica.
L'idea di portarmela dietro a vita per me equivale ad una 'condanna'.

grazie se mi puoi dare un'idea, un saluto
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Chihiro
inserito venerdì 26 aprile 2013
Alix bella e sapiente!!!
Mi offri sempre nuovi e stimolanti punti di vista.
Comunque confermo che ho un Giove Cancro leso in terza dalla Luna Capricorno in nona. Chissà, forse Lidia ha ragione. Tra l'altro il mio Mercurio è trigono a Giove...
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lidia
inserito venerdì 26 aprile 2013
cara Alix,
non mi trovi d'accordo con il VERBO legato a Mercurio. più che mai è associabile a Giove, il ponte tra l'umano e il divino.
Ci sono forse da approfondire i temi dell'asse Gemelli Sagittario perché non sono così chiari nel senso che possono essere facilmente scambiabili.. o per lo meno possono appartenere ad entrambi i pianeti.
Il LINGUAGGIO però è una roba gioviana mentre la possibilità di parlare è una roba più mercuriale. ma sono due pianeti che funzionano bene quando interscambiano perfettamente altrimenti è difficile capire cosa appartiene ad uno e cosa all'altro.

Però, quando parliamo di espressione del pensiero e di filosofia che, ovviamente vengono comunicate, ma stiamo parlando di Giove più che di Mercurio che è il "messaggero" di Zeus e non il contrario.
Un saluto Lidia
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lidia
inserito venerdì 26 aprile 2013
cara Alix,
però, se sono coinvolti Marte e Nettuno possiamo allora parlare di un disturbo autoimmune.. ed ecco che Marte, confuso da Nettuno attacca o lavora contro una parte del suo personale sistema.
Comunque è il Toro 3/0 Giove il responsabile della tiroide mentre Saturno e Marte sono l'insieme del sistema immunitario che, può essere confuso da Nettuno e, pertanto, non distinguere bene ciò che appartiene al proprio sé corporeo e ciò che, invece, è diverso.
Un saluto Lidia
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Delia
inserito mercoledì 24 aprile 2013
La comunicazione : giove in 9 casa?
Avrei detto mercurio!
Io sono nata in nona casa e giove c è l ho opposto in 3 casa in Ariete (io sono bilancia) mi devo preoccupare?
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX ancora x Lidia
inserito mercoledì 24 aprile 2013
Ah....mi sono dimenticata di aggiungere che dato che la tiroide e implicatissima nell'equilibrio 'ormonale' e dato che gli ormoni vengono definiti dalla scienza 'messaggeri' visto che trasportano l'ossigeno al sangue e quindi lo consegnano a tutti gli organi, mi pare proprio che qualche collegamento a mercurio ci stia.
Si trovano queste informazioni in una disciplina medica relativamente giovane definita con un parolone di 30 lettere : "psiconeuroendocrinoimmunologia"
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX x Lidia
inserito mercoledì 24 aprile 2013
Ti spiego subito Lidia, perchè è il sistema della lettura dei chakras che lega fattori 'mercuriali' a differenza della interpretazione umanistico/ astrologica.
Il 5° Chakras 'gola' è rappresentante:
dell'Etere, del Suono,dell' udito ( legato ai mercuriali astrologici gemelli), creatività,parlare, comunicazione verbale e non verbale, linguaggio, ascolto di voci esteriori e interiori, è centro di 'espressione', respiro, perchè in quella filosofia è attraverso la 'parola' che si lascia risalire ciò che c'è in profondità secondo le loro letture : l'amore, l'odio, il pianto, il riso,la paura, l'insicurezza, l'indifferenza.
E del resto si parla anche di 'otorinolaringoiatria' a testimonianza che queste sedi sono collegate.
La tiroide è quindi associata a questi significativi in quanto parte della VISHUDDA che comprenderebbe: Collo, gola, mascella,orecchie, voce,trachea, bronchi, esofago,braccia,parte superiore dei polmoni, tiroide e paratiroidi, ritmo cardiaco, timbro e tono di voce.
E a questo 5° chakra quando si trova indicato un pianeta relativo per questa filosofia sarebbe mercurio, mantra HAM.
Certo l'espressione 'scritta' non è come espressione 'verbalizzata emettendo suoni' o il canto magari, ma è pur sempre comunicazione, del resto visto che non faccio comizi di piazza ne la conferenziera.......mi è un pò difficile trovare qualche altro modo :)


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito mercoledì 24 aprile 2013
X Chichiro:

Nel mio caso sono 'iperfunzionante', è molto più raro il disturbo (e te pareva che da uraniana mi conformassi alla norma generale pure quì ;)
A volte i disturbi collaterali sono similari, appunto come la stanchezza cronica già presente anche dopo ore e ore di sonno, tuttavia IPO e IPER sono dissimili e quindi soggetti a tipologie di cura completamante differenziate.
Altre manifestazioni sono diverse, l'iper tende a dare forti tachicardie come se si fosse sempre 'in corsa' ( questo sintomo cmq è assente da tempo ).
Nel mio caso devono 'rallentare' il funzionamento ma se lo rallentano troppo finisci in ipo e quindi ti fanno praticamente passare da una rogna all'altra, con conseguente ingrassamento anche, cosa che psicologicamente non sopporto dato che essendo stata sempre superlongilinea e quindi 'leggera e scattante' se metto su solo 5 kili che mi passano dalla 42 alla 44 mi vedo e mi sento già pesantissima, quindi non più a mio agio con me stessa.
Appartengo a quella categoria che ha sempre potuto mangiare ciò e quanto voleva senza mettere su un etto, quindi fai tu, una cosa che ho anche sempre considerato una gran fortuna :)
Dunque ho dedotto che la mia normalità è sempre stata comunque un leggero iperfunzionamento è che l'adenoma lo ha reso 'esagerato'.

Indicazioni di preparati vari è sempre meglio che li dia uno specialista dei vari campi, posso solo dirti che nel mio caso avevo inzialmente provato con preparati erboristici, persino i fiori di bach ( nei quali per la verità non credo molto ma già che c'ero.....) in più variando miratamente la tipologia di alimentazione ma non avevano prodotto grandi risultati.
Reagisco meglio a preparati di tipo omeopatico in genere che vanno però studiati secondo 'personalità'.
L'omeopata è anche psicologo e quindi cerca di 'individuare' la tua tipologia specifica e dunque, a parità di diagnosi, anche i preparati consigliati seguono un'idea di 'personalizzazione' che si 'adatta' a 'quel soggetto' e non ad un'altro.

Astrologicamente si, direi che il Marte toro è coinvolto ma più che altro perchè il mio è afflitto sia da urano che da sole che da nettuno.
Però in altri soggetti non è presente sistematicamente.
Posso dirti che il problema si è evidenziato senzameno con il transito di plutone su Luna.
Il guaio è che è irrintracciabile il 'tempo preciso pregresso' della possibile formazione dell'adenoma.
Tantopiù che possono rimanere del tutto asintomatici.
Da quando era presente??? Si possono creare in qualche mese? Anni oppure devo valutare decenni???
Come faccio a capire quando le cellule hanno iniziato a lavorare per conto loro??
Ciò che si manifesta 'ora' dove ha radice iniziale???

Ho letto che per l'ipo invece è coinvolto Giove, senza contare che essendo tipi di disfunzionalità che colpiscono prevalentemente le donne è probabile che ci sia coinvolta anche X Eris.
La mia Eris ha un quadrarato alla Luna in questo momento impegnata infatti dal transito Plutonico.
La mia genitrice ha marte in Sagittario in 2a sede toro ( ritornano marte e giove) ed era ipo come te.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Lidia
inserito mercoledì 24 aprile 2013
cara Alix,
perché associ la tiroide a Mercurio e il quinto chakra a questo pianeta? La tiroide ha molto a che fare con l'asse seconda ottava e, in particolare a Giove.. l'espressione non è mai un fatto mercuriale.. ma gioviale.
E' Giove che associa tutti i pensieri e poi, in modo più o meno carismatico li esprime.. Mercurio è quello che "parla" ovvero che utilizza le associazioni di Giove e le porta fuori.. ma, personalmente ritengo che la possibilità di esprimere sia legata alla nona casa e a Giove.
Mercurio è più legato alla discriminazione, alla capacità di portare dentro le informazioni che
poi, una volta associate, prendono un senso.. quindi è Giove che fa tutto questo tipo di elaborazioni e che consente infine di trasformare i fatti dettagliati della vita in "esperienza".
Un saluto Lidia
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Chihiro
inserito mercoledì 24 aprile 2013
Champagne cara Alix!
La tiroidite di Hashimoto mi fa compagnia dal 2006.
Affaticata di colpo dopo la morte di mia madre, non riuscivo neanche a camminare...Ipotiroidismo bestiale allora.
Ha a che fare con il tuo Marte in Toro?
La carta natale forse me ne parla nell'opposizione di Urano al mio -probabile- ascendente Toro.
CAro abbraccio e fammi sapere che rimedi naturali usi!
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito mercoledì 24 aprile 2013
X Chichiro:
Sapevo che di solito i gemelli monozigoti sviluppano un legame davvero molto forte , tenacissimo e indistruttibile.
Quindi gli eterozigoti mi fai comprendere non siano così animicamente uniti.
Certo che la psicologia evidenzia spesso situazioni sempre molto lontane dall'idea delle famigliole da pubblicità :(
Ad ogni modo Chichiro penso che questo sia dovuto al fatto che ci si senta più feriti quando a tradire o deludere è qualcuno della stessa parentela, gli altri come dire, passano e vanno, li si dimentica più facilmente.
Posso presumere che i dissidi intrafamiliari siano parte di una certa 'similitudine' anche molto vaga e lontana ma inevitabile per via di geni in comune a reagire a certe situazioni e comportamenti.
Personalmente non credo più nelle teorie karmico spiritualistiche, tuttavia per chi fosse interessata, si dice che il Karma stesso crei volutamente legami genetici tra anime che hanno contratto problematiche passate e che quindi tendono a ripresentarsi, nell'intento attraverso il legame di sangue appunto, obligatoriamente relazionale, di rendere la 'riconciliazione' in qualche modo più possibile superando le antiche discordie.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 23 aprile 2013
X Deva:
Volevo aggiungerti che il contrasto 4a 10a non è sempre necessariamente presente, una persona può essere benissimo 'attiva nei suoi ambiti' è che mi sento spesso davvero molto stanca per fare delle cose che vorrei fare, per fortuna non devo 'forzare' ma insomma mi pesa non poter essere al top di forma e non vedere miglioramenti sostanziali......anche se meglio che notare peggioramenti in ogni caso :)
Temo il rischio che il tempo protratto mi faccia perdere la convinzione che possa esserci un rimedio valido definitivo e risolutore.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 23 aprile 2013
X Flo:
informarsi è sempre utile a mio parere, leggere, sapere, conoscere cose, poi ovvio che ognuno può anche avere idee diverse sulle cose, ma la base di scelte quanto più possibile consapevoli, almeno 'per se stessi' per quanto poi effettivamente si riesce da microatomi in sistemi macro, è cercare di conoscere di più, altrimenti ti 'rifilano' qualsiasi opinione come verità unica indiscussa e indiscutibile.
Sono con te che le dinamiche sono spesso molto complesse, a volte intricatissime, per di più possono essere viste da diverse angolazioni e anche 'interpretate' diversamente secondo orientamenti..... ma apposta il 'libero pensiero' cerca di sollecitare il far 'pensare da se' offrendo spunti e idee.
Indipendentemente da ciò che poi uno può trarre di conseguenza con il suo libero arbitrio.
Si definisce 'partecipazione orizzontale ai sistemi di pensiero', piuttosto che verticale.
Giusto per essere un pò più informati sarebbe auspicabile che si diffondesse molta più curiosiosità di approndire da se le questioni che si incontrano.

:) grazie per augurio
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito martedì 23 aprile 2013
Grazie per gli interventi ragazze.

X Delia:
:) non avevo intenzione di curarmi solo attraverso il blog, mi curo con metodi naturali, attualmente stò seguendo una terapia omeopatica.
Il problema è che non c'è modo di risolvere le alterazioni di funzionamento se l'adenoma non regradisce, in pratica deve sparire.
Mi è capitato di leggere che nel 30 per cento dei casi possono riassorbirsi spontaneamente, cosa che ovviamente la 'medicina ufficiale non si spiega'.
Pensavo che il blog quindi potesse rivelarsi utile per rafforzare la possibilità di espressione con intento psicosomatico, chiaramente solamente come 'aggiunta' chiaro.
Capisco che vuoi dirmi, ma no, non sono una che si tiene dentro le cose, il mio mercurio è in trigono a marte, le rabbie le butto fuori, anzi piuttosto devo stare attenta a non esagerare.
Ho molta pazienza sui tempi altrui visto il marte Toro, ma proprio per questo quando 'sbarello' poi divento feroce.
Mi accusano alcuni anche di 'voler avere sempre ragione' che pare sia un aspetto piuttosto tipico di dinamiche marte mercurio.
Il fatto è che con un mercurio intuitivo anche unito a plutone .....spesso HO davvero ragione, e quando le cose sono chiare anche agli altri ma solo e sempre 'dopo' non posso che arrabbiarmi di più in certi casi.
No, quindi, direi che comunico verbalmente, per di più non ho difficoltà di socializzazione anche in simpatia con completi sconosciuti, non sono quel che si definisce una 'timida'.

X Deva:
Si, ho capito che dici, ci ho pensato si,il disagio fisico a volte 'esenta', diventa una 'comodità collaterale' ma non ne vedo presupposti profondi nel tipo di vita che conduco, per di più non ho renitenze a dire 'no' se non voglio far qualcosa.
Certo a volte per ragioni almeno di 'educazione' bisogna un pò abbozzare, relazionarsi diplomaticamente...che forse non è decisamente il mio forte :)
Io comunque non ero attiva per 'doveri' improrogabili, ero attiva perchè mi piaceva esserlo.
Guarda, l'endocrinologo mi aveva fatto un interessante elenco di 10 cose presenti con una strana frequenza nella vita delle donne colpite alla tiroide, nel mio caso forse la più calzante è che per le ragioni più varie non ho più modo di 'divertirmi' come facevo in precedenza.
Purtroppo non ricordo l'elenco totale..... una era anche la presenza di familiari 'anziani e malati'.
Ovviamente ci sono ragioni anche ambientali per il diffondersi di tale alterazione: sono fortemente sospettati , radiazioni nucleari, inceneritori (dicesi termovalorizzatori), fumi di camini a legna, materiali scadenti di padelle antiaderenti,elettromagnetismo intenso, scarsità di iodio etc.
Potete fare ricerche in rete se volete approfondire.

ora vi saluto, devo chiudere, poi torno
ciao
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito lunedì 22 aprile 2013
@ALIX

Aggiungo che avendo tu l'opposizione luna in X venere in IV, ci sta una difficoltà a conciliare l'ambizione di essere una donna attiva che si realizza fuori le mura domestiche, come hai fatto in passato, che si contrappone al piacere morbido e pigro, del focolare domestico. In questo conflitto se non affrontato ed elaborato ci possono stare le considerazioni che ho fatto prima.

ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di deva
inserito lunedì 22 aprile 2013
ciao Alix

mi è venuta in mente una cosa. Nell'analisi psicosomatica dicono di fare attenzione a ciò che la malattia determina. Nel tuo caso è la stanchezza che ti impedisce, immagino, di fare delle cose, di essere più attiva.
Credo che dovresti concentrarti su questo e in particolare sul fatto che la malattia ti dà una "giustificazione" al fatto che non sei più attiva come vorresti.
E' come a dire...non faccio più ciò che vorrei a causa della malattia, non per "causa" mia...

Spero che tu capisca cosa voglio intendere...è come se la malattia ti sollevasse dall'assumerti la responsabilità di non avere la vita che vorresti.

Non so....pensaci....

ciao

lara
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Delia
inserito lunedì 22 aprile 2013
Ciao ALix,
e non c è verso di risolvere il problema?
I problemi alla tiroide si pensa siano legati a problemi di comunicazione,e non penso che il blog sia sufficiente come cura! QUello che mi chiedo è se tu comunichi nella vita quotidiana,quando stai male,quando qualcuno ti offende,quando qualcosa non va giù e ti rimane il groppo in gola etc.
Proprio nel sito leggevo un articolo interessante sulla tiroide e sul ipo e ipertiroidea! Ma capisco che il tuo caso è assai differente.
Accenni alle dinamiche familiari... ed è argomento attuale per me in quest ultimo periodo. Parlandone attentamente con un mio amico siamo arrivati alla conclusione che siamo qua proprio per sciogliere i nodi delle dinamiche familiari,che tra l altro ci portiamo appresso da sempre!! Nel tuo caso però,si parla di predisposizione genetica,anche se a dire la verità io sono molto fiduciosa nell'uomo che penso fosse veramente centrato risolverebbe la maggior parte dei suoi problemi (anche fisici) .
E penso anche che al di la di tutto se ti fa star bene il Blog,e se ti piace partecipare alle conversazioni,perchè no?
Io all'astrologia mi sono avvicinata da poco,e non sono una grande esperta...la prima cosa che ho capito è che la carta natale non è facilissima da interpretare,ci sono tante tante cose da sapere. Ieri per caso,sono inciampata in "cose" nuove... in un sito si parlava di Stellium,di dito di Dio ed altre figure che possono presentarsi all interno di un tema,tu sai dirmi qualcosa a riguardo?
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Mari
inserito lunedì 22 aprile 2013
Ciao tutti vi seguo da tanto tempo ma è la prima volta che scrivo...
Io ho mercurio in toro congiunto a sole Saturno e luna trigono a plutone in vergine e opposto a Nettuno in scorpione ,ho sempre intuito al di là delle apparenze le vere intenzioni delle persone,madre e fratelli complicati ,infanzia permeata dal non detto e come hai detto tu Alix a proposito di tua madre mi ritrovo ogni tanto a rimuginare e borbottare tra me e me ...
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di flo
inserito lunedì 22 aprile 2013
ciao a tutti! ciao ALIX,sono daccordo con te sul discorso che mi hai rivolto.. la libera informazione è stata una delle lotte sotterranee che conivolsero molte persone già dal passato...purtroppo chi ha preso il potere e si è delegato come tutore delle masse, spesso non ha voluto rendere note le molte scoperte e informazioni che sapevano avrebbero potuto creare persone "pensanti"!!!...per fortuna appunto cè stato chi ha lottato per divulgare la cultura. oggi abbiamo fra gli altri, il mezzo del web...ma il libero arbitrio rimane tale, di conseguenza il poter accedere a informazioni non fa una persona informata!
Comprendo bene la tua lotta e ti faccio tanti auguri di serenità!
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito lunedì 22 aprile 2013
Care ragazze penso che l'argomento mercuriano mi dia modo di raccontare perchè sono quì da credo due anni e mezzo.
La ragione e scopo era di dare come 'VOCE' all'espressione di se.
Parto dall'inizio: su questo sito ero già approdata nel 2006 ma circostanze vitali di particolare cambiamento e impegno , mi avevano tenuta lontana dall'astrologia per 4 anni, assoluta mancanza di tempo da dedicare a questa materia.
Mi è tornato in mente questo blog in concomitanza di una diagnosi di adenoma alla tiroide sul finire del 2010.
L'adenoma non è un cancro conclamato, significa che il tessuto è ancora vivo da quel che ho appreso, perciò non mi sono fatta spaventare, anche se è evidente che non è stata una gran bella notizia.
Ho voluto reagire in maniera costruttiva e positivista, fiduciosa nelle mie personali risorse.
In genere preferisco rivolgermi alle cure naturali che tuttuavia in questo caso parevano non sufficientemente efficaci, sò che tendo a manifestare reazioni anomale al farmaco tradizionale come di fatto poi ,in maniera immancabile, è stato dopo una manciata di mesi tant'è che mi è stato immediatamente sospeso.
Tendo a non fidarmi per niente dei farmaci dato che mi terrorizzano i 'bugiardini' con quell'elenco sterminato di possibili effetti collaterali che ti obbbligherebbero poi ad assumerne altri per rimediare agli effetti del primo, una spirale da cui ,secondo me, poi non si torna più indietro.
Una condanna per il mio modo di vedere 'libero'.
La mia psiche mercuroplutoniana in questo senso agisce producendo reazioni del tutto inattese ai componenti evidentemente.
Per la stessa ragione ho rifiutato l'idea dell'intervento che mi è stato proposto come soluzione alternativa, cosa che sempre a mio vedere non ha niente di veramente alternativo, anzi lo vedo come 'peggio ancora'.
Così mi ero data nel contempo a ricercare 'altri metodi e generi' di cura sempre naturali non escludendo la comprensione 'psicosomatica' del disturbo manifesto.
5° Chakra, gola, dunque espressione di se, comunicazione, così dice, non solo verbale si intende ma globale, avevo pensato che la 'scrittura' in cui poter manifestare idee e pensieri potesse essere una buona terapia ( accessoria si intende).
Il dato curioso che potrà interessare quella ragazza con cui parlavo di schemi familiari ripetitivi : mia madre era stata operata (lei si di cancro effettivo alla tiroide) dopo una diagnosi fattale più o meno alla stessa età in cui è stata fatta a me )
Corsi e ricorsi dello storico genetico :(.....eredità di cui si farebbe volentieri a meno.
In due anni e mezzo con le cure naturali la situazione è rimasta sempre stabile, non stò meglio ma neanche peggio..... però non si risolve mannaggia!!!
Il problema più grande è una quasi invincibile 'stanchezza organica' che mi impedisce di essere 'attiva e in movimento' come lo ero prima, anche per questa ragione stare sul blog è stato anche una specie di scelta utile a occupare il tempo con qualcosa di sicuramente coinvolgente e interessante senza dovermi affaticare fisicamente.
Certi giorni e ad andamenti bizzarri stò improvvisamente benissimo il chè mi fà sempre contare su una potenziale risoluzione definitiva.
E' che comincio a dubitare che esprimermi in questo modo come era nelle intenzioni, sia qualcosa di veramente utile alla mia espressione più autentica, per questo forse non ha funzionato come aiuto guaritore coadiuvante.
Perciò insomma, stò cominciando a perdere un pò la convinzione di poterla aver vinta su stà cosa, di riprendermi la mia 'integrità fisica' compromessa da questo piccolo e sgraditissimo intruso.

Se vi eravate chieste perchè avevo e ho sempre così tanto da raccontare e da dire il motivo era ed è tra gli altri anche questo...... :)


un saluto a tutti
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Chihiro
inserito lunedì 22 aprile 2013
Cara Alix,

Il tema dei gemelli -eterozigote in questo caso- é davvero affascinante.
La mia e gemella e io purtroppo non ci parliamo più.C'è la solita, sporca questione di interessi di mezzo, quella che divide maggiormente gli estranei e che dà il colpo di grazia a rapporti familiari tesi.Lei è rimasta nella casa paterna, io son andata via coerentemente all'opposzione Luna cap Giove canc IX-III . Sta sorella, sto mercurio ha bruciato lei il mio progetto di vita...il mio sole forse.
Triste.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito domenica 21 aprile 2013
X Delia:
Nel mio caso mercurio nettuno, fantasia artistica partecipa del mio tipo di esperienze assolutamente e di diverse altre incidenze nel tema sempre in tali sensi.
Hai provato a valutare l'incidenza sulla vocalità eventualmente?
In questo caso è una dote che io non ho, ma mercurio nettuno mi è capitato di notarlo ad esempio in persone che hanno una gran bella voce, ma la configurazione era in 2a quindi cosignificante toro.....il chè...
Conosco una persona che svolge un lavoro comune, non certo creativo, ma ha una collezione di 'orecchini' incredibile per fogge e colori, ne ha a centinaia una cosa da non credere , ne mette un paio diverso ogni giorno, la sua fantasia mercuro-nettuniana credo la esprima con questo vezzo, direi gemellare :)
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito domenica 21 aprile 2013
Ancora per Delia:

Mi ero dimenticata di aggiungerti che per quanto penso io, la psicologia può dire quello che vuole ma non tutto è proiezione.
Mi pare un pò una 'fissa' della psicologia pensare che se intravedi qualcosa in qualcuno questo debba appartenere invariabilmente a te.
Se pensassero così certe persone a cui capita di avere a che fare con elementi e ambienti che possono anche diventare pericolosi finirebbero per aver vita molto breve dato che non si muoverebbero nel modo giusto.
Piuttosto certi aspetti ( intendo di tutti i tipi planetari) ti consentono di cogliere cose che altri , privi di questi aspetti, non possono cogliere.
Io ho una venere nettuniana che mi consente di cogliere particolarmente l'emozione della 'bellezza' o dell'arte, qualcosa che altri forse potrebbero non avvertire così intensamente.
Che poi ci siano persone che ti sorridono davanti e dietro ti fanno la pelle se possono (quindi non dichiarano ciò che veramente 'pensano' e non è certo 'proiezione' ma aspetti di vita) è purtroppo una diffusa realtà che incontrano in tanti.
In ogni modo dici bene che questo aspetto mercuroplutoniano 'funziona' già da molto piccoli.
Noti cose che altri bambini non notano forse, dinamiche familiari di cui afferri qualcosa di falsificato,ricordi addirittura tante frasi di comunicazioni tra gli adulti.
Mia madre ogni tanto si è stupita nel corso della vita che io ricordassi certe cose e fatti di loro adulti riguardanti periodi della mia infanzia, mi diceva sempre: " Come fai a saperlo??? eri troppo piccola".....non sò se abbia sempre pensato che i bambini fossero un pò come come gattini sordi e ciechi incapaci di afferrare le cose......boh.
Peraltro anche lei con un trigono mercurio plutone ( tra scorpione 2a e cancro 10a) sfociato in un certo periodo della sua vita in una costante 'ruminazione di discorsi'e nel borbottio a mezza voce tra se e se.



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Delia
inserito domenica 21 aprile 2013
Anche io oltre la congiunzione con pluto ,ho un sestile con nettuno e un sestile all'ascendente capricorno.
Nettuno, essendo il pianeta dei pesci,signore della 12esima casa,legato a Mercurio lo interpreto come un intelligenza artistica,molto fantasiosa... Ma non so tu, ma in me.... è un interpretazione sbagliata
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito domenica 21 aprile 2013
Cara Delia,
la psichiatria o comunque la psicologia in genere credo potrebbe essere una validissima espressione per una dinamica mercurio plutone in effetti.

Certo che non tutti si trovano ad essere così orientati negli studi e dunque i pianeti non funzionano solo in tali settori, questi aspetti sono molto legati anche al mondo musicale in quanto plutone credo sia connesso a qualche tipo di 'risonanza' che quindi viene 'amplificata' o 'insonorizzata'.
E' spesso presente in chi per professione vive il 'mondo della notte' e dunque sviluppa una naturale capacità di dover 'capire' chi ha davanti prima che si trasformi eventualmente in una possibile minaccia.
E' di fatto una propensione a saper cogliere messaggi 'impercettibili'.
E' questa dinamica mercuroplutoniana anche che dà la facoltà di 'sentire e percepire' a distanza con quello che viene definito il 'sesto senso'.
Purtroppo questa è una caratteristica che viene spesso 'costretta' a non esprimersi, non si viene spinti da piccoli a coltivarla in genere, un tempo poi suppongo che fosse quasi vista come un fattore demoniaco, quindi non viene addestrata in quanto fà ancora parte di un mondo sconosciuto vagamente oscuro.
Inoltre è chiaro che le persone negano e mentono sui pensieri visto che li possono tenere nascosti, nel senso che se anche tu intravedi una cosa diversa rispetto a ciò che stanno dicendo, e hai piena ragione, l'impressione che tu hai non può essere verificata ne ti viene confermata.
Ad ogni modo credo che tenda a farti cogliere la 'falsità' di certe persone ad avvertire se un complimento o una motivazione dichiarata non sono sincere e ad evitare tali persone come la peste.
Il risultato di non sapere esattamente come coltivare il sesto senso ovviamente crea nel tempo il rischio che la qualità possa andare perduta o ottundersi, perchè non ti fidi più delle tue stesse percezioni, oppure finisce che non si riescono più a distinguere quali delle percezioni varie possono avere fondamento e quali rischiano di essere solo paranoie.
Mi spingo in là, credo che questi aspetti, potrebbero definire un soggetto propenso alla capacità 'telepatica' se verrà un tempo futuro in cui questa caratteristica 'potenziale' potrà trovare modo di essere adeguatamente curata.

Sai in chi penso sia presente?.... ma non ho verifiche, anche nei cossiddetti 'uditori di voci'.
Pare esista una categoria di persone ,senza diagnosi di schizofrenia o malattie mentali, quindi assolutamente 'normali' che convivono tranquillamente con le loro voci , voci udibili intendono.

Continuo:
Mercurio Plutone credo faccia sentire un particolare interesse per il 'lato oscuro' della psiche umana, questo a volte si traduce in certe persone semplicemente in passioni per film horror, gialli intricati o film sulle dinamiche folli della 'mente' allucinata che si perde nei suoi labirinti senza più distinguere il falso dal vero.

Riallacciandomi a discorso musica mercuroplutoniana, il mio grande amore dei 18 anni è stato un D.J. di discoteca, quindi un operatore della notte, e tutti gli amori importanti della mia vita a ben pensarci svolgevano professioni a carattere prevalentemente notturno.
Ovviamente non credo sia solo un caso la frequenza, probabilmente ha inciso tanto il tipo di mentalità, il fatto che spesso sono professioni inevitabilmente legate al divertimento o alla musica infatti.
Il che presuppone anche una mia adattabilità a convivere bene con chi ha questi ritmi notte/giorno sovvertiti nonchè ad avvertire in qualche modo il fascino più della notte che del giorno, dunque in qualche modo tutto riporta comunque al concetto di curiosità mercuriale per l' oscurità plutoniana.


:)


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 20 aprile 2013
Oggi piove, c'è persino freddo.....dunque scrivo ancora su mercurio.
Il mio, oltrechè la congiunzione con Pluto, mi fà un sestile a venere e nettuno,un trigono marte, quinconce ascendente, trigono mediocielo.
Forse sarà la mancanza di contatti con saturno ma credo mi abbia dato la propensione a preferire, e di molto, la compagnia di persone più giovani, piuttosto che più vecchi, chiaramente rispetto alle varie età mie.
Anche nell'amore non ero certo alla ricerca della cossiddetta figura paterna, tanto che alla fine mi sono persino sposata con un uomo più giovane, di 9 anni circa, non un'abisso, ma comunque a testimonianza della tendenza c'è anche questo fatto.
Anche tanti amici sono spesso stati più giovani o coetanei al massimo.
Raramente ho stabilito frequentazioni con persone che vedevo come 'troppo vecchie' delle quali molto difficilmente condivido gli orientamenti.
A volte certo è anche una questione di atteggiamento mentale, non è sempre una questione anagrafica ovviamente, si incontrano anche giovani che ragionano da vecchi e che paiono già vecchi ed altri già ultracinquantenni e sessantenni, non più classificabili come giovani, che sono rivoluzionari e innovativi più di certe tipologie di autentici giovani.
Per ultimo questa tendenza si estende al fatto che preferirei non invecchiare, nel senso che non ci tengo affatto ad arrivare o superare certe soglie vitali.
Vivere a lungo sarebbe interessante solo se uno potesse 'fermarsi' ai 50 anni e stop e ne ho già 5 in più :) già troppi per i mie gusti.....

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Delia
inserito sabato 20 aprile 2013
Ehi Alix,
di tutto il tema natale questa posizione è quella che mi incuriosisce di più. Ne sento tante su mercurio/plutone in scorpione. Il mercurio in segni di terra,secondo me è tra le posizioni migliori specialmente nel segno della vergine,diciamo che ti da una bella "testa", e si vede da come esponi :) Un mercurio in scorpione forse e più silenzioso e molto profondo, tanté che viene affiancato a materie come le scienze occulte o la psicologia,proprio perchè ha questa caratteristica: scavare,andare in profondità. Plutone poi governa lo scorpione e il mercurio se non erro è in esaltazione,insomma una accoppiata. C è chi dice,trovandosi in casa X, che plutone rappresenti il POtere di mio Padre o mia madre...adesso non ricordo bene...perchè l asse X/IV indica il rapporto genitoriale. E chi sostiene che essendo nella "casa del successo" finirò per fare la psichiatra. Poi pare che plutone sia un pianeta dormiente,che quando si sveglia si faccia sentire O.O .

Come dici tu è vero che assorbiamo,io penso di percepire più di quello che do a vedere. Sto in silenzio,ma noto tutto,a volte ho anche l impressione di sentire gli stati d animo degli altri ma sono cose che spesso mi tengo per me, quindi non so effettivamente se è una mia proiezione o se quello che sento è realtà.
Sicuramente non ho una mente superficiale, e su questo non ho dubbi.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 20 aprile 2013
X Chikiro:

Ciao, benritrovata :)
Interessante....hai una gemella, fantastico....astrologicamente analizzare i temi dei gemelli secondo me sarebbe basilare per comprendere meglio i meccanismi dei contenuti interni e dell'incidenza dell'ambiente.
Sei avvantaggiata per esaminare questi dati che paiono per me molto trascurati dagli astrologi in genere.
Sai mi è capitato di avere una conoscente molti anni fà che era una gemella monozigota, erano praticamente identiche, solo i parenti e gli amici più stretti ,forse persino a fatica, le distinguevano.
Il dato curioso era che una si era sposata al socio dell'altra, praticamente sempre casa 7a 'unioni', al parto di una era presente la gemella e non il marito.
Entrambe vengono viste come madri intercambiabili dall'unico figlio/nipote.
Esperienze di vita diverse o almeno diverse all'apparenza in certi casi ma caratteri combattivo/autoritari 'identici', solo una sembrava più tranquilla e appagata e l'altra più arrabbiata e frustrata.
Sarà che una era nata in posizione normale di testa, l'altra era 'girata':)
Purtroppo a quel tempo ancora non mi ero addentrata nelle dinamiche astropsico, ero proprio agli inizi dell'interesse tematico per di più ero inizialmente orientata alla previsionalità, perciò mi sono lasciata sfuggire la preziosissima analisi più approfondita di questa coppia.

Che ci puoi dire tu che la vivi in prima persona???
Molto interessanti quei casi che ho letto i gemelli possano 'comunicare' sviluppando linguaggi inventati comprensibili solo a loro.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 20 aprile 2013
X Delia:
anche io sono portatrice della congiunzione mercurio/plutone ( la mia in vergine e 6a).
Posso dirti che secondo me la dinamica mercurio plutone porta ad essere delle 'spugne assolute' dell' ambiente circostante purtroppo ( il chè significa che assorbi oltre alla positività di cose e persone anche tanto di quella che si definisce 'negatività', tossine psichiche insomma), ma da anche la capacità di 'sentire' anche le cose nascoste, percepirle al di là di quello che uno dichiara a parole, mercurio plutone 'vede' o meglio 'afferra' al di là della maschera che uno indossa......'percepisce' a distanza, capta.
Secondo me è una congiunzione da 'investigatori', potrebbe essere utilissima a chi fà una professione tipo il 'criminal profiler' che và a 'stanare' chi tenta di nascondersi dietro a qualcosa.
Nella normalità credo tenda a dare però anche una certa tendenza a percepire il lato negativo di cose e persone, di inclinare al pessimismo o a forme di depressione 'endogena'.
Ci tengo a dire a questo proposito che recenti scoperte 'biologiche' sembrano confermare che i portati alla depressione abbiano un 'allele corto' ( un componente del dna) piuttosto che 'lungo', cioè siano di fatto 'predisposti' a tale problematica.
Quindi in situazioni molto 'stressanti permanenti' tendono a non saper rispondere positivamente alle continue sollecitazioni.
Non a caso mi pare di aver letto che Lidia ritiene che in certi soggetti questa dinamica mercurio/plutone sia responsabile di 'ingorghi' di 'mentalità' che bisogna imparare a 'ripulire'.
Forse potrebbe suggerire una mentalità un tantino 'contorta', non solo in negativo ma anche nel positivo suppongo.
Dagli psicologi in genere, quindi gente che ne sà abbastanza in merito, vengono ritenuti soggetti molto 'complessi' da analizzare.
Giusto per far capire......

ciao :)



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di ALIX
inserito sabato 20 aprile 2013
Ciao ragazze,
vorrei dire a Flo e Ibiscus che a mio parere le idee sembrano come imposte, un pò da saputelli, quando si tende a spacciarle per verità assolute o come se venissero da un'alta autorità indiscutibile ( come hanno sempre fatto nei secoli le religioni del resto, sfruttando la 'non conoscenza' dei popoli).
Ma parecchia umanità a quanto pare ha ancora bisogno del 'capobranco' da seguire ad occhi chiusi.
Ci sono persone anche su blog e forum di astrologia che paiono voler fare 'raccolta' di seguito personale, mettendosi a fare i maestrini di altri quasi volessero 'convertirli' senza aprirsi al confronto necessario e alla contestazione delle loro posizioni.

Così come è anche vero Flo che esistono persone a volte davvero poco capite che hanno una naturale anticipatissima lungimiranza o capacità di comprensione di dinamiche più ampie che non sempre vengono 'afferrate subito' da chi è privo o scarsamente dotato di tali lunghezze di visione ampie e a lunga gettata.

Mercurio peraltro rappresenta proprio l'informazione, più una persona è informata e si informa attraverso 'tutti' i mezzi possibili ( cosa che pare assai meno diffusa di quello che si direbbe..... in era web e con tutti i libri e riviste in libera vendita a disposizione) più è poi in grado di 'scegliere' e 'distinguere' i falsi e cattivi maestri dai veri potenziali.

Perchè mette 'paura' a tanti tipi di poteri il web??? proprio per questo motivo, sempre più gente avrebbe accesso alla conoscenza di cose ( come sono dietro le quinte) e sapere, meno è gestibile da chi mira a continuare a vendergli solo parole parole e parole per fare i propri comodi senza 'ostacoli'.
In tutti i campi vogliate immaginare, con il risultato che farebbero sempre più fatica a 'insabbiare' ciò che spesso mirano a non far emergere.
Infatti pare siano già da tempo in atto da più parti delle azioni per tentare di 'regolamentarlo' vedi a dire: 'imbavagliarlo' renderlo 'innocuo e ingabbiarlo'.



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Chihiro
inserito venerdì 19 aprile 2013
Buongiorno,
Mercurio ha forse un gran peso nel mio T.N.
In Ariete, in XI casa a due gradi dal Sole , è trigono a Giove in Cancro e in III e sestile a Urano. Fa compagnia in quella casa a Marte in Pesci.

Avrà a che fare con i terribili rapporti con mia sorella gemella?
Intanto mi si dice che ho un ottimo eloquio e un'intelligenza vivace...cosa alla quale credo poco sempre. E' comunque una bella vernice intellettuale a una mente poco pratica.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Delia
inserito venerdì 19 aprile 2013
Ciao!!!
Il mio Mercurio è in scorpione congiunto a Plutone in X casa. Poi fa un sestile con Nettuno e un sestile all 'ascendente che è in capricorno in 12esima casa . Cosa possiamo dedurre da ciò?
Ringrazio in Anticipo
Delia
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Ibiscus
inserito giovedì 18 aprile 2013
Buongiorno!
Chissà che in questa discussione possa dire qualcosa di più... :)
Il mio Mercurio è tra 0° e 1° Capricorno I casa, congiunto all'ascendente Sagittario;
congiunto a Nettuno 5° e Sole 8° Capricorno; congiunto a Luna 5° e Urano 7° Sagittario;ù
quadrato a Marte 7° Pesci

Mi trovo molto con la descrizione fatta da Flo: curiosa discontinuità, considera solo ciò che gli interessa - e gli interessi sono molti - cerca di capire il come ed il perchè...e viene additato come il maestrino, a volte...
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di Massimo
inserito mercoledì 17 aprile 2013
Mercurio è il messaggero degli dei cioè il postino che porta la comunicazione dell'altra parte. A questo serve Mercurio, ad unire le due parti attraverso la comunicazione. Infatti il postino non bussa una ma sempre due volte.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
a cura di flo
inserito mercoledì 17 aprile 2013
ciao!
-il mio MERCURIO si trova in casa I in leone. a fargli compagnia in casa ci sono il sole e saturno,ma entrambi in vergine. per cui Mercurio si muove con curiosa discontinuità, è eclettico e prende sul serio le idee e le iniziative che gli si presentano,ma soprattutto quelle che gli interessano! si affaccia al mondo con energia; cerca di capire il come e il perchè; l'espressività è caratterizzata da un teatrale pathos nell'esposizione e rafforzata dal gesticolare. mente e corpo vibrano insieme mentre parla o scrive. il modo di adattarsi...bè, non è facile di per sè l'"adattarsi" perchè fondendosi col sole e con l'asc. leone deve primeggiare e farsi tornare a proprio vantaggio ogni cosa! preferisce che sia il mondo attorno ad adattarsi a lui,piuttosto che il contrario!
-Ho cercato di fare una descrizione più obiettiva possibile..ma vorrei aggiungere che se all'apparenza può sembrare un Mercurio egocentrico(cosa che effettivamente è!)resta comunque un mercurio che non è egoista,non vuole tenere il suo sapere per sè,bensì condividerlo con gli altri!..il negativo è che a questo punto lo insignano dell'appellativo di "maestrino" e di impositore di idee!!!...vita dura per gli artisti!!! ;) ciao!
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 

 

 

                           Il Blog di Astrologia in Linea a cura di Lidia Fassio - Pensieri d'autore