ASTROLOGIA IN LINEA
ASTROMAGAZINE - RUBRICHE - Parliamo di amore

SINASTRIA. PLUTONE VI PRESENTO JOE BLACK

a cura di Elena Cartotto
 

“Lo so che ti sembra smielato ma l’amore è passione, ossessione, qualcuno senza cui non vivi. Io ti dico buttati a capofitto! Trovati qualcuno che ami alla follia e che ti ami alla stessa maniera!”. Pezzo ormai cult del celebre film “Vi presento Joe Black”, qui Brad Pitt indossa le vesti di un perfetto Plutone dalle fattezze angeliche. Joe Black infondo, come l’oscuro dio degli inferi, incarna al contempo, la morte e l’amore, la forza primigenia dei due principi cosmici Eros e Thanatos.

Plutone supera la fissazione nettuniana all’ideale, l’abnegazione totale al sentimento assoluto del dio del mare. Plutone è l’ossessione che toglie il respiro, il possesso, anche sessuale, dell’anima del partner, è la manipolazione dei desideri altrui, è l’amore che talvolta distrugge. Plutone non si esalta come Nettuno, non si spinge verso l’alto con le sue mistificazioni; Plutone parte dal basso e lì vuole restare perché ama l’istinto puro. È dal basso, dal mondo sotterraneo, che Plutone comincia la sua opera disgregante e corrosiva con l’intento di far crollare il nostro palazzo di vetro, perché niente è come sembra.

In sinastria Plutone può avere un ruolo assai significativo solo se in relazione con i pianeti personali del partner e in genere compare con un ruolo chiave nelle relazioni che hanno una connotazione ossessiva in cui il bene e il male si confondo. Creatività, potere, carisma, denaro, dominio, istrionismo, sessualità profonda, indagine psichica e persino, in casi molto gravi, dolore e violenza, fanno parte delle maschere plutoniche.

Liz Taylor e Richard Burton, coppia plutonica per eccellenza, presentano, oltre ai valori Scorpione, aspetti plutonici emblematici in sinastria: il Plutone di Burton si pone nella 7^ casa, quella delle unioni, di Liz, e fa trigono al Sole, a Mercurio, alla Luna di lei e quadratura alla sua Venere. Il Plutone di Liz è in trigono al Sole di Burton. I due si amarono di un amore folle, spettacolare, che distrusse i loro precedenti amori familiari, per dare vita ad uno psicodramma pieno di pathos che tenne col fiato sospeso l’intero mondo della celluloide. I due si espansero sia economicamente che nella visibilità sociale, ma tentarono più volte di distruggersi, arrivando a minacciare, nemmeno troppo velatamente, il suicidio.

Claretta Petacci, la storica amante del duce che con lui scelse di morire, compiendo un gesto per alcuni eroico e per altri folle, subì il Plutone di Mussolini nel bene e nel male: quel Plutone era, infatti, trigono alla sua Venere, congiunto al suo Marte e quadrato al Sole.

Nemmeno la coppia creativa-distruttiva Kahlo e Rivera sfuggì alla “maledizione” di Plutone: il Plutone di lei era opposto a Sole e Venere di lui; il Plutone di lui risultava congiunto alla Luna e allo Zenit di lei.

Da manuale per il suo apporto negativo la reciprocità di aspetto tra Callas e Onassis: il Plutone di lui opposto al Mercurio di lei e il Plutone di lei opposto al Mercurio di lui. Una tale ridondanza probabilmente era indicativa di una grossa difficoltà di comunicazione: entrambi tendevano a sopraffarsi o a manipolarsi verbalmente. Ancora più suggestivo, però, risulta Mercurio nel suo significato di “figlio”: quello che la coppia perse subito dopo la nascita, senza averne più altri. 

Plutone in sinastria può apportare il meglio o il peggio. In aspetto positivo a Sole e Marte del partner può essere indice di una coppia tonica, tosta, inossidabile, capace di accettare sfide continue, di rinascere dalle proprie ceneri, di ambire a traguardi economici e sociali di rilievo. In buon aspetto a Mercurio è in genere un ottimo segnale procreativo se la coppia desidera figli: in ogni caso indica dialogo profondo e una capacità di comprensione che riesce a scandagliare la mente dell’altro come un radar. Aspetti positivi con Luna e Venere catturano tutto il vasto ambito delle emozioni e dell’affettività favorendo la passione vera e la creatività: i due si sentono stregati quando sono vicini e potrebbero avere l’impressione di essere “vittime” di un qualche sortilegio talmente avvertono la presenza dell’altro come un richiamo irresistibile da tutti i punti di vista, ma specialmente erotico. Quello plutonico è un “quid” che supera la pura sessualità marziana e vi aggiunge una sorta di capacità di entrare nei desideri e nelle fantasie del partner in maniera non comune.

La congiunzione è molto potente e ed esaspera la sensazione della coppia di essere “vittima” di una qualche malìa che scatena un’attrazione irrefrenabile, quasi “demoniaca”, anche quando i partner stessi si giudicano incompatibili per molti altri versi. Come al solito la congiunzione è ambigua e va letta all’interno del tema per verificarne l’impatto maggiormente positivo o, al contrario, conflittuale.

Gli aspetti negativi sono pericolosi in quanto distruttivi in maniera nascosta. Difficilmente si esce da un rapporto in cui Plutone ha un ruolo chiave come ci si è entrati. Se il pianeta interagisce molto in sinastria già di per sé è indice di una relazione che cambierà profondamente i soggetti interessati o per le dinamiche interne alla coppia o per gli eventi che la coppia affronterà. Tendenzialmente un Plutone negativo a Sole e Marte denota chiare lotte di potere in cui uno dei due, in genere chi dà Plutone, vuole dominare e sottomettere l’altro, oppure ne usa le risorse, intellettuali, morali, ma anche economiche, come niente fosse e senza ricambiare. Stessa dinamica anche con Mercurio che rende ancora più pericolosa la gestione degli affari comuni e che può scatenare litigi tutt’altro che banali oltre che penalizzare l’ambito della procreazione. Plutone Vs. Luna o Venere è forse il più subdolo degli aspetti perché fa scontrare la violenza manipolatoria del primo con la fragilità emotiva e l’affettività genuina dei due pianeti femminili. Risultati tipici di questo incastro negativo sono quei rapporti, ad esempio, in cui uno dei due subisce continui tradimenti e nonostante questo rimane incapace di sottrarsi, proprio perchè avverte la forza plutonica, alle costanti umiliazioni. Uomini che hanno spinto le proprie donne ad accettare richieste estreme da un punto di vista sessuale, probabilmente ponevano il loro Plutone in aspetto negativo a Luna o Venere delle partner. Talvolta aspetti simili, naturalmente in contesti molto gravi, possono accompagnare i cosiddetti delitti passionali.

Molto potente per rafforzare unioni e passione amorosa la posizione di Plutone di un partner nelle case 5^ e 7^ dell’altro.  In 8^ esalta la sessualità e la trasgressione della coppia ed è importante vedere quali aspetti riceve. Il Plutone di uno nella 1^ casa dell’altro, invece, rischia di essere troppo accentratore portando squilibrio e ansia di dominio da parte di chi dà Plutone. Se, però, sussiste una certa differenza di età o i ruoli sono già definiti, un bel Plutone in1^ può indicare che il partner agisce come un’autorità e spiana la strada, attraverso il potere che ha, al proprio compagno/a.





Copyright (c) 2003 Astromagazine - la rivista di Astrologia in Linea - Tutti i diritti riservati